Suffragetta e scrittrice: Rebecca (Cecily Isabel Fairfield) West

Modern suffragettes
©caterinAndemme

Quando Cecily Isabel Fairfield disse a proposito  del  femminismo

Non sono mai  riuscita a capire con precisione che cosa significhi femminismo.

So  soltanto  che mi  definiscono  femminista tutte le volte che esprimo sentimenti  che mi differenziano  da uno  zerbino o da una prostituta.

Ed io mi considero una femminista o semplicemente una donna che desidera il rispetto  dei  diritti?

Molto  probabilmente se fossi  vissuta nello  stesso periodo  della nostra Isabel avrei  avuto  anch’io  qualche dubbio su  come definirmi ma, sicuramente sarei  andata a braccetto, insieme a tante altre donne, per manifestare contro l’apartheid culturale  che le relegava ad un ruolo  subordinato rispetto  all’uomo, negando loro anche il diritto  di  voto.

Insomma, sarei  stata una suffragetta!

Rebecca West

Perché lei –  senz’altro  avete capito  che parlo  della scrittrice Rebecca West (pseudonimo preso in prestito dal nome della protagonista dell’opera di Henrik   Ibsen  La casa dei Rosmer) – aderì con tenacia al  movimento di emancipazione femminile meglio  conosciuto come quello  delle suffragette.

Lei  era nata nella Contea di  Kerry (Irlanda) il 21 dicembre 1892, cioè dopo ventitré anni  dopo la nascita del Movimento  delle suffragette in Inghilterra (1869).

(Finalmente) il diritto di  votare

La prima nazione a riconoscere i l diritto  delle donne al voto fu  la Nuova Zelanda nel 1893 (quindi all’epoca Rebecca West si  dedicava più alle pappe che alle manifestazioni).

Seguirono Finlandia e Norvegia (rispettivamente nel 1906 e 1907, Rebecca è poco più che un’adolescente) .

E’ il 2 luglio 1928 quando in Inghilterra anche alle donne è riconosciuto il loro  diritto  di partecipare attivamente alla vita politica del  Paese.

Fu la volta della Francia nel 1945  e (finalmente) nel 1946, il 10 marzo, le donne italiane non solo potevano  eleggere chi volevano, ma potevano  anche essere elette.

Fanalino  di coda per il diritto  del  suffragio  universale concesso  alle donne è la moderna Svizzera che, dalla concessione in   alcuni  cantoni  nel 1959, si  arrivò alla totalità solo  nel 1971 (Rebecca West ha settantotto anni, morirà all’età di novantuno anni a Londra il 15 marzo 1983).

Qualcosa su  di lei

Per una biografia dettagliata della scrittrice l’invito è quello  di  fare una ricerca in rete dove le fonti  sono varie e dettagliate (comunque ad inizio  articolo  troverete il link per la pagina di  Wikipedia a lei  dedicata).

Posso  solo  aggiungere che lei, vissuta in una famiglia ad alta concentrazione femminile (madre e sorelle) dopo  che il padre, ignominiosamente, si  era dato  alla fuga, aveva come desiderio  quello  di  diventare un attrice  ma, evidentemente, la vita sul palco non  fu facile, tanto  che pensò di  darsi  alla scrittura.

Lo fece, per l’appunto, iniziando  a scrivere su  un giornale legato  al  Movimento delle suffragette: cosa che la madre le proibì di  fare e, per evitare il divieto  materno, assunse il nome di  Rebecca West.

Un po’ di  gossip

Fra i suoi  amori  quello  più chiacchierato  fu con lo scrittore H.G. Wells di  qualche anno più vecchio  (diciamo  di una ventina d’anni…) che lei, dapprima, apostrofava all’inizio  del rapporto  come essere una vecchia zitella, fino  ad arrivare a chiamarsi  l’uno con l’altra  con gli  appellativi  di pantera e giaguaro (segno  con il  rapporto  era entrato in una fase calda) .

La relazione clandestina durò all’incirca una decina d’anni e, nel  mezzo, la nascita del  figlio  Anthony.

 Altri  amori (tempestosi  o meno) furono Charlie Chaplin e il principe Antoine Bibesco  amico  di  Proust.

Ala fine sposò un banchiere e visse felice e contenta perché ricca e indipendente grazie, anche, al successo dei suoi libri.

La verità

La verità era che Rebecca West, o  se preferite Cecily Isabel  Fairfield,  fu una donna di  carattere  e con notevoli  doti  di  scrittura – da rileggere il suo  reportage sul Processo  di  Norimberga – e oggi li possiamo ritrovare nei  suoi  libri  pubblicati dalla Fazi  Editore fra cui il   primo romanzo : La famiglia Aubrey (anteprima alla fine dell’articolo).

La sottoscritta adesso  vi  lascia per una doccia rinfrescante (penso  di  cenare sotto  l’acqua….)

Alla prossima! Ciao, ciao…………


Anteprima del  libro  La famiglia Aubrey 

Una piccola storia scritta da una radical chic

T-Red
©caterinAndemme

Se radical  chic vuol dire

Se radical  chic vuol dire non essere indifferente al dramma di  chi fugge da guerre e povertà, allora io  sono una radical  chic.

Ma non viaggio in SUV e il mio tempo non passa attraverso le lancette di un Rolex.

Ah si, pago  anche le tasse.

 

Il genio  la volle vedere così..(e questa è un’altra storia)

Pablo Picasso, Portrait of Lee Miller à l’Arlésienne, 1937.

 

Non si  discute il genio  di  Pablo  Picasso, ma dietro  questo  ritratto è difficile scorgere il  volto di una delle donne più interessanti  del  secolo  scorso: Elisabeth Miller Penrose meglio conosciuta con il nome di Lee Miller 

Si incontrarono  nel  sud della Francia nel 1937 (la data è anche quella del  dipinto), lei  venne presentata a Pablo  Picasso dall’amico  comune  Man Ray con cui, oltre che allacciare una relazione intima, scoprì la passione per la fotografia.

Un po’  di  biografia

Lee Miller nacque il 23 aprile 1907 a Poughkeepsie (stato  di  New York), suo  padre Theodore Miller  era ingegnere con la passione per la fotografia.

A soli  sette anni Lee Miller fu  vittima di una violenza sessuale che le procurò la gonorrea: non fu  mai  accertata l’identità del  violentatore, molti  sospetti  ricaddero sullo  stesso padre che, un’ anno  dopo  dalla violenza e finché Lee non ebbe vent’anni, incominciò  a fotografare la figlia nuda andando così ad alimentare i  sospetti  per un atteggiamento  definito morboso.

La svolta nella   vita di  Lee Miller fu  paradossalmente la conseguenza di un incidente mancato: nel 1927, mentre  attraversando una strada di  New York stava finendo investita da un auto,  un uomo provvidenzialmente la spinse di  lato.

Quell’uomo era Condè Montrose Nast l’editore di  Vogue.

A questo punto la storia prende la piega di una soap opera, perché l’editore, affascinato  dalla bellezza e dal portamento  di  Lee Miller, la volle  scritturare come modella per la copertina illustrata  di  Vogue in uscita nel marzo  del 1927.

Nei  due anni  successivi divenne una modella molto  richiesta dai  fotografi  di moda fino a quando una foto  di Edward Steichen per una campagna pubblicitaria di  assorbenti femminili diede scandalo tanto  da stroncare la sua carriera di modella (questa  storia scandalosa la trovate qui)

Nel 1937, dopo il matrimonio  con un imprenditore di origine egiziana,  andrà  a Parigi dove incontrerà Roland Penrose, storico  e poeta britannico,  che sposerà,  dopo il divorzio  con il primo  marito, solo  alla fine della guerra.

E’ con la guerra che lei  decide di….

E’ con la guerra che lei decide di non  potersi più limitare  ad essere solo una fotografa di moda: lavorando  sempre per Vogue, si  aggrega all’esercito  statunitense seguendolo  nel  suo  avanzare dalla Normandia fino  a Parigi.

Le sue foto  documentarono l’orrore del nazismo  una volta varcati i cancelli  di  Dachau: quest’orrore, unito forse al  ricordo  della violenza subito  di  quando  era piccola, la segnarono una volta ritornata alla vita civile: divenne schiava dell’alcool e della depressione.

Morì di  tumore all’età di  settant’anni a Chiddingly nell’East Sussex in Inghilterra.

Solo  dopo  la sua morte suo  figlio Antony scoprì per caso  nel  solaio  della loro  caso  nel  Sussex, un vero  e proprio  tesoro  nascosto  dalla madre: migliaia e migliaia di  foto  e negativi scattati  da Lee Miller.

Questo aiutò Antony Penrose a riprendere quel  rapporto  difficile che ebbe con la madre in vita, e tramandarne il suo  ricordo facendo conoscere al  grosso pubblico l’arte di  Lee Miller.

Una fotografia famosa

Non venne scattata da Lee Miller, in quanto  lei era il soggetto inserito in un ambiente molto particolare, ma dal  suo amico  e collega David Scherman per la rivista Life.

In essa, oltre al  volto  stanco di Elisabeth  Lee Miller,  vi  sono  due elementi  che ne danno  risalto: gli  scarponi  militari della fotografa e la foto  di  Adolf Hitler nell’angolo  a sinistra della vasca, perché quello era appunto l’appartamento  del dittatore nazista.

Il 30 aprile del 1945,  nel  rifugio – bunker di  Berlino, Hitler ed Eva Braun si  suicidarono.

Sarebbe auspicabile che oggi si  rilegga la storia di  quello  che fu il fascismo  ed il nazismo per difendere quello che dal   sacrificio di molti ci  è stato donato: la libertà e la democrazia.

Alla prossima! Ciao, ciao……………………..

 

Se Aphra Behn fosse vissuta oggi cosa avrebbe scritto sui social media?

Bolle di sapone
©caterinAