Il potere di Hedione

Hedione
CaterinAndemme ©

Tempo  fa, leggendo l’articolo  di  Paola Scaccabarozzi  Messaggeri  d’umore (D – Donna novembre 2015) in cui  si parlava del potere degli ormoni sulla nostra vita, mi sono imbattuta per la prima volta sul dihidrojasmonato di  metile quella molecola che, presente in molti profumi, scatena da parte del nostro ipotalamo il rilascio  di ormoni  sessuali.

Comprendendo  che la sessualità va ben  oltre ad una sniffata di dihidrojasmonato  di  metile, vado  subito  al dunque dicendo  che esso  si  trova come essenza floreale del gelsomino: Christian Dior, nel 1966, la utilizzò come base per il suo  profumo Eau Savage.

Per evitare un lungo ed impronunciabile scioglilingua, alla nomenclatura chimica dell’elemento  si  è preferito  darne uno  molto più semplice e significativo: Hedione  (in effetti è un mix tra gelsomino  e magnolia) nome derivato  dal  greco  antico per indicare la parola piacere (se qualche grecista non è d’accordo  con questa traduzione sappia che non mi  offenderò se vorrà correggermi).

A conferma dell’effetto dell’Hedione sul desiderio  femminile è stato un gruppo  di  ricerca della Ruhr-Universität Bochum (Germania): nell’esperimento ad un gruppo  di volontarie è stato  fatto  annusare sia l’Hedione che l’alcol feniletilico (anch’esso utilizzato  come fragranza floreale nei  profumi).

Dopodiché esaminando il cervello  di  queste donne (….ovviamente attraverso una TAC e lasciando il cervello  dove di  solito  si  trova), si è visto che, in coloro  che avevano  annusato  l’Hedione, l’area cerebrale del  sistema limbico, responsabile delle emozioni e della sessualità, si  era accesa molto più in confronto  dell’effetto  della sostanza di  comparazione.

La storia di  questo  esperimento (storia non confermata) riporta la testimonianza di  alcuni  testimoni  oculari  che hanno  visto gli  scienziati  barricarsi  nel  laboratorio  perché assaliti  dalle volontarie desiderose di  fare sesso  con loro (qualcuno  ha ceduto alla richiesta molto  volentieri).

Augurandovi un buon 1 maggio vi  aspetto il mercoledì successivo.

Alla prossima! Ciao, ciao………………….

INstagrammandomi 


Un po’ di vita mondana (e tanta fame…) #fotografia #ritratto #persone

Un post condiviso da caterina andemme (@caterina_andemme) in data:

Leave a Comment