I fantasmi da intrattenimento (nei libri e al cinema)

fantasmi

” I mostri  sono reali, e lo  sono  anche i  fantasmi.

Vivono  dentro  di noi, e alle volte hanno  la meglio”.

Stephen King

Fantasmi e incubi sono la stessa cosa (?)

Quando  è stata l’ultima volta che avete visto un fantasma?

E di  che tipo  era?

Per caso un  chiassoso poltergeist oppure un semplice ectoplasma?

C’è chi, inoltre, li classifica in medianici, fantasmi  domestici  (al pari di  averne uno  al posto  di un cane o un gatto?),  o elementali cioè quelli  che popolano le fonti, i  boschi o  altri luoghi dei  quali  la frequentazione se ne può fare a meno  se si è sensibili  alle dicerie.

Ne esistono tante altre forme di  cui evito  di  dilungarmi, se proprio  vi interessa Wikipedia ne fa un esauriente   excursus in questa pagina.

Per definire cosa sia un incubo basta fare una ricerca in rete: tralasciando la sua natura etimologica la definizione più elementare è la seguente:

Sogno angoscioso, spesso accompagnato da sensazioni di oppressione o soffocamento

Robert Smith (The Cure) ne da un esempio  nel  video tratto  da   Lullaby

Odo  rumore di  catene e gelidi  sospiri 

Dunque, se mi  chiedete se credo  nei  fantasmi la mia risposta è NO!

Se la stessa domanda mi viene posta durante una permanenza in una casa isolata ai margini di un bosco, con lupi che ululano  alla luna, il vento che soffia lugubre (non so  come il vento  debba soffiare lugubre….comunque), le persiane delle finestre che sbattono, le assi di  legno  del pavimento  che scricchiolano (si, il pavimento  è di legno), il rintocco  del pendolo a mezzanotte  e infine , tanto per rendere più chiara la situazione, in questa casa sono l’unica presenza umana, ebbene, pur non volendo  credere ai  fantasmi  per partito  preso, una qualche mia certezza ne risentirebbe.

Per mia fortuna (o sfortuna, dipende dai punti di  vista) vivo in città e tutt’al più mi devo  solo preoccupare di  ladri, truffatori e pazzoidi di ogni genere, ma come diceva l’indimenticabile Giorgio Gaber:

Com’è bella la città
Com’è grande la città
Com’è viva la città
Com’è allegra la città
Vieni, vieni in città
Che stai a fare in campagna?
Se tu vuoi farti una vita
Devi venire in città

I fantasmi  di  Hill House 

 

fantasmi
René Magritte – L’impero della luce (1953 – 1954)

Ho sempre trovato  affascinante e al tempo  stesso inquietante questo  dipinto  di René Magritte, sarà per il contrasto  tra il chiarore del cielo e l’oscurità della casa appena rischiarata dalla luce del lampione  e, soprattutto, mi sono sempre chiesta chi mai  abiterà dietro  quelle finestre illuminate, quale sarà la storia che nasconde questa casa? 

Senz’altro  mi è utile alla descrizione delle parole introduttive del  racconto  di Shirley Jakson L’incubo  di  Hill House 

Nessun organismo  vivente può mantenersi  a lungo  sano  di  mente in condizioni  di  assoluta realtà; persino  le allodole e le cavallette sognano, a detta di  alcuni.

Hill House che sana non era, si ergeva sola contro le sue colline, chiusa intorno  al  buio; si  ergeva così da ottant’anni e avrebbe potuto  continuare per altri ottanta.

Shirley  Jakson scrisse L’incubo  di  Hill House nel 1959 (morì l’8 agosto 1965, all’età di  quarantotto  anni, per un arresto  cardiaco  durante il sonno) e, come quasi in tutte le sue opere, anche in questo romanzo si può intravedere il tema della ribellione verso una certa condizione femminile di  allora (e in certi  casi  non solo  di allora, purtroppo)  che voleva la donna relegata ai  ruoli  classici  di madre e casalinga e nient’altro, oltre a un suo personale disagio dovuto  al rapporto  pessimo  che ebbe con sua madre.

Infatti, nella trama di L’incubo  di  Hill House, si legge:

Eleanor Vance è una donna la cui  vita scorre monotona e senza stimoli, per questo sente in se il desiderio di  rompere quella tristezza che l’accompagna da tempo.

L’occasione le viene data dal professor John Montague, studioso  di  fenomeni paranormali, che l’invita, insieme ad un gruppo  di  altre persone con determinate abilità psichiche (ma non sono eroi  della Marvel) ad un progetto  che include la permanenza in una casa infestata da presenze ultraterrene: Hill House.

Eleanor, mano  a mano che si  addentra nei  misteri  di  Hill House, verrà psicologicamente tormentata dall’entità demoniaca lì presente, fino  all’inevitabile tragica conclusione e cioè la sua morte.

Nel 1963 il regista Robert Wise trasse dal libro l’idea per girare The Hauting (in italiano  Gli invasati) con interpreti  quali Julie Harry, Claire Bloom e Richard Johnson.

Nel 1999 il regista Jan de Bont diresse il remake omonimo con Liam Neeson, Catherine Zeta – Jones e Owen Wilson che, però, non ebbe un buon giudizio  di  critica cinematografica.

fantasmi
La locandina di The Haunting of Hill House

Diverso è il discorso per The Hauting of Hill House, buon  prodotto  seriale televisivo, compreso in una trilogia tratta da libri  horror,  diretta da  Mike Flanagan (The Hauting of Hill House in Italia si può vedere in streaming su  Netflix): in questa versione la storia tratta dal libro di  Shirley  Jackson viene spostata nel  tempo iniziando  nell’estate del 1980, quando  la famiglia Crain, composta da genitori  entrambi  architetti  e cinque figli tra maschi  e femmine (praticamente una tribù) si  trasferisce a Hill House per una lavoro  di  ristrutturazione della casa che, inutile dire, rientra in quei  canoni standard dei  film horror che vuole la dimora antica, con innumerevoli  stanze, posta in un luogo solitario  dove anche i  custodi  si  rifiutano  di  dormirvi  di notte.

Una notte il padre prende con se i  figli  abbandonando  nella casa la moglie in preda a…(no spoiler, please)

Visto  che ho  parlato  tanto  de L’incubo  di  Hill House, eccovi  l’anteprima

I fantasmi  di  Lisa Morton

Lisa Morton non è una medium ma una scrittrice e sceneggiatrice horror  statunitense (è nata a Pasadena l’11 dicembre 1958), la sua ultima opera si intitola Fantasmi  ( in Italia viene pubblicata dalla casa editrice Il Saggiatore): non si tratta di una raccolta di  racconti  del soprannaturale, ma un ripercorrere la storia che lega il mondo dei  vivi  a quello  dei morti inserendovi una lunga antologia sui metodi  utilizzati  per evocare gli  spiriti  o  per scacciarli (anteprima )

 

fantasmi

L’atmosfera sinistra di una vecchia casa abbandonata o di un cimitero, una sensazione improvvisa di gelo, rumori inspiegabili, una figura evanescente percepita con la coda dell’occhio: l’apparizione di un fantasma è da sempre ben radicata nel nostro immaginario.

Se c’è un elemento comune a tutte le culture del pianeta è proprio la credenza in queste manifestazioni soprannaturali, presenze inquietanti che suscitano timore, protagoniste di leggende popolari, miti e tradizioni arcaiche.

Nella storia i fantasmi hanno assunto molteplici forme: gli spiriti dei defunti temuti e onorati nel mondo antico, dall’Egitto alla Grecia; le ombre degli avi evocate da Ovidio nei Fasti; gli spaventosi draugar del folclore norreno che infestano i tumuli; i bhuta del continente indiano, pericolose e sempre affamati; le apparizioni del Medioevo cristiano, talvolta miracolose e angeliche, talvolta inganni del demonio.

Nessuna epoca, racconta Lisa Morton, sfugge a questa fascinazione: in pieno, razionale XIX secolo esplode la mania dello spiritismo, in cui confluiscono tecniche scientifiche,trucchi teatrali, truffe plateali e il sincero desiderio di entrare in contatto con i propri cari estinti. E se in passato era soprattutto la letteratura a tramandare la figura del fantasma, oggi sulle case infestate abbondano soprattutto leggende urbane, film horror e programmi televisivi dedicati ai cacciatori di ectoplasmi e ai loro bizzarri strumenti.

Spaziando da Amleto a Il sesto senso, in Fantasmi Lisa Morton stila una vera e propria enciclopedia spettrale che raccoglie miti, racconti e testimonianze di eventi inspiegabili, narrando così la storia delle nostre paure più profonde – e più affascinanti.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Le streghe non vanno mai via

Nelle fiabe le streghe portano  sempre ridicoli cappelli  neri e neri  mantelli, e volano  a cavallo delle scope.

Ci sono  alcune cose importanti che dovete sapere sul loro conto: perciò aprite bene le orecchie e cercate di non dimenticare quello  che vi dirò.

Le vere streghe sembrano  donne qualunque, vivono in case qualunque, indossano  abiti  qualunque e fanno  mestieri  qualunque.

Per questo è così difficile scoprirle.

Roald Dahl 

Le streghe che non vanno mai  via dall’immaginario 

Le quattro streghe - Albrecht Dürerrt
Le quattro streghe – Albrecht Dürer

E’ ovvio che  andando in giro con tanto  di  frusta e vestite come Wonder Woman  difficilmente si può essere  la donna qualunque citata da Roald Dahl

In ogni caso il  modello di  strega, sempre quello  citato  da Roald Dahl, cioè di una donna  con verruche su di un naso  adunco nonchè sdentata,  in aggiunta ai  ridicoli cappelli neri e viaggi a cavallo  di una scopa,  è tramontato  da un pezzo: oggi  le streghe hanno il fascino della Maleficent  interpretato  dalla brava e bella Angelina Jolie oppure quello dell’adolescente Sabrina nella serie televisiva omonima a marchio  Netflix che, a fine gennaio 2020 offrirà alla visione degli  abbonati una serie tutta italiana dedicata alla janara 

 

Tremate, tremate le streghe mai  sono andate

La strega di  Blair 

Nel 1999 un film a basso  budget (ma con guadagni al  botteghino  inversamente proporzionali) vinse al Festival  del  Cinema di Cannes il premio  giovani  come miglior film straniero, si  trattava di The Blair Witch  Project (Il mistero  della strega di  Blair)

L’incipit de Il mistero  della strega di  Blair  è molto  semplice:

Il film è presentato come un semplice montaggio in ordine cronologico di questo materiale rinvenuto, a ricostruzione dei fatti che hanno visto coinvolti i tre giovani.

Si scopre così che i tre studenti universitari Heather, Mike e Josh hanno deciso di realizzare un documentario scolastico, con cui fare luce su una misteriosa leggenda locale, quella della fantomatica “Strega di Blair”, una vecchia di nome Elly Kedward vissuta alla fine del Settecento nel paese di Blair, a cui le cronache hanno attribuito atti di violenza a danno di bambini del paese, nonché la scomparsa di alcuni di loro.

E’ il prosieguo della narrazione a fare della pellicola un cult tutt’ora imbattuto  ( a dir la verità   ho  visto  il film tra le fessura delle dita..): in un crescendo di  tensione i tre  giovani, ripresi  sempre in soggettiva,  vagano di notte in un bosco con inquietanti  segni  di una presenza malevola: appunto  la strega di  Blair.

La (presunta) storia vera della strega di  Blair

Nel 1734, a qualche decina di  chilometri  da Baltimora, era nata la comunità rurale di Blair composta principalmente da protestanti.

Nel 1769 appare per la prima volta il nome di  Elly Kedward in un elenco  di immigrati provenienti  dall’Irlanda e diretti  a Baltimora: sarà lei   che verrà accusata di essere la strega di  Blair.

Nel 1785 gli  abitanti  di  Blair accusano la donna di  aver rapito  alcuni  bambini  e di  averne bevuto il sangue: Elly  Kedward viene legata a un albero  e lasciata alla furia degli  elementi.

L’anno  successivo i  bambini  che avevano accusato  la donna di  essere una strega scompaiono  misteriosamente, come i loro  genitori che si  erano  messi  alla loro  ricerca.

Nel 1809 viene dato  alle stampe il libro The Blair Witch Cult in cui, per la prima volta, si parla di un villaggio vittima della maledizione di una strega

Nel 1824, durante la costruzione della ferrovia che collegava Washington a Baltimora, gli operai  scoprono  i resti di un villaggio immerso  nel  bosco: è il villaggio  di  Blair.

In seguito  la storia diventa leggenda con bambine che vengono  trascinate in un ruscello  da una mano apparsa tra le acque, croci  fatte con ramoscelli (segni  di  stregoneria), uomini uccisi  e orrendamente mutilati  e BLABLABLA

Bisogna aspettare sessant’anni  affinché la storia diventi  di nuovo  tragicamente reale: dal 13 novembre 1940 sette bambini  scompaiono a Burkittsville (il nome dato  al  villaggio  sorto  sui  resti  di  Blair).

Un anno  dopo, il 27 novembre 1941, viene arrestato Rustin Parr che confesserà di  aver ucciso  i  bambini.

Nella confessione a seguito  dell’arresto  Rustin Parr dirà di  aver agito per ordine della signora del  bosco 

La prossima strega  è la Befana 

Per sdrammatizzare ecco l’annuncio  di  lavoro  che ho  pubblicato sulla mia pagina Facebook (se siete interessate…)

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Al Azif: ossia il Necronomicon


Non è morto  ciò che in eterno può attendere

E con il passare di strani  eoni anche la morte può morire

Abdul Alhazred

Il Necronomicon 

In un tempo molto lontano il poeta arabo Abdul Alhazred si  avventurò nel  deserto alla scoperta della città perduta dalle mille colonne: Irem.

Il viaggio  fu lungo e faticoso ma finalmente egli  arrivò a Irem: qui ,fra le sue rovine, trovò quello che era il motivo di  quel  suo lungo  peregrinare e cioè un testo  di  magia il cui antico  nome  era Al Azif (nella lingua araba questa è una locuzione che indica quei misteriosi  suoni che si odono  nel  deserto durante la notte e che si  dice essere la voce dei demoni).

Solo in seguito, quando il testo  venne tradotto nel 950 d.C. in greco dall’erudito  bizantino Teodoro  Fileta, prese il nome di  Necronomicon: il libro  delle leggi  che governano i morti 

Il danese Olaus Wormius, nel 1228, basandosi  sul testo di  Fileta, fece la traduzione del  Necronomicon in latino

Lo scopritore di  questo  antico  grimorio , ossia Abdul Alhazred, non poté godere molto della sua scoperta: un giorno, in una via di Damasco,  alcuni testimoni oculari  dissero di  averlo  visto  assalito  e divorato  da un mostro invisibile

Ma se il mostro  era invisibile, mi chiedo  come loro siano  riusciti a vederlo…

I pseudobiblia 

Nonostante il fatto  che ancora oggi  vi  siano persone che credono  che la Terra sia piatta, oppure una dieta può far guarire le carie (se non il cancro), penso che la stragrande maggioranza di  voi (se non la totalità) abbia  compreso il senso  fantastico delle parole precedenti.

Ovviamente per tessere una trama così fantastica, preludio a un viaggio  letterario tra incubo e horror, occorreva una mente predisposta a mettere per iscritto la descrizione di un mondo fantastico  retto  dal pantheon  di  esseri primigeni  e malvagi.

Quest’uomo era Howard Philip Lovecraft  (Providence, 20 agosto 1890 – Providence, 15 marzo 1937)

Ho precedentemente scritto del presunto (molto presunto) viaggio  che H.P. Lovecraft fece nel Delta del  Po per incontrare i misteriosi  appartenenti  alla confraternita dei  Fradei e del mitico  dell’Uomo pesce a cui  i fedeli  dedicavano riti pagani ( ⇒ I Fradei  e Lovecraft: un incontro (im)possibile?)

Lo stesso  Lovecraft si  meravigliò del  fatto  che i suoi  lettori presero sul serio l’esistenza di un testo  esoterico nascosto  nel  tempo  come poteva essere il Necronomicon e, volendo  stare al  gioco, contribuì al  mito pubblicando il libro Storia e cronologia del  Necronomicon con la segnalazione delle biblioteche (la maggior parte inventate) che custodivano una copia del libro  maledetto.

Ma sono gli  stessi  appassionati lettori  di Lovecraft a contribuire alla fama (sinistra) del  Necronomicon creando  dal  nulla congiunture tra inediti  e riferimenti bibliografici che ne arricchiscono  la storia.

Sennonché a questo  gioco (ma ripeto  in molti  credevano all’esistenza del  Necronomicon)  si  aggiungono personaggi ben più seri come, ad esempio, Philip Duchêsnes,  titolare di una prestigiosa libreria antiquaria a New York, che nel 1941 inserì in catalogo una copia del  Necronomicon  al prezzo  di 900 dollari: è inutile dire che gli  acquirenti  disposti  all’acquisto furono più che numerosi anzi, qualcuno  di loro, era ben disposto  a sborsare una cifra superiore per aggiudicarsi il libro.

Se quest’episodio  risale a tre  anni  dopo  la morte di  H.P. Lovecraft, nel 1962 è la serissima rivista americana Antiquarian Bookman pubblicò nella rubrica dedicata alla vendita di  libri  antichi la recensione di un’ edizione spagnola del Necronomicon del 1647, aggiungendo alla fine che il libro proveniva dalla biblioteca della Miskatonic  University 

La Miskatonic University era frutto  della fantasia di H.P. Lovecraft e la cui  sede era nella città di  Arkham (altra invenzione dello  scrittore) nella contea di  Essex nel  New England: i redattori dell’Antiquarian Bookman, oltreché mostrarsi dei  buontemponi, evidentemente in questa maniera vollero  omaggiare il genio  dello  scrittore di  Providence.

Comunque, trovandovi  a passare per caso nelle vicinanze della California University, entrate nella sua biblioteca centrale e fate una ricerca  sul Necronomicon: troverete una scheda catalografica in italiano con riferimento  al Necronomicon che ne fa presumere l’esistenza tra i  tomi in possesso  dell’università (dolcetto o scherzetto..)

In poche parole il Necronomicon è un pseudobiblia cioè appartiene a quei libri  che, pur essendo  citati con tanto  di titolo ed estratti in opere di  saggistica o narrativa, hanno in comune una caratteristica che li  distingue da qualunque altro libro: semplicemente non esistono!

Il termine  pseudobiblia venne utilizzato per la prima volta nel 1947 dallo  scrittore americano Lyon Sprague de Camp (New York, 27 novembre 1907 – Plano, 6 novembre 2000) in un articolo pubblicato nel  Saturday Review of Literature nel  quale metteva in risalto come queste opere per la fama raggiunta fossero in competizione con libri  realmente esistenti.

Se avete qualche curiosità in più da soddisfare a riguardo  dei pseudobiblia, vi suggerisco  la lettura dell’articolo  Leggere o non leggere (gli pseudobiblia) del professore Michele Santoro dell’Università di Bologna ( ⇒ Pdf ⇐ )

Per gli  altri e cioè amanti  di  spettri, vampiri o lupi  mannari che vagano nella notte alla ricerca di  vittime innocenti (o  che proprio  se la sono  cercata) dedico  l’anteprima del  Necronomicon di  H.P. Lovecraft

Attenti  ai mostri invisibili  che divorano  i troppo  curiosi… 

Alla prossima! Ciao, ciao…

Anteprima del libro Il Necronomicon di Howard Philip Lovecraft

Hai voglia di leggere un Pulp Magazine?

The Pulp Magazine
©caterinAndemme

Pulp o non pulp?

Il pulp  è un genere letterario che propone storie dai  contenuti forti, con abbondanza di  crimini violenti, efferatezze e situazioni macabre che di norma viene apparentato con l’hard boiled, il poliziesco  e l’horror

Da questa definizione presa da Wikipedia si può dedurre che il pulp  non è roba per bambini o  adulti sensibili alle scene violente (tra cui  la sottoscritta) e da tener lontano  gli  adolescenti  (che tanto in rete  volendo trovano  questo  e quest’altro di peggio).

Eppure, chi  si  è esercitato  nel passato  a scrivere storie truculenti, non sempre è stato uno scrittore di  serie B anzi, andando indietro  agli  anni ’30 e negli  Stati Uniti si andò affermando nell’editoria..

I Pulp Magazine  

Copertina di Weird Tales maggio 1934

 

Chiamati  così sia per la qualità degli  scritti (a parte le dovute eccezioni) sia per quella della carta utilizzata per la stampa che era ricavata dalla pasta di legno (pulp che, per l’appunto, tradotto vuol dire polpa o poltiglia).

Le storie  in questo  genere di  riviste erano racconti per lo più  a puntate del  genere dei  gialli,  fantascienza, ma non mancavano certo racconti hard capostipiti di  tutte Le sfumature di  grigio moderne (ma con la medesima qualità in fatto  di  scrittura letteraria).

Le copertine di  alcune  di queste riviste erano  piccoli  capolavori di  grafica  riferite ai titoli dei  racconti  pubblicati, ad esempio, su  Weird TalesAmazing Stories , mentre gli  autori  avevano nomi di  maestri  nel loro  genere come H.P .Lovecraft,   Clark Ashton Smith, Robert Erwin Howard  tanto per citarne alcuni.

 

L’archivio in rete per i Pulp Magazine 

Se avete voglia di  leggere in originale uno  di questi capolavori del  genere pulp (e di  cui  un esempio  lo troverete alla fine dell’articolo) vi consiglio  The Pulp Magazine Archive dove sono catalogati per la consultazione (e il download) le copie d’antan  delle riviste più famose.

Comunque, buona lettura.

Alla prossima! Ciao, ciao………….


True Stories 

 

L’indagatore dell’occulto? Ma è Jules de Grandin

Fuga da Arkham
© CaterinAndemme 

Se vi  chiedo 

Se vi  chiedo  quale personaggio dei  fumetti vi  viene in mente dicendo  indagatore dell’occulto sono  certa che la vostra risposta (se siete appassionate di  fumettologia) sarà quello  di  Dylan Dog creato dalla matita di  Tiziano  Sclavi .

Adesso, ripetendo  la domanda, vi  chiedo invece qual è l’indagatore dell’occulto che non è più un personaggio  dei fumetti ma della serie di  romanzi gotici?

tic…tac…tic…tac… il tempo  passa ma non voglio aspettare che qualcuno  mi  dia la risposta giusta, quindi vi parlerò di

Jules de Grandin 

Il primo numero di Weird Tales pubblicato nel marso 1923

Nato dalla  creatività dello  scrittore (nonché avvocato  di  buona fama) Seabury Quinn (Washington, 1 gennaio 1889 – 24 dicembre 1969) il quale pubblicò, nel periodo  intercorso  tra il 1923 fino al 1954, ben 143 romanzi sula storica rivista dedicata all’horror e alla fantascienza Weird Tales.

Di questa mole di  racconti  ben novantatré erano  dedicati  alle avventure di Jules de Grandin ed ambientate tutte nella città di Harrisonville dove, mischiati  agli  esseri umani, vivono lupi mannari, vampiri, fantasmi e, tanto per non farci  mancare nulla, gruppi  di  satanisti evocano  il demonio (un luogo tranquillo  da poterci vivere).

Nella realtà la città di  Harrisonville esiste trovandosi nel  Missouri, ma Seabury Quinn nella finzione la traslò nello  stato  di  New York.

Nel 1925 venne pubblicata su  Weird Tales la prima avventura di  Jules de Grandin dal  titolo Horror on the Links, altri  dieci  racconti  invece fecero parte di un’antologia questa volta pubblicata dalla casa editrice Arkham House (ovvio  riferimento  allo  scrittore principe  del genere fantastico Howard Philips Lovecraft).

Come per Dylan Dog  esiste una spalla come supporto per le indagini, cioè l’eccentrico Groucho,  anche Jules de Grandin nella lotta al  soprannaturale si  fa aiutare dal  medico, nonché amico, Trownridge a dir la verità ciò lo fa assomigliare più al dottor Watson di Sherlock Holmes che all’indagatore dell’occulto  di  Tiziano  Sclavi.

L’intero ciclo  delle avventure di Jules de Grandin fu  pubblicato in tre volumi nel 2003 dalla casa editrice Ash-Tree Press (l’anteprima del  secondo  volume, in inglese, lo trovate   come sempre alla fine dell’articolo).

Odo rumore di  catene e gelidi  sospiri….. (l’invito è per  leggere quello  che ho  scritto sulla casa stregata di  Hill House)

Alla prossima! Ciao, ciao….


Anteprima delle avventure di Jules de Grandin (in inglese)