La piccola storia di un innamorato impertinente

 

Un giorno  si ed uno no, prima di  entrare in ufficio, compro il pane in un piccolo forno alla fine di  via San Vincenzo, ad un centinaio  di  metri  dal Ponte Monumentale  che si  trova a metà di  via XX Settembre, dove   la quiete dell’isola pedonale di San Vincenzo si  dissolve  nel  rumore di  quella che considero  la strada più rumorosa di  Genova (forse di  tutt’Italia) e cioè, appunto,  Via Venti.

A servire i  clienti vi è una giovane e graziosa ragazza che, tra un filoncino  di pane, brioche e focacce di ogni  genere (compresa quella con le cipolle, tanto buona quanto letale per l’alito), riesce ad essere sempre gentile e sorridente.

Fu poco  prima del  natale scorso  ( o poco  dopo?) che insieme a me nel  negozio  entrò un giovane, penso  sui  trent’anni, incurante del fatto di non essere l’unico  cliente, anzi incurante del fatto  di non essere solo (in pratica non mi ha considerato  minimante), si  appoggia al  bancone e con un niente chiede alla commessa:

Ciao, volevo  chiederti se posso invitarti  questa sera a cena……

L’imbarazzo  di  lei si  è subito palesato in un leggero  rossore.

Il mio imbarazzo, come sopra, non è stato per nulla preso in considerazione, tanto  che mi  sono messa a fissare delle tortine glassate come se non ne avessi  mai  visto una (odio  le tortine glassate).

Comunque la ragazza si  riprende (quasi) subito rispondendo  con un laconico:

No, grazie.

Mi  sarei  aspettata che lui  avesse insistito, magari  tirando   fuori  dalla tasca della giacca un mazzo  di  rose come un prestigiatore, oppure una tanica di  benzina per darsi  fuoco.

Ed invece, con una semi  impercettibile alzata di  spalle  pone fine alla questione con un:

Va bene, sarà per la prossima volta……

E se ne va (con mia gioia perché mi ero  stufata di  guardare le tortine glassate).

A questo punto la mancata ospite di una sera a cena, quasi  giustificandosi nei miei  confronti per un approccio  che sembrava più un blitz delle teste di  cuoio, mi disse:

Ma che impertinente (ha usato proprio la parola impertinente), e poi  io  sono già impegnata da più di  tre anni…..però, tutto  sommato, è stato  gentile. Forse  mi ha trovato  bella.

Certo  che ti  ha trovato  bella e desiderabile perché, nonostante l’impertinenza, è l’alchimia del  sentimento che lavora per rendere la nostra vita più leggera e piacevole.

Questo, però non gliel’ho  detto: ho preso il mio pane e con un sorriso ho salutato  lei  e le tortine glassate.

Alla prossima! Ciao, ciao……………..

 


Il tragico incidente di  ieri, il deragliamento del  treno  a Pioltello che ha causato la morte di  tre donne e decine di  feriti, mi ha particolarmente colpita, perché anch’io faccio parte di  quel popolo  nomade che si  servono di  quei  binari figli  di un dio minore (come titola il quotidiano La Repubblica in edicola oggi).

Ogni  giorno viaggiamo in carrozze affollate e sporche, ogni giorno il treno che dovrebbe portarci in orario  al  lavoro, oppure a casa alla sera,  è sempre in ritardo.

Fate un po’ il conto: al meno  venti minuti ogni  giorno, tra andata e ritorno, moltiplicato per tutti i giorni  lavorativi  di un anno: è un bel po’ di  tempo  che ci  viene sottratto.

E’ vero, come sempre La repubblica cita, che in Grecia o in Portogallo le cose vanno peggio: ma io vivo in Italia, allora potrei  citare, magari, il Giappone come esempio  da seguire  se si  vuole parlare di  trasporto  pubblico  al  top.

Ci viene detto che nel 2020 anche questi  binari  figli  di un dio minore  vedranno correre su  di  essi  nuovi  treni per i pendolari.

Dobbiamo solo aspettare (ancora) due anni, sperando  che quello  che è accaduto  a Pioltello non accade mai  più.

Ed infine, loro, i professionisti  della politica, i quali distratti dalla loro  corsa alla rappresentanza nei  seggi, ne approfittano del  dramma per colpire l’avversario.

Come viene definito dai  media questo  comportamento?

Si, adesso ricordo: sciacallaggio 

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.