I dischi volanti nelle mie divagazioni estive

Dischi volanti

Gli uomini desiderano i miracoli così disperatamente da vedere ciò che vogliono vedere

Fox Mulder (David Duchovny) in  Miracle Man – X- Files 1°stagione episodio  18

I dischi  volanti  nelle opere classiche

Per gli ufologi quello che Diodoro  Siculo  riportò nella sua monumentale Bibliotheca Historica (XVI, 66, 3 – 5),  cioè ciò che venne visto nel 343 a.C. nel cielo  sopra al  mare aperto  tra la Grecia e la Sicilia, fu il primo  avvistamento  di un disco  volante:

Dischi volanti
William Rainey (1852 – 1936): Timoleonte salpa per la Sicilia guidato da una fiaccola miracolosa

Durante la navigazione accade a Timoleonte un fatto  singolare e straordinario, in quanto  gli  dei  lo assistettero nell’impresa e preannunciarono  la fama e la gloria che avrebbero  avuto  le sue gesta: nel  cielo una torcia accesa indicò per tutta la notte il cammino  fino a quando  la flotta non raggiunse l’Italia…

Quindi il condottiero  greco impegnato nella sua battaglia contro i tiranni  di  Siracusa avrebbe avuto il beneplacito di un qualunque ET che si  fosse trovato da quelle parti in quell’epoca.

Peccato  che a guastare l’ipotesi degli ufologi  (per loro una  certezza) siano  i  soliti  scienziati  guastafeste che imputano il fenomeno  alla semplice visione della scia causata dal passaggio  di una cometa o  meteora che, dal punto  di  vista degli  antichi, aveva del miracoloso.

Nei  secoli seguenti all’episodio  riportato  da Diodoro  Siculo, altri storici  come Tito Livio , PlutarcoGiuseppe Flavio riportarono nelle loro opere le cronache di fenomeni  simili.

In questa lista degli  avvistamenti UFO,  redatta da Wikipedia, si può avere un insieme parziale dei  fenomeni  attribuibili  a entità extraterrestri (compresi i poco credibili  episodi  di  rapimenti da parte di  alieni).

Mussolini  e il suo  disco  volante

Roberto Pinotti, presidente del  Centro ufologico italiano, nel 2000 rilasciò una dichiarazione durante un simposio ufologico  a San Marino in cui affermava di aver ricevuto  da fonti  anonime (ma guarda un po‘) documenti presi  da archivi fascisti nei  quali  veniva data testimonianza di uno schianto avvenuto  nel 1933, nei pressi  di  Milano, di uno  strano oggetto  volante.

Immediatamente Benito  Mussolini volle istituire il Gabinetto RS/33 (RS sta per Ricerche Speciali) guidato nientemeno  da Guglielmo  Marconi.

La gestapo da parte sua requisì tali  documenti (volete che Hitler lasciasse tutto nelle mani  del  suo  alleato?) per l’avvio  di un programma analogo.

L’astronave intanto  veniva nascosto in un hangar della Savoia Marchetti e presumibilmente trasferita nell’Area 51 alla fine della guerra.

Ovviamente non è mai  esistito un Gabinetto  RS/33, tanto  meno  Guglielmo Marconi ne sarebbe stato coinvolto. Diciamo che il tutto potrebbe servire come sceneggiatura per un eventuale film della serie di Indiana Jones ⌋   

UFO in streaming (The vast of the Night)

Prima, però:

Io credo  che in tutto l’Universo  vi  siano  altre forme di  vita perché, al contrario, tutto  questo  spazio senza vita sarebbe solo uno spreco.

 

Vi  consiglio, sempre se siete tra gli  abbonati  a Netflix, la visione del film The Vast of Night (recensione e trama nel  box seguente a cura di  MYmovies ) opera prima a budget ridotto degli  sceneggiatori James Montegue e Craig W. Sanger e del  regista Andrew Patterson.

vast of night
ALTRI SCRITTI

Antartide tra scienza e (pseudo) misteri 

Dall’esobiologia al  Wow signal 

Le sfere di  fuoco tra scienza e fantascienza in 4 brevissimi  paragrafi 

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: