LGBT, transgender: perchè discriminare?

Identità non omologate © caterinAndemme
Identità non omologate
© caterinAndemme

Ogni  essere umano  è unico: rispettarne la diversità  equivale a difendere la propria e altrui libertà

Emanuela Breda

Identità di  genere : una (NON) questione

 

Osservando il panorama politico  attuale del  nostro  Paese, tendente a un ritorno verso il passato  in cui  il colore nero  non era solo  una questione cromatica e dove parte della morale viene relegata nel  solito  BLABLABLA del  DioPAtriaFAmiglia  ad uso  essenzialmente politico, posso  essere tranquilla sul fatto che la lungimiranza (nonché democrazia intesa come difesa dei  diritti) che lEnte Turismo Sloveno  ha avuto  nei  confronti  delle comunità LGBT non avrà per il momento nessun riscontro  simile nella nostra società.

La questione, pura e semplice è questa: perché le persone con diversa identità di  genere devono  subire delle discriminazioni e additate come perverse (da chi, evidentemente, della sua ignoranza ne fa una bandiera).

Quante sono queste identità?  

Nel  volume Teaching Transgender Toolkit (traducibile in Manuale per comprendere il transgender) scritto  da Eli R. Green e Luca Maurer viene riportato un glossario  con diversi termini: nella tabella  seguente ne ho  scelto cinque che ho ritenuto  essere tra i più  indicativi.

XX oppure XY? Quando un gene si  mette di mezzo

E’ il gene SRY a dire se l’embrione nel  suo  sviluppo  diventerà maschio o femmina: ma non è sempre così!

Tutto qui.

Alla prossima! Ciao, ciao….

Anche l’Uomo Ragno avrà bisogno del Tx 2-6?

I’m watching you
©caterinAndemme

Odio scrivere la frase secondo  le statistiche..

..eppure secondo  le statistiche il 40 per cento  della popolazione maschile mondiale ha problemi di  erezione (e quando  dico erezione capiamo  tutti  quale sia il riferimento).

Da buona blogger dovrei dare la fonte da cui si  evince che il problema riguarda quasi  la metà della popolazione maschile (centenari  compresi), siccome però il dato è abbastanza generico e come donna mi riguarda fino  a un certo punto (anche qui si  comprende bene quale sia la soglia di  quel  fino a un certo punto), confesso di  aver preso  quel numero  da un articolo  a caso  dei  miliardi   di articoli  che trattano la disfunzione erettile.

Sappiamo  che a sopperire questo deficit erettile da ormai più di  vent’anni si  ricorre alla chimica di quella pillolina blu che va sotto il nome di  Viagra (a dire il vero  vi  sono  altri prodotti ma, immagino, che il viagra vada per la maggiore).

Ragno brasiliano errante (Phoneutria nigriventer)
..simpatico, vero?

Adesso rivolgendomi  ad un ipotetico  lettore che ha qualche problema di  quel  genere, e che nello  stesso  tempo  voglia stupire la sua partner con un rimedio molto  naturale, gli consiglio di procurarsi  un esemplare  di ragno  brasiliano errante (Phoneutria nigriventere farsi mordere per avere quasi  istantaneamente un erezione che durerà abbastanza per soddisfare quel  genere di  attività fisica che tanto ci piace.

Unica controindicazione è che  il morso è molto  doloroso  e  si può anche morire.

Niente paura: gli  scienziati hanno pensato  di  estrarre dal  veleno  del  ragno il peptide che causa l’erezione (quel Tx 2-6 nel  titolo).

Una volta estratto lo hanno iniettato, attraverso un micro dispositivo inserito  nel pene di  cavie (si  tratta di  topi  e non uomini)  e quindi  misurata la variazione di  pressione dovuto  all’aumento  di  flusso  di  sangue nei  vasi  sanguinei  interni  al pene degli animali.

La ricerca non dice se dopo  i  topi  si  siano  dati  ad orge sfrenate, ma si è evidenziato un aumento  dell’ossido  nitrico nei  corpi  cavernosi (ricordo  che l’ossido nitrico è un importante neurotrasmettitore con effetto  vasodilatante ).

Inoltre l’effetto del peptide inizia in una fase precoce del processo  di  erezione a differenza del  viagra  e dei  famaci  similari.

Tutto  qui.

Alla prossima! Ciao, ciao….

 

Mädchen in uniform: il primo bacio tra due donne in celluloide nella Germania del 1931

La genesi di una donna
©caterinAndemme

L’indiscreta

Se una vostra amica o semplice conoscente vi  dicesse che vi  ama e che farebbe volentieri  sesso con  voi, quale sarebbe la vostra reazione?

A) Improvvisamente vi  siete ricordate che dovete prendere i  bambini  a scuola anche se sono le dieci  di  sera e voi  non avete figli

B) L’ipotesi  di  fare l’amore con un altra donna è per voi la stessa che cavalcare un dromedario per le vie del  centro  di  Milano

C) Ci  fate un pensierino (e basta)

D)  L’unica domanda che vi  viene in mente da fare  è: << A casa tua, oppure da me? Magari in albergo?>>

In effetti  ci  sarebbe poco  da scherzare in quanto i pregiudizi  sono  ancora lì a dirci quanta strada dobbiamo  ancora fare affinché venga accettata  una concezione diversa di vivere un affetto   che non sia solo  eterosessuale.

D’altronde, con un ministro  della Famiglia che, oltre che prendersela con tutto il mondo  LGBT , vaneggia  affermando che i migranti diluiscono la nostra identità, è fuori da ogni  dubbio che la lotta per i pari  diritti è ancora lontana da concludersi.

Detto questo…

Mädchen in Uniform: il tema dell’amore lesbico nel 1931

Nella Germania del 1931, quindi due anni prima dell’ascesa al potere di Adolf Hitler, nelle sale cinematografiche si proiettava Mädchen in uniform (Ragazze in uniformediretto  dalla regista Leontine Sagan e tratto  dal libro omonimo della scrittrice ungherese Christa Winsloe.

La pellicola è incentrata su di una ragazza dal  carattere ribelle, Manuela, che verrà costretta per questo alla disciplina in un collegio  femminile a Postdam.

In questo  ambiente conoscerà l’amore per una sua insegnante che,  a differenza delle altre colleghe, usa con le ragazze modi più gentili:  Manuela, travisando il suo  sentimento, confesserà pubblicamente il suo  amore con la conseguenza tragica di uno  scandalo.

In effetti Mädchen in Uniform è considerato  come essere il primo  film a tema lesbico  della storia del cinema, senza dimenticare che la stessa autrice del libro  Christa Winsloe, non nascondendo il suo  essere lesbica, nei  propri  romanzi  non aveva timore di  parlare di  rapporti  di  amore al  femminile.

Il film, pur avendo  avuto un buon successo, non scampò alla censura nazista la quale,  dietro al  fatto  che si parlasse di  lesbismo, aveva come obiettivo principale  quello di  colpire sia Leontine Sagan che gli altri  appartenenti  alla troupe tutti  di origine ebraica.

La stessa attrice Hertha Thiele, che interpretava il ruolo  di Manuela, pur non essendo  ebrea ma profondamente antinazista, dovette fuggire in Svizzera nel 1937 trovando impiego  come assistente in una clinica psichiatrica (tornerà  a lavorare per il teatro  e la televisione alla fine delle guerra).

Non fu  solo il regime dispotico  come quello  nazista a censurare Mädchen in Uniform perché  nel 1932  la censura americana si oppose alla sua programmazione e, solo  in un secondo  tempo, grazie all’intervento  di Eleanor Roosevelt, la pellicola ebbe il nullaosta, anche se con alcuni  tagli  nelle scene considerate più osé.

Nel 1958 Ragazze in uniforme  ebbe una nuova versione per la regia di Gèza von Radvànyi

Nel 2006 la regista americana Katherine Brooks  utilizzò Ragazze in uniforme come base per la sceneggiatura del  film Loving Annabelle.

Al termine la scena del  bacio nel  film Mädchen in uniform (…è solo un bacio  innocente)

Alla prossima! Ciao, ciao…..