La Belle époque, ovvero il can can delle emozioni

Belle époque

Nel periodo storico  che va sotto il nome di  Belle époque i progressi  della scienza e della tecnica furono  senza paragoni con le epoche passate.

Benefici di  queste scoperte portarono  a standard di  vita notevoli e a miglioramenti  sociali.

L’illuminazione elettrica, la radio, l’automobile, il cinema e altre comodità contribuirono a un miglioramento  delle condizioni  di vita e al  diffondersi di un senso  di  ottimismo…

 da  Wikipedia

 

    Vivere nella Belle époque (soprattutto  a Parigi)

Ho incontrato Doc ( ossia Emmett Brown, lo scienziato un po’folle protagonista della trilogia di  Ritorno  al  futuro) per chiedergli un passaggio  sulla sua DeLorean DMC -12 modificata per i  viaggi  nel  tempo, con destinazione la Belle époque parigina.

Ma ho come l’impressione che dovrò accontentarmi solo  di ciò che la storia racconta a riguardo di  quel  periodo apparentemente felice.

Belle époque
Dopo l’ufficio alla chiesa della Santa Trinità (1900) – Jean Béraud – Museo Carnavalet, Parigi

 Quella che oggi  chiamiamo Belle époque rappresenta una parentesi felice tra la fine della guerra franco -prussiana e l’inizio  della Prima guerra mondiale (a cui  si  aggiungerà la tragedia della pandemia dovuta all’influenza della spagnola): dal 1871 al 1914 fu un epoca di  scoperte scientifiche e innovazioni tecnologiche, nonchè di  cambiamenti nella società di  cui  beneficiarono, anche se in misura minore rispetto  ai più abbienti, le classi proletarie.

Pur volendo  considerare la Belle époque un fenomeno mondiale, è la Francia, specificatamente Parigi, ad avere un legame indissolubile con essa.

La capitale francese aveva già visto un drastico  cambiamento nel  tessuto  urbanistico  durante il Secondo impero (1852 – 1870), quando Georges Eugène Haussmann (conosciuto  come  barone Haussmann) demolì gli  angusti  quartieri  medievali per dare spazio  ad ampi e luminosi  boulevard e consentire l’afflusso di un maggior numero di persone e carrozze.

Belle époque
Le Boulevard des Italiens (1900)

Di pari passo a questa ristrutturazione urbanistica Haussmann (barone) fece in modo  che Parigi  si  dotasse di una rete fognaria moderna, giardini  pubblici e illuminazione pubblica con lampioni  a gas (da qui l’etichetta alla città di  Ville Lumière).

Ovviamente questo  ammodernamento  comportò lo spostamento  verso  le periferie (che non godevano  certo delle agevolezze delle strade più centrali) delle classi popolari, in pratica la moderna banlieue.

Nel 1878 l’illuminazione dei lampioni a gas della Ville Lumière viene sostituita da quelli  a energia elettrica: ed è proprio l’elettricità che darà lo  slancio negli  anni  a venire della Belle époque allo  sviluppo  del trasporto pubblico: nel 1898 venne inaugurata la prima linea urbana di  tram  elettrici che con il tempo sostituì gli omnibus trainati  dai  cavalli (l’ultima loro corsa nel 1913), mentre bisogna aspettare il 1905 per vedere i primi  taxi girare per le strade di Parigi.

E’ il metrò la grande rivoluzione del  trasporto  pubblico  parigino: inaugurata il 19 luglio 1900 entusiasmò subito i cittadini (a parte un incendio  che provocò la morte di 84 persone nel 1903), fino  a arrivare alla stima  di 500 milioni di passeggeri nel 1914.

Belle époque

Per concludere questa piccola carrellata della Belle époque parigina   come non fare un cenno al  suo  simbolo e cioè  la Torre Eiffel: inaugurata  il 31 marzo 1889 in occasione dell’Esposizione universale diventò subito il simbolo  di una città  moderna  e  cosmopolita come Parigi sa essere.

Fine della prima parte dedicata alla Belle époque.

Nella seconda puntata parlerò della donna di  quell’epoca, di  ballerine e di pittori ammaliati  dalla Ville Lumière ⌋ 

Il libro in anteprima 

La fine dell’800 e l’inizio del 900 è stata un’epoca, dove la scienza, la tecnologia e l’invenzione, hanno caratterizzato il risultato delle operazioni del pensiero e di applicazione sul piano pratico e il progresso, in una forma del tutto insolita, ma nuova, ha generato l’inizio di un benessere e la sua decadenza.⌋ 

ALTRI SCRITTI

Un oceano di  quiete: questa è la libreria

Berlino: fuga dal  Muro con sponsor

Fulcanelli: un alchimista nelle cattedrali

 Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥ 

Un oceano di quiete: questa è la libreria

oceano

Ci sedemmo al  tavolo  del  retrobottega, circondati dai  libri  e dal  silenzio.

La città era addormentata e la libreria pareva una barca alla deriva in un oceano  di  quiete

Tratto da L’ombra del vento  di Carlos Ruiz Zafòn⌋  

Ma per i librai  non è un oceano di  quiete 

Eh si, perché alla poetica descrizione che ne ha fatto Zafòn si  contrappone la difficoltà delle librerie ad affrontare la concorrenza di giganti  quali  Amazon con l’offerta di un catalogo infinito, la comodità di  ricevere il libro direttamente a casa (elogio  della pigrizia) e prezzi concorrenziali, specie se il libro  è in formato  digitale.

A questo  stato  di  cose le grandi  e medie catene libraie hanno  risposto  offrendo incontri  con gli  autori e, dove è possibile farlo, caffetterie e angoli  di lettura.

Si, ma le piccole librerie?

Purtroppo, alcune di  esse, economicamente non reggono e hanno  difronte l’ineluttabile prospettiva della chiusura.

A meno che di non trovare persone talmente innamorate del proprio  lavoro  da creare un punto di  aggregazione talmente potente da far sì che le persone che entrano  per la prima volta in quella particolare libreria ne rimangano innamorate e stregate in quell’oceano  di  quiete.

Come quella che si  trova sulla Rive gauche di  Parigi.

Shakespeare and Company: una libreria  a Parigi 

 

oceano
L’interno della libreria: adoro questa confusione mista all’odore dei libri (e spero presto  di  ritrovare queste sensazioni dopo  che la pandemia sarà solo un brutto  ricordo)

Trattandosi della Rive gauche la Shakespeare and Company non può essere una libreria qualunque in quanto, sia nel passato  che nel presente, è il luogo  ideale per incontrare di persona  scrittori più o  meno noti – quelli  che lo  sono  meno hanno la possibilità di  avere un luogo  per dormire qualche notte nella libreria in cambio di  lavoro  manuale tra gli  scaffali: una stima al  ribasso, forse esagerata, dice che dagli  anni ’50 ad oggi  vi  abbiano  dormito più di 30.000 persone  – e, quindi, partecipare agli  eventi particolari  come il Sunday tea ascoltando, tra un sorso  di tè e qualche biscotto, gli autori  leggere alcuni  brani  dei loro  libri o poesie.

Una storia in poche parole

oceano
Sylvia Beach (Baltimora, 14 marzo 1887 – Parigi, 5 ottobre 1962)

Tutto ha inizio quando una giovane donna americana, figlia di un pastore presbiteriano, arriva a Parigi  nel 1919.

Il suo nome era Sylvia Beach  e, una volta stabilitasi  nella capitale francese assaporandone l’aria di libertà che offriva,  come prima cosa pensò ad un luogo aperto ai  giovani bohème  (per lo più scrittori  squattrinati) oltreché un punto  di  riferimento adatto  all’incontro della cultura d’oltreoceano   con quella europea.

Tra l’altro lei ebbe il coraggio  e la forza di  pubblicare nel 1922 un’opera come  l’Ulisse di James   Joyce messa al  bando  in America e Gran Bretagna per oscenità (in Irlanda verrà pubblicato  solo nel 1966).

Nel 1941 Parigi è invasa dai nazisti  e  Shakespeare and Company deve chiudere i  battenti

Passano  gli  anni e solo  nel  dopoguerra arrivano   a Parigi  altri  giovani intellettuali, tra loro George Whitman (New Jersey, 12 dicembre 1913 – Parigi, 14 dicembre 2011)  il quale, oltre ad avere una visione tendenzialmente socialista della vita  e della società,  ama i libri quanto li poteva amare Sylvia Beach.

Nel 1951, con un capitale di 500 dollari,  George Whitman acquista nei pressi di  Notre Dame un piccolo   locale adibendolo  a libreria con il nome Le Mistral: alla morte di  Sylvia Beachavvenuta nel 1962,in suo ricordo  la libreria cambierà il nome in Shakespeare and Company.

Non poteva essere diversamente: infatti la passione per i libri  e la letteratura,  la visione di una società molto liberal che aveva George Whitman era pari a quella che poteva essere  considerata la sua ispiratrice.

Nel solco  della tradizione anche la nuova   Shakespeare and Company  fu il luogo  dove approdarono intellettuali e artisti  spiantati, tra loro Allen GinsbergHenry MillerWilliam Burroughs (a lui  si  deve l’invenzione del  Sunday tea), Bruce Chatwin e tanti  altri.

I created this bookstore like a man would write a novel, building each room like a chapter, and I like people to open the door the way they open a book, a book that leads into a magic world in their imaginations.

Ho creato questa libreria come se un uomo  scrivesse un romanzo, costruendo ogni  stanza come un capitolo, e mi  piace che le persone aprano la porta nel modo in cui  aprono un libro, un libro  che conduce in un mondo  magico nella loro immaginazione

George Whitman

Il libro in anteprima 

Cinquant’anni con i libri, sui libri, nei libri.

Cinquant’anni per i libri.

Romano Montroni è nato in una casa in cui non si leggeva, ma da ragazzo è stato assunto per caso come fattorino alla libreria Rizzoli di Bologna ed è stata la cosa più bella che potesse capitargli: diventato libraio, ha conosciuto moltissimi scrittori e lettori e poi ha lavorato tutta la vita per formare nuove generazioni di librai che amino i libri quanto li ama lui, librai capaci di accendere entusiasmi, nutrire sogni e sussurrare ai lettori i libri giusti, quelli che riempiono la vita e a volte la cambiano.

In queste pagine Montroni tira le somme della sua esperienza come presidente del Centro per il libro e la lettura e lo fa guardando al futuro: parla di giovani lettori, di scuola, di lettura ad alta voce, di librerie, di biblioteche e naturalmente di librai, di come formarli e come appassionarli.

Una testimonianza che ha il fascino di una storia vera e il profumo dei libri nuovi, un’entusiasmante dichiarazione d’amore e di fiducia nella straordinaria potenzialità dei libri e nella infinita felicità dei loro fortunati lettori.

ALTRI SCRITTI

Ricette, libri  e pochi  consigli non indispensabili 

Grip  lit o domestic thriller? L’importante è leggere

Stuart Kaminsky: se lo leggi non lo  lasci

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

 

Loïe Fuller: una danzatrice nella Belle époque parigina

Miss Loïe Fuller - Henri de Toulouse-Lautrec (1893)
Miss Loïe Fuller – Henri de Toulouse-Lautrec (1893)

Una grassa americana, piuttosto  brutta e con gli occhiali, che manovra con delle pertiche delle onde di  velo morbide, e scura, attiva, invisibile, come un’ape sul fiore, muove intorno  a lei  un’orchidea multiforme fatta di luce e di  stoffa che si  arrotola, sale, si solleva.

Jean CocteauPortraits souvenir (1935)

La Serpentine dance di Loïe Fuller

La citazione poco  elegante nei  confronti  di una donna, è quella che nel 1935  Cocteau  dedicò a Loïe Fuller quando lei, morta da  ormai otto  anni, non poteva evidentemente replicare al poeta  con altrettanta finezza.

Loie Fuller
Loïe Fuller 

Loïe Fuller (Chicago, 15 gennaio 1862 – Parigi, 2 gennaio 1928) era in realtà il nome d’arte di  Marie Louise Fuller ballerina che dagli  Stati Uniti stregò la Parigi  della Belle époque con la sua serpentine dance

La serpentine dance
La serpentine dance fu un’evoluzione della skirt dance sempre nell’ambito  della burlesque. La sua invenzione fu  propria di  Loïe Fuller la quale, pur non essendo una ballerina professionista ma attrice, scoprì come l’effetto  delle luci  di  scena su  di un vestito  di  garza  poteva dare la sensazione allo  spettatore di  una danza di  forme e colori dove il corpo  della ballerina spariva nei  drappeggi.

Nel 1892, contrariata dal poco  successo che riscuoteva negli  Stati  Uniti, Loïe Fuller decise che Parigi  sarebbe diventata la sua stella  cosi arrivò alle  Folies Bergère e, nonostante lo scetticismo  iniziale del proprietario  su  tipo  di  spettacolo  che la ballerina proponeva, ottenne un successo  strepitoso.

Se fossimo vissute  nella Belle Époque e frequentato le Folies Bergère saremmo  state in compagnia di artisti, intellettuali  e scienziati del  calibro di  Mallarmé, Rodin e i  coniugi  Curie: tutti, indistintamente, incantati dalla serpentine dance come simbolo  della danza moderna dell’art nouveau  

Loïe Fuller non si limitò solo a esibirsi  nella danza ma, volendo perfezionare il suo  stile, studiò il modo  di  illuminare meglio  la scena e inventò i sali  fosforescenti  da applicare al  costume per ottenere  effetti  psichedelici.

Anche lei, però, aveva la sua musa in una danzatrice più dotata di  lei nella danza moderna: Isadora  (Angela) Duncan.

Divennero  amiche (o  quasi) fintanto  che Isadora, diventata  ormai più  famosa della Fuller, non ruppe con lei.

Lasciato le luci  delle Folies Bergère, nel 1908 aprì una scuola di danza a Parigi: qui il gossip riferito  all’epoca parla dei  suoi  rapporti  con le allieve che andavano  al  di  là di quello professionale (lei  non aveva mai  nascosto il suo  orientamento  sessuale).

La salute di  Loïe Fuller fu messa a dura prova da un cancro  al seno, che le venne poi asportato, dovuto principalmente  dovute al radium che utilizzava per rendere fluorescenti  i suoi  costumi.

Una broncopolmonite la uccise  il 2 gennaio 1928.

Nel 2016 la regista Stéphanie Di Giusto realizzò il film biografico La Danseuse (Io danzeròil titolo italiano dei film) sulla vita artistica di  Loïe Fuller basato sul romanzo Loïe Fuller, danseuse de la Belle Époque di Giovanni Lista.

Ad interpretare la danzatrice è stata chiamata  la cantante trentatreenne francese Soko (Stèphanie Sokolinski), mentre per il ruolo  di  Isadora Duncan fu  scelta Lily – Rose Deep figlia diciottenne  di Johnny Deep e Vanessa Paradise.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Berthe Morisot: l’impressionista

Berthe Morisot au bouquet de violettes
Giovane donna in tenuta da ballo (1879) olio su tela – Berthe Morisot

L’Impressionismo è un movimento artistico nato in Francia  a Parigi il 15 aprile 1874 quando un gruppo  di  giovani  artisti dopo  che le loro opere venivano  rifiutate dalle gallerie d’arte parigine, decisero  di  riunirsi e realizzare una mostra non ufficiale presso  lo  studio del  fotografo  Felix Nadar al n. 31 di Rue d’Anjou

Tra i mostri  sacri  si  aggira una fanciulla 

Claude  Monet, Edgard Degas Pierre-August Renoir  e ancora altri illustri pittori del movimento  artistico  degli impressionisti: ma le donne?

