Jean Ross la Sally Bowles di Isherwood

Jean Ross

Money makes the world go around
…the world go around
…the world go around.
Money makes the world go around
It makes the world go ‘round…

Dal  film Cabaret (1972)

Sally la diva del  Kit Kat Club

 

In realtà esiste un Kit Kat Club  a Berlino, fondato nel 1994 dal  regista austriaco  di  film porno Simon Thaur,  offre serate di intrattenimento molto trasgressive e del  tutto   diverse da quelle offerte da un circolo  di  bridge (senza nulla togliere agli appassionati di  giochi  di  carte).

Tralasciando la  realtà delle notti  berlinesi (ma sembra che il Kit Kat Club stia per chiudere) esiste nella finzione cinematografica un’altro  club omonimo e sempre a Berlino: quello in cui  si  esibiva Sally Bowles, l’eroina di  Addio  a Berlino dello  scrittore inglese Christopher Isherwood , pagine che ispirarono nel 1972 il regista Bob Fosse per la sua pellicola pluripremiata Cabaret con Liza Minnelli come interprete principale.

Jean Ross che ispirò Christopher a creare Sally

Jean Ross
Jean Ross ventenne (1931)

Lei  è Jean Iris Ross Cockburn (Alessandria d’Egitto, 7 maggio 1911 – Londra 27 aprile 1973) scrittrice, attivista politica, critica cinematografica.

Ma anche corrispondente di  guerra per il Daily Express durante la guerra civile spagnola (1936 -1939) e addetto  stampa per il Comintern  o Terza internazionale dei partiti  comunisti (lei  stessa fu  fino alla fine della sua vita membro  del partito  comunista inglese).

Durante la sua giovinezza a Berlino, nel periodo della Repubblica di  Weimar, si  esibì come cantante di  cabaret e modella: è ovvio  che, vista la giovinezza e l’ambiente frizzante dei palcoscenici, rimediò diversi  amori e da qui l’ispirazione di Christopher Isherwood per creare il personaggio di  Sally Bowles.

I due si  erano  conosciuti a Berlino nell’inverno  del 1931 condividendo un modesto appartamento ( si  dice, ma questo è gossip  d’antan, che Isherwood si  era trasferito  a Berlino richiamato dalla vita notturna gay della metropoli).

Ross e Christopher divennero  comunque amici (sebbene il  rapporto  a volte non fu propriamente amichevole), e lei  stessa divenne, per la sua forte carica sessuale, una specie di  musa ispiratrice da mitizzare per gli  amici  gay  dello  scrittore.

Forse invidioso di  ciò (ma questo  lo scrivo io) Isherwood così descrive una performance di Jean Ross sul palco  di un cabaret:

Aveva una voce roca e sorprendentemente profonda, ma cantava male, senza alcuna espressione, le mani  penzoloni lungo i fianchi, eppure la sua interpretazione era capace, nel non curarsi  di ciò che si potesse pensare di lei, efficace tale da attirare il pubblico ⌋    

Partendo da questo poco  lusinghiero  giudizio   Christopher Isherwood inventò Sally Bowles (Bowles era il cognome dello  scrittore gay americano Paul Bowles, amico  di  entrambi).

Anteprima del libro Addio a Berlino (in inglese)

Jean Ross

«Io sono una macchina fotografica con l’obiettivo aperto» dichiara l’alter ego di Christopher Isherwood arrivando nell’autunno del 1930 a Berlino.

Un obiettivo – si può aggiungere – inesorabile, attraverso il quale partecipiamo come dal vivo ai suoi incontri nel cuore pulsante di una Repubblica di Weimar che si avvia al suo fosco tramonto: da un’eccentrica, anziana affittacamere alla sensuale Sally Bowles, aspirante attrice un po’ svampita, a Otto, ombroso proletario diciassettenne, a Natalia Landauer, rampolla di una colta famiglia ebrea dell’alta società.

Tra cabaret e caffè, tra case signorili e squallide pensioni, tra il puzzo delle cucine e quello delle latrine, tra file per il pane e le manifestazioni di piazza, tra crisi economica e cupa euforia, Isherwood mette in scena «la prova generale di una catastrofe» e ci fa assistere alla irresistibile ascesa del nazismo.

ALTRI SCRITTI

New Orleans a luci  rosse (nel  tempo  che fu)

Berlino: fuga dal  Muro  con sponsor

Isadora Duncan: seguendo il ritmo  delle onde

Alla prossima! Ciao, ciao…♥♥

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: