Plastica, ovunque mi giro c’è la plastica (allora ricicliamola)

La plastica, una curiosità all’inizio  del  secolo, si è diffusa dappertutto, diventando  essenziale nella nostra vita come l’aria che respiriamo

Jeremy Rifkin  

Un mondo  senza plastica è impossibile (?)

Forse Jeremy  Rifkin esagera paragonando la necessità della plastica all’aria che respiriamo, ma non è lontano  dalla verità: siamo circondati  dalla plastica e, in un certo  qual modo, non ne possiamo  farne a meno.

E’ anche vero  che oggi in commercio  si  trovano alcuni  prodotti i quali, sostituendo la plastica, vengono  considerati  come materiali  green, ma il loro difetto è quello  di  essere ancora troppo  costosi per un loro  utilizzo  generalizzato.

Utilizzando  gli  scarti  vegetali è possibile ricavare delle bioplastiche come, ad esempio, le sperimentazioni  fatte da alcuni  enti  di  ricerca:

bioplastiche

Ma siamo ancora lontani da una produzione in larga scala per soddisfare ogni  esigenza che vede nella plastica l’utilizzo  quotidiano, allora non ci  rimane che il riciclo..

Riciclare al 100 per cento si potrà (forse) in futuro, ma oggi?

Uno  studio  condotto  da PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences) ha stimato  che nel  solo 2018 sono state prodotte nel mondo  310 milioni di  tonnellate di plastica di  cui  solo il 7 per cento  viene riciclata a livello mondiale (…ecco  dov’era finito  Gatto  Filippo)

 

Una delle difficoltà che si  riscontra nel  riciclo della plastica è la sua eterogeneità: ad esempio i  contenitori  dei  nostri  shampoo sono composti da più plastiche assemblate insieme per conferire il colore, la forma e leggerezza, nonché la resistenza alla pressione necessaria per l’impilamento durante il trasporto ai  centri  di  vendita.

Oggigiorno dei 200 tipi  di plastica utilizzati dalle aziende solo il 6 per cento può essere riciclata.

Naturalmente la tecnologia di  domani, specie la nanotecnologia, potrà esserci  d’aiuto nell’impresa di  riciclare tutti o quasi i tipi  di plastica, come?

Ad esempio:

  • Si potrebbe decolorare la plastica utilizzando nanoparticelle magnetiche che, attaccandosi  ai micropigmenti colorati, ne permettono la rimozione centrifugando  la plastica fusa
  • Si può cambiare la nanostruttura del polietilene per fornirgli altre proprietà senza cambiarne la chimica e quindi rendendone possibile il riciclo.
  • In Australia è stato  sviluppato il plasfalto: un chilometro  di  questo particolare tipo di  asfalto utilizza l’equivalente di 168.000 bottiglie di plastica (non è specificato però il costo a chilometro)
  • Sempre in Australia , a Melbourne, è stato  realizzato un impianto  che, sfruttando  la pirolisi, trasforma i  rifiuti  plastici  in diesel (ma oggi il diesel è sotto processo  per l’inquinamento prodotti  dai motori  che utilizzano questo  carburante)

Quello  che noi  consumatori possiamo  fare è utilizzare la plastica il meno possibile: questo lo si può fare anche solo limitando l’acquisto  dell’acqua imbottigliata nella plastica (quella che esce dai nostri  rubinetti  di  casa è più salubre); dove si può acquistare detersivi sfusi e, ovviamente,  riciclare il più possibile (….parlo  di plastica e non di  mariti, fidanzati o  amanti)

Anche se, come ho  scritto  all’inizio, viviamo in un mondo  di plastica (esagerando  alquanto), non è la sola materia di  cui ci  serviamo per vivere al  meglio, il saggio La sostanza delle cose   di Mark Miodownik, docente di  Scienza dei  materiali all’University  College di Londra, è una guida che illustra le sostanze di  cui  è fatto il nostro mondo


Anteprima del libro La sostanza delle cose di  Mark Miodownik

L’acciaio è «indomito», la carta «fidata», il cioccolato naturalmente è «delizioso», la plastica «immaginifica» e la grafite è semplicemente «indistruttibile».

Poi c’è la schiuma («meravigliosa»), il vetro (ovviamente «invisibile»), la porcellana («raffinata»), e certo non può mancare il comune, onnipresente, «fondamentale» cemento.

Sono le sostanze di cui è fatto il nostro mondo. Basta gettare l’occhio intorno a noi e ne vediamo a centinaia, eppure sappiamo così poco di loro.

Invece, quando Mark Miodownik si guarda intorno vede ben più in là delle apparenze superficiali delle cose ed è capace di raccontarci per ognuno di questi materiali una quantità incredibile di storie affascinanti, da restare a bocca aperta per lo stupore.

Ogni sostanza diventa un mondo. In questo libro compaiono cose antichissime come il ferro accanto a sostanze futuristiche come i biomateriali o l’aerogel, tutte presentate nella loro caleidoscopica varietà di forme e di funzioni, colori e proprietà, ognuna con un suo messaggio nascosto e un’avvincente storia da narrare.

I materiali hanno contribuito a rivoluzionare il nostro stile di vita, fanno parte del nostro mondo e senza di loro non saremmo ciò che siamo.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Green New Deal? Possiamo almeno provarci

Green New Deal  è una proposta di  legge degli  Stati  Uniti che mira a far fronte ai  cambiamenti  climatici  e alla disuguaglianza economica.

Il nome si  riferisce al  New Deal cioè una serie di  riforme  sociali  ed economiche e progetti  di  lavori  pubblici intrapresi  dal presidente Franklin D. Roosevelt in risposta alla Grande Depressione.

Il Green New Deal combina l’approccio  economico  di  Roosevelt con idee moderne come l’energia rinnovabile e l’efficienza delle risorse.

Il Green New Deal  terrà conto anche della fame di  energia?

Ho sempre considerato fame quello  che riguarda la carenza di  cibo, se non una vera e propria carestia, presente tra alcune popolazione mondiale più sfortunate.

Non ho  mai pensato  alla fame come un problema legato all’accesso  per l’ energia, eppure, dati  del 2016, mi dicono  che un miliardo  di persone non ha ancora accesso all’elettricità (  i dati dell’infografica seguenti  sono quelli  della International  Energy  Agency)

Ciò  dovrebbe sensibilizzarci  contro lo spreco quotidiano che, al pari  dell’acqua, lo è anche per l’elettricità: è inutile illuminare la casa come un boulevard se al momento ne occupiamo una sola stanza (se siamo  single, due se viviamo in coppia…i gatti non hanno  bisogno di luce per leggere); spegniamo gli apparecchi in stand-by e, possibilmente, in estate non facciamo andare il condizionatore a temperature ideali  per il clima artico.

Non si può certo pretendere che in queste zone, se non prima aver risolto  i problemi  di estrema povertà,   tecnologie come quelle del  progetto Eland che, nel nord della città di  Los Angeles, vedrà la nascita di un parco fotovoltaico di  800 ettari che fornirà energia a 283mila abitazioni da qui  al 2023 quando l’impianto  sarà terminato.

Greta Thunberg è ormai l’icona riconosciuta del New Green Deal, senza dimenticare, a tale proposito,  l’impegno  negli  Stati Uniti  di Alexandria Ocasio  Cortez,  che ha movimentato migliaia di  giovani in tutto il mondo  nel Fridays  For Future: quello che, a mio parere, è errata nella concezione è l’ossessiva frattura generazionale che vuole i sedicenni  (i  giovani in generale) i paladini dell’ambiente, mentre gli over 50 e 60 come colpevoli  di non saper affrontare il problema ambientale fino  al punto  di liquidare il tutto come fake news quelle riguardanti il cambiamento  climatico e la povera Greta come una marionetta nelle mani  di  chissà quali poteri oscuri.

A proposito  di  Greta dopo  l’idiozia del manichino impiccato a sua rassomiglianza, mi  sono  sentita in dovere di  commentare l’accaduto  sulla mia pagina Facebook (mentre per quanto  riguarda il diritto  di  voto  ai  sedicenni mi son espressa in quest’articolo)

Per iniziare

Aspettando  che la politica si  scrolli  di  dosso le pastoie auto inflitte, cosa nel  concreto  si potrà fare o già si  fa:

  • Pannelli  condominiali

Una direttiva europea consentirà dal 2021 la creazione di  comunità energetiche: condomini o gruppi  di  case potranno unirsi e costruire un impianto  fotovoltaico  per dividersi  l’elettricità prodotta (ricorda un po’  il progetto  Eland di  Los Angeles).

La normativa italiana attuale prevede che i pannelli  condominiali  possono essere sfruttati  solo per alimentare gli  spazi  comuni: ascensori  e luci  delle scale.

Aspettando  che la direttiva europea sia recepita, a Bologna, nella zona Pilastro, settemila cittadini con Enea e  università della città hanno  creato una comunità solare per sfruttare l’energia solare per il consumo dei condomini (immagino, appunto, che si  tratti  per il momento di  quello  che precede la normativa italiana).

  • Combustibili  fossili  e aiuti  statali  

Sembra incredibile, ma è così: vi  sono  più aiuti  statali sotto  forma di  sgravi per chi  consuma combustibili  fossili (autotrasportatori, compagnie aeree, di  navigazione e mezzi  agricoli) che per l’economia verde.

  • Auto  elettrica

Incentivi  fino  a 8.000 euro per l’acquisto  di un auto  elettrica (più l’esenzione del bollo  per 5 anni: ma tanto  se non lo paghi  c’è sempre un condono  dietro  l’angolo).

Ma a parte il costo  di  queste auto (e il loro  design che non è il massimo della bellezza), rimane il problema delle colonnine di  rifornimento: 7.500 presenti in Italia oggi e 28.000 quelle previste entro  il 2022: ma saranno  sufficienti?

Quando si parla di mezzi alimentati  con l’energia elettrica, non si può non accennare a quello  che riguarda il trasporto  pubblico: Milano risulta essere la città più avanti rispetto  alle altre città con 25 bus elettrici  (entro il 2020 saranno 200) e di  abbandonare i  motori  a combustione entro il 2030.

  • Informatica   

In questo momento utilizzando il mio  computer consumo  energia, ma non sono la sola: tutta l’informatica del mondo  (dai computer ai  server e infrastrutture varie) consuma il 2 per cento del  totale dell’elettricità mondiale.

Nel 2023 il consumo  arriverà all’8 per cento.

Siccome non voglio sentirmi  colpevolizzata da un consumo eccessivo  di  energia, la pianto  qui  e vi  saluto….

Alla prossima! Ciao, ciao...

Glifosato: le ragioni del NO (e qualche perplessità)


 

Il glifosato è un diserbante sistemico di post-emergenza non selettivo. A differenza di altri prodotti, viene assorbito per via fogliare (prodotto sistemico), ma successivamente traslocato in ogni altra posizione della pianta per via prevalentemente floematica. Questo gli conferisce la caratteristica, di fondamentale importanza, di essere in grado di devitalizzare anche gli organi di conservazione ipogea delle erbe infestanti, come rizomi, fittoni carnosi, ecc., che in nessun altro modo potrebbero essere devitalizzati.

Estratto  da Wikipedia alla voce Glifosato 

Glifosato si, no, ni?

La diffidenza che ho  nei  confronti  di pesticidi, diserbanti e tutto  quello  che l’industria chimica riesce a produrre per incrementare le coltivazioni  intensive, a danno  della biodiversità e con rischio per la salute, mi farebbe dire un secco NO al  glifosato.

Sennonché, essendo la questione del glifosato non del  tutto risolta a livello  scientifico e normativo, nella stesura di  quest’articolo cercherò di essere del  tutto imparziale: se poi non riuscirò vi  ricordo  che in fondo  sono solo una blogger (what else!)

 

Glifosato formula chimica
Glifosato formula chimica

Si potrebbe quasi  dire che la scoperta del  glifosato  sia stato un caso  di serendipity : infatti  negli  anni ’70 la  Monsanto   stava facendo una ricerca sugli  addolcitori  d’acqua quando si notò che alcuni  di  questi  composti avevano una blanda azione di  erbicida: fu  allora che la priorità dell’industria chimica venne rivolta alla ricerca di sostanze analoghe con un potere erbicida molto più efficace: il glifosato  fu il terzo di  questi  elementi  ad essere scoperto.

Il chimico  John E. Franz che scoprì il glifosato  per conto  della Monsanto, per questa sua scoperta ha ricevuto  nel 1990 la Medaglia Perkin per l’innovazione nella chimica applicata, mentre tre anni prima gli  era già stata già assegnata  la National  Medal of Technology .

Nel 2007 il suo nome fu inserito nella National Inventor’s Hall of Fame

Pur avendo perduto il brevetto del  glifosato per termini  di  scadenza nel 2000. la Monsanto  continua a essere leader per la vendita  di  questo prodotto: il quantitativo  totale della vendita di  glifosato  nel mondo  raggiunge le 800.000 tonnellate ogni  anno.

Nel 2018 l’azienda chimica Bayer acquisisce il controllo  della Monsanto diventando una multinazionale  dell’agrochimica con 115.000 dipendenti e 45 miliardi di  euro  di  fatturato ogni  anno, di  cui 19,7 miliardi  provengono  dal  solo  settore dei  diserbanti

Recentemente negli  Stati Uniti una giuria di Oakland (California) ha condannato la Bayer – Monsanto  al  risarcimento  di 2 miliardi  di  dollari destinati  a una coppia di  anziani coniugi che per trent’anni  hanno utilizzato l’erbicida Roundup  ammalandosi  entrambi  di  tumore, naturalmente la multinazionale ha fatto  ricorso in appello per poi  arrivare a un patteggiamento  con le parti.

La Giuria, comunque, con questa sentenza ha contraddetto l’Agenzia americana per la protezione dell’ambiente che ha sempre dichiarato  che non esistono rischi  per la salute utilizzando prodotti  con glifosato

Quest’anno è  stato il turno  della  Corte di  appello  di Lione (Francia)  che ha condannato  la Bayer -Monsanto  a risarcire un agricoltore per danni  neurologici  subiti nel  continuo  uso  dei prodotti erbicidi della multinazionale

Sull’argomento  dei risarcimenti e delle cause cha la Bayer – Monsanto ha affrontato perdendo molti soldi  e quotazione in borsa vi invito a leggere l’articolo de Il Manifesto nel  box seguente  

monsanto-tossica-paghera-2-miliardi-di-danni

 

I difensori  del  glifosato (immagino  che siano i produttori) rimarcano il fatto  che questo  composto  chimico ha una bassa pericolosità dovuta anche al fatto  che il glifosato  ha una  penetrazione nel  suolo  di soli 20 centimetri escludendo, quindi, l’avvelenamento  delle falde acquifere.

Inoltre, in virtù di  questa sua bassa penetrazione nel  terreno, il composto viene facilmente degradato dai  batteri  presenti  nel  suolo.

Eppure, nel marzo 2015, l‘International   Agency  for Research on Cancer (IARC) ha classificato  la sostanza come probabile cancerogena per l’uomo inserendolo  nella categoria 2A (documento in pdf criteri  di classificazione IARC): c’è  a mio  avviso una contraddizione tra le sentenza negli Stati Uniti e Francia che hanno  condannato la multinazionale al risarcimento per tumori  sviluppati  nell’uso  del  glifosato e la classificazione della IARC che dichiara il glifosato come probabile cancerogeno basandosi solo sui  dati  sperimentali ottenuti da cavie da laboratorio

In Italia il Decreto ministeriale del 9 agosto 2016 vieta l’uso  del glifosato  solo  in questi  casi:

  • L’uso  non agricolo su  suoli  che presentano una percentuale di  sabbia superiore all’80 per cento nelle aree vulnerabili, nelle zone di  rispetto e nelle aree frequentate dalla popolazione: parchi, giardini, campi  sportivi, aree ricreative, cortili, aree verdi all’interno  di plessi  scolastici, aree gioco  per bambini e aree adiacenti  alle strutture sanitarie
  • L’uso in pre – raccolta con lo scopo  di ottimizzare il raccolto o la trebbiatura.

La famosa rivista British Medical  Journal (BMJ) sul problema del  glifosato e della normativa europea che lo  regola ha recentemente pubblicato un report  che potete leggere nel box seguente (in inglese: utile per un po’  di ripasso  della lingua)

glifosato

 

Cosa dice l’Europa? 

La questione glifosato è estremamente complessa e non priva di sospetti di  come venga gestita da parte dei produttori, ossia l’accusa rivolta ad essi (per nulla velata) è quella di  manipolazioni  scientifiche, disinformazione e sospetti  di  corruzione.

Nel dicembre 2017 la Commissione europea approvò l’estensione dell’uso  del glifosato  per altri cinque anni, quindi  fino  a dicembre 2022: questa nonostante la presa di posizione da più parti  sulla pericolosità del  composto ma, soprattutto, fu  il voto  a favore del ministro  dell’agricoltura tedesco  a portare alla proroga: fino ad allora il parere sembrava negativo, ma evidentemente la futura acquisizione della Monsanto  da parte della Bayer ha avuto il suo peso

Allo  stato  attuale la Commissione europea ha istituito un gruppo  di  lavoro, l’Assessment Group on Glyphosate (AGG),  composta da esperti  provenienti  dalla Francia, Ungheria, Olanda e Svezia che fornirà un rapporto  di  valutazione entro il 2021.

Nel  frattempo nel  nuovo  Parlamento  europeo i Verdi  europei rappresentano il quarto  gruppo con 74 eletti: il loro  programma Green New Deal si batterà su due punti fondamentali: per arginare le conseguenze del cambiamento  climatico (abbiamo  solo  11 anni  per porre rimedio) e l’interesse verso l’agricoltura che dovrà essere mirata con  metodi  di produzione con meno  emissioni  e pesticidi favorendo il biologico.

Io sono  favorevole a questi  temi, lo siete anche voi?

Se volete lasciate un messaggio.

Alla prossima! Ciao, ciao….

 

Nuovi parchi naturali in Piemonte (mentre in Liguria…)

Giullari © caterinAndemme
Giullari
© caterinAndemme

Il vantaggio  di  essere intelligenti è che si può sempre fare l’imbecille,

mentre il contrario  è del  tutto impossibile

Woody  Allen  

Greta e il giornale Libero

Prima di scrivere a  riguardo  all’istituzione di un nuovo  Parco  naturale in Piemonte mentre, al contrario, la Liguria ha una politica di  riduzione delle superfici  naturali protette, voglio precisare che:

La frase all’inizio  dell’articolo  la dedico  ai  giornalisti (?) di Libero i quali, pur di  avere qualche chance di lettura in più,  si permettono di  deridere le persone con titoli  da avanspettacolo.

Il riferimento è per quel  Vieni  avanti  Gretina, posto all’ occhiello dell’articolo scritto in occasione   della visita di  Greta Thunberg a papa Francesco.

Appellandomi all’ironia di  Woody  Allen, posso dire con certezza di  trovarci  davanti  ad un caso  dove l’imbecille può solo  far finta di  essere intelligente.

Adesso posso  scrivere sui    parchi naturali in Piemonte e Liguria

Poco  più  di un anno fa scrissi  un articolo sul blog 24Cinque (ormai  chiuso) il cui  titolo  era Aiutiamo  con una mail la nascita del Parco  naturale Alta Val  Borbera che potete leggere nel  seguente Pdf : 

v24cinque.altervista.org-Aiutiamo con una mail la nascita del Parco naturale Alta val Borbera

 

Il desiderio  di  Marco Guerrini, sindaco  di Carrega Ligure, e di  tutti  coloro che con partecipazione sincera hanno  appoggiato il suo  progetto (tra cui  la sottoscritta…) si è realizzato  il 27 marzo  scorso con la Legge regionale n.11,   che ha istituito il  Parco dell’Alta Val Borbera che verrà  gestito  direttamente dall’Ente di  Gestione delle Aree protette dell’Appennino  piemontese.

 


Visualizza mappa ingrandita

Oltre al nuovo parco  naturale è stata anche istituita l’Area contigua dell’Alta Val  Borbera: entrambe, parco  naturale e Area contigua, sono parzialmente comprese nella Zona Speciale di  Conservazione (ZCS) denominata Massiccio  dell’Antola, monte Carmo, monte Legnà.

Le Zone Speciali  di  Conservazione sono istituite a norma della Direttiva Habitat e concorrono alla realizzazione della rete Natura 2000, una rete ecologica europea di  siti individuati  con lo  scopo  di  salvaguardare la biodiversità in Europa.

Con la Legge n.11 del 27 marzo 2019 la superficie protetta del Piemonte è aumentata del 5 per cento, arrivando a superare i 200.000 ettari.

Mentre in Liguria…

La legge per il riordino  dei parchi  naturali in Liguria, al  contrario  di  quello  che è accaduto in Piemonte, ha diminuito  la superficie protetta di ben 543 ettari (vedi  l’articolo  di Piemonte Parchi

Non accontentandosi  di  questo viene affossata del  tutto  l’ipotesi  di  creare il  Parco  naturale del  Finalese chiesto  da più parti sin dal 1977.

Non istituire il Parco  del  Finalese è ignorare le ricchezze naturali  e storiche di  questo  comprensorio molto  conosciuto anche all’estero: evidentemente ai  responsabili  della Regione Liguria non solo non hanno nessun interesse all’ambiente, ma dimostrano poca lungimiranza da un punto di vista prettamente economico perché l’istituzione di un nuovo parco accrescerebbe il numero  di  visitatori  e, quindi, maggiore ricchezza (in termini  economici) per il territorio.

Se dobbiamo  dire addio  all’idea dell’istituzione di un nuovo  parco ligure, il pericolo  è che venga cancellato  del  tutto uno  preesistente: in regione c’è una proposta di legge per l’abolizione del  Parco di  Montemarcello  tra Liguria e Toscana (da parte degli  enti  toscani  invece se ne chiede l’ampliamento).

Buon fine settimana e buone feste ( vi  ricordo   che  l’agnello è bello  vederlo vivo  e non nei  nostri piatti).

Alla prossima! Ciao, ciao….

Lupi e uomini: la convivenza necessaria

La donna e il lupo © caterinAndemme
La donna e il lupo
© caterinAndemme

I lupi sani  e le donne sane hanno in comune talune caratteristiche psichiche: sensibilità acuta, spirito  giocoso e grande devozione.

Lupi  e donne sono  affini  per natura: sono  curiosi  di  sapere e possiedono  grande forza e resistenza.

Sono profondamente intuitivi e si occupano intensamente dei  loro  piccoli, del  compagno, del  gruppo.

Sono  esperti  nell’arte di  adattarsi a circostanze sempre mutevoli; sono fieramente gagliardi e molto  coraggiosi.

Eppure le due specie sono state entrambe perseguitate, tormentate e falsamente accusate di  essere voraci  e erratiche, tremendamente aggressive, di  valore ben  inferiore a quello  dei  loro  detrattori.

Tratto  da Donne che corrono  con i  lupi di Clarissa Pinkola Estés 

Chi ha paura del lupo  che cattivo non è?

Cappuccetto Rosso / Gustave Dorè
Cappuccetto Rosso /
Gustave Dorè

Cappuccetto  Rosso: lei, con la complicità  del  cacciatore, ha messo  fine alla voracità del lupo  sbaffa – nonne, ma non a quella nomea che, suo  malgrado, il Canis lupus  si porta dietro di  se  e cioè di  essere, per l’appunto,  il lupo cattivo.

Chi  vuole essere cieco  e sordo  alla sua indole di  animale schivo (che ha istintivamente  paura dell’uomo), continuerà a ripetere che il lupo è pericoloso, non si  accontenta di predare qualche gallina o pecora, ma assale anche l’uomo per farne cibo.

Senza contare che, ancora oggi, circola quella diceria sui lupi  paracadutati sulle nostre foreste da misteriose organizzazioni ambientaliste, con lo scopo  di  ripopolare l’Appennino  di  branchi selvaggi di  Canis lupus neanche se fossimo  in SiberiaAlaska.

Questo nulla toglie agli  allevatori il diritto  a richiedere  indennizzi  per i  capi predati e i finanziamenti per i  sistemi  di prevenzione (recinzioni elettrificate, cani  da guardiania)

Il lupo, comunque,  preda soprattutto  animali selvatici vecchi oppure malati, raramente quelli  sani: ciò  garantisce anche il mantenimento dell’equilibrio  dell’ecosistema e di  questo  anche i  cacciatori, che vedono nel lupo un’antagonista per la caccia, dovrebbero  esserne contenti.

Per contro,  se non è il fucile di  qualche cacciatore ad uccidere il lupo, lo sono  i bocconi  avvelenati  lasciati dai  bracconieri: non  solo  quest’azione criminale (e un po’  da cerebrolesi)  uccide il lupo, ma a farne danno sono  anche altri  animali  che si  cibano  delle carcasse avvelenate tra cui, oltre a uccelli predatori  e piccoli  mammiferi carnivori,   i  cani di  escursionisti e quelli  da guardiania.

Non sempre è il lupo a predare gli  allevamenti: cani rinselvatichiti riuniti  in branco (abituati alla convivenza con l’uomo) non disdegnano  certo l’azione predatoria attribuita in seguito ed erroneamente  al loro parente.

Inoltre, problema non  certa secondario è l’ibridazione tra cane  e lupo: ciò  avviene quando durante il  periodo  di  estro,  che in una lupa può durare in media dai 5 ai 7 giorni,  la femmina viene fecondata da un cane (probabilmente vagante o  rinselvatichito) dando  alla luce degli ibridi che, se sopravvivono, possono ulteriormente riprodursi  nel branco comportando un impoverimento del patrimonio genetico della specie.

Gli incontri con il lupo e il suo  antagonista: il cane da guardiania 

Raro, rarissimo ma non impossibile: è l’incontro  casuale con  il lupo.

Se accade, e se il canide non è già fuggito  dalla parte opposta da quella dove noi stiamo fuggendo, è il  caso  di  mettere in pratica le linee guida dettate dalla Large Carnivores Initiative for Europe (gruppo specializzato in carnivori  della Iucn) e cioè quelle  di non lasciare rifiuti in giro e di  chiudere di  sera cani  e gatti in casa: accorgimenti  necessari  se abitiamo nel  bel  mezzo  della Foresta Nera e non in città.

Ben  altra faccenda è il cane da guardiania: non è di  rado che, durante una nostra escursione in montagna, di  trovarsi  faccia  a muso con uno  di  questi poderosi  cani che, se ben addestrato, si limiterà solo  a tenerci  d’occhio altrimenti, se l’incontro è del terzo  tipo  e nessuna navicella spaziale verrà  a salvarci, bisogna seguire queste regole:

  • Non scappare correndo 

Tanto lui è più veloce e voi, fuggendo,   vi  siete trasformanti in una preda 

  • Evitare di  toccare o  accarezzare il bestiame
  • Non gridare
  • Evitare movimenti  bruschi  che possono essere percepiti dall’animale come un’aggressione

Siamo già congelate dalla paura

  • Evitare di  agitare bastoni  o lanciare pietre verso il cane (è vietato  utilizzare il bazooka che di  solito  portate nello  zaino)
  • Se è possibile aggirare il bestiame mantenendo  la giusta distanza, se ciò non è possibile e il  cane si  avvicina, parlargli con tono calmo e proseguire con tranquillità il cammino.  

D’accordo: ma cosa mai  avrò da dire (in tono  calmo) ad un cane che mi vede sotto  forma di  salsiccia? 

Il Centro faunistico Uomini e Lupi 

A Entracque, nel  Parco  delle Alpi  Marittime, è  sorto  da tempo il Centro  faunistico  Uomini  e Lupi con il doppio  intento di fornire programmi  di  educazione ambientale che sono un fondamento per istituire le basi  di  convivenza tra uomini  e lupi, e soccorrere lupi  feriti tramite un recinto  faunistico  di 8 ettari dove (se si è fortunati: io non lo sono stata) dall’alto  di una torretta è data la possibilità di  osservare i lupi ospiti  del  Centro in un ambiente  del  tutto  simile a quello loro  congeniale.

Per gli orari  e le aperture del Centro vi  consiglio di  andare sul sito.

 

Per concludere un libro

Mia Canestrini è laureata in Scienze naturali ed è specializzata in conservazione del  territorio.

Lavora presso il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco  Emiliano seguendo il Progetto  Mirco per la protezione e la conservazione del lupo  e il miglioramento  del rapporto  tra uomini e lupi.

Dalla sua decennale esperienza con i lupi il libro La Ragazza dei  Lupi (anteprima a fine articolo).

Buon fine settimana. 

Alla prossima! Ciao, ciao….


Anteprima del libro La Ragazza dei  Lupi  di  Mia Canestrini 

«Il mio lupo mi ha tagliato la strada un pomeriggio d’estate a pochi chilometri da casa. È balzato nella provinciale all’improvviso, ma calmo, e l’ha attraversata con un passo lento e sicuro, quasi a non sfiorare l’asfalto. Si è voltato a guardarmi, ci siamo fissati un istante, il tempo di lasciarmi un messaggio, e come un angelo è sparito, infilandosi nella vegetazione fitta oltre la cunetta. Mentre tutto sembrava insuperabile, il lavoro finire, il fallimento chiudere il cuore in una morsa, le amicizie allontanarsi, mentre la vita sembrava collassare su se stessa, un lupo è apparso come un lampo di luce alle porte del mio inferno personale. La sua apparizione senza senso, in un luogo strano, a un orario altrettanto strano, mi ha donato una grande fiducia nel futuro, nonostante nulla in quel momento sembrasse avere soluzione. Ma io gli ho creduto, ho stretto i denti. A volte gli angeli custodi assumono strane sembianze».


Si è messa sulle tracce dei lupi da studentessa di Scienze Naturali, quando come tesi doveva cercare segni di presenza del lupo per studiarne la genetica. Non li ha più lasciati. Oggi Mia è una “lupologa”, ed è una delle più preparate. Tra le sue attività, è impegnata anche a insegnare alle persone a convivere con l’animale di cui gli uomini hanno una paura ancestrale e un’attrazione infinita.
L’esperienza personale di Mia si intreccia con la storia più grande del lupo in Italia, ed è il racconto di un amore sconfinato, di cuccioli salvati e rimasti nel cuore, come Achille, e di altri perduti, un amore a volte corrisposto, a volte no. Ed è anche la storia di come i lupi le hanno insegnato a seguire la strada della libertà.