Quattro chicchi di riso (alla cantonese) ed un funerale

Senza titolo
Caterina Andemme ©

Questa mattina in stazione, mano  a mano che le mie estremità si  congelavano (ho  perso  anche un guanto ed ho  rotto  l’ombrello per il troppo  vento), ho compreso il senso dell’abbandono.

Quello  che le nostre poco  amate Ferrovie hanno  nei  confronti  di chi  usa il treno per andare a lavoro, per la scuola e per  ogni  accidente che uno  voglia.

Un’ora e mezza ad aspettare quel  treno  dei  desideri (che neanche all’incontrario  va come canta Celentano in Azzurro) che diventava lo  stillicidio  degli annunci : 15 minuti  di  ritardo, 20 minuti, 30 minuti ….siete ancora lì? 

Dove vanno  a finire i  cinesi  quando muoiono in Italia?

Non è una domanda che sto ponendo  a voi, ma una che mi  è stata posta in treno  da uno  dei  tanti  occasionali  compagni di  viaggio  (di  alcuni  ne farei  volentieri  a meno, come il tizio  della domanda).

La mia risposta, quella che mi  è sembrata più logica, è stata: sottoterra!?

Lui, non contento di  questo, mi  ha incalzata: Hai  mai  visto un funerale cinese?

In effetti non ho mai vito un funerale cinese, tanto  meno uno  tibetano o indiano: e poi  perché mai  dovrei  andare al  funerale di perfetti  sconosciuti?

Non è vero: nessuno  mi ha posto una domanda così idiota, ma è vera   la bufala dei  cimiteri  clandestini  cinesi  sparsi  qua  e la sul nostro  territorio: provate a digitare su  Google (o Bing) la domanda  Dove vanno  a finire i cinesi  quando  muoiono in Italia  e vi  divertirete non poco  a leggere quanto  scritto  sull’argomento.

Forse vi interessa di più la ricetta del

Riso  alla cantonese 

Ingredienti  per due persone (lui e lei, lei  e lei, lui e lui)

  • 200 g di riso basmati o thai
  • 2 uova
  • 100 g di prosciutto  cotto
  • 125 g di piselli finissimi freschi (vanno  bene anche quelli surgelati)
  • 6 cucchiai  di olio extravergine d’oliva

Preparazione

Laviamo il riso  per togliere l’amido e lo  versiamo in una casseruola coprendo  con l’acqua sopra il livello  del  riso stesso. Saliamo e poniamo sul fuoco.

Nel frattempo tagliamo il prosciutto  cotto a dadini  regolari e sbollentiamo i piselli in acqua salata.

Sbattiamo le uova con poco  sale e le cuociamo in una padella antiaderente sufficientemente unta d’olio, ne verrà fuori una piccola frittata molto  sottile che taglieremo  a striscioline.

Scaldiamo il wok (chi non ha un wok in casa?) oppure in una larga padella, sempre antiaderente, e vi rosoliamo il prosciutto per pochi istanti, quindi uniamo i piselli, il riso  cotto, le striscioline di  frittata, sale e pepe.

Bon appétit.

Alla prossima! Ciao, ciao………….