Le sujet d’aujourd’hui est la merde

 

Le sujet d’aujourd’hui est la merde.

E’ inutile fare le schizzinose: tutto  ciò che ingurgitiamo, dopo la digestione, finisce  lì: nella….cacca, pupù…chiamatela un po’  come volete ma la sostanza non cambia.

Per l’appunto,   da cosa è composta questa  sostanza?

Per tre quarti  è composta d’acqua, questo per evitare l’effetto  betoniera che renderebbe le feci simile al cemento.

Poi vi  troviamo i batteri  intestinali che hanno  terminato  la loro  attività (in pratica sono  defunti).

Quindi  le fibre indigeribili ed il potpourri di altre cose che l’organismo  non sa che farsene (tra cui il colesterolo e residui di  sostanze tossiche, anche di  naftalina se le vostre preferenze alimentari  sono pari  a quelle di  Eta Beta).

In effetti Eega Beeva Luigi Salomone Calibano Sallustio Semiramide, il personaggio  dei  fumetti  della Walt Disney meglio conosciuto  con il nome di  Eta Beta, nella versione originale americana si  nutriva di piume di piccione, cubetti  di  ghiaccio e mandarini  cinesi  sottaceto.  Per la versione italiano  si  decise che la sua unica dieta era a base di naftalina.

 

Terminata la disgressione fumettistica, ritorniamo  all’argomento  del  giorno: per quanto ne  riguarda la consistenza sono  due medici  dell’Università di  Bristol, Stephen Luiss e Ken Heaton, ad aver ideato  una scala diagnostica, chiamata Bristol stool  scale,  per valutare la forma delle feci umane risalendo, quindi, a possibili patologie.

Se proprio  ci tenete potete guardare la foto in basso e, a vostra discrezione confrontare la vostra….avete capito  cosa….con gli  esempi  riportati.

Per concludere dovrei  parlare  della cacca dei  bambini (autentiche armi  chimiche), ma  siccome ho un po’  di  nausea lascerò volentieri il testimone alla ragazza che, in lingua francese, simpaticamente  vi illustrerà quanto di  inerente all’argomento.

Buona visione ( si  fa per dire).

Alla prossima! Ciao, ciao………..