Case di tolleranza, aprire di nuovo i ghetti?

Case di  tolleranza

Signora Senatrice,

Il suo  progetto  di  chiusura delle case di  tolleranza ha trovato molto  favorevole accoglienza negli  ambienti interessati: vale a dire in quelle case delle quali, purtroppo, sono ospite anch’io.

E’ facile giudicare quelle donne che fanno la miserabile esistenza: le stesse cose le pensavo  anch’io quando  ero una ragazzina e facevo le magistrali  nella mia città.

Bisogna provare però a restare sole per poter dire <<ha fatto bene>> oppure << ha fatto  male>>.

si  dice tante volte in giro, io l’ho  sentito  spesso, che non siamo  obbligate a entrare nella vita.

Non è vero: siamo peggio  che obbligate.

Tante volte sono dei luridi  sfruttatori che costringono  a darsi  al prossimo, tante volte è la fame, e altre volte è il bisogno di  soldi per poter mantenere la famiglia, o i figli, o il marito  malato….

Lettera scritta da M. il 15 luglio 1949 alla senatrice Lina Merlin in favore della chiusura delle case di  tolleranza ⌋ 

20 febbraio 1958: si  chiudono le case di  tolleranza

La donna che ha scritto  quella lettera alla senatrice Lina Merlin ha dovuto, quindi  aspettare ancora nove anni affinché il suo  desiderio  venisse esaudito.

Non sapremo  mai  cosa abbia fatto lei in questi lunghi  nove anni, se è riuscita ad avere una vita migliore o  se ha dovuto continuare a vendere il proprio  corpo  per poter  vivere: come lei  altre donne in quegli anni  hanno  scritto  alla senatrice in favore della legge o semplicemente per chiedere un aiuto.

Gli  scritti  sono  stati raccolti nel  documento Lettere dalle case chiuse e ripubblicate dalla Fondazione Anna Kulishoff ( il libro è scaricabile dal sito  della Fondazione)

white_merlin

Essere prostituta tra lavoro  e schiavitù

La prostituzione non è ovviamente invenzione della società moderna: già Erodoto  in Storie descrive l’usanza babilonese riferita alla prostituzione sacra:

Infine, la più turpe delle usanze babilonesi è la seguente: ogni donna del paese deve andare nel santuario di Afrodite una volta nella sua vita e unirsi a un uomo straniero.

Molte, sdegnando di mescolarsi con le altre, superbe come sono delle loro ricchezze, si fanno portare al tempio su carri coperti e si pongono lì, seguite da numerosa servitù.

Le più invece fanno così: nel santuario di Afrodite si mettono sedute molte donne con una corona di corda attorno al capo; le une vengono, le altre vanno. In tutte le direzioni ci sono passaggi diritti in mezzo alle donne e passandovi attraverso gli stranieri scelgono. Quando una donna ha preso posto lì non torna a casa prima che uno degli stranieri, gettatole in grembo del denaro, non si sia unito a lei fuori del tempio.

Gettando il denaro egli deve dire queste parole: «Io invoco la dea Militta».

Gli Assiri chiamano infatti Militta Afrodite. La somma di denaro è quella che ciascuno vuole, poiché certo la donna non lo respingerà – e non è lecito – perché questo denaro diventa sacro. La donna segue il primo che le abbia gettato del danaro e non respinge nessuno. Dopo essersi unita all’uomo e aver così adempiuto l’obbligo verso la dea torna a casa, e da allora in poi non daresti mai tanto da poterla possedere.

Quelle che hanno un bell’aspetto fisico presto se ne vanno, mentre quelle di loro che sono brutte rimangono per molto tempo, non potendo soddisfare la legge; e alcune fra loro rimangono anche per un periodo di tre o quattro anni. Anche in alcune zone di Cipro c’è un’usanza simile a questa

Venendo meno la componente religiosa parimenti allo  sviluppo  della società, la prostituzione da sacra è diventata strumento per contenere (meglio  dire dare soddisfazione) a quella che in realtà è la pulsione sessuale.

E’ vero  anche che in passato, cioè prima che la legge Merlin divenne  esecutiva, i  bordelli erano (anche)  utilizzati per quella specie di  rito  di iniziazione alla vita sessuale riguardante i  giovani maschi  che, in questa maniera, lasciavano  alle spalle l’adolescenza per entrare nel mondo adulto.

Peccato  che, ancora oggi, non si  è compreso che la vera educazione sessuale deve necessariamente  passare dalla scuola e non dal  letto  di una prostituta. ⌋ 

Oggi in Italia il tema della riapertura delle case di  tolleranza è uno  dei tanti  cavalli  di  battaglia della destra politica ( ma anche a sinistra c’è anche chi  sarebbe favorevole).

In Europa ogni  singolo  Paese ha la sua soluzione per arginare la prostituzione: dalla condanna fino a un certo  grado  di permissivismo

Conclusione

Come donna vedo  nelle case di  tolleranza o nella forma estesa e più moderna dei  quartieri  a luci  rosse,  solo un ghetto dove il corpo  femminile è pura merce (tralasciando i cosiddetti  vantaggi  di  natura sanitaria e pubblica sicurezza dovuti  ai  maggiori  controlli).

Quindi  sarei  più propensa alla libera professione di  chiunque, quindi  non limitatamente una donna, decida di offrirsi  senza alcuna coercizione.

Magari istituendo un albo  professionale, pagando  le tasse dovute allo Stato (tant’è i  soldi  c’entrano  sempre)

Il libro in anteprima

Julie Bindel è una scrittrice femminista radicale inglese  e co – fondatrice del  gruppo  di  riforma della legge Justice for Women che, dal 1990, ha aiutato  le donne che sono  state processate per aver ucciso  partner violenti di  sesso  maschile.

Nel  suo libro Il mito  Pretty Woman,  come la lobby  dell’industria del sesso ci  spaccia la prostituzione racconta,  attraverso intervista con ex prostitute, come la favola della puttana felice è solo invenzione.

Case di  tolleranza

Il commercio internazionale del sesso è al centro di uno dei dibattiti più accesi a livello mondiale, e non solo fra le femministe e gli attivisti per i diritti umani.

Per decenni la sinistra liberale ha oscillato fra il pro-sex work e l’abolizionismo. Ma oggi le donne che hanno vissuto la violenza della prostituzione hanno preso la parola contro la favola di Pretty Woman, la puttana felice, dando vita a un movimento globale che sta portando avanti una battaglia a favore del Modello nordico, l’unico modello legislativo che protegge i diritti umani delle persone prostituite.

Allo stesso tempo una potente e ben finanziata lobby pro-prostituzione – che comprende proprietari di bordello, agenzie di escort e compratori di sesso – impone la sua narrazione, che occulta la violenza subita dalle donne e riduce la prostituzione a un lavoro come un altro allo scopo di decriminalizzare l’industria del sesso, trasformando gli sfruttatori in imprenditori e proteggendo il diritto dei compratori ad abusare dei corpi delle donne.

Nel corso di due anni Julie Bindel ha raccolto 250 interviste viaggiando instancabilmente fra Europa, Asia, Nord America, Australia, Nuova Zelanda, Africa. Ha visitato bordelli legali, conosciuto papponi, pornografi, sopravvissute alla prostituzione. Ha incontrato femministe abolizioniste, attivisti pro-sex work, poliziotti, uomini di governo, uomini che vanno a puttane.

Un’indagine approfondita, appassionata e sofferta che rivela le bugie di una mitologia tesa a truccare gli sporchi interessi di un’attività criminale fra le più redditizie a livello globale.

ALTRI SCRITTI

New Orleans a luci  rosse (nel  tempo  che fu)

Kāma Sūtra, ovvero come riempire questa pagina

Femminismo tra azione e letteratura

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

 

 

Mestruazioni: ne potrò scrivere?

mestruazioni

 La donna deve rimanere la regina della casa, più si  allontana dalla famiglia più questa si sgretola.

Con tutto il rispetto per la capacità intellettiva della donna, ho l’impressione che essa non sia indicata per la difficile arte del  giudicare.

Questa richiede grande equilibrio e alle volte l’equilibrio difetta per ragioni anche fisiologiche.

Questa è la mia opinione, le donne devono  restare a casa…

Antonio  Romano  deputato  dell’Assemblea Costituente nel 1947

Mestruazioni, tabù e pregiudizi

Quello  che il deputato  Antonio  Romano  intendeva affermare che nella donna vi era  un impedimento  nella difficile arte del  giudicare, cioè un difetto per ragioni anche fisiologiche,  non era altro  che un sottinteso riferimento (che poi non era tanto  sottinteso) al ciclo mestruale con tutti i pregiudizi (maschili) ad esso  collegati.

L‘Assemblea Costituente  – della quale   la componente femminile rappresentava solo il 4 per cento, cioè 21 donne su 552 rappresentanti totali –  dribblò sulla questione, e solo  dopo che un emendamento favorevole all’ingresso  delle donne nella magistratura, con l’articolo 51 della Costituzione che stabilisce

Tutti i cittadini dell’uno  e dell’altro sesso possono accedere agli uffici  pubblici in condizioni di  eguaglianza, secondo  i requisiti  stabiliti  dalla legge*

Con la modifica all’art. 51 del 30 maggio 2003 viene aggiunto il periodo  alla fine

A tale fine la Repubblica promuove con appositi  provvedimenti le pari opportunità tra uomini  e donne

*Secondo i requisiti stabiliti dalla legge: le donne dovranno aspettare ben sedici  anni per vedere una legge che le consenta di  accedere alla carriera di  magistrato con la legge n. 66 del 9 febbraio 1963

⌈  Art. 1 : La donna può accedere a tutte le cariche professionali e impieghi  pubblici, compresa la Magistratura, nei  vari  ruoli, carriere e categorie, senza limitazioni  di  mansioni e di  svolgimento della carriera, salvi i requisiti stabiliti  dalla legge.

L’arruolamento della donna nelle forze armate e nei  corpi  speciali è regolato da leggi  particolari ⌋  

Certo un bel passo avanti rispetto alle parole dell’onorevole Antonio Romano, ma i  tabù sono duri  a morire, specie se anche la scienza ci  mette del  suo  per alimentare i pregiudizi: nei  testi universitari  di  medicina, fino  all’inizio  degli  anni’ 60 del  secolo  scorso, si insegnava che le mestruazioni servivano  a far espellere sostanze tossiche accumulate nel  corpo  femminile ( la menotossina tra esse)

Da qui, arrivare ai pregiudizi  e ai  tabù il passo  è breve per cui, un esempio  fra tutti, se una donna con il mestruo toccava un fiore, questo  subitaneamente appassiva (quindi le varie streghe dei  film horror sono  in perenne periodo  mestruale?).

Se da una parte questi pregiudizi  potrebbero  anche far sorridere, ben diversa è la situazione di  quelle donne costrette da pratiche culturali a subire l’ostracismo  sociale: in Nepal solo  dal 2017 è stata proibita la pratica del chhaupadi che infliggeva alle donne in periodo  mestruale la segregazione in capanne isolate proprio  per il fatto  che il loro  sangue era da considerare impuro e velenoso per qualsiasi  cosa che la donna toccasse.

Da queste pregiudizi l’attrice e regista   Marinella Manicardi ne ha tratto il lavoro  teatrale Corpi impuri

 

Tampon tax

Una direttiva europea consenti  ai  Paesi dell’Unione di  abbassare l’IVA sugli assorbenti  fino  al 5 per cento: l’Italia si  è adeguata, ma solo  per gli  assorbenti definiti  ecologici.

Prima di  questa soluzione (parziale) della tassazione degli assorbenti intimi, essi  venivano  commercializzati  con l’IVA al 20 per cento, prodotti come il tartufo hanno la tassazione pari  al 5 per cento.

La paradossale incongruenza della Tampon tax è stata messa alla berlina da 3Matrioske:

Il libro 

La giornalista e attivista femminista Élise Thiébaut ha affrontato quello  che in fondo riguarda una discriminazione di  genere con il libro Questo è il mio  sangue

mestruazioni

 

Perché ancora oggi le mestruazioni sono un argomento di cui ci si vergogna, che discrimina le donne? Perché per definirle usiamo perifrasi come ho le mie cose, sono indisposta, ho il ciclo?

Perché ci imbarazza così tanto il modo in cui funzionano i nostri corpi? E se fossero gli uomini ad averle?

Per quasi quarant’anni, ossia per circa 2400 giorni, le mestruazioni accompagnano la vita di ogni donna. Eppure rimangono un argomento circondato da silenzio e vergogna.

Perché abbiamo tanta paura di un processo naturale che ci permette di dare la vita? Come mai ci affrettiamo a nascondere nella borsa gli assorbenti quando capita di tirarli fuori per sbaglio? Perché bisbigliamo mestruazioni mentre siamo pronti a gridare insulti di ogni tipo?

Mescolando antropologia, storia, ecologia, medicina ed esperienza personale, Élise Thiébaut affronta un argomento delicato e insospettabilmente accattivante, riuscendo con la sua prosa vivace a dimostrare quanto sia complesso il principale protagonista della vita femminile. E quanto le superstizioni, le leggende, i non detti, abbiano influito per secoli sulla discriminazione delle donne.

Sorprendente, chiaro, scientificamente accurato, Questo è il mio sangue, oltre a essere un appassionante viaggio alla scoperta di un fenomeno naturale come mangiare, bere, dormire, fare l’amore, è anche un manifesto della rivoluzione mestruale in atto.

Perché parlare apertamente di mestruazioni significa, per ogni donna, accedere a una nuova consapevolezza di sé, del proprio corpo e della propria identità.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Tre libri per donne che viaggiano da sole

Ensemble ou soleil © caterinAndemme
Ensemble ou soleil
© caterinAndemme

Svegliarsi, anche da sole, in una città  straniera è una delle più belle sensazioni  in assoluto

Freya Stark 

Da sole o in compagnia di  altre donne 

Mediamente giovani  le possiamo vedere in qualunque posto  del mondo, che sia estate o  inverno (primavera o  autunno, se preferite), caracollare per i  centri  abitati o per sentieri, magari  impegnate in qualche Cammino,  sempre sotto il peso di  zaini al  completo del  necessaire  per la  perfetta viaggiatrice, che include  ovviamente il sacco  a pelo ed esclude tutto ciò che può essere di peso  e superfluo (tipo scarpe con tacco 12: sexy ma scomode per i lunghi  percorsi).

In treno,  qualche volta, le ho  aiutate  a sistemare il loro  zaino armadio sul porta pacchi    – il maschio italico  medio si  guarda bene dall’aiutarle se il   fisico non corrisponde a canoni  di  bellezza che invogliano loro  all’aiuto  e conoscenza – ricevendo in cambio un sincero danke schön, mercì beaucoup, thank you, grazie.

Mi domando se, pur avendo  l’esperienza di viaggiatrice zaino in spalla, mi sono persa l’esperienza di un viaggio in solitaria o in compagnia di un’amica, chissà: in fin dei conti sono più giovane della regina Nefertiti e magari un giorno…

Libri  di  donne che viaggiano  da sole 

Ulrike Raiser (non lasciatevi ingannare dal nome germanico perché lei  è di  origine piemontese) ha una doppia laurea in Storia del  Teatro  e Lettere Moderne aveva deciso che per mettere a fuoco  le sue due passioni, cioè viaggiare e scrivere, appena libera da impegni  professionali (insegna alle scuole medie superiori) doveva mettersi in viaggio: praticamente lo  ha fatto in tutti i  continenti e queste sue esperienze le ha trasformate in libri, una trentina.

Tra questi Sola in Alaska di  cui un’ampia intervista con l’autrice potete leggerla sul sito Viaggiare Libere    (dopo, però, ritornate qui!)

Sola in Alaska - copertinaCuriosità, entusiasmo, una macchina fotografica e 12 kg di zaino, questi sono gli unici compagni di viaggio di Ulrike Raiser quando, contro ogni aspettativa, decide di partire da sola alla volta dell’Alaska. Quella del viaggio in solitaria può sembrare una scelta difficile, ma porta l’uomo a un tipo di solitudine che lo apre a se stesso e agli altri. In Sola in Alaska prendono forma riflessioni sul senso del viaggiare, sulle differenze tra i paesi e su quanto sia difficile oggigiorno il contatto con la natura. L’autrice scopre un’Alaska che non è solo ghiaccio e freddo, come tutti credono, ma anche foreste incontaminate, aquile che volteggiano silenziose, case sperdute nel nulla e souvenir decisamente atipici. Tra panorami mozzafiato, orsi, balene, salmoni e divertenti imprevisti, il messaggio dell’autrice arriva forte e chiaro: si può scegliere di viaggiare da soli, si possono scegliere mete poco turistiche, si può avere un budget limitato e, perché no, si può anche andare controcorrente e scegliere di prendere freddo. E così, a ogni nuova tappa vengono raccontate le piccole gioie e disavventure di ogni giorno, in un libro che riesce a trasmettere le profonde emozioni che legano tra loro tutti i viaggiatori, diversi ma sempre simili, con la leggerezza e l’ironia di chi il viaggio lo vive alla giornata, facendoli sentire parte di un’unica emozione.

Iaia  Pedemonte, giornalista free lance ed esperta di  turismo  sostenibile,  insieme a Manuela Bolchini, operatrice turistica e anche lei  esperta di  turismo  sostenibile,  sono le autrici  di La guida delle libere viaggiatrici una raccolta di  viaggi in Italia  e nel mondo ognuno con una propria caratteristica che li  contraddistingue e cioè viaggi (originali, avventurosi, sentimentali) descritte attraverso i  contributi  di altre giornaliste, scrittrici, blogger (io non ci  sono..) tutte accomunate dalla passione di  viaggiare.

la guida dellelibere viaggiatrici - copertinaUna selezione di viaggi, mete ed esperienze con un’anima femminile, uniche ed originali, in Italia e nel mondo. Dall’India al Madagascar, dalla Terra del Fuoco alla Sicilia, da Berlino all’Himalaya. 50 “avventure da non perdere”: cammini nella natura, percorsi alla ricerca del silenzio o del cambiamento interiore, sfiziosi soggiorni enogastronomici, raffinati itinerari culturali, esperienze con le contadine e le artigiane nel Sud del mondo, workshop per riappropriarsi del saper fare, imprese sportive per tutti e perfino shopping intelligente. Ma soprattutto incontri con le comunità ospitali e lo straordinario “capitale umano” femminile del turismo responsabile: guide d’arte e di natura, imprenditrici agricole, direttrici di musei, manager di tour operator e altre protagoniste di “filiere virtuose”, che valorizzano la cultura e le tradizioni locali. Con una riflessione sui viaggi al femminile di Iaia Pedemonte, pioniera del turismo responsabile e i contributi di blogger, scrittrici, viaggiatrici. Prefazione della geografa Luisa Rossi.

 

In questa breve carrellata di libri per donne che viaggiano  da sole non potevo  non includere quello  che è il frutto  del  sito Viaggio  da sola perché che recita nel  sottotitolo il sito  delle donne che viaggiano  da sole ma fanno  rete fra loro

In questo  caso  si  tratta di un ebook  con  consigli per le viaggiatrici  che hanno  scelto l’ostello per i  propri pernottamenti, e il titolo  non poteva che essere: Viaggio  da sola in ostello perché…ovvero  come sopravvivere al  bagno in comune e altri  consigli 

Sia questo libro (di  cui  potete vederne un’anteprima) che gli  altri  due sono in vendita su  Amazon e in libreria (e dove se no?).

Viaggio da sola in ostello perché…ovvero come sopravvivere al bagno in comune e altri consigli è un ebook dedicato a tutte le viaggiatrici in solitaria che sono incuriosite dagli ostelli ma non hanno ancora trovato la spinta giusta per provarli in prima persona.
Abbiamo quindi unito le forze e condensato insieme tutti i consigli che, dopo anni di viaggi, pensiamo possano essere utili, nella speranza che tutto ciò possa invogliare qualche donna a spiccare il volo verso una nuova esperienza.
In questo ebook troverete consigli su come scegliere l’ostello più adatto alle vostre esigenze e la camerata giusta. Vi racconteremo come sono fatti gli ostelli, quali sono le aree di cui sono composti, come viverci in sicurezza e quali sono le norme di buona educazione per farsi adorare dallo staff e dagli altri ospiti! Oltre ai consigli pratici, ci siamo occupate anche del lato emotivo del viaggio in solitaria in ostello, parlando di solitudine ma anche di amicizia, di incontro con gli altri ospiti e di come affrontare eventuali momenti in cui si ha bisogno di aiuto o ci si sente poco bene.
Viaggio da sola in ostello perché…ovvero come sopravvivere al bagno in comune e altri consigli è un eBook ideato e scritto dalle coordinatrici del progetto “Viaggio da sola perché”, Elena Mazzeschi e Dana Donato assieme alla web writer, travel blogger e amica Eliana Lazzareschi Belloni.

Buona Lettura. 

Alla prossima! Ciao, ciao…

Credetemi: il cervello di una donna è super

Lei
© caterinAndemme

Qualsiasi  cosa facciano le donne, devono  farla due volte meglio  degli uomini per essere giudicate brave la metà di  loro.

Fortunatamente questo non è difficile. ­

Charlotte Elizabeth Whitton 

Un cervello più giovane (quello  delle donne)

Lungi  da me voler iniziare un dibattito  sulla superiorità intellettiva femminile rispetto a quella maschile ( inserendo  nel contesto tutte le sfumature transgender) ma tant’è, a furia di  sentire uomini (alcuni, tanti)  portare avanti una presunta loro superiorità sulla donna, mi aggrappo a qualunque cosa che possa ribadire il contrario.

Come ad esempio una recente ricerca pubblicata sulla rivista  scientifica americana PNAS (Proceedings of the National  Academy of Sciences) in cui si  evidenzia come il cervello  di una donna, a parità di età, risulti  essere più giovane di  tre anni  rispetto  a quello  di un uomo (se siete interessate a tutto il report, e  se proprio  non sapete cosa fare o leggere, Pdf)

Se vi  state chiedendo  se ho interesse agli argomenti  scientifici  dal punto di  vista professionale vi  dico  subito che siete lontane anni luce dalla verità: cioè che, unicamente,  la sottoscritta trae una parte dei  suoi  argomenti  da una mole di  newsletters a cui  si  è iscritta, che siano notizie scientifiche, storiche o mondane (….no, il gossip proprio no!) diventano uno spunto per un articolo il quale , non potendo  mai  ricevere il Premio Pulitzer, trae la soddisfazione dalla vostra lettura.

Grazie…(che lusingatrice  che sono).

La ricerca in poche parole

Innanzitutto mettiamoci il cuore in pace: se il nostro  cervello  risulta essere di  tre anni  più giovane questo non si  traduce in un effetto sul nostro  corpo: le rughe saranno  sempre lì a dirci che il tempo non è solo una questione di  relatività.

La ricerca si è basata sulle scansioni  del  cervello  di 200 persone adulte di  entrambi i  sessi, misurandone il metabolismo.

Dai  risultati  è emerso  che nelle donne  il metabolismo del  glucosio ( glicolisi  aerobica)  è per così dire più ottimizzato rispetto  a quello  degli uomini e ciò comporterebbe un minor rischio legato  alle problematiche dovute all’invecchiamento.

Il libro

Al di  la degli  stereotipi basati  sulla differenza del pensare e agire tra donna e uomo è indubbio  che, riferendosi  alla fisiologia del  cervello, questa differenza esiste.

Louann Brizendine, neuropsichiatra americana e docente presso l’Università della California, nel 2010 ha pubblicato il libro The Female Brain (Il cervello  delle donne) conferma quanto  detto in precedenza e cioè che il  cervello unisex non esiste.

Alla fine dell’articolo l’anteprima del libro.

Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere? La risposta della scienza alle provocazioni e agli stereotipi sulle differenze di carattere e comportamento di maschi e femmine è che un cervello unisex non esiste. Come spiega la neuropsichiatra americana Louann Brizendine la “materia grigia” di uomini e donne è diversa fin dal momento della nascita e la peculiarità biologica delle donne – il ciclo mestruale, la gravidanza, il parto, l’allattamento, la cura dei figli – influisce sullo sviluppo cognitivo, sociale e comportamentale del cervello. Le prime differenze cerebrali si manifestano già dall’ottava settimana di sviluppo fetale, in particolar modo a causa dell’avvio di quella attività ormonale che condizionerà per il resto della vita i sistemi neurali di maschi e femmine. Mentre gli uomini potenzieranno in particolare i centri cerebrali legati al sesso e all’aggressività, le donne tenderanno a sviluppare doti uniche e straordinarie: una maggiore agilità verbale, la capacità di stabilire profondi legami di amicizia, la facoltà quasi medianica di decifrare emozioni e stati d’animo dalle espressioni facciali e dal tono della voce, e la maestria nel placare i conflitti.

Tutto qui.

Alla prossima! Ciao, ciao………..


Anteprima del libro Il cervello  delle donne di Louann Brizendine