Il genio di Hedwig Eva Maria Kiesler

HLamarr 
©caterinAndemme

Hedwig Eva Maria Kiesler 

Se il nome di  questa donna non vi  dice nulla allora proverò ad aiutarvi con una sua frase che ne esaltò il carattere non convenzionale allo  stereotipo  della donna oggetto :

<<Non è difficile diventare una grande ammaliatrice: basta restare immobili e recitare la parte dell’oca>>.

A questo punto questi pochi indizi conducono  ad un nome d’arte certamente più noto  del precedente: Hedy Lamarr (Vienna, 9 novembre 1914 – Altamonte Springs, 19 gennaio 2000).

Hedy Lamarr attrice  

1933: nelle sale fumose dei  cinema d’allora (immagino che all’epoca si potesse fumare in sala ) esce un film che darà scandalo: Exstase Estasi  se mai  occorresse una traduzione in italiano – del regista ceco Gustav Machatý: fu una scena di  nudo integrale dell’attrice e  quella di un orgasmo al  femminile  a far intervenire la censura, tanto  che:

Alla première del  film tenutosi a Vienna il 18 febbraio 1933 la pellicola viene pubblicizzata come un’erotica rappresentazione di  disinibiti  impulsi  sessuali.

Non è certo per questa erotica rappresentazione del  sesso che il film non piace al pubblico e alla critica, ma piuttosto  per quel personaggio  femminile, Eva interpretato  da Hedy Lamarr, vive liberamente la propria sessualità a dispetto della moralità del tempo.

In Germania in un primo  tempo la censura proibì Exstase e  solo  nel 1935 ne autorizzò la visione ma con pesanti  tagli  e con un nuovo  titolo: Symphonie der Liebe (Sinfonia d’amore).

Non furono solo  i  censori del  nazismo a proibire o a mutilare il film: negli Stati Uniti la magistratura dapprima ne ordina la distruzione delle copie sequestrate (un po’ come è accaduto  a Ultimo  tango  a Parigi  di Bernardo  Bertolucci) perché contro  la morale in quanto viene raccontato un amore illecito tra una donna sposata e il suo  amante poi, quando  la casa di  distribuzione Eureka Production vince la causa in appello  contro  il sequestro, il film verrà proiettato con una voce fuori  campo  che informava il pubblico del  fatto che Eva avendo  divorziato  dal marito poteva risposarsi  con Adam (e fare  liberamente sesso  con lui…questo l’ho aggiunto io)

Naturalmente la filmografia di  Hedy Lamarr non limitandosi a quest’unica pellicola è molto ampia ed io che sono un po’ pigra non avendo  voglia di  farne un lungo  elenco  vi  rimando  su questa pagina del  sito IMDb dove troverete tutte le informazioni  a riguardo (ma poi ritornate qui!)

Il brevetto 2 292 387 

Prima di  diventare attrice Hedy Lamarr aveva una passione per l’ingegneria, messa poi da parte per l’altra che riguardava cinema e teatro.

Ma il genio scientifico  che covava in lei  la fece appassionare alla tecnologia legata ai  segnali  radio e al  telecontrollo.

Così, un giorno del 1941, durante un party ad Hollywood , incontrò il compositore francese George Antheil e da qui l’idea di  quell’invenzione che sarà alla base  della tecnologia wi-fi.

Adesso non credo  assolutamente che un uomo come George Antheil incontrando una bella donna come poteva essere Hedy  Lamarr, per di più durante un party  ad Hollywood, per far colpo su  di lei si  mettesse a discutere di problemi  di ingegneria, quanto piuttosto sono  propensa ad un’altra storia più autentica e cioè che entrambi furono colpiti dalla vicenda di una nave con bambini orfani a bordo affondata da un U- Boat nazista e, quindi, pensarono di  trovare un sistema di  trasmissione criptata nelle frequenze radio.

La scoperta fondamentale di Hedy Lamarr  e George Antheil fu che la trasmissione di onde radio poteva essere trasferita da un canale radio all’altro a intervalli di tempo regolari in una sequenza di successione dei canali nota soltanto al trasmettitore e al ricevitore. Per adottare una sequenza sincronizzata e concordata nel cambio dei canali, Antheil suggerì di adottare un sistema (vero e proprio rudimentale codice macchina) simile a quello dei rotoli di carta perforati adoperati nelle pianole meccaniche.

I due inventori  presentarono il loro  progetto  al National Inventors Council di  Washington che lo  brevetterà l’anno  successivo, quindi  nel 1942, con il numero 2 292 387 ritenendolo…perfettamente inutile.

Nel 1962, quando il brevetto era ormai  scaduto  da tre anni, la marina militare degli  Stati Uniti utilizzò questa tecnologia per la comunicazione tra le navi  impiegate nel  Blocco  di  Cuba 

Solo in seguito  a Hedy Lamarr vengono dati  i dovuti  riconoscimenti per la sua invenzione: dall’Electronic  Frontier Foundation che la conferì  il  Past Pioneer Award nel 1997 mentre l’Austria, quasi  dieci  anni dopo e cioè nel 1998, la insignì  con la Medaglia Kaplan massima onorificenza che il Paese riconosce a coloro  che si  sono  distinti  nelle invenzioni

Google nel 2015 celebrò Hedy Lamarr attrice e inventrice con questo  video

 

 Arriva il maledetto  Viale del  Tramonto 

Anche per Hedy Lamarr , come altre dive del cinema, la fine della carriera coincide con un triste epilogo che la vede affrontare sia la realtà di una bellezza che svanisce con gli  anni (anche per via di interventi plastici  mal  riusciti),   una progressiva cecità e un periodo  di povertà superato dal  risarcimento di una causa intrapresa contro  la software house Corel rea di  aver utilizzato una sua immagine senza autorizzazione per la pubblicità del programma di  disegno  vettoriale CorelDraw.

Hedy Lamarr muore il 19 gennaio  del 2000 per crisi  cardiaca.

Rispettando la volontà della madre, il figlio Anthony porterà le ceneri in Austria per disperderle tra le montagne della  Selva Viennese 

 Da donna a donna per ricordarla

Negli anni’90 la rivista Forbes contattò Hedy  Lamarr per un’intervista riguardo  al  suo  brevetto:  da questa intervista è nata l’idea di un film documentario  sulla sua vita Bombshell – The Hedy Lamarr story diretto da Alexandra Dean e prodotto  da Susan Sarandon.

Il film venne presentato  nel 2017  a New York  durante il Tribeca Film Festival suscitando molto interesse tra il pubblico.

Il film riscopre la spregiudicata enfant terrible di Holly­wood, Hedy Lamarr, nota per i suoi matrimoni e le sue numerose storie d’amore con vari noti uomini del tempo, da Spencer Tracy a JFK. Primo scandalo della storia del cinema, con un nudo integrale, Hedy sposa (primo di sei mariti) un collaborazionista nazista, lo lascia e fugge a Hollywood dove diventa una star del cinema nota per essere “la donna più bella del mondo”. Tante canzoni sono state scritte sulla sua bellezza, i personaggi di Biancaneve e Cat Woman sono stati disegnati traendo da lei ispirazione. Ma Hedy aveva una passione segreta. Durante la Seconda guerra mondiale, impiegava il suo tempo libero studiando una tecnologia di trasmissione del segnale che verrà poi chiamata “spread spectrum” e usata nella telefonia e nelle reti wireless.  Il film rivela dunque un lato nascosto della sua vita, l’amore per la matematica e la tecnica, e ci fa scoprire che, grazie alla sua mente brillante, nel 1940 Hedy Lamarr, all’insaputa di tutti, contribuì a inventare la tecnologia che cambiò il nostro mondo.  

Tutto qui.

Alla prossima! Ciao, ciao……….

P.S. questo  è il mio  primo  articolo del 2019: anche se con un po’ di  ritardo vi  auguro un Felice Anno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: