Lo spazio è pieno di vita (bisogna solo scoprire dov’è)

Spazio

La prova più evidente che esistono altre forme di  vita intelligente nell’universo è che nessuna di  esse ha mai provato a contattarci

Bill Watterson

Tanto  spazio per essere disabitato?

L’ironica frase di  Bill Watterson ha un sottinteso, che è quello di  credere nella possibilità di  esistenza di  altre forme di  vita nell’universo (e che gli stessi extraterrestri, guardando la nostra storia fatta in parte  di  guerre e pregiudizi, preferiscono defilarsi).

A fare da contrappunto  alla dichiarazione del  fumettista è quella di uno  scienziato del calibro  di  Enrico  Fermi (anche se la  frase a lui  attribuita sembra essere stata estrapolata da un discorso  più ampio):

Se gli extraterrestri  esistono in abbondanza, alcune forme di  vita avrebbero raggiunto un grado  di  civiltà tale da avere inventato i viaggi interstellari.

Come mai  non sono ancora arrivati  fra noi?

A ben vedere la risposta potrebbe essere la stessa data alla frase di Bill Watterson…..

Eppure, secondo alcuni, gli extraterrestri visitando in passato la nostra cara Terra avrebbero lasciato  testimonianze di  sè e  cioè: cerchi  nel grano, piramidi, geoglifi  (Nazca) fino allo  schiantarsi  della loro nave spaziale e conseguente segregazione in basi ultra segrete (vedi  Area 51).

Ma se alla fantasia non si può porre dei limiti, la scienza utilizzando i suoi metodi non pone limiti  alla scoperta di una possibile forma di  vita: per questo motivo sono nati progetti  ad hoc quali  SETI  e messaggi  della nostra esistenza  come quello lanciato insieme alla sonda Pioneer 10  il 3 marzo 1972.

spazio
Simboli inseriti nella sonda Pioneer 10, con indicazioni sul nostro pianeta nel caso la sonda venga intercettata da una civiltà extraterrestre.

Sinceramente non so dove sia finito Pioneer 10 (forse venduto  come pezzo  d’antiquariato  al  mercato  di  Tatooine) ma è certo che, oltre al nostro sistema planetario, di mondi  ve ne sono  a bizzeffe, e vuoi  che almeno  uno  non ospiti una civiltà avanzata?

Di  questo ne è convinto l’astronomo statunitense Frank Drake (co – fondatore insieme a Carl Sagan di  SETI) a cui  si  deve la formula matematica, nota come equazione di  Drake o formula di  Green Bank,  calcola il numero  di  civiltà extraterrestri  esistenti  nella nostra galassia in grado  di  comunicare con noi.

Equazione di Drake (fonte Wikipedia)

Segnali  dallo  spazio profondo

Immaginiamo per un momento di essere un astronomo  di  turno in uno dei  radiotelescopi utilizzato nel programma SETI: è notte, fa molto caldo (è il giorno  di  ferragosto  del 1977), non abbiamo internet, niente WhatsApp, Instagram o Facebook: solo  qualche rivista, magari un libro per riempire le lunghe ore della notte.

Improvvisamente le macchine evidenziano un segnale di  forte intensità proveniente al  di là del sistema solare, precisamente dalla costellazione del  Sagittario,  la cui  durata è poco più di un minuto.

L’astronomo corre a stampare il tabulato dell’analisi del segnale anomalo, evidenziando  la traccia con un grosso  Wow!

spazio

 

Naturalmente questa è solo  una mia  fantasiosa ricostruzione di  quella notte: in verità Jerry R. Ehman, l’astronomo di  turno  presso il radiotelescopio Big Ear dell’Università statale dell’Ohio impiegato  nel programma SETI, era molto impegnato  nel  suo  lavoro tanto  che, allo  stupore di  quanto visto, fece subito  capolino  la razionalità dello  scienziato il quale,  senza escludere che la causa di  quel  segnale poteva essere quello  inviato da una civiltà tecnologicamente avanzata, non scartava l’ipotesi  che esso  fosse del  tutto naturale.

Da allora quello  che storicamente venne chiamato  Wow Signal non si  ripeté mai più.

Ma qualcosa di  analogo  è accaduto  solo pochi  giorni fa e cioè quando  gli  astronomi addetti  al Breakthrough Listen Project, utilizzando il radiotelescopio Parkes posto nel New South Wales in Australia, hanno  captato un segnale anomalo  proveniente dalla stella Proxima Centauri che dista dal  Sole solo 4,2 anni  luce (una bazzecola se si  possiede il motore a curvatura della nave stellare Enterprise, quella di  Star Trek).

Anche in questo  caso, però, la cautela è massima tanto  che lo stesso  SETI osserva che le possibili fonti del  segnale potrebbero essere diverse, anche proveniente da uno  dei 2700 satelliti  orbitanti  intorno  alla Terra.

Quale linguaggio per comunicare con ET?

 La soluzione che trovò Steven Spielberg per comunicare con gli  alieni nel  film Incontri  ravvicinati  del  terzo  tipo è senz’altro molto  spettacolare (ma altrettanto chiassosa), eppure nella realtà, e in passato, altri  hanno avuto qualche idea per comunicare con gli  alieni. 

Come, ad esempio, l’astronomo austriaco  Joseph Johann von Littrow il quale nel 19° secolo pensò che la cosa migliore fosse quella di  scavare enormi trincee nel deserto  del  Sahara per poi  riempirle di  acqua e petrolio e dare quindi fuoco  al tutto  affinché il messaggio  potesse essere visto da qualunque alieno  di passaggio  sulla Terra.

Più seria (e decisamente meno inquinante) fu  la scelta di  creare un vero  e proprio linguaggio basato  su  formule algebriche creato dal  matematico  tedesco Hans Freudenthal.

A questo linguaggio  venne dato il nome di Lincos e  descritto  dall’autore stesso  nel  libro Design of a Language for Cosmic Intercourse, Part 1 (la seconda parte non venne mai  scritta per la morte di Hans Freudenthal avvenuta nel 1990).

Per quanto  la comunità scientifica abbia in maggior parte accolto in maniera favorevole Lincos, il linguaggio non è mai  stato utilizzato  per inviare messaggi  nello  spazio.

A questo punto  come non ricordare quello che  invece fu  inviato dall’osservatorio  di  Arecibo nel 1974 e rammaricarci  del  crollo per mancanza di  manutenzione di  questo storico radiotelescopio.

spazio

Per concludere 

La distanza, misurata in anni luce tra noi  e gli  eventuali  loro, non è un problema da poco: mettiamo  il caso che ET mandi il suo  ciao alla velocità della luce e che il suo pianeta disti  dalla Terra centinaia se non migliaia di  anni luce, per cui  la nostra educata risposta al  suo  ciao impiegherebbe lo stesso  tempo  per arrivare al pianeta X: in questo  lasso  temporale può essere che uno  delle due civiltà (se non entrambe) si  siano  estinti  per varie cause come, ad esempio, l’impatto  con  un asteroide (i dinosauri  ne sanno  qualcosa).

Eppure gli  scienziati hanno teorizzato una possibilità per accorciare queste  distanze attraverso i wormhole (o  tunnel  spaziali….ancora Star Trek)

La teoria fu ipotizzata da Albert Einstein e Nathan Rosen nel 1935 utilizzando la Teoria della relatività generale e, quindi, l’esistenza (teorica) dei  wormhole.

Tutto qui!

ALTRI SCRITTI

La Luna tra la grande Madre e la scienza 

In viaggio verso  le stelle e mondi  alieni

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

 

Il cambiamento climatico non è solo un gioco

cambiamento  climatico

Quando  si  interviene in modo molto  violento  sull’ambiente si provocano  squilibri  ecologici ma, soprattutto, si  creano  condizioni ideali per lo  sviluppo  di microrganismi patogeni.

I dati  a disposizione dicono  che le malattie emergenti sono, nella maggior parte dei  casi, dovute ad agenti patogeni che già esistevano in focolai  ristretti e che sono usciti  dall’ombra  perché hanno beneficiato di modificazioni improvvise dell’ambiente.

Tratto  da un’intervista a Stephen Morse dell’Università Rockefeller di  New York (ottobre 1996)

Il cambiamento  climatico e la pandemia

Quando  ventiquattro  anni  fa Stephen Morse pronunciò quelle parole in un’intervista certo non pensava che quello che affermava  sarebbe accaduto  un paio  di  decenni  dopo, e cioè la pandemia da Covid – 19 che (tragicamente) stiamo  vivendo.

Come del  resto avevamo relegato  a un mero  ricordo  del passato l’altra pandemia avvenuta giusto un secolo  fa e cioè la febbre Spagnola che causò la morte di  cinquanta milioni  di individui in tutto il mondo.

Il confronto con la malattia del passato non deve, però, spaventarci: oggi  la scienza è in grado di offrire vaccini per sconfiggere del tutto la pandemia, anche se da più parti si levano  dubbi riguardo  alla  velocità con la quale diverse case farmaceutiche hanno approntato  il proprio  vaccino per metterlo in commercio (immaginate un po’ il fiume di  denaro che gira intorno  a questo  business) a scapito di una sperimentazione che, di  solito, dura ben  più di  qualche mese.

Certo è che il virus del  Covid – 19 è stato trasmesso  da animale (pipistrello?) a uomo ma, ritornando  alle parole di  Stephen Morse, è indubbio che uno squilibrio  ecologico sia stato, come dire, il detonatore che ha fatto  esplodere la pandemia.

Tralasciando la retorica dell’usciremo migliori  da questa esperienza  – per il momento  vedo intorno  a me  persone per lo più impaurite e disorientate dai  continui proclami  di  scienziati che dovrebbero pensare di più al proprio  lavoro  che presenziare nei  talk – show (senza per questo dimenticare lo stillicidio dei continui Dpcm che instillano  solo ulteriore confusione) – penso  che ormai sia giunto il momento in cui  le nazioni hanno  compreso  che il tanto  auspicato Green New Deal non può più attendere per far si  che la nostra vita diventi migliore

Il gioco che non è un gioco

cambiamento  climatico

Change Game è un gioco  di  simulazione (in realtà è una App)  in cui  intervenendo  su  diversi  parametri si può vedere il loro effetto generale su l cambiamento climatico.

 L’App  è stata ideata dal Centro Euro -Mediterraneo sui  Cambiamenti  Climatici ( CMCC) ed è scaricabile gratuitamente sia da Google Play che App Store.

cambiamento  climatico

Più complesso è il programma di  simulazione Climate interactive En-Roads progettato dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) attraverso  la sua scuola di  business  Sloan School of Management: il simulatore permette di  esplorare le conseguenze sul clima dovute alle politiche energetiche, crescita economica e consumo  del  suolo, oltre che fornire una valutazione sulle scelte per contenere l’aumento della temperatura futura entro i 2°C.

…….Qualcosa di più semplice?

Il libro in anteprima

Nell’ottobre del 2012 David Quammen, scrittore e divulgatore scientifico  statunitense, diede alle stampe Spillover  sulla possibile pandemia dovuta a un virus che avrebbe fatto un salto  di  specie.

Il libro  ebbe un notevole successo e oggi, più che mai, una sua lettura sarebbe consigliabile.

Non vengono da un altro pianeta e non nascono dal nulla. I responsabili della prossima pandemia sono già tra noi, sono virus che oggi colpiscono gli animali ma che potrebbero da un momento all’altro fare un salto di specie – uno spillover in gergo tecnico – e colpire anche gli esseri umani.

Il libro è unico nel suo genere: un po’ saggio sulla storia della medicina e un po’ reportage, è stato scritto in sei anni di lavoro durante i quali Quammen ha seguito gli scienziati al lavoro nelle foreste congolesi, nelle fattorie australiane e nei mercati delle affollate città cinesi.

L’autore ha intervistato testimoni, medici e sopravvissuti, ha investigato e raccontato con stile quasi da poliziesco la corsa alla comprensione dei meccanismi delle malattie.

ALTRI SCRITTI

Green New Deal? Possiamo almeno provarci

Il glifosato, un problema non ancora risolto

In viaggio verso  le stelle e mondi  alieni

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Cronobiologia per gufi e allodole (ma non solo)

cronobiologia

La cronobiologia, dal greco χρόνος chrónos (tempo) e da biologia (studio della vita), è una branca della biologia che studia i fenomeni periodici (ciclici) negli organismi viventi e il loro adattamento ai relativi ritmi solare e lunare.

Questi cicli sono noti come ritmi biologici.

Definizione tratta da Wikipedia⌋ 

Siete allodole o  gufi?

Premesso  che tutti  gli  studi scientifici  portano  alla conclusione che dormire otto ore è salutare sia  per l’organismo che  la mente, voi  vi  considerate fra le persone che adorano  essere mattiniere (le cosiddette allodole) oppure quelle per cui le ore della notte vanno vissute piuttosto  che dormire (allora appartenente alla categoria dei  gufi o  dei vampiri, fate un po’ voi).

Se non siete sicure di  dove collocarvi fra allodole e gufe niente paura: esiste il MEQ (morningness – eveningness questionnaire) e cioè un questionario  scientificamente validato per poterlo  scoprire (potete scaricarlo  da questa pagina)

MEQ-SA-IT

 

Per quanto  riguarda il comportamento  morale, e sempre secondo  gli  scienziati, sembra che le allodole abbiano la predisposizione a mentire e tradire di più verso sera mentre,  al contrario, gufi  e gufe preferiscono  l’inizio  di  giornata per farlo.

In ogni  caso gufi  e allodole sono  solo gli  estremi di un’identità circadiana che può variare per diversi fattori tra i  quali l’età, esigenze lavorative (sveglia all’alba o  turni  di notte)  e  quella di portare a spasso  il cane, perché  al quadrupede   se scappa la pipì non gli interessa se siete gufe o  allodole o una via di  mezzo.

Il nostro orologio biologico 

cronobiologia

 In questa simpatica immagine la zona in rosso indica la posizione dell’ipotalamo, struttura del  sistema centrale nervoso  molto importante per quello  che viene considerato il nostro orologio  biologico interno.

Nell’ipotalamo è presente il nucleo  soprachiasmatico composto  da 20.000 geni i quali  esprimono la relazione tra quantità di luce e funzioni fisiologiche del nostro organismo: quindi, il nucleo  soprachiasmatico, adattando  la sua attività alle variazioni di luminosità, interagisce con le altre aree del  cervello come se fosse una centralina di  comando.

Per quanto  riguarda l’esposizione quotidiana alla luce solare, oltre che incrementare la produzione di vitamina D, ha un altra funzione fisiologica fondamentale e cioè il rilascio  di  dopamina, importante neurotrasmettitore coinvolto in molteplici  attività tra le quali la regolazione  del  sonno, i meccanismi del piacere e quelli  del movimento e le facoltà cognitive e di  attenzione.

Eppure, nonostante la scienza abbia pensato per anni che le variazioni  fisiologiche del nostro organismo  dipendessero  unicamente dall’alternarsi del  ciclo  giorno – notte, già nel 1729 lo  scienziato  francese Jean Jacques Dortous de Mairan, osservando l’aprirsi  e il chiudersi  delle foglie della mimosa pudica nelle 24 ore anche in condizione di  buio  assoluto, intuì l’esistenza di un ciclo  vitale endogeno presente in ogni specie, essere umano  compreso.

Infatti, studi  condotti  negli  anni ’80 del  secolo  scorso  su soggetti volontari  in isolamento  in una  grotta, dimostrarono l’esistenza di questo  ritmo  endogeno del nostro  organismo  funzionante senza sincronizzarsi con il ciclo  giorno – buio e per di più con una durata all’incirca di 25 ore..

Attenzione, però: questo orologio interno è molto  sensibile, per cui una sua desincronizzazione può dipendere anche dalle nostre attività.

Ad esempio l’esposizione alla luce nel  corso  della notte (specie quella emessa dagli  schermi dei nostri  device) altera la biosintesi  della melatonina, ormone fondamentale nel  funzionamento dei ritmi  circadiani. 

La nascita della moderna cronobiologia risale a una ventina di  anni prima, nel 1960, presso il Cold Spring Harbor Laboratory  di  New York più di  centocinquanta studiosi si  riunirono  per definire le basi scientifiche legate ai  ritmi biologici.

Nel 2017 il Karolinska Institut ha assegnato il premio  Nobel  per la medicina a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young per le loro  scoperte sui  meccanismi molecolari  che controllano  il ritmo  circadiano.

La cronobiologia nella Medicina Tradizionale Cinese

In questo mio  articolo sulla cronobiologia (articolo  a solo  scopo informativo e non esaustivo  dell’argomento) non potevo  tralasciare quello  che la Medicina Tradizionale Cinese dice sulla cronobiologia e cioè il riferimento al  flusso  di  energia (Qi) all’interno  dei 12 canali principali (i Meridiani) presenti  nel  corpo  umano durante l’arco  della giornata.

Nella MTC ogni  meridiano è collegato  a due ore della giornata, per cui  avremo 12 meridiani in un ciclo  bi orario legato  a organi e visceri.

Il flusso  di  energia non è costante nella giornata, ma ha un suo  minimo e massimo per ogni organo  o viscere (vedi l’immagine seguente)

cronobiologia

Il libro in anteprima

Vivere in sintonia con il proprio orologio biologico

È certamente esperienza comune che esistono momenti della giornata in cui ognuno di noi si sente più o meno in forma nelle proprie attività quotidiane: concentrazione, attenzione, studio, memoria, lavoro, attività fisica, sportiva, sonno e così via.

Qualcuno di noi preferisce le ore del mattino, dove è già fresco e pimpante, mentre la sera crolla presto; qualcun altro invece ama la notte e non andrebbe mai a letto, ma il risveglio mattutino è un vero dramma… Ma quanti sanno che tutto questo ha solidissime basi scientifiche, che l’attività ritmica di ogni cellula di ogni organismo vivente è scritta nel DNA dei nostri geni, e che la rotazione della Terra sul suo asse, con la conseguente alternanza di luce e buio, rappresenta il regolatore del nostro cervello?

È come se avessimo un vero e proprio orologio, e anche di gran marca e super preciso, che scandisce ogni momento della nostra vita. Solo che questo orologio non lo portiamo al polso, ma si trova nel nostro cervello.

Un affascinante viaggio nel mondo dei ritmi biologici e della cronobiologia accompagnati per mano da Roberto  Manfredini, professore ordinario  di  Medicina Interna presso l’Università degli  Studi  di Ferrara e uno  dei  massimi  esperti italiani  di  cronobiologia⌋ 

ALTRI SCRITTI

Meteorologia e nuvole, una storia in poche parole

Cosmetici, una guida per conoscerne i  componenti

La salute nelle Linee guida per l’alimentazione

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

 

 

Meteorologia e nuvole, una storia in poche parole

Meteorologia

  Piove,

piove, senti  come piove, senti  come viene giù..

Jovanotti – Piove

Con la testa tra le nuvole 

Personalmente sono molto  affezionata alla ranocchietta che illustra il meteo sul mio  smartphone con sistema android: non sempre le previsioni sono quelle giuste, ma vederla con l’ombrello oppure, al  contrario, stendere il bucato  al  sole, mi  allieta l’animo.,

Volendo  avere delle informazioni  più dettagliate, le app dedicate al servizio  meteorologico sono tante , e tutte, più o meno, sono vicine a dare previsioni azzeccate (ricordando il limite massimo che per esse è di  tre giorni).

 C’è sempre chi si  affida al  comportamento  del  gatto  di  casa per sapere che tempo  farà: se si lecca la zampa e se la passa dietro  all’orecchio (dicono  che) pioverà.

A causare il maltempo (e il  suo  opposto) concorrono   diversi  fattori fisici, tra i quali  temperatura, umidità relativa, velocità del vento, pressione atmosferica, ma anche l’osservazione delle nuvole può esserci  d’aiuto, specie se siamo  su  di un sentiero  durante un escursione (ma è sempre meglio guardare le previsioni prima di partire).

In quanti  sanno  effettivamente quale sia la differenza tra cumulonembi, cirri, cirrocumuli?

A darci  una mano  in questo è la rivista di  Meteorologia dell’  Aeronautica Militare (il pdf può essere scaricato  da questa pagina)

6_ART VILLASMUNTA_FIN_N

 

Aggiungo  che il primo  a catalogare le nuvole, e dare loro i nomi  che tutt’ora utilizziamo, fu nel 1802 il meteorologo  inglese Luke Howard, il quale  ebbe come grande estimatore del  suo  lavoro lo scrittore Johann Wolfgang von Goethe che gli  dedicò addirittura una poesia:

Lui invece, Howard, ci offre con pura competenza

I più stupendi frutti della nuova scienza.

Quel che fermare, raggiunger non si può

Egli, per primo, l’afferra e lo trattiene;

Determina l’indeterminato, lo delimita,

Lo definisce in modo pertinente! — A te sia la gloria!

Goethe – La forma delle nuvole

L’uomo che inventò le previsioni meteo

Meteorologia
Robert Fitzroy

Robert Fitzroy  (Ampton Hall, 5 luglio 1805 – Londra 30 aprile 1865) storicamente è conosciuto  per essere stato  il comandante della Beagle che accompagnò Charles Darwin nel 1831 in giro per il mondo per elaborare la teoria di  quest’ultimo sull’origine della specie (il viaggio  durò ben cinque anni)

I due furono legati  da una profonda amicizia che si  spezzò quando, nel 1859, Darwin pubblicò la sua teoria sull’evoluzione basata sulla selezione naturale: Fitzroy, fervente credente, bollò come blasfemia la tesi  del  suo (ormai  ex) amico, allo stesso modo  venne ricambiato dallo  scienziato che affermò che la pretesa di  Fitzroy di prevedere il tempo atmosferico era in contrasto con il controllo divino (in poche parole Dio solo  decideva se doveva piovere o no).

Robert Fitzroy era comunque un uomo determinato tanto  che a soli 24 anni, nel 1829, mappò quelle che allora erano le inesplorate coste dello Stretto  di  Magellano e della Terra del  Fuoco  doppiando  Capo  Horn, portando  dietro di  se un autentico  arsenale scientifico per la rilevazione cartografica, termometri, igrometri e pluviometri al  fine di  scoprire come si  formassero  le tempeste.

Nel 1859 gli  fu  assegnata la guida del  Servizio  meteorologico inglese e si  deve  sempre  a lui  il termine di  previsioni del  tempo.

Grazie ai  fondi  ottenuti  dal  governo  inglese riuscì a installare una rete composta da tredici  stazioni meteorologiche poste lungo  le coste dell’Inghilterra, collegate tra loro  attraverso il telegrafo e inaugurata nel  settembre del 1860: qualche mese dopo, cioè nel febbraio  del 1861, Fitzroy emise il primo avviso  di  tempesta della storia.

 Purtroppo  per lui la tecnologia di  allora non era sufficiente per avere certezze assolute sul tempo  atmosferico, per cui, il più delle volte, le previsioni  erano errate e questo comportò da parte degli  armatori, costretti a tenere le proprie navi  al  riparo  dei porti  anche con condizioni  favorevoli, un’accesa ostilità.

A loro si aggiunse anche il giudizio  negativo sul  suo  operato dell’opinione pubblica (opinione strumentalizzata dagli  articoli  denigratori  del  Times): Fitzroy, avvilito  e depresso da questi  continui  attacchi, nella domenica del 30 aprile 1865 si  suicidò.

Piccola parentesi

Meteorologia
James Glaisher

In questo mio  excursus sulla nascita della moderna  meteorologia non potevo non accennare alla figura di James Glaisher (Londra, 7 aprile 1809 – Londra, 7 febbraio 1903) 

 Fu membro  fondatore della Meteorological Society (1850) e dell’Aeronautical Society of Great Britain (1866), nonché presidente della Royal Meteorological Society dal 1867 al 1868.

La sua fama è dovuta soprattutto a quella di pilota di mongolfiere per lo  studio  degli  strati  più alti  dell’atmosfera: nel 1862 riuscì a superare gli 11.000 metri  di  altezza (la stessa utilizzata dai moderni  aerei di linea).

Inoltre, come meteorologo del  governo, elaborò i  dati  inviati  a Londra da ventinove stazioni  sparse sul territorio per poi  pubblicarli  sul Daily News: erano  nati i bollettini meteo  (quelli  della mia ranocchietta)

Alla figura di James Glaisher si  è ispirato il regista Tom Harper per il film The Aeronauts con Felicity  Jones Eddie Redmayne nei ruoli  principali (il film è disponibile su  Amazon Prime Video).

Il libro in anteprima

Cosa sono le nuvole? Forse è più interessante chiedersi cosa ci porta a guardarle, mentre passano sulle nostre teste, correndo chissà dove.

A volte le fissiamo cercando una forma nascosta, perché speriamo in un segno, oppure le scrutiamo preoccupati che ci guastino una domenica fuori porta.

Che sia per gusto o per necessità, non riusciamo a fare a meno di interrogarle, di metterle nei nostri pensieri.

Sarà per questo che ci accompagnano sempre: affiorano nei disegni dei bambini, nelle poesie degli adolescenti, nei sogni a occhi aperti degli adulti. Poco importa che siano fatte d’acqua o di immaginazione: il loro peso non cambia. Passano sulle nostre vite gettando ombre, aprendo squarci di luce, portando piogge che di volta in volta si rivelano catastrofiche o provvidenziali.

Non siamo semplici spettatori della loro corsa, perché il nostro destino dipende dalle loro rotte, dal loro colore. Ecco perché dobbiamo imparare a decifrarle, a comprenderne il linguaggio.

E per farlo dobbiamo rivolgerci alla meteorologia, perché dalle nuvole ha appreso il senso della mutevolezza: cercare conferme accettando gli imprevisti e attraversare il nostro tempo provando a intuirne i cambiamenti.

Questa è la filosofia delle nuvole di cui parla Luca Mercalli: non una dottrina, ma un’attitudine. Un invito a osservare, a restare in ascolto, a coltivare il dubbio e a non rinunciare mai al proprio diritto di sdraiarsi a guardare il cielo. Perché avere la testa fra le nuvole non è sempre un difetto.

ALTRI SCRITTI

I veleni in natura nel mondo  animale 

Infine, cinquant’anni fa, si partì per la Luna 

Valanghe e Tavole (di  Courmayeur): l’argomento

Titoli  di  coda

Ho iniziato l’articolo con le parole di  Piove di Jovanotti e non potevo  che terminare con il video  della sua canzone

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

La Luna tra la Grande Madre e la scienza

 

Luna

  Fu allora che vissi l’effetto luna piena.

L’avevo chiamato  così.

Mi sentivo come una grande luna he continua a crescere piano  piano, notte dopo  notte, per arrivare allo  stadio  completo, luminosissimo, in cui niente manca, niente è  di  troppo…

Nella vita di  tutte noi c’è una luna piena.

Se soltanto sapessimo  riconoscerla per godercela almeno un po’, per sentirci  diafane e realizzate.

 Marcela Serrano

Luna sempre tu  cresci  e decresci…

Non ne abbia a male Carl  Orff se ho  utilizzato le parole del prologo  dei Carmina Burana, quelle  appunto contenute ne La Fortuna,  come sottotitolo  dell’articolo, ma è proprio  questo  crescere e decrescere del nostro satellite che, sin dal passato, rappresentava il ciclo che dalla morte portava alla rigenerazione, nonchè il potere degli inferi  e tutte le attività misteriose e notturne: quest’ultima dote ben  rappresentata da Ecate, la dea dalla triplice forma che regnava sui  demoni, i fantasmi e sull’arte della negromanzia, la quale presenza veniva preannunciata dal  latrare dei  cani di notte (c’è ne uno in particolare che lo  fa ogni  sera sotto il balcone di  casa mia….sarà un’avvertimento?).

Luna
Disegno di Stéphane Mallarmé – Le Dieux Antiques (Parigi, 1880)

Alla figura piuttosto   dark di  Ecate, si  contrappone quella più luminosa della Grande Madre:  divinità femminile antica quanto l’essere umano alle sue origini , dea del  ciclo  della vita e del volgere delle stagioni rappresentato proprio  dalle fasi lunari

Per  Carl Gustav Jung la Grande Madre (o  Dea Madre) è una delle potenze numinose dell’inconscio con la funzione di  essere allo  stesso  tempo una figura distruttrice e salvatrice.

Per me la Luna rappresenta quel  disco  luminoso dispensatrice di pensieri e armonia (nonchè l’avviso  che è ormai  ora di  andare a nanna, a meno che non voglia trasformarmi in una lupa mannara).

La Luna che è in cielo  

Fra le teorie che si  sono fatte per dare una risposta scientifica alla nascita della Luna,  quella che sembrerebbe per il mondo scientifico più plausibile è l’impatto  gigante.

La teoria fu  proposta nel 1975 dall’astronomo pittore William Hartmann il quale  ipotizzò l’impatto di  un corpo celeste  dalle dimensioni  di Marte (chiamato  Theia) con il nostro pianeta e, dal  materiale espulso da quella collisione rimasto poi nell’orbita circumterrestre, è nata la nostra Luna.

Nell’immagine seguente la rappresentazione grafica a opera dello  stesso Hartmann

 

 

Nel 2036 l’asteroide  99942 Apophis passerà molto (troppo) vicino  ala Terra tanto  da ipotizzare una possibilità d’impatto  su  centomila (azzeccare la sestina del  Superenalotto è tremendamente più difficile): nel malaugurio  che ciò accada , forse potremmo  consolarci  con la vista di  una seconda luna.

Intanto la nostra Luna, molto  alla chetichella,  si allontana da noi di  quattro  centimetri  all’anno per via di un complicato  meccanismo in cui  l’attrazione gravitazionale dei  due corpi  e l’accelerazione del  sistema di  rotazione Terra – Luna sta aumentando di  velocità.

Non avendo tempo  per poter prendere una laurea in astrofisica e, quindi, darvi una spiegazione esauriente del  fenomeno, vi  rimando alla pagina del  sito 3Bmeteo  dove viene anche spiegata la conseguenza sul clima di  questo lungo  addio.

Due passi  sulla Luna

Scherzavo: non è la passeggiata lunare di  Michael Jackson ad avere l’onore di  concludere questo  articolo, ma quella egualmente emozionante (direi anzi  di più) di  Neil Armstrong il 20 luglio 1969: il primo uomo  a imprimere le proprie orme sulla Luna, da cui  la famosa frase

Questo è un piccolo  passo  per un uomo; un gigantesco  balzo  per l’umanità

Di questa storica passeggiata lunare abbiamo già visto  e rivisto il video, ma oggi grazie alla tecnologia è possibile rivederlo in alta definizione.

