Ho molti amici e adoro addormentarmi con loro

Il gatto e il canarino
Caterina Andemme ©

 

Amici di  avventure o  torbide storie, amici  di  fantasia, amici  fatti  di poesia, ma anche pedanti e prolissi, francamente  noiosi : hanno in comune la parola, quella scritta, perché appunto  sono, questi  amici, i libri.

Non nego che qualche volta li tradisco, prima di  addormentarmi, con i  cruciverba o con i  ricettari  di  cucina, magari anche con riviste o  giornali (questi ultimi un po’  meno   scomodi  da portare a letto), ma il buon libro sa attendere quieto  sul comodino, tanto  sa che, prima o poi, tornerò tra le sue righe.

E’ nata a Napoli e non a Milano, tanto  meno  a Genova (sigh!), il primo Book&Bed, cioè un luogo  che, facilmente intuibile, consente al  lettore più accanito  di  addormentarsi in mezzo  al profumo  della carta stampata.

L’idea tutta giapponese, per la precisione di  Tokyo , si è avuto un paio  di  anni  fa quando la casa editrice Shibuya (che è  anche il nome di uno  dei  quartieri  di  Tokyo) aprì la sua libreria – ostello.

Quindi, se un viaggio  a Napoli  ne vale sempre la pena, possiamo pensare di  andare a dormire presso il Book&Bed Mooks Palace  al  terzo piano  della libreria Mondadori  al Vomero (via Luca Giordano)

Cartina


Visualizza mappa ingrandita

E se fra i  clienti  – lettori c’è qualcuno  che russa?

Niente paura: i  libri  della consistenza come  I Buddenbrook se non utilizzati per la lettura, possono  essere servire in altra maniera al nostro  caso.

Alla prossima! Ciao, ciao………………. 

 


Poets and rhymes 

Lo so  che a questa rubrica potevo dare un nome in italiano, ma mi  piaceva così!

Lei è Wislawa Szymborska   una delle poetesse che preferisco, mentre la brava Claudia Gerini  presta la sua voce per questa incantevole poesia: Amore a prima vista.

 

Napoli è……………shhhhh!!!!

Prima che il sindaco di  Napoli  De Magistris mi quereli, voglio  assicurarlo  che in quest’articolo non troverà nulla di diffamante nei  confronti  della città che amministra.

Ci mancherebbe altro: adoro i babà e le sfogliatelle, nonché la pizza margherita e la frittata di  maccheroni.

Adoro  i film di  Totò e quelli di Massimo Troisi.

Le canzoni  di  Bennato e quelle di  Pino Daniele.

Il teatro  di  Edoardo  de Filippo e la commedia di  Nino Taranto.

Amo  anche Saviano  che ha il coraggio  di  dire che la camorra esiste.

Ops…..! Quest’ultima frase forse non dovevo  scriverla: scusami  sindaco.

Alla prossima! Ciao, ciao……….


La storia del  sanfedismo la trovate qui (ma allora si  trattava di una controrivoluzione)

A lu suono de grancascia
Viva lu populo bascio.
A lu suono de tamburrielli
So’ risurte li puverielli.
A lu suono de campane
Viva viva li pupulane.
A lu suono de viuline
Morte alli giacubbine.
Sona sona
Sona Carmagnola
Sona li cunzigli
Viva ‘o rre cu la famiglia.
A sant’Eremo tanto forte
L’hanno fatto comme ‘a ricotta
A ‘stu curnuto sbrevognato
L’hanno miso ‘a mitria ‘ncapa.
Maistà chi t’ha traruto
Chistu stommaco chi ha avuto,
‘e signure ‘e cavaliere
Te vulevano priggiuniere.
Sona sona
Sona Carmagnola
Sona li cunzigli
Viva ‘o rre cu la famiglia.
Alli tridece de giugno
Sant’Antonio gluriuso
‘e signure ‘sti birbante
‘e facettero ‘o mazzo tanto.
So’ venute li Francise
Aute tasse ‘nce hanno mise
Liberté… egalité…
Tu arrubbe a me
I’arrobbo a ttè…
Sona sona
Sona Carmagnola
Sona li cunzigli
Viva ‘o rre cu la famiglia.
Li Francise so’ arrivate
‘nce hanno bbuono carusate
E vualà e vualà
Cavece ‘nculo alla libertà.
A lu ponte ‘a Maddalena
‘onna Luisa è asciuta prena,
E tre miedece che banno
Nun la ponno fa sgrava’.
Sona sona
Sona Carmagnola
Sona li cunzigli
Viva ‘o rre cu la famiglia.
A lu muolo senza guerra
Se tiraje l’albero ‘nterra
Afferrajeno ‘e giacubbine
‘e facettero ‘na mappina.
E’ fernuta l’uguaglianza
È fernuta la libertà,
Pe’ vuje sò dulure ‘e panza
Signo’ jateve a cucca’.
Sona sona
Sona Carmagnola
Sona li cunziglie
Viva ‘o rre cu la famiglia.
Passaje lu mese chiuvuso
Lu ventuso e l’addiruso
A lu mese ca se mete
Hanno avuto l’aglio arrete.
Viva tata maccarone
Ca rispetta la religione,
Giacubbine jate a mmare
Ca v’abbrucia lu panare.
Sona sona
Sona Carmagnola
Sona li cunzigli
Viva ‘o rre cu la famiglia.