Stuart Kaminsky: se lo leggi non lo lasci

Stuart Kaminsky

Alla TV un investigatore si  riconosce subito, non si  toglie mai  il cappello

Raymond Chandler ⌋ 

Stuart Kaminsky e i suoi fan

Ho scoperto di  avere avuto  due cose in comune con Gianni Mura: la prima è che sia lui  che io  alle automobili di nostra proprietà abbiamo  sempre dato il nome di  Carlotta.

La seconda è che al bravo  giornalista come alla un po’ meno  brava blogger (ma si  tratta solo  di  falsa modestia)  piacciono molto i  gialli  di  Stuart Kaminsky, soprattutto  quelli con protagonista lo  scalcinato  investigatore privato Toby Peters.

Immaginando  del perché ho voluto  dare il nome di Carlotta al mio  mezzo  di locomozione (euro 4 a benzina, Greta non ti arrabbiare) vi interessi  quanto il problema delle acciughe in Perù, continuerò parlandovi  del  giallista e sceneggiatore Stuart Kaminsky.

Ho poco  da scrivere e voi  poco  da leggere 

Stuart Kaminsky
Stuart Kaminsky

Una volta, c’erano  i  Gialli Mondadori: non che non vi  siano più, tutt’altro, ma appunto una volta  il nome Giallo  della collana  veniva immediatamente associato a un genere letterario  e cinematografico.

Poi  arrivarono i thriller, i legal – thriller, i medical thriller e (forse) gli  horror – thriller  a scolorire un po’ il Giallo.

Ad essere sincera per distrarmi (e appassionarmi) sono  portata più alla lettura di  romanzi  di  fantascienza o fantasy (Harry Porter rimane il mio mito) ma quel  giorno che, girovagando tra le bancarelle dei libri usati (in piazza Colombo, a Genova), per un chissà cosa decisi  di  acquistare il mio primo  Stuart Kaminsky con Toby Peters (si  trattava di Una pallottola per Errol Flynn, mentre alla fine dell’articolo  troverete l’anteprima di Giocarsi  la pelle).

La particolarità di  questi  racconti  è quella di  essere ambientata nella Hollywood degli  Anni ’40 dove Toby Peters si  ritrova a risolvere casi  dove vengono coinvolti in prima persona celebrità quali Peter Lorre, i Fratelli Marx, Bela Lugosi, Errol Flynn, Mae West e tanti  altri.

Stuart Kaminsky (Chicago (?), 29 settembre 1934 – St.Louis 9 ottobre 2009) al  suo  attivo non aveva solo il personaggio dell’investigatore americano, ma anche quello  russo Porfirij Rostnikov, nonchè sceneggiatore di film quali Ispettore Callaghan: il caso  Scorpio è tuo di  Don Siegel , C’era una volta in America diretto  dal nostro  Sergio  Leone, oltre alcune puntate della serie televisiva C.S.I. New York.

Ritornando  ai  racconti  ambientati nella Hollywood Anni ’40, la bravura di  Stuart Kaminsky nello  scrivere con sottile humor e accurata ambientazione riferita all’epoca, gli  era derivata dal  fatto di  essersi  diplomato in cinematografia e, conseguentemente,  insegnare Storia del cinema presso l’Università dell’Illinois.

Per concludere, volendo dare un volto allo  squinternato Toby Peters, ho  sempre pensato a una interpretazione data dal’indimenticabile Peter Falk

Se poi avete voglia di  leggere di un tipo  particolare di investigatore vi  rimando  al mio  articolo Si chiamano Sam ed entrambi  sono investigatori

Non mi resta che lasciarvi  all’anteprima di Giocarsi  la pelle 

Giocarsi  la pelle (anteprima)

 

Un orecchio mozzato in una scatola è un messaggio chiaro.

Significa che il mittente fa sul serio. Il destinatario è il comico hollywoodiano Chico Marx, minacciato da un misterioso creditore che pretende la restituzione di un prestito di gioco. Se non paga, gli taglieranno le dita.

Per proteggere il suo artista la MGM ingaggia Toby Peters, detective privato con una predilezione per il mondo del cinema. La sua prima mossa? Tastare il terreno negli ambienti della criminalità organizzata, magari qualcuno è al corrente del fantomatico debito. Mossa intelligente ma rischiosa, perché quelli che potrebbero dargli qualche informazione vengono uccisi uno dopo l’altro.

E il prossimo a rimetterci un orecchio o anche tutta la testa potrebbe essere proprio lui.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