 

Questo  risultato  è stato  ottenuto  dall’ esperto del  restauro di  video  e immagini Dutchsteammachine (si  fa chiamare proprio  così) che ha utilizzato la tecnologia che sta dietro  all’ intelligenza artificiale chiamata DAIN (Depth – Aware video frame Interpolation)

Dain è open source, quindi  scaricabile gratuitamente da questa pagina (seguire le indicazioni per l’installazione; per restaurare un video  di  5 minuti occorrono dalle 6 alle 20 ore:  auguri!).

Il libro

Luna e Grande Madre, simbologia del  femminile e astropsicologia: tutto nel libro Simbologia della Luna scritto  dall’astrologa Lidia Fassio.

Si può leggere per approfondimento o  per semplice curiosità, comunque l’anteprima vi  fornirà un assaggio  di  ciò che il libro  contiene.

Luna

 

La Luna affonda le proprie radici nell’antico simbolo della Grande Madre e ha a che fare con la parte più naturale e istintiva del femminile, che si esprime nella riproduzione e nell’attaccamento alla famiglia, al clan, alla vita ma, soprattutto, alla terra.

L’Astropsicologia offre la straordinaria possibilità di leggere negli aspetti legati alla Luna di nascita il modo in cui ciascuno di noi è in grado di vivere questo archetipo, di relazionarsi con il proprio mondo interiore e con gli altri.

Unendo la ricerca mitologica a quella astropsicologica, Lidia Fassio dà al lettore l’opportunità di conoscere la Luna nelle profondità e di scorgere, anche solo per un momento, un lato nascosto di se stesso. Il volume è arricchito dalle illustrazioni delle Carte della Luna disegnate da Paola Paramatti.

ALTRI SCRITTI

Di Carl  Orff e della sua opera dei  Carmina burana  ho  scritto:

Carmina burana: dal  Medioevo  alla partitura del  Novecento di Carl  Orff

Sullo  storico allunaggio  del 1969:

Infine, cinquant’anni fa, si partì per la Luna

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Cosmetici, una guida per conoscerne i componenti

Cosmetici

Poi la porta si  spalancò.

Ed entrò quella donna.

Tutto  quello  che posso  dirvi e che ci sono miliardi  di  donne, sulla terra, Giusto?

Certune sono passabili.

La maggior parte sono abbastanza belline, ma ogni  tanto  la natura fa uno  scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile.

Cioè, guardi  e non ci puoi  credere.

Tutto è un movimento ondulatorio perfetto, come l’argento  vivo, come un serpente, vedi una caviglia, un gomito, un seno, un ginocchio, e tutto  si  fonde in un insieme gigantesco, provocante, con magnifici  occhi  sorridenti, bocca leggermente piegata in giù, labbra atteggiate in modo che sembrano scoppiare in una risata alla tua sensazione di impotenza.

E sanno  vestirsi, e i loro  lunghi  capelli incendiano l’aria.

Troppo di  tutto, accidenti.

Charles Bukowski – Pulp ⌋  

Prima di parlare di  cosmetici….

E bravo Charles Bukowski.

Non so  se nella sua vita abbia mai incontrato  una donna uguale  alla (stupenda e intrigante) descrizione che ne ha fatto in Pulp  l’ ultimo  suo  romanzo  quasi, come presagendo l’avvicinarsi  della fine, abbia voluto mettere per iscritto l’ultimo  suo  saluto  alla bellezza femminile.

  Mi viene anche il sospetto  che Robert Rodriguez abbia letto Pulp per ispirarsi  alla  snake dance mirabilmente interpretata da Salma Hayek in Dal  tramonto all’alba

Sembra che la brava e bella Salma prima di  girare queste scene abbia dovuto fare qualche seduta da uno psicoterapeuta per il terrore che aveva dei  serpenti (come la capisco..)

La guida ai componenti dei  cosmetici

Erodoto in Storie (Libro II, 37) dice come questo popolo  amassero  essere più puliti  che belli e questo, ovviamente, valeva anche per le donne.

Oli e pomate erano indispensabili per combattere il sole e la sabbia portata dal vento, anche allora esistevano prodotti  di  alta cosmesi  e quelli più a buon mercato  come il Chichi che lo  stesso  Erodoto  diceva di  avere un odore nauseabondo.

Per abbellire gli occhi si usava il kohl nella tonalità del  verde e nero mentre per imbellettarsi si usava l’ocra rossa.

A ben vedere era dunque una cosmesi  molto  elementare per nulla paragonabile a quella di oggi, tanto più che anche l’uomo ha imparato a prendersi  cura del proprio  corpo e dove una volta nella parte della mensola del  bagno regnava solo  il rasoio e il dopobarba (ma si, anche il deodorante)  oggi troviamo  creme e cremine a lui  dedicate, tante  quasi  da far invidia a noi  donne.

Nessuna di noi, però, si  sognerebbe di indagare sulle componenti  dei  cosmetici (almeno io  non mi sogno  di  farlo) ma esiste una  nomenclatura contenuta nell’INCI  (International  Nomenclature of Cosmetic Ingredients)

Due parole sull'INCI
Nell’INCI gli ingredienti di un prodotto di cosmesi sono elencati in ordine decrescente, tenendo conto della loro concentrazione. Secondo quanto imposto dalla normativa sulla cosmesi, l’etichetta di ogni prodotto deve riportare l’elenco degli ingredienti contenuti nel cosmetico preceduto dalla parola ingredients: questa regola vale per le sostanze che raggiungono concentrazioni pari o uguale all’1 per cento, mentre quelle le cui percentuali sono inferiori possono essere indicate in ordine sparso

Nel  box seguente l’elenco INCI  tratto dalla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea (per scaricare il documento in Pdf vai  a questa pagina)

C_17_normativa_984_allegato

I libri 

Sono due i libri  che vi propongo in anteprima   quest’oggi: il primo è la Guida pratica alla lettura dell’INCI  della farmacologa Giulia Penazzi mentre il secondo, certo non meno importante, è stato  scritto  da Beatrice Mautino, divulgatrice laureata in Scienze biotecnologiche, nel  suo libro Il trucco  c’è e si  vede smonta molte di  quelle che sono  solo bufale per vendere u prodotto  di  cosmesi.

Cosmetici

Il contenuto del prodotti dermocosmetici è espresso dall’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients).

I consumatori sono sempre più attenti alle reali proprietà dei prodotti dermocosmetici che acquistano e si rivolgono alla farmacia per un prodotto di qualità superiore per componenti e proprietà.

Partendo dal principio che se sai cosa vendi puoi dare forza alla vendita, l’autrice tratta l’argomento non solo per informare sui componenti ma per approfondirne funzioni e funzionalità.

Il volume è diviso in due parti, la prima affronta le principali forme cosmetiche e sottolinea informazioni preziose sugli elementi di base che rendono possibile la realizzazione della forma come ad esempio le varie cere impiegate per la preparazione degli stick labbra, i gelificanti per il gel e così via.
La seconda parte affrontata le funzionalità cosmetiche e le principali sostanze attive toccando vari argomenti della cosmetica come la detersione, l’antiage, i prodotti per l’infanzia, la cosmesi maschile, i solari ecc.

Cosmetici

Siamo sommersi da ogni tipo di informazione sui cosmetici. La televisione ci bombarda di pubblicità, le riviste reclamizzano le ultime novità in fatto di mascara e di miracolosi shampoo riparatori e, in particolar modo su internet, ci imbattiamo di continuo in articoli che ci mettono in allarme su prodotti e ingredienti che ci possono causare disturbi e malattie. Siamo frastornati.

Di quello che ci spalmiamo addosso sappiamo solo ciò che il marketing vuole farci sapere, ovvero poco e, soprattutto, non sempre qualcosa che sia in grado di aiutarci a scegliere in maniera consapevole. La triste realtà è che un’informazione attendibile e critica sui cosmetici nel nostro paese praticamente non esiste.

Beatrice Mautino, biotecnologa e divulgatrice scientifica, ha provato a ovviare a questa grave lacuna mettendosi dalla parte di chi entra in un negozio e vuole acquistare prodotti efficaci e non dannosi per migliorare il proprio aspetto e il proprio benessere, senza essere ingannato dalla pubblicità.

Così fra le pagine di questo libro troverete molte risposte alle tante domande che ci facciamo ogni giorno sui prodotti contro le rughe e la cellulite, sulle creme solari, gli shampoo, le cerette e tanto altro. Non troverete pubblicità, ma solo i trucchi, quelli veri, per difendersi da truffe e false promesse.

Alla prossima! Ciao, ciao...♥♥

Dai funghi alle piante è tutto un mondo da leggere

Funghi

Siamo preoccupati che l’intelligenza artificiale ci  farà sentire inferiori?

Dovremmo invece avere un complesso  di inferiorità ogni  volta che guardiamo un fiore

Alan Curtis Kay

Vegetale non è sinonimo di… 

Lascio a voi completare la frase del  sottotitolo, ma sono  sicura che alla parola vegetale per la maggior parte di noi l’associazione è con un mondo inerte contrapposto  a quello  animale (esseri umani  compresi).

Nulla di  ciò è più sbagliato, ad esempio cosa succede in una pianta quando una singola foglia viene danneggiata?

funghi

Non vi  sembra che dietro  a questa risposta fisiologica vi  sia un comportamento intelligente?

Il problema è che quando  si parla di  comportamento intelligente subito  pensiamo a noi, tutt’al più possiamo estenderlo  anche a qualche specie animale (rimane sempre da chiedersi  se un batterio  o  un virus abbia una qualunque forma di intelligenza) escludendo, quindi, che vi  siano  altre forme di intelligenza come, appunto, quello riferibile alle piante.

Naturalmente le difese passive  o attive delle pante non si limitano a quelle illustrate nell’immagine precedente.

Nel  caso  dell’ortica è un cocktail micidiale di  sostanze urticanti a punire la distrazione di un’ incauta escursionista (la sottoscritta) che pensò bene di planare dopo  una scivolata in un cespuglio di Urtica dioica: serotonina, istamina, acetilcolina, acido  acetico, acido  butirrico, acido  formico  sono gli  elementi  racchiusi  in una struttura chimica non ancora del  tutto  chiara ai  botanici ma, comunque, dall’effetto pruriginoso  devastante.

Di  seguito l’anteprima del primo  dei  due libri  che presento in quest’articolo

Plant revolution di Stefano  Mancuso 

Stefano  Mancuso insegna arboricoltura  all’Università di  Firenze ed è direttore del  LINV  (International Laboratory of Plant Neurobiology).

I suoi  studi e le sue teorie sulla comunicazione nel mondo vegetale ha conquistato parte del mondo  scientifico ma, sopratutto, il pubblico  che lo segue leggendo i suoi  libri

piante

 

Una pianta non è un animale.

Sembra la quintessenza della banalità, ma è un’affermazione che nasconde un dato di fatto di cui sembriamo essere inconsapevoli: le piante sono organismi costruiti su un modello totalmente diverso dal nostro. Vere e proprie reti viventi, capaci di sopravvivere a eventi catastrofici senza perdere di funzionalità, le piante sono organismi molto più resistenti e moderni degli animali. Perfetto connubio tra solidità e flessibilità, le piante hanno straordinarie capacità di adattamento, grazie alle quali possono vivere in ambienti estremi assorbendo l’umidità dell’aria, mimetizzarsi per sfuggire ai predatori e muoversi senza consumare energia. La loro struttura corporea modulare è una fonte di continua ispirazione in architettura.

E ancora: producono molecole chimiche di cui si servono per manipolare il comportamento degli animali (e degli umani) e la loro raffinata rete radicale formata da apici che esplorano l’ambiente può tradursi in concrete applicazioni della robotica.

Sappiamo ormai che allevare vegetali nello spazio è un requisito necessario per continuare a esplorarlo, e spostare parte della nostra capacità produttiva negli oceani grazie a serre galleggianti come Jellyfish Barge può essere una soluzione per soddisfare la nostra crescente richiesta di cibo. Organismi sociali sofisticati ed evoluti che offrono la soluzione a molti problemi tecnologici, le piante fanno parte a pieno titolo della comunità dei viventi.

Se vogliamo migliorare la nostra vita non possiamo fare a meno di ispirarci al mondo vegetale.

I funghi

Sono due le cose che dovete evitare di propormi semmai  (mai) vorreste invitarmi  a cena: lo zafferano  e i  funghi.

Ho  scoperto  da poco  che questa mia avversione per i funghi  ha un nome, e cioè micofobia, nome creato ad hoc dai  coniugi Wasson

I coniugi Wasson tra riti di iniziazione e programmi della CIA
Robert Gordon Wasson e Valentina Pavlovna Guercken, durante le loro ricerche effettuate in Messico sull’uso dei funghi allucinogeni presso le culture native, furono i primi occidentali ad essere ammessi a un rito di iniziazione presso i Mazatechi. Più controverse fu la questione della partecipazione di Robert Wasson al programma di ricerca della CIA denominato MKUltra (dal tedesco Mind Kontrolle Ultra) effettuato tra i primi anni’ 50 e 60 del XX secolo. Lo scopo di tale programma era quello di identificare determinate droghe che, integrate a tecniche di tortura, inducessero la confessione da parte delle persone sottoposte a tale trattamento. Robert Wasson ha sempre dichiarato di aver partecipato a questo programma, ma che in effetti non ne era a conoscenza dello scopo  reale.

Questo non mi impedisce di  parlare dei  funghi che ancora oggi  vengono  considerati come piante ma che, in effetti, hanno una tassonomia non molto  definita.

La micologia va ben oltre la semplificazione tra funghi cattivi e quelli  buoni  da mangiare (mai  fidarsi  di  chi, pretendendo di essere un esperto, propone rimedi  tradizionali con esiti catastrofici), essa studia gli innumerevoli  ruoli  che i  funghi ricoprono  negli  ecosistemi, dalla simbiosi  con le radici delle piante aiutandole ad assorbire acqua e nutrienti, al trasporto  nel  terreno dei  batteri, nonché essere una specie di  collante per il terreno  stesso rendendolo, quindi, più resistente al dilavamento.

Ma la cosa più strabiliante nei  funghi, per meglio  dire quello  che riguarda il loro  micelio, è la comunicazione interna ad esso  che non è solo chimica,  ma che riguarda anche la trasmissione di impulsi nervosi ne più e ne meno come accade nel nostro cervello.

ALTRI  SCRITTI

Parlando  di  avvelenamento da funghi  ho scritto IN PASSATO  questo  breve articolo a riguardo  che troverete in questa pagina 

Merlin Sheldrake è un giovane biologo ed ecologista laureatosi  a Cambridge dove ha continuato  a studiare le reti  di  comunicazione dei  funghi  nella foresta di  Panama.

Nel  suo  libro L’ordine nascosto – la vita segreta dei  funghi descrive ciò che il mondo dei  funghi può insegnarci guardando la vita da un altro punto  di  vista.

funghi

Da sempre la nostra esistenza è legata a quella dei funghi.

Sono elementi essenziali del nostro microbioma, l’insieme dei microrganismi che pullulano nel nostro corpo e che contribuiscono al nostro benessere. Producono sostanze con cui ci curiamo (la penicillina) o con cui modifichiamo la nostra percezione della realtà, come l’alcol e la psilobicina, allucinogeno utilizzato da sempre per mettersi in contatto con mondi ulteriori.

Formano vaste reti sotterranee attraverso cui gli alberi si scambiano informazioni e allo stesso tempo la loro capacità di digerire roccia e legno crea il terreno in cui crescono le piante. Possono sopravvivere nello spazio e prosperare tra i rifiuti radioattivi. Il potere di degradare la plastica e il petrolio greggio viene sfruttato in tecnologie rivoluzionarie che potrebbero aiutarci nella crisi ecologica a cui andiamo incontro.

Nel suo viaggio alla scoperta del regno naturale meno conosciuto il micologo Merlin Sheldrake attinge ad anni di ricerche nelle foreste pluviali di Panama. Combinando storia naturale e nature writing il risultato è un’esplorazione che solleva domande fondamentali sull’origine della vita, di ciò che chiamiamo intelligenza e identità, e offre l’opportunità per osservare il mondo da un altro punto di vista, in cui l’essere umano è solo una delle specie a contribuire alla vita sulla Terra.

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

 

In viaggio verso le stelle e mondi alieni

stelle

Mi domando  se le stelle sono illuminate è perché ognuno un giorno  possa trovare la sua

Antoine de Saint Exupéry

In viaggio  verso  le stelle con la fantascienza

La fantascienza   ha aperto la mente alla  possibilità dell’incontro della nostra civiltà con una aliena:  peccato  che, a parte di pochissime eccezioni, l’alieno in questione sia stato  sempre visto come un predatore del  tipo  Alien & C.

Del  resto, vista l’attuale situazione in cui  viviamo  a causa della pandemia, penso  che un ignaro ET in visita sulla Terra verrebbe immediatamente messo in quarantena o magari multato per aver contravvenuto alle regole del distanziamento  sociale.

stelle
Julie Novakova

Julie Nováková, astrobiologa e scrittrice di  successo, la pensa diversamente, tanto  da collaborare con l’European Astrobiology Institute   per la divulgazione e l’educazione per l’appunto dell’astrobiologia.

Il suo impegno si  concentra in una raccolta di  racconti  di  fantascienza scritti  da   autori celebri ( sono assenti autrice come Ursula Le Guin)  e incentrati  sulla scoperta di forme di  vita abitanti  di  altri pianeti.

Strangest of Hall è il titolo dell’opera liberamente scaricabile da questa pagina  (se non volete leggerlo  direttamente da qui):

Strangest-of-All-Anthology-of-Astrobiological-SF

All’Italia  piace viaggiare verso  le stelle

Parlare di  imprese  spaziali significa per noi  italiani  associare il concetto a nomi  quali Samantha Cristoforetti, Luca Parmitano, Franco  Malerba e altri (l’elenco  completo lo potete trovare in questa pagina di  wired.it).

La  voglia di  spazio  italiana non si  ferma ai nomi dei nostri  astronauti : a parte Galileo Galilei, nel  corso  dei  secoli gli  scienziati  italiani  coinvolti nella scoperta dell’Universo hanno  avuto il privilegio di vedere il loro  nome associato a crateri lunari, asteroidi, comete e altri  corpi  celesti.

Eppure non si  vive solo di  stelle ma anche di denaro: la Space – Economy è il motore economico  che già da adesso muove ingenti  capitali e che nel  futuro la farà ancora di più.

La semplice slide che vedete in basso (sempre opera dell’assistente Gatto  Filippo) può rendere l’idea, mentre per un approfondimento  preferisco  rimandarvi alla pagina dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana)…..ma poi  ritornate qui!

I giovani non  hanno  la testa tra le nuvole, ma nello  spazio

Ultimamente i giovani  sono il bersaglio preferito  nei  media in relazione alla movida  (termine ormai desueto) e gli  epiteti che si  possono ascoltare o  sentire su  di  loro  vanno  dal  classico menefreghisti, al più rustico debosciati per terminare con il rude e testosteronico  teste di *****  (lascio a voi riempire gli  asterischi con la parola mancante).

Al  contrario  non si  vuole parlare dei giovani sottopagati, sfruttati e di  come per loro la parola futuro è a tinte fosche.

Poi, i più fortunati,  sono i cosiddetti cervelli  in fuga che al  termine degli  studi  trovano opportunità di  lavoro (e stipendi proporzionati) all’estero.

Qualcuno  di loro, poi, vede nella Space economy ulteriori possibilità di  lavoro: nel  totale delle ventidue nazioni  che fanno parte dell’Esa (European Space Agency) gli italiani  che hanno fatto  domanda all’Agenzia rappresentano più di un terzo  del  totale e, molto importante sotto ogni punto di vista, è che l’Italia è al primo posto per le candidature femminili.

Concludo con le parole di Fëdor Dostoevskij tratte dal  suo  racconto  giovanile (1848) Notti  bianche:

Era una notte meravigliosa, una di  quelle notti che possono  esistere solo  quando  siamo  giovani, caro lettore.

Il cielo era così pieno  di stelle, così luminoso, che guardandolo  veniva da chiedersi: è mai  possibile che vi  sia sotto questo  cielo gente collerica e capricciosa? ⌋   

Il libro

Nell’articolo  ho  citato Ursula Le Guin, quindi pubblico l’anteprima del suo romanzo  I reietti dell’altro pianeta.

stelle

C’era un muro… Come ogni altro muro, anch’esso era ambiguo, bifronte.

Quel che stava al suo interno e quel che stava al suo esterno dipendevano dal lato da cui lo si osservava.

Sui dei fronti del muro, due pianeti gemelli, Urras e Anarres, illuminati da uno stesso sole ma divisi da una barriera ideologica antica di secoli. Urras è fittamente popolato, tecnologicamente avanzato, ricco, florido, retto da un’economia liberista. Da qui sono partiti nella notte dei tempi i seguaci di Odo che hanno colonizzato l’arido Anarres, fondandovi una comunità anarchico-collettivista che non conosce concetti come proprietà, governo, autorità. In questa società apparentemente perfetta nasce Shevek, genio della fisica alle prese con un’innovativa teoria del tempo, un vero cittadino del cosmo che dedicherà la vita ad abbattere il muro che separa da sempre i pianeti gemelli.

Un’ambigua utopia, come recita il sottotitolo originale del romanzo, I reietti dell’altro pianeta è una grandiosa narrazione che, fingendo di parlare del futuro, racconta il mondo di oggi. Un classico della science fiction del Novecento che, caso quasi unico, ha ricevuto i due più importanti riconoscimenti del genere, il Nebula e l’Hugo.

 

 

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Vulcania: il progetto postumo di Katia e Maurice Krafft

 

Vulcania

La Terra ci  fornisce sul nostro  conto più insegnamenti di  tutti i libri. perché ci oppone resistenza: misurandosi con l’ostacolo, l’uomo  scopre se stesso

Antoine de Saint-Exupéry

Vulcani, una coppia e la loro  passione 

Sull’argomento  vulcani  ho precedentemente scritto l’articolo  Vulcani, supervulcani e carestie: questa volta parlerò sempre di  vulcani ma di  come la passione per essi  ha unito  una coppia di  scienziati  francesi, della loro idea realizzata in un Parco  tematico e della loro tragica fine durante una  missione scientifica.

Vulcania

In questa vecchia foto  del 1980 sono  ritratti  i coniugi Katia e Maurice Krafft già famosi come i primi tra i  vulcanologi a filmare e fotografare i vulcani in attività durante le loro manifestazioni, furono uccisi da una colata piroclastica durante l’eruzione del monte Unzen in Giappone il 3 giugno 1991: lei  aveva quarantanove  anni, lui  quarantacinque.

Si erano  incontrati  per la prima volta all’Università di  Strasburgo dove Katia seguiva il corso  di geochimica mentre Maurice quello  di  geologia.

Entrambi, però, avevano un insegnante in comune: il grande vulcanologo  Haroun Tazieff il quale, dopo  che i  futuri  coniugi  Krafft si laurearono, li portò con se in Italia per studiare l’Etna ( sembra che il connubio  durò ben poco  a causa di  dissapori  tra la coppia e il vulcanologo  già affermato negli i ambienti  dei  mass media oltre che a quelli  scientifici).

Capire quale vulcano era in attività e se era  degno  di  attenzione negli  anni pre – Internet non era certo  cosa facile, per questo i coniugi  Krafft entrarono  a far parte del programma  Global  Volcanism della Smithsonian Institution, dove ancora oggi  convergono le comunicazioni da tutto il mondo sulle eruzioni  in corso, notizie  fondamentali  per chi di professione è vulcanologo ma non solo (il link è stato  messo proprio per placare ogni  curiosità) .

 Il loro progetto  da pensionati era quello  di  vivere alle Hawaii costruendo una casa vicino  al cratere del Kīlauea.

Vulcania

Vulcania

Era il grande sogno  di Katia e Maurice: un gigantesco parco  tematico dedicato  ai  vulcani  da svilupparsi  nelle viscere della terra in una regione ricca di  vulcani  spenti  come il Puy- de- Dôme: l’Auvergne

Il progetto fu  subito  contestato dai  geologi  che lo  vedevano  come una Disneyland scientifica (ma i Parchi  tematici  nascono proprio  per coniugare il divertimento  con l’apprendimento) e con gli  ecologisti  che temevano l’impatto  su  quel  territorio dei  possibili  visitatori  (allora ne erano  previsti  all’incirca 420.000 l’anno).

Nonostante queste riserve nel 2002 Vulcania apre le porte al pubblico raggiungendo, fino a oggi, la quota di oltre cinque milioni  di  visitatori, numero  inferiore a quello previsto in fase progettuale ma pur sempre considerevole.

Vulcania si  trova nel  comune di  Saint-Ours nel Puy-de-Dôme a una quindicina di  chilometri  da  Clermont-Ferrand

INFO

Galleria fotografica 

Quando  ho  visitato  Vulcania mi ricordo  di  aver fatto una lunga fila, ma il  disagio  è stato  ampiamente ripagato dall’allestimento  delle sale che, in maniera chiara a tutti  (anche a una profana come me), portano il visitatore nella geologia e genesi  dei  vulcani.

Queste poche foto non sono  assolutamente esaustive a riguardo.

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

Antartide tra scienza e (pseudo) misteri

Il fascino dell’ignoto  domina tutto

Omero

Antartide, Lovecraft  e valli secche 

“….l’ultima parte del viaggio fu un’esperienza intensa e stimolante per la fantasia. Grandi vette nude e misteriose si  susseguivano  senza posa a ponente mentre il basso  sole nordico di mezzogiorno o l’ancor più basso sole di  mezzanotte, radente l’orizzonte meridionale, rischiarava di luce rossastra le nevi  bianche, i ghiacci bluastri, i canali  che li separavano e, qua e là, nere chiazze scoperte di pendii granitici. Tra le cime desolate si incanalavano rabbiose ed intermittenti raffiche del  terribile vento  antartico, le cui modulazioni facevano  a volte vagamente pensare a   zampogne suonate selvaggiamente…..”

Non trovate che questa descrizione di H.P. Lovecraft tratta dal suo romanzo  Le montagne della follia sia già il presupposto per predisporre la mente alla fascinazione dell’ignoto?  

Di Lovecraft ho già scritto in precedenza a riguardo di un suo  presunto (altamente improbabile) passaggio in Italia e dei misteri del  delta del Po che lo avrebbero ispirato in parte per le sue storie ( articolo ), ma adesso, lasciando a dopo  l’argomento dell’ignoto, voglio  fare una piccola digressione su  quelle zone del’Antartide considerate tra i luoghi più aridi  della Terra  e che si  estendono   su  di una superficie di  5.000 chilometri  quadrati vicino  al Canale di  McMurdo: sono le Valli secche (McMurdo Dry Valleys

Antartide
Mcmurdo Sound

 

L’aridità è la conseguenza dovuta all’azione dei venti  catabatici (o  venti  di  caduta) che, spazzando  via l’aria umida oceanica, ne fa diminuire le precipitazioni  annuali.

 

Antartide

 

Un’altra caratteristica che contraddistingue questo sistema di  valli è quella della presenza di  acqua liquida durante la stagione estiva che, ovviamente, non sarà quella dei  tropici.

Cosa ancora più importante dal punto di  vista scientifico è la scoperta da parte degli  scienziati  della Nasa di  forme di  vita ancestrale: non si  tratta degli esseri primigeni  nati dalla fantasia di  Lovecraftma di  forme batteriche che riescono  a sopravvivere nella relativa umidità presente nelle rocce e di  altri batteri  anaerobici che basano  il loro  metabolismo su elementi  chimici  quali lo  zolfo  e gli ossidi  di  ferro

 Antartide e il mistero del  Lago  Vostok

La seconda parte di  questo articolo  è dedicato a ciò che la fantasia può produrre se la mente si  trova davanti  a un quesito apparentemente insolubile.

E’ ciò che il Lago  Vostok, il più grande dei  settanta laghi  subglaciali finora conosciuti, nasconde  al suo interno.

Si è scritto  di  tutto a riguardo: dai mostri  antidiluviani che vivono  in esso come se fossero in una specie di  habitat simile a quello  inventato  da Julius Verne in Viaggio  al  centro  della Terra, fino ad arrivare alla presenza di un’astronave aliena precipitata in Antartide e che ricorda molto la situazione già vista in La cosa da un altro mondo

Ho  trovato che il film diretto  nel 1951 da Christian NyBy  sia molto più godibile del  suo  remake  La cosa  girato nel 1982  da John Carpenter per la sua deriva all’horror di  tipo  splatter.

Dopo questa divagazione cinematografica ritorniamo  al Lago  Vostok

Antartide
Radarsat: immagine dallo spazio del Lago Vostok

Tra gli  anni 1959 e 1964  durante una serie di  spedizioni  scientifiche russe in Antartide il geografo  russo Andrej Petrovič  Kapica, utilizzando tecnologie di  allora che prevedevano l’analisi  di onde sismiche, scoprì l’esistenza del  Lago  Vostok, cosa confermata nel  corso  degli  anni  con analisi  più approfondite grazie all’apporto  di nuovi  strumenti  di  ricerca.

Tratto da Wikipedia

La  grandezza del lago  fu  determinata solo  nel 1966 grazie alla collaborazione tra scienziati  russi  e inglesi.

Quasi  quattro chilometri  di ghiaccio separano  le acque del  lago  dalla superficie e, grazie a questa specie di incubatrice e al fatto che si  tratta di un lago  di  acqua dolce, si è arrivati  alla conclusione che possa esistere in esso un microambiente vecchio di milioni  di  anni.

Il 7 marzo 2013 i  ricercatori rilevarono la presenza di batteri di origine sconosciuta all’interno del Lago  Vostok: questo  tipo  di  batteri presenta un’alta resistenza alla concentrazione di ossigeno presente nel lago (nessun lago  terrestre ha una simile percentuale di ossigeno) e ciò parrebbe del  tutto  simile all’ipotesi di  forme di  vita che si potrebbero  trovare sotto  i ghiacci di  Europa, uno dei satelliti  di  Giove.

Ma se la presenza di  queste forme batteriche  potrebbe essere l’innesco per la paura di  possibili  contaminazioni di origine sconosciuta (purtroppo la situazione che si  sta creando per il coronavirus cinese è una realtà), è un altro motivo per cui si  accreditano  tesi al limite della fantascienza, infatti le ricerche riscontrarono la presenza di un misterioso oggetto metallico insieme a una notevole variazione del  campo magnetico  naturale.

E’ inutile aggiungere che tutte la zona, nonchè le ricerche in essa,  sono  secretate, si  sa solo che la Nasa attualmente studia il perché dell’anomalia magnetica.

Se avete qualche notizia più recente a riguardo  siete invitati  nel farmelo  sapere

Il libro

Non poteva concludere senza rendere omaggio  a H.P. Lovecraft con l’anteprima del suo  racconto  Le montagne della follia 

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