Non è facile per una donna della seconda metà dell’Ottocento entrare a far parte dell‘entourage del mondo  dell’arte, ovvero: non è per nulla facile, direi impossibile, se provieni da una famiglia di estrazione sociale modesta ( = povera), tutt’altra cosa se i tuoi  genitori  sono  benestanti, in questo  caso il tuo  estro  artistico si potrà rivelare a pochi  intimi, sempre in un contesto privato perché il mondo  accademico ti è precluso: nella Francia di  quell’epoca, ad esempio, l’Ècole des beaux-arts  era off-limits per le fanciulle (questo  divietò crollerà nel 1897).

Malgrado  tutto, se hai  carattere e determinazione non esistono  ostacoli  che possano  fermarti, è il caso di Berthe Morisot (Bourges, 14 gennaio 1841 – Parigi, 2 marzo 1895)

Berthe Morisot ancora sedicenne si  appassiona all’arte seguendo corsi  di  disegno insieme alle due sorelle Yves e Edma. La sua prima esposizione al  Salon Nadar  avviene nel 1864 a cui  seguirà, l’anno  dopo una seconda esposizione.

Entrando  a far parte del  gruppo  degli impressionisti dal 1874 in poi partecipò insieme a loro a varie manifestazioni.

L’incontro al Louvre 

Berthe Morisot au bouquet de violettes
Berthe Morisot au bouquet de violettes (1872) – Èdouard Manet

Una mattina di un imprecisato  giorno  di un imprecisato  mese del 1867, Berthe insieme alla sorella Edma si  trova nelle sale del  Louvre per copiare Lo scambio  di  Principesse di  Rubens .

Ed è qui  che incontra per la prima volta Èdouard Manet : il gossip d’antan  dice che il pittore rimase folgorato dalla giovane Berthe ma essendo  già sposato  si  deve accontentare di  chiedere alla fanciulla se vuole diventare sua modella per alcuni  quadri.

Èdouard Manet realizzò tra gli  anni 1869 e 1874 ben 12 ritratti  ad olio di  Berthe, più numerose incisioni.

Nel 1874 Berthe sposa Eugène Manet da cui  avrà una figlia e con il quale stabilì un matrimonio  all’insegna della felicità, tanto  che lei  scrisse a riguardo  del proprio  marito:

 

 

«Ho trovato un brav’uomo, onesto, e sono sicura che mi ama sinceramente. Dopo aver vissuto per tanto tempo inseguendo chimere ho cominciato a vivere una vita vera»

Con il cognato proseguì un rapporto  basato sulla reciproca ispirazione artistica che, nel pittore, si  esprime anche in una malinconica storia d’amore non realizzata visibile in alcuni  quadri  con soggetto  femminile dove si  può vedere una rassomiglianza nel  volto  di  Berthe.

Nel 1883 Èdouard Manet morirà.

Dodici  anni  dopo, il 2 marzo  1895 Berthe Morisot morirà di polmonite:  venne sepolta nella tomba di  famiglia dei  Manet e sulla sua lapide fu  scritto semplicemente:

Berthe Morisot, vedova di  Èugene Manet  

Il comune di Parigi le ha dedicato  nel 1999 un giardino  pubblico: il Giardino  Berthe Morisot nel XIII arrondissement nel  quartiere della Gare.

Alla fine dell’articolo  una galleria con le opere della pittrice.

Alla prossima ! Ciao, ciao….