Genova e il forte Diamante: un percorso ad anello

Quando uno  va a Genova è ogni  volta come se fosse riuscito  a evadere da se: la volontà si  dilata, non si  ha più coraggio  di  essere vili.

Mai  ho  sentito  l’animo traboccante di  gratitudine, come questo mio  pellegrinaggio attraverso  Genova

Friedrich Nietzche 

Quando uno  va a Genova 

Quando uno  va a Genova può fare due cose: fuggire via da questa città apparentemente difficile, oppure innamorarsene.

Io, che di  Genova ho i natali,  ne sono ovviamente innamorata, ma non è detto  che un domani questo  amore si  trasformi in un  malinconico  ricordo di anni passati, perché non è detto  che la vita continui in un altrove altrettanto da innamorarsene.

Se questo persona che arriva a Genova è poi un turista vorrei  invitarlo a scoprirne ogni  angolo  nascosto nei  cosiddetti carruggi o nelle case nobiliari aperte nelle giornate   dedicate ai   Rolli Days (l’ultima edizione di poche settimane fa)

Poi siamo  d’accordo che non possa mancare la visita ai punti  tradizionali  quali la Lanterna, Palazzo  Ducale, il Porto  Antico, Sant’Agostino, e i  forti: ed è proprio  di  quest’ultimi che ne parlo  per un’interessante percorso  escursionistico  che si  svolge in quello  che è il Parco  delle Mura 

L’anello  del  forte Diamante 

Il punto  di partenza per questa facile escursione è il Righi (quartiere collinare di  Genova) facilmente raggiungibile con la funicolare che da largo Zecca porta in cima alla collina (nelle ore di punta corse ogni 15 minuti).

L’itinerario  si  svolge a cavallo  delle due valli  genovesi Polcevera e  Bisagno con 3 o 4 ore di  cammino  (durata ovviamente soggettiva) si passa, oltre al forte Diamante, quello  dello Sperone (il primo  che incontreremo), il Fratello  Minore (richiede una piccola deviazione) e il forte Puin.

Non vi  sono fonti in cambio, però, due trattorie sono a disposizione se non vogliamo  mangiare il classico panino: Ristorante la Polveriera,  posto all’inizio  del percorso  (quindi  utile per una sosta al termine dell’escursione), oppure Ostaia de Baracche a meno  della metà dell’intero  anello  (vedi la  cartina, percorso  numero 2).

Dalla stazione della funicolare proseguiremo prendendo  la strada in salita fino  ad arrivare alla via delle Baracche, passando  per l’Ostaia delle Baracche  e quindi raggiungendo le Mura Nuove dove inizia il percorso (segnavia una X).

Nel punto più alto  delle Mura Nuove è posto il forte Sperone (450 metri ).

Da subito si nota la sua struttura imponente su diversi  livelli eretto nel XIV secolo e ampliato  nel 1600 e nel 1747 durante la guerra di  secessione austriaca

Con i Savoia si  ebbe il completamento  dell’opera come è visibile oggi.

Proseguendo arriveremo  al valico di  Trensasco su  di una sterrata (molto  frequentata anche dai  ciclisti): da questo punto  possiamo scorgere il tracciato in basso  della ferrovia  Genova – Casella (da tenere a mente per una piacevole gita su un  particolare tipo  di  trenino con  panorama spettacolare).

Camminando, camminando  non dobbiamo  perdere un piccolo  sentiero  sulla nostra destra che si inerpica in un rado  boschetto fino a raggiungere un pianoro: dal basso  si  vedrà isolato a 660 metri  di  quota il forte Diamante (coraggio, ci  aspetta una ripida salita: è comunque l’unica del percorso).

 

Nel 1800 il forte Diamante ospitò le truppe napoleoniche che vennero  tenute sotto  assedio dagli  Austro – piemontesi.

Tra il 1814 e il 1820 fu  ristrutturato dal Genio Militare Sardo.

Abbandonato  nel 1914 è stato in parte ristrutturato  nel 2005, ma tutt’ora l’accesso  è interdetto  al pubblico (avventurarsi  al suo interno richiede un minimo  di  accortezza).

Ops! Ho dimenticato il panino….

Come ho  già scritto in precedenza, dopo  aver sostato al  forte Diamante nel  ritornare al punto  di partenza possiamo  fare una piccola deviazione per raggiungere il Fratello Minore dove la vista spazia su  tutta la val Polcevera includendo  le cime dei monti  intorno  al passo  della Bocchetta, la Riviera di Ponente sino, sullo  sfondo,  ammirare le Alpi Marittime.

A breve si  arriva al  forte Puin in un paesaggio molto  brullo e povero  di alberi

Il forte Puin è stato  costruito  tra il 1815 e 1831 sui  resti  di una ridotta del 1742.

E’ di  proprietà privata dal 1963.

Il nome deriverebbe da una sottostante baracca chiamato  ” du  Puin”: il Padrino (ma l’attribuzione è molto  dubbia)

Ormai  siamo  alla fine del percorso: a ridosso  delle Mura Nuove varcheremo il Cancello  dell’Avvocato  (non so  perché si chiama così..se qualcuno  vuole farmelo  sapere ne sarò grata) per ritornare al nostro punto  di partenza scendendo  verso  la funicolare che ci  riporterà in centro  città.

Alla prossima! Ciao, ciao…♥♥ 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: