San Giacomo di Entracque, due facili gite

San Giacomo di  Entracque

Il nome d’Alpi, qual anche ritengono ai  giorni  nostri, nominate Marittime per essere state poste dalla natura in vicinanza de’ mari  Gallico e Ligustico.

Così, da due millenni,  la parte a meridione di quei monti, che con successione di  giochi altissimi si  tendono in forma di  linea circonvessa curvandosi verso  le Gallie con loro  sinistro lato, ed all’Italia mostrando il destro, vengono  chiamate Alpi  Marittime

Pietro  Gioffredo  – Storia delle Alpi  Marittime (1650)

San Giacomo  di  Entracque ed è subito  Alpi  Marittime

San Giacomo  di  Entracque
Un rappresentante della fauna del Parco

Essendo io una semplice blogger non penserei  mai di  descrivere le Alpi Marittime come lo  ha fatto Pietro  Gioffredo qualche secolo  fa nella sua opera Storia delle Alpi Marittime, un tomo  di  4.500 pagine che potete, volendo, acquistare su  Amazon alla modica cifra di 399, 99 euro (…..,99?).

Quello  che vado  a proporvi sono due facile gite che, partendo  da San Giacomo, vi introdurranno nella bellezza naturale che il Parco  Naturale delle Alpi  Marittime offre all’escursionista.

Purtroppo l’alluvione dell’ottobre scorso ha portato  via buona parte della strada in prossimità di San Giacomo e, nonostante l’intervento immediato delle autorità per ristabilire i collegamenti, il fondo  stradale in alcuni  punti è accidentato mentre il limite di  carreggiata è molto ridotto tale che, in caso di incrocio  con altri  mezzi, bisogna operarsi per il passaggio  di  entrambi (cosa molto difficoltosa se avete la sventura di incrociare un camper delle dimensioni  di un carro  armato).

A tale proposito vi  consiglio  di  consultare la mappa seguente (la stessa potete trovarla nel  sito del  Parco).

Avvertenza: nella zona di  San Giacomo di Entracque non esiste la possibilità di avere una  connessione telefonica e internet. Per averla bisogna scendere verso il lago  della Piastra, praticamente a Entracque (qualche giorno  senza i social non è un grosso  problema….).

E per un soggiorno o semplicemente per un pernottamento? Guarda il box seguente… 

Campeggio Sotto il Faggio

San Giacomo  di  Entracque

Siamo fortunati a vivere in questo posto, facendo un lavoro semplice che ci piace molto, e poter stare in mezzo a persone che qui sono in vacanza, in mezzo alla natura, quindi rilassati, amichevoli, calorosi. Qui si fa campeggio selvaggio un po’ per tutti , adulti e bambini; non ci sono intrattenimenti artificiali, si gioca con gli elementi…terra e pietre, acqua, fuoco e l’aria è molto buona. Scegliete il vostro posto per accamparvi, accendete il vostro fuoco, prendete quel che vi serve e date quel che potete, nel rispetto di poche regole scritte e più seguendo spontaneità e rispetto, verso le altre persone e verso la natura che vi circonda. Qui è molto facile comunicare …

Nella mia lunga esperienza di  campeggiatrice, sia in Italia che all’estero, ho avuto modo di  soggiornare presso diverse strutture: molte gradevoli e ospitali, altre meno e poche (per fortuna) da evitare in seguito.

il Campeggio  Sotto il Faggio rientra a pieno  diritto nella prima categoria, cioè quella che contraddistingue una gestione ottimale per gli ospiti ma, in questo  caso, c’è un di più descritto nelle parole di  Agnese e Luca (i gestori, per l’appunto) dove campeggio  selvaggio è inteso  come piena libertà, ma sempre nel  reciproco rispetto.

Agnese e Luca (e ovviamente tutto  lo  staff) si prodigano nel  rendersi  sempre disponibili verso  gli ospiti in un clima amichevole e familiare.

Ovviamente a tutto  questo  si  aggiunge l’estrema pulizia delle parti  comuni  e la possibilità di  cenare presso il campeggio  stesso (non lasciatevi  sfuggire il Giropizza infrasettimanale).

loc. San Giacomo Entracque 1, Entracque 12010 (CN) (Italia)
Telefono: +39 0171.1935515 + 39 349.7305438
Email: [email protected]

Il primo itinerario: da San Giacomo  verso il rifugio Ellena – Soria

San Giacomo  di  Entracque
Distanza Km 12,500 circa (andata e ritorno)

Usciti  dal campeggio attraversiamo il torrente per passare accanto alla Baita Monte Gelas (bar – ristorante aperto  solo in estate….credo) e la Foresteria del  Parco, seguendo la strada sterrata in salita che presto  condurrà in un ombroso  bosco  di  faggi.

Presto  entreremo nel vallone del Gesso  della Barra (da qui in poi il percorso è privo  di una qualunque copertura arborea: occhiali da sole e cappellino  sono i benvenuti).

San Giacomo  di  Entracque

Proseguendo lungo il comodo  sterrato arriviamo nella zona chiamata Gias della Siula dove un cartello informa su  quello  che accadde nel  settembre del 1943 (vedi box)

8 settembre - 13 settembre 1943

San Giacomo  di  Entracque

Settantotto anni fa da questo sentiero scesero circa 800 ebrei al seguito della IV Armata dell’Esercito italiano. Provenivano da diverse località dell’Europa per fuggire dalla persecuzione antisemita del regime nazi – fascista: erano polacchi, tedeschi, ungheresi, austriaci, slovacchi, rumeni, russi, greci, turchi, croati, belgi, francesi.

Il loro ultimo rifugio era stato la zona di occupazione italiana in Francia: l’esercito italiano non aveva mai consegnato gli ebrei delle zone di sua competenza ai tedeschi.

L’armistizio dell’8 settembre tra Italia e Alleati aveva colto la maggior parte di quei profughi in domicilio coatto a St Martin-Vésubie.

Purtroppo per buona parte di loro, una volta giunti a Cuneo occupata dai nazisti, la salvezza si trasformò nella tragedia dei campi di sterminio.

Da adesso il percorso diventa più impegnativo: con lunghi  tornanti si incomincia a salire ma anche intravedere la nostra meta e  cioè il rifugio Ellena – Soria a quota 1840 metri.

San Giacomo  di  Entracque
Il rifugio Ellena -Soria (1.840 mslm)

Spunteremo  quindi in un piccolo pianoro dove una passerella ci  condurrà a una breve salita per arrivare infine al  rifugio.

San Giacomo  di  Entracque

Rifugio Ellena - Soria

San Giacomo  di  Entracque

La costruzione del rifugio risale al 1961 e inizialmente dedicata alla memoria di Edoardo Soria (Dado) alpinista cuneese famoso per aver aperto numerose vie nelle Alpi Marittime. Dopo la ristrutturazione del rifugio nel 1979, al nome di Soria venne aggiunto quello di Gianni Ellena, suo compagno di scalata e parimenti famoso nell’ambiente alpinistico di Cuneo.

La costruzione è posta sul versante idrografico destro del vallone che sale verso il colle della Finestra. A sud dell’edificio, su di una roccia, sono presenti delle incisioni rupestri riconducibili a quelle più famose della Valle delle Meraviglie e del Monte Bego.

San Giacomo  di  Entracque

Il secondo  itinerario: da San Giacomo al lago  del  Vej del Bouc

L’origine del nome dato al  lago  è fatto  risalire a una leggenda che parla di un anziano pastore il quale  viveva appartato dal  resto  del mondo in compagnia di un caprone. Morto l’animale, suo unico  amico, il pastore lo  seguì nella sorte pochi  giorni  dopo: il torrente Gesso impietosito da questa lunga amicizia ricoprì i due corpi  con le sue acque, generando il lago del  Vej del  Bouc

San Giacomo  di  Entracque
Lunghezza del percorso Km 15,600 circa (andata e ritorno)

Questa volta, uscendo  dal  campeggio  Sotto il Faggio, ci  dirigeremo dalla parte opposta rispetto  all’itinerario precedente salendo per un’ombrosa strada asfaltata che presto ci  porterà alle ex palazzine reali (oggi  colonie dei  salesiani) a quota 1.250 metri.

San Giacomo  di  Entracque

Dopodiché una carrareccia ci inoltra nel  Vallone del Moncolomb dove, arrivati  al  Gias del Rasur (1.412 m.) spuntiamo  sul Pian del Rasur grande pianoro pascolativo  (alcuni  cartelli  avvertono  della presenza dei  cani  da guardiania e quindi di prestare attenzione).

Eccomi qui!

La carrareccia corre per un tratto  affianco  al torrente prendendo  quota fino  al Gias sottano del  Vej  del  Bouc (1.430 m.), qui  si  diramano  due mulattiere: tralasciamo  quella alla nostra destra che porta al  rifugio  Pagarì e al  bivacco Moncalieri, per seguire quella di  sinistra (comunque vi  sono  dei  cartelli indicatori): lunghi  tornanti, dopo  aver superato un rio, ci porterà a quota 2.054 dove è posta la nostra meta.

San Giacomo  di  Entracque
Lago del Vej del Bouc (2.054 mslm)

Anche qui, su  di una sponda del  lago, sono state ritrovate delle incisioni  rupestri (che immancabilmente sono  sfuggite all’autrice del  blog…)

Se mi avete seguito fin qui, perché non leggere gli altri miei articoli?

Val Ponci: un’escursione nella storia

Bardi, un castello  e il suo  fantasma

Beigua, tra natura e archeologia

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

 

Liguria a piedi: l’entroterra di Arenzano

Liguria

Camminare nel  contesto  della realtà contemporanea, parrebbe esprimere una forma di  nostalgia, oppure di  resistenza.

I camminatori sono persone singolari, che accettano per qualche ora o per qualche giorno di uscire dall’automobile per avventurarsi fisicamente nella nudità del mondo…

Tratto  da Il mondo  a piedi. Elogio  della marcia di David Le Breton

La Liguria è una regione montuosa….

Ebbene si: a dispetto  dell’esile fascia costiera, meta prediletta del  turismo estivo, la regione che mi ha visto  nascere un tot di  anni fa, ma neanche tanti  è prevalentemente un territorio montano  e collinare (come mostra l’immagine precedente ideata da Gatto  Filippo…prima o poi  dovrò pagarlo…ovviamente in croccantini).

Ed è dunque facile intuire come in pochi  chilometri in linea d’aria si  abbia la possibilità di  passare da un ambiente marino  a quello montano con peculiarità  da wilderness, proprio  come il percorso che vado  a proporvi nell’entroterra della cittadina costiera di  Arenzano.

L’itinerario escursionistico

Liguria
Lunghezza dell’intero anello Km 10,800 circa

Da Arenzano (in frazione Terralba) in auto percorriamo via Pecorara (molto  stretta)  che conduce verso  l’area picnic in località Curlo, parcheggiando qualche centinaio  di  metri più in basso  presso il ristorante Agueta du Sciria (nei  giorni  festivi è facile che il parcheggio  sia al  completo, quindi  bisognerà spostarsi  verso il Curlo).

Da qui, sulla sinistra, una sterrata ci  condurrà fino  al Passo Gua (localmente chiamata Pietra quadrata per la presenza di un masso…a forma quadrata), tralasciamo le indicazioni verso il Lago  della Tina (assolutamente da non trascurare come prossima meta) continuando  sulla sterrata.

Caratteristiche naturali (cenni)
Il percorso è situato nell’Alta Valle Leone una volta compresa nell’ambito territoriale della Comunità Montana Argentea e oggi in quella più ampia del Parco Naturale Regionale del Beigua.

L’ambiente si presenta aspro e selvaggio, dominato dalla presenza di erica arborea e da bosco misto formato da orniello, roverella,, leccio, prugnolo e, nelle zone più umide, da ontano bianco e ontano nero. Inoltre, nella parte terminale del percorso, è forte la presenza del pino nero austriaco risultato di un rimboschimento voluto dal Corpo forestale dello Stato negli anni ’30.

Tra la fauna è da segnalare la presenza del biacco (serpente assolutamente non velenoso) e della vipera (serpente velenoso ma molto meno di un cobra….).

Dal punto di vista puramente geologico l’ambiente è caratterizzato da rocce di origine metamorfica (serpentinite) formatesi 150 milioni di anni fa a partire da magmi provenienti dal mantello terrestre sul fondo di un mare esistente in quel periodo nella zona.

Nei pressi  del  riparo  Cianella sulla nostra sinistra troviamo  le indicazioni  verso  Ponte Negrone, percorriamo il sentiero che ora diventa in discesa e in breve arriveremo a una piccola area picnic (fonte) caratterizzata dalla  presenza di un castagno  centenario.

Liguria
L’area del Grande Castagno

La discesa verso Ponte Negrone non presenta nessuna difficoltà se non l’accortezza di  cedere il passo a qualche ciclista che piomba all’improvviso alle nostre spalle.

Liguria
Ponte Negrone

Il ponte stesso ha un interesse storico  poichè fu costruito nel passato per avere l’accesso all’acquedotto posto sul torrente Lerone le cui  acque consentivano il funzionamento  della cartiera Pallavicini in zona  Terralba, oggi  sede del  MUVITA (Museo  Vivo delle tecnologie per l’Ambiente).

Liguria
L’ambiente naturale visto dal ponte

Il Ponte Negrone è posto  alla confluenza dei rii Negrone e Leone (che formeranno il torrente Lerone)  che in questo punto scorrono formando delle pozze in un ambiente molto  suggestivo.

Attraversato il ponte, prendiamo la Via dell’Ingegnere (contraddistinto dal  segnavia con una I rossa in campo  bianco) la quale si inoltra nella valle del  torrente Negrone, dove, a un certo punto, alla nostra destra troveremo un sentiero  che si inerpica in direzione del  rifugio Sambuco (cartello indicatore).

Arrivati  al rifugio è doverosa una meritata sosta ricordando  che l’acqua delle due fonti lì presenti non è potabile. Inoltre, alle spalle del  rifugio, inizia un sentiero  di  raccordo che raggiunge a monte la Via dell’Ingegnere (tema di un mio prossimo  articolo).

Ritorniamo  sui  nostri passi  lasciandoci  alle spalle il sentiero da cui  siamo giunti  per percorrere quello in direzione dei  Ruggi (nel toponimo ligure la parola ruggi indica i rivoli d’acqua) ignorando il sentiero  che scende in basso verso il lago  della Tina.

Il percorso diventa a questo punto pianeggiante e interessante sia dal punto  di  vista naturale che per la presenza di alcuni  manufatti, come i  due ponti che attraverseremo e dei  quali i parapetti di  qualche centimetro  più alti  delle nostre ginocchia sconsigliano l’affacciarsi.

Liguria
Il primo dei due ponti con parapetto ridotto

Arrivati  all’incrocio con altri  sentieri non resta che prendere quello in direzione del  riparo  Cianella e Passo  Gua  per ritornare al punto  di partenza dove abbiamo  lasciato  la nostra automobile.

Liguria

Gli altri articoli di Caterina

Liguria

Se ti è piaciuto l’articolo perché non provi  a leggere anche questi?

Colle del  Melogno, un itinerario  tra faggi  e storia

Foresta della Deiva, l’escursione

Arenzano, l’anello  dei tre rifugi  (e mezzo)

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

 

Nove ottobre millenovencentosessantatre

Nove ottobre

 

Perché mai  è così tragica la vita: così simile a una striscia di  marciapiede che costeggia un abisso.

 Virginia Woolf – Diario  di  una scrittrice – ⌋ 

Quel 9 ottobre di  cinquantasette anni  fa

Potrei interpretare la parte di colei  che ricorda una storia tragica del  nostro  Paese, ma la verità è che non mi ricordavo  affatto di  quello  che è accaduto il 9 ottobre 1963, ed è solo per un caso che mi sono imbattuta nel  video  seguente tratto dall’opera teatrale di  Marco  Paolini:

   Il Disastro  del  Vajont.

E’anche vero  che potrei  dire a mia discolpa che non ho  dimenticato  la tragedia ma solo  che, per l’appunto, oggi è il suo (tragico) anniversario.

Duecentosessanta milioni di  metri  cubi  di  roccia quel  giorno  si  staccarono  dal monte Toc, una montagna alta 1.921 metri nelle prealpi Bellunesi nel confine tra le province di  Belluno e Pordenone, precipitando nel  bacino idroelettrico artificiale del torrente Vajont e causando un’onda gigantesca che si  abbatté prima sui  paesi  di  Erto e Casso  fino  ad arrivare poi a Longarone: i morti  furono millenovecentodiciassette.

Marco Paolini nel  suo monologo  teatrale Il racconto del  Vajont  fece un rapido  calcolo  per dare la misura di  quanto  franò dalla montagna: Per rimuovere la frana staccatasi  dal monte Toc, ci  vorrebbero mille camion al giorno al lavoro, per tutti i giorni, per sette secoli.

Tina Merlin già nel 1959 denunciò attraverso una serie di  articoli  la pericolosità di  quanto  si  stava costruendo: venne denunciata con l’accusa di  diffusione di notizie false e tendenziose.

Nel 2008, durante l’Anno Internazionale del Pianeta Terra, la tragedia del  Vajont fu indicata come esempio  di disastro  evitabile causato  dall’errore umano nel  non comprendere la natura del problema che si  stava affrontando.

Il libro in anteprima 

Fu come un colpo di falce, il 9 ottobre 1963, alle 22.45 duemila persone e un intero paese furono cancellati per sempre.

Più di quarant’anni sono passati e il ricordo dei morti è ancora sospeso sulla valle. Anche se i fatti di quella terribile notte diventano sempre più lontani, quel passato resta inciso sulla pelle di chi l’ha vissuto.

Come Mauro Corona, lo scrittore-alpinista di Erto; e come i personaggi di questo testo inedito.

All’osteria del Gallo Cedrone sei uomini si ritrovano a discutere fuori dai denti, tra un bicchiere di vino e l’altro, sulle responsabilità della tragedia; sul dopo Vajont, sui chi ci ha guadagnato e chi ci ha perso. Dalle loro parole ruvide e coinvolte emergono accuse, notizie, fatti.

E soprattutto il ritratto di un piccolo popolo pieno di inestinguibile dolore, ma mai vinto.

ALTRI SCRITTI

In viaggio  verso  le stelle e mondi  alieni

Il futuro non è in una sfera di  cristallo

Librerie: navigando in un oceano  di  quiete 

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Fontanarossa, l’anello di Pian della Cavalla

Fontanarossa

Passo  dopo  passo, con pazienza, con fatica, seguire la nuda traccia di un sentiero.

Il mondo ridotto  al passo  successivo, e poi allargato all’intero  spazio  abbracciato dallo sguardo

Tratto  da Le antiche vie di Robert Macfarlane

L’anello di  Fontanarossa (i sentieri  della Liguria)

Fontanarossa ( info ) è una frazione di  Gorreto (Alta Val Trebbia) posta a 938 metri  di  altitudine ed è compresa nel territorio della città metropolitana di  Genova

Secondo  alcune fonti storiche (non confermate) qui  sarebbe nata la madre di  Cristoforo  Colombo, Susanna Fontanarossa (o  Susanna da Fontanarossa): nell’articolo Cristoforo  Colombo  e le sue nascite ho invece preso in esame le ipotesi  della nascita del navigatore in altri luoghi  anziché in quella storica di  Genova.

Fontanarossa si  raggiunge percorrendo la SS 45 Genova – Piacenza (attualmente interessata da lavori  stradali  per cui il traffico  è regolato  dai  semafori), tra Isola e Gorreto si lascia la statale per prendere la diramazione che sale al paese.

Lo sviluppo  dell’itinerario 

Fontanarossa

Lo sviluppo dell’anello  è pari  all’incirca 8 chilometri e trecento  metri per un totale di  quattro ore di  cammino (soste comprese, ma il dato  è soggettivo)

Si parte dalla piazza della chiesa di  Fontanarossa (dove non è possibile parcheggiare) prendendo una strada in salita verso  sinistra (seguendo  il segnavia contraddistinto  da un rettangolo  di  colore giallo)

Fontanarossa

La strada è brevemente asfaltata per poi  diventare sterrata e quindi un sentiero  che si inoltra (sempre in salita) in una faggeta: quasi  tutto l’anello  è ombreggiato, quindi percorribile anche con  temperature estive.

Fontanarossa

Dopo 950 metri sbuchiamo in cima a un’area di  sosta con una  fonte, da qui  proseguiremo  mantenendoci in piano  sulla nostra destra rientrando  nella faggeta.

Si sale ancora un po’ per arrivare alla prateria di Pian della Cavalla (da ammirare la fioritura dei  narcisi…nel periodo  adatto, ovviamente); deviando  dal percorso e seguendo  una traccia tra i prati  sulla sinistra,  arriveremo  alla cima del Monte della Cavalla (metri 1.328) nello  spartiacque tra il torrente Terenzone, che nasce dal  Monte Carmo per riversarsi  nel  Trebbia nei  pressi  di  Gorreto, e il Cassingheno.

Fontanarossa

Dopo  questa panoramica deviazione, ritorniamo  sui  nostri passi verso Pian della Cavalla continuando dritti  verso la faggeta (il segnavia da seguire è sempre il tratto  giallo).

Giungiamo  alla Costa del Fresco dove a una bivio un cartello ci indicherà la direzione per ritornare a Fontanarossa, mentre il sentiero  su  cui  ci  trovavamo continuerà in direzione di  Casa del  Romano.

Quest’ultimo  tratto  del percorso (in discesa) si  sviluppa nella Val Terenzone dapprima in faggeta e poi  nel  bosco  misto con esemplari di  maestosi  castagni.

Un chilometro  e mezzo, prima di  arrivare a Fontanarossa, un’altro  cartello  indica una deviazione a sinistra per raggiungere una fonte distante appena quindici  minuti (vi ricordo  che l’acqua che sgorga dalla fonte nel paese non è potabile).

 

Vi è piaciuto  l’articolo?

Potete aggiungere un like alla pagina, oppure lasciarmi un messaggio….

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

Arenzano, l’anello dei tre rifugi (e mezzo)

Arenzano

“Ho iniziato la mia carriera come escursionista e l’ho conclusa come escursionista.

Non è mica una vergogna.

Anzi, gli escursionisti sono spesso più alpinisti di  tanti  che arrampicano..”

Riccardo Cassin (tratto  dal libro Alpi segrete di Marco  Albino  Ferrari) ⌋  

Dal mare di  Arenzano ai  suoi monti 

Lasciandoci  alle spalle il mare di  Arenzano e percorrendo una strada che ha tutte le caratteristiche per essere definita di montagna (curve e carreggiata stretta) arriviamo  all’aera picnic del  Curlo dove avrà inizio quello  che ho deciso  chiamare l’Anello  dei  tre rifugi  (la spiegazione per quel mezzo nel  titolo  la darò più avanti).

A CAUSA DELLE DISPOSIZIONI  ANTI COVID – 19 I RIFUGI  SONO MOMENTANEAMENTE NON AGIBILI

Se decidete di  parcheggiare il vostro  mezzo (auto, cavallo  o dromedario) al  Curlo nei  giorni  festivi è facile che non troviate posto, il suggerimento è quello  di  fermarvi duecento metri più in basso nei pressi  del  ristorante Agueta du Sciria dove il parcheggio  è anche più agevole.

Potete anche prendere in considerazione di  arrivare al  Curlo partendo  dalla stazione ferroviaria di  Arenzano  e percorrendo il sentiero FIE contraddistinto  da un segnavia composto da due bolli rossi (in questo  caso  dovete mettere in conto almeno un’ora di più di  cammino).

Sviluppo del percorso 

La lunghezza del percorso è di  circa 11 chilometri per un tempo stimato  intorno  alle cinque ore (questo  dato  è soggettivo).

Dal  Curlo possiamo  subito imboccare il sentiero a fianco  di una cisterna che in breve si  ricollegherà a monte alla strada sterrata sempre in salita.

Personalmente ho preferito percorrere da subito  il tratto  asfaltato che presto  diventerà sterrata per dare modo  alle gambe di  abituarsi alla marcia.

Dopo  circa un chilometro si  arriverà a una sbarra con i pannelli in legno  indicanti  che stiamo  entrando nel  Parco Regionale Naturale del  Beigua

Tralasciando la strada sulla sinistra che porta al  Centro Ornitologico Case Vaccà (qui è presente una fonte utile per riempire le borracce) proseguiamo  brevemente in salita fino  a incontrare sulla destra il sentiero verso il riparo Scarpeggin (o Scappegin) seguendo il segnavia con due pallini  rossi

Arenzano

Scarpeggin
La costruzione risale alla seconda metà dell’800 e utilizzata come riparo in caso di cattivo tempo durante la raccolta del fieno. Dai documenti risalenti ai primi anni del ‘900 si evince che lo Scarpeggin era ridotto a rudere. Solo negli anni’90 la Comunità Montana Argentea presenta un progetto di recupero finanziato dalla Regione Liguria. Nel 1993 i lavori terminano e, nel settembre dell’anno seguente, si ha l’inaugurazione e apertura del nuovo riparo

Dopo  aver lasciato  alle spalle lo Scarpeggin continuiamo seguendo sia il segnavia con i  due bolli  rossi  che quello con una A rossa in campo  bianco: attenzione a non seguire quest’ultimo  segnavia giunti  a un bivio ma, mantenendoci  sulla sinistra, proseguiamo per il sentiero  in salita seguendo  gli ometti e un V sempre rossa.

Arenzano
La ripida salita verso la cima di Rocca dell’Erxo

Dopodiché si  arriva al Passo  della Gavetta e da qui la segnaletica ci indicherà la ripida salita che porta al rifugio in cima alla Rocca dell’Erxo (metri 898) dove ci  aspetta il minuscolo riparo  Ai Belli Venti (massimo tre persone con zaini  all’esterno).

Arenzano
E’ davvero piccolo…
I Belli Venti
Il riparo (decisamente di dimensione mini) è stato costruito, negli anni dal 1981 al 1983, da due soci del CAI di Arenzano in collaborazione con il Gruppo Scout sempre di Arenzano. Il nome richiama il fatto che, in alcune giornate, il vento lì soffia forte

Proseguiamo  a monte del Belli Venti in direzione della Tardia di  Ponente (metri 928).

Arenzano
Verso la Tardia

Volendo  evitare di  salire in cima alla Tardia, per poi ridiscendere un tratto  breve ma ripido, si può seguire la traccia di un sentiero in basso sulla nostra destra  per evitare la salita al monte (così, però, perdiamo  l’occasione per una vista panoramica).

Il sentiero  prosegue in cresta fino a incrociare quello proveniente da Voltri che porta alla cima del  monte Reixa (X) passando per il Passo  della Gava dove saremo  anche noi  diretti. 

Il Passo della Gava rappresenta un crocevia per   altri sentieri: quello  già citato  verso il monte Reixa, Passo  del  Faiallo, Sambuco (per escursionisti esperti) e Arenzano.

Quindi, seguendo l’ampia sterrata,  ritorneremo  al nostro punto di partenza.

Lasciando il Passo  della Gava, subito  dopo un tornante, arriviamo  al rifugio  Ca’ de Gava (fonte)

Ca' de Gava
Le origini risalgono al primi decennio del ‘900 quando la famiglia Vallarino la costruì come riparo (tutt’ora, pur essendo aperto per i visitatori, rimane di proprietà privata). E’ un punto tappa della manifestazione Mare e Monti che si svolge ogni anno partendo da Arenzano

Non ci  resta che proseguire per la sterrata in discesa che ci  riporterà all’area picnic del  Curlo (alcune scorciatoie per sentiero permettono  di abbreviare la percorrenza)

Quel mezzo  che completa l’anello dei  tre rifugi

Non ho  avuto  l’intenzione di  usare il termine mezzo in  senso  dispregiativo  nei  confronti del riparo  Bepillu, ma è solo una maniera simpatica (almeno per me lo è ) di indicare l’ennesima costruzione in formato  mini nata per dare riparo ai  contadini  di un tempo e agli  escursionisti  di oggi

Bepillu
Bepillu è il soprannome dato alla famiglia Damonte che, nel 1850, costruì il riparo sulla strada che da Passo della Gava porta sino al Curlo. Dopo l’abbandono per lungo tempo è stato ristrutturato in maniera esemplare, incastonandosi tra gli alberi dei Pini Neri d’Austria utilizzati per il rimboschimento tra negli anni 1960 – 1970

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

 

Eiger, l’orco delle Alpi (al cinema e nei libri)

Eiger

Il fascino delle montagne è dato  dal  fatto  che sono belle, grandi  e pericolose

Reinold Messner

Eiger: l’orco  delle Alpi  

Eiger
Eiger (3.967 metri)

Che le montagne siano  belle perché grandi sono d’accordo  con Reinold Messner, che il loro fascino  sia anche nell’essere pericolose è un concetto  che lascio a chi  ama la montagna in senso verticale da chi, come me, ne apprezza la sua  bellezza  assaporandone i  dislivelli in un lento  camminare lungo i sentieri.

E’ solo  questione di un diverso punto di vista ma che, in fondo, accomuna nella contemplazione della natura  sia l’alpinista che il trekker.

Fatto  questo piccolo  preambolo,  adesso  dovrei  parlare dell’Orco e cioè di quella montagna posta nelle Alpi  Bernesi che prende il nome di  Eiger nome che compare per la prima volta in un documento di  compravendita  del 1252  dove la derivazione del nome stesso ha diversi  significati, per qualcuno, (con molta fantasia direi) fa risalire  al termine germanico Oger  (in italiano orco) dove semplicemente sostituendo la vocale iniziale si  arriva, appunto, a Eiger.

Comunque sia, e non essendo io  una linguista, non mi dilungo più di  tanto  sulla questione come, per evitare un poco  professionale taglia e incolla (non degno  di una blogger)  per tutta la storia delle scalate dell’Eiger , in special modo  della tremenda Parete nord, e di  quante vite siano costate (più di  sessanta), vi  rimando  al box sottostante tratto dall’onnipresente Wikipedia   

Eiger

Clint Eastwood sale sull’Eiger 

 

Eiger
Locandina del film Assassinio sull’Eiger

Assassinio  sull’Eiger è il film diretto e interpretato  da Clint Eastwood nel 1975 e tratto  dal libro omonimo  di Rodney William Whitaker (più conosciuto con lo pseudonimo di Trevanian).

La trama del romanzo, quindi anche del film  ispirato  a essa, è piuttosto  esile, tanto  che i giudizi  della critica non furono  per nulla lusinghieri: non basta essere Clint Eastwood per fare di un libro  mediocre un buon film.

Jonathan Hemlock vive in una chiesa gotica sconsacrata a Long Island, insegna Storia dell’arte, è un alpinista esperto e un mercenario che uccide persone a pagamento per arricchire la sua collezione di opere provenienti dal mercato nero. Proprio per alimentare la sua passione, Hemlock accetta un ingaggio molto rischioso da un’agenzia dei servizi segreti: dovrà unirsi a una squadra di alpinisti che deve scalare l’Eiger, una delle vette più insidiose delle Alpi; uno di loro (ma non si sa chi) è un sicario, che ha ucciso un agente segreto americano; Hemlock deve eliminarlo. 

Una parte delle scene furono girate sul Totem Pole nella Monument Valley (Clint Eastwood per l’occasione non volle nessuna controfigura): fu la prima volta (e anche l’ultima) che venne dato il permesso  di  scalare il Totem Pole a patto che, una volta terminate le riprese, venissero  rimossi  tutti i  chiodi  di  arrampicata.

Sfortunatamente,  durante la riprese questa volta sull’Eiger, David Knowles, alpinista  e guida, mentre si  trovava in parete venne colpito da una pietra che lo  uccise.

Contemporaneamente alla lavorazione del  film, nella Parete nord dell’Eiger, Reinhold Messner e l’austriaco  Peter Habeler  compivano  la loro  scalata che, dopo dieci ore di arrampicata, li  avrebbe portati in cima.

Nel  libro di Peter Habeler Vittoria solitaria si  fa cenno  alla coincidenza per mezzo  di una foto  che ritrae i  due  alpinisti  con la troupe del  regista Clint Eastwood.

Il record di  salita di Reinold Messner e Peter Habeler del 1974 venne, per così dire, frantumato nel  corso  degli  anni da tempi  di salita che hanno dell’incredibile (almeno per chi  come la sottoscritta non è un’alpinista):  Uili Steck, alpinista svizzero  deceduto  il 29 aprile 2017 durante l’ascesa della parete ovest del Nuptse in Nepal, salì in cima all’Eiger, sempre lungo  la parete nord, in due ore e ventidue minuti.

Nordwand una storia vera

Eiger
Locandina del film Nordwand Una storia vera

Lasciando  da parte gli improbabili  personaggi  di un certo  cinema d’avventura,  Nordwand Una storia vera (nelle sale in Italia diventa North Face Una storia vera) la trama del film, del  regista Philipp Stölzl che lo ha diretto  nel 2008, racconta, per l’appunto, una storia vera  e cioè quella ambientata nel luglio  del 1936 quando  due militari  tedeschi (della Baviera per la precisione), Toni Kurz e Andi Hinterstoisser   decidono  di  affrontare la parete nord dell’Eiger suscitando l’attenzione del  regime nazista che vuole trasformare l’impresa come propaganda della   supremazia della razza ariana, nonostante il fatto  che i  due militari non siano iscritti  al partito nazista.

Il film è molto  spettacolare ma, soprattutto, mette in risalto  il rapporto umano che si instaura tra gli  scalatori, se pur appartenenti  a diverse nazionalità e il dramma di  chi  vive l’ascesa in maniera drammatica essendo legata sentimentalmente a uno  dei  due alpinisti.

Inoltre, quasi  a sottolineare le maggiori  difficoltà per un alpinista di  quei tempi, si è fatto un ottimo  studio  sulle attrezzature che poteva avere a disposizione.

Nordwand Una storia vera è disponibile su  Youtube in due parti .

 La scalata senza fine 

I coniugi  inglesi Peter e Leni  Gillman, lui giornalista e lei  insegnate e scrittrice, hanno  scritto  e pubblicato  nel 2017 il libro La scalata senza fine avvincente cronaca storica dei tentativi  e riuscite alla conquista dell’Eiger, dal 1936 con le prime vittime, passando per il 1938 anno  della prima conquista della vetta attraverso la Parete nord, arrivando fino ai  giorni nostri.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

La montagna e il destino dei draghi

 

Chi più in alto  sale, più lontano  vede; chi più lontano  vede più a lungo  sogna

Walter Bonatti 

La montagna e i  sogni

Quindi, cara gente di pianura, secondo  quanto  detto  da  Walter Bonatti, i vostri  sogni  sono limitati dal un orizzonte piatto unico  confine tra terra e cielo

Sennonché penso  che sognare sia un’azione slegata da confini  o  altitudini , quindi  questione  personale che appartiene alla sfera dell’intimo.

Come semplice escursionista,  che può vantare al massimo di  essere arrivata a poco  più di 2.800 metri di  altitudine per poter guardare lontano (e quindi sognare più  a lungo) mi sono sempre chiesta cosa possa passare per la testa di un essere umano tanto da spingerlo  a mettere in gioco  la propria vita per conquistare una cima.

Ma è anche grazie al loro  coraggio e determinazione se oggi l’immaginario  delle montagne abitate dai  draghi è solo  folklore.

La montagna e il destino 

Louis Rousseau, alpinista canadese, scrisse una volta all’amico  Daniele Nardi a riguardo del Nanga Parbat:

” E’ una montagna che ipnotizza gli  alpinisti.

Anch’io sono stato ipnotizzato.

Ma oggi  so  che chiunque la tenti perde la vita o una parte di  se”

In queste parole si può leggere  l’ esortazione all’amico  a rinunciare ad un’impresa rischiosa che comporta anche la morte.

Ma l’amico è Daniele Nardi non certo un uomo di  pianura anche se  da dove è nato  le Alpi si possono  solo immaginare, figuriamoci  le vette himalayane: ostinazione, coraggio, determinazione, forse un pizzico  di  spregiudicatezza: forse è ciò che forma il carattere di un alpinista a cui  nulla può impedire che un’idea diventi progetto  e quindi realizzazione.

Fatto  sta che Daniele Nardi  vuole aggiungere qualcosa di più alla già enorme difficoltà intrinseca nella scalata di  quella montagna: vuole che l’ascensione avvenga durante il periodo  invernale.

A questo punto non mi dilungo  sulla tragedia avvenuta all’inizio di  quest’anno, precisamente il 25 febbraio: Daniele Nardi e il suo  compagno  di  cordata Tom Ballard muoiono a causa di una tempesta di  neve (e tutt’oggi i loro  corpi  sono  ancora lassù).

La madre e il figlio uniti nel  destino

Alison Hargreaves ritratta con i figli Kate e Tom
Alison Hargreaves ritratta con i figli Kate e Tom

Tom Ballard era il figlio di Alison Hargreaves conquistatrice  1995 dell’Everest in solitaria e senza bombole d’ossigeno.

 Nell’arco  di  tempo  dello stesso anno  lei  si prefiggeva di  scalare, sempre in solitaria e senza bombole di ossigeno,  oltre che l’Everest anche il K2 e il  Kangchenjunga: rimase uccisa il 13 agosto 1995 durante la discesa dal  K2, aveva solo 33 anni.

Memorabile, e da molti criticata, fu aver scalato la parete nord dell’Eiger  incinta del  suo  primogenito Tom Ballard.

Il libro

Daniele Nardi ha voluto  che la scrittrice Alessandra Carati portasse a termine quello  che doveva essere un libro  scritto a quattro  mani e che, purtroppo, è diventata la storia di una lunga avventura interrotta dalla tragedia.

L’anteprima è alla fine dell’articolo

«Un alpinista è un esploratore, non resiste a una via di cui si è innamorato, non può sottrarsi al desiderio di tentarla. Perché la visione iniziale è diventata un’idea, e l’idea un progetto a cui pensa tutti i giorni e a cui dedica le sue energie migliori».

Alla prossima! Ciao, ciao...♥♥

Valanghe e Tavole (di Courmayeur): l’argomento

 L’alpinismo  inteso  come fatica media, legato  alla disciplina morale e ai  piaceri  contemplativi; la gente che affluisce nelle montagne si  divide in due schiere, i pigri  vincolati al mezzo meccanico, e gli  acrobati  senza gusto per la natura, attratti  dall’arrampicata – prodezza.

Funicolari, teleferiche, sbrigative ascensioni che si  fanno  a sedere.

L’alpinismo  contemplativo diviene sempre più faccenda degli anziani; la gioventù non ama la fatica e il rischio, a eccezione del  grande rischio  delegato ai  campioni.

Tratto  da Viaggio in Italia di  Guido Piovene

Dovrei  parlare di  valanghe e delle Tavole di  Courmayeur, ma prima..

Quando Guido  Piovene scrisse Viaggio in Italia erano  gli  anni ’50 cioè quelli  del boom economico  e della ricostruzione post guerra:  eppure, riferendomi in particolare al brano  d’introduzione (poi l’argomento  sarà il pericolo  delle valanghe), ho l’impressione che da allora, e per certi  aspetti,  le cose non siano  molto  cambiate.

Forse la contemplazione non è prevista nelle performance sportive di  alcune discipline legate alla montagna – sarà difficile in una gara di trail running vedere atleti  che si  fermano per ammirare la flora alpina o le evoluzioni  di un rapace – ma escludo  a priori che i più giovani, a differenza di  quello  che scriveva Guido Piovene,  non amano mettersi in gioco rischiando, alle volte, il più del  dovuto.

Ed è questo, secondo  me, il punto: la parola rischio è diventato il sinonimo di  sfida, più è alto  il rischio e maggiore sarà il grado  di  sfida che si  vuole affrontare per dimostrare a se stessi  (anche agli  altri) le proprie capacità.

In ogni  caso, chiunque frequenti l’ambiente di  montagna –  dall’escursionista all’alpinista, dal praticante dell’arrampicata sportiva fino  a coloro che utilizzano  la mountain – bike per scorrazzare sui  sentieri – è bene che abbia  sempre presente una serie di  regole le quali  sono  focalizzate in quel  documento  conosciuto  come Tavole di Courmayeur, opera dell’ingegnere e accademico  del Club Alpino Italiano Giovanni Rossi  (scomparso il 3 aprile 2018) consultabili  nel  box seguente

1995_Le_Tavole_di_Courmayeur

 

Le valanghe

Da semplice escursionista  amante dei trekking in ambiente non himalaiano, posso  supporre che non incontrerò mai lo Yeti e che il pericolo  di  essere coinvolta in una valanga è pari  allo  zero.

Ed è questo un mio  errore di  valutazione: perché se lo Yeti rimane relegato in Himalaya, non è detto che la sottoscritta trovandosi, ad esempio, a ciaspolare  su di un pendio nevoso, senza considerare minimamente le avvertenze meteo e nivali fornite dai  bollettini, possa essere la causa di un disastro.

Ovviamente, essendo molto prudente e presuntuosa, ciò non accadrà mai.

Non esiste un solo  tipo  di  valanga ma diversi:

  • Valanghe di  neve a lastroni
  • Valanghe di  neve a debole coesione
  • Valanghe per scivolamento  di  neve
  • Valanghe nubiformi
  • Valanghe bagnate

Per la descrizione di ogni  singolo  tipo  di  valanga (e per evitare la vergogna del copia -incolla), vi rimando  alla pagina del  sito del SLF

L’SLF è un centro di ricerca interdisciplinare e di servizi ubicato a Davos riconosciuto  a livello internazionale .

Circa 140 persone effettuano studi su temi quali neve, atmosfera, pericoli naturali, permafrost ed ecosistemi montani, sviluppando prodotti innovativi con i quali trovano applicazione pratica le conoscenze accumulate.

Il portale White Risk,  sempre dell SLF, è interattivo  e dedicato  alla prevenzione delle valanghe (diverse licenze a pagamento per l’utilizzo  completo).

Per valutare il grado di pericolo  di una valanga esiste la Scala Europea  del pericolo valanghe sintetizzata nell’immagine seguente:

Scala del pericolo delle valanghe

 

Per concludere dal progetto  Nivolab il pdf seguente è un’ulteriore indicazione sulla formazione delle valanghe e loro  composizione (vi  rammento che se volete ricevere nella vostra mail questo  pdf o latri  pubblicati  nel  blog, basta iscrivervi  alla newsletter e farne richiesta)

NIVOLAB Valutazione rischio valanghe

 

Ora vi  lascio  perché ho lo  Yeti in salotto e non è bello  fare aspettare gli  ospiti 

Alla prossima! Ciao, ciao…

Nel Delfinato tra laghi e crêpes

 

In effetti se cercate  il toponimo  Delfinato sulle moderne carte geografiche (Dauphinè nella lingua originale) non lo troverete.

In passato  esso indicava una regione che andava dalle Alpi  fino  al corso  del  Rodano comprendendo, quindi,  gli  attuali dipartimenti  di Isère, Drôme e Hautes – Alpes.

Nel XI secolo prese il nome dal delfino raffigurato  nello  stemma araldico dei primi conti.

Nel  Basso  Medioevo  il Delfinato venne ceduto alla corona di  Francia in cambio  di  alcune importanti  concessioni come la creazione delle repubbliche alpine degli Escartons.

Escursione ad anello tra il Lac du  Pontet e l’ Aiguillon

 

Villar - d'Arèene
Villar – d’Arène

Punto  di partenza di  questa rilassante escursione ad anello  è la cittadina di Villar – d’Arène posta a 1.670 metri  di  quota nelle Hautes – Alpes

 

Quando scrivo che il percorso  è rilassante ciò vuol dire che non dovremo  affrontare ponti  tibetani posti su precipizi abissali o ascensioni himalayane, ma l’unica cosa che sarà di ostacolo alla piacevolezza dell’escursione sarà qualche salita un po’ più ripida, per il resto rimane sempre che camminare è salutare per il corpo  e la mente.

Il tempo  necessario  per percorrere l’anello  è di  circa sei  ore (escluse ovviamente le soste). Lungo il tragitto non vi  sono fonti, se non un punto  sosta posto  a Lac du  Pontet, quindi  ci  converrà riempire le nostre borracce a Villar – d’Arène.

Da ricordare che ci  troviamo  all’interno  del Parco nazionale degli Écrins e quindi bisogna seguirne la regolamentazione (oltre il buon senso comune per tutti i luoghi  naturali e no).

Sviluppo  dell’anello

Dal parcheggio  posto all’inizio di  Villar d’Arène (per chi proviene da Le Grave) percorriamo la strada che, passando per la chiesa di Saint Martin, ci porterà ad attraversare la N91, dopo un centinaio  di metri un sentiero sulla nostra destra indicherà la direzione verso la chapelle Saint Antoine e il paese di les Cours.

Percorrendo les Cours per tutta la sua lunghezza (breve) in cima inizierà un sentiero che, montando verso un boschetto,  porterà al  suo  temine, dopo  alcuni tornanti, al parcheggio  prima di  raggiungere il lago.

Noi, dopo aver superato una sbarra, proseguiamo seguendo le indicazioni verso il bacino lacustre che ben  presto  sarà raggiunto.

Lac du Pontet
Lac du Pontet

Il Lac du Pontet (1985 m.) è in effetti un piccolo  lago  di montagna facilmente raggiungibile e per questo molto  gettonato  dalle famiglie per un picnic sulle sue sponde.

La sua bellezza consiste nel panorama che lo  circonda e in particolare quello  rivolto  verso la facciata nord del massiccio  della Meije 

Anche se in pieno agosto l’aria era molto fredda (e io sono molto freddolosa)

Al  termine del periplo del  lago è doverosa la sosta al chiosco dove una gentilissima madame ci servirà le sue crêpes (a tale proposito alla fine dell’articolo  troverete la ricetta per preparare in maniera  semplice le crêpes)

Rinfrancati da questa dolce sosta riprendiamo il cammino  seguendo  le indicazioni  verso  l’Aiguillon (2095 m.) dove,  dall’alto della sua vetta, avremo una visione impareggiabile a 360° su tutto il massiccio  della Meije.

Da questo punto inizia l’ultima salita, ripida ma breve, che ci porterà in cima ai 2095 metri de l’Aiguillon

Da qui abbiamo  diverse alternative per ritornare a Villar d’Arène.

Da l’Aiguillon uno dei sentieri che ci porterà al punto di partenza

Come promesso alla fine dell’articolo  troverete la ricetta per le crêpes.

B💋on appétit

Alla prossima! Ciao, ciao…


Street Food o Cucina Bianca? Ma è sempre di cibo che si parla

 

Io non sono una mangiona: sono un’esploratrice del  cibo

Erma Bombeck

Street Food Fest a Genova

Street Food oppure Camping Food?

Come Erma  Bombeck anch’io mi considero  una esploratrice del  cibo e, da come potete vedere dalla foto pubblicata in alto, mi arrangio a cucinare in tutte le situazioni (in questo  caso particolare  sono impegnata  nel  camping food).

Se di  cibo  devo parlare evito il  BlaBlaBla sugli  chef stellati (ormai  più personaggi da celebrità che cuochi…mia modesta considerazione) per scrivere di Street Food e della manifestazione ad essa dedicata che si  terrà  a Genova dal 28 agosto  (domani) fino  al  7 settembre prossimo e cioè la quinta edizione del  Street Food Fest al  Porto Antico

 

 

Si mangia per strada per necessità, per fare in fretta, per risparmiare. Ma anche per il piacere di condividere un’esperienza con persone che, dietro al banco, sono lì tutti i giorni a fare il loro lavoro con passione e impegno.

Questa è la filosofia dello Street Food ( o Cibo  da Strada se preferite) o, per meglio  dire, l’espressione culturale del  cibo legata alla tipicità del  territorio  che la esprime.

All’interno  del Street Food Fest un altro  festival questa volta dedicato alla birra: la Superbirra  2019  ( e proprio  di  birra ho scritto in quest’articolo recente)

La cucina bianca 

Per parlare di  cucina bianca bisogna parlare di montagna, in special  modo  delle Alpi  Liguri dove, nel 2002, i comuni  di Cosio  d’Arroscia, Mendatica, Montegrosso  Pian Latte, Pornassio  e Triora si unirono  in un’associazione chiamata Strada della cucina bianca – Civiltà  delle Malghe con l’intento di preservare i prodotti  della cucina tradizionale locale che, con l’esodo  della popolazione verso le località di  costa, sarebbero  andate perdute.

La precedente denominazione Strada della cucina bianca è stata abolita nel 2008 dopo  l’introduzione di una nuova normativa regionale che ha modificato i parametri necessari  per definirsi strada di prodotto.

Il termine cucina bianca, riferito al bianco  degli ingredienti per la preparazione dei piatti tradizionali, è comunque rimasto nel lessico  locale.

La cucina bianca  è strettamente connessa al fenomeno   della transumanza quando, durante l’inverno, i pastori  portavano  a svernare le greggi verso le località di  costa più calde e ripercorrere al contrario il tragitto per ritornare agli  alpeggi.

Mendatica ogni  anno  dedica alla cucina bianca una kermesse (l’ultima edizione sabato 24 agosto...ero  ancora in ferie SIGH!!!!)

Quindi un lavoro  molto  duro fatto  di ore e ore di  marcia e poco  tempo  per cucinare: la dieta del pastore era composta da un piatto unico molto nutriente fatto fondamentalmente da farina, latticini, patate e erbe spontanee trovate lungo  il percorso.

Tra i piatti  tipici di  questa particolare gastronomia i Streppa  e caccia là i rudimentali gnocchetti del pastore di  cui  troverete la ricetta alla fine dell’articolo.

Bon appétit 

Alla prossima! Ciao, ciao….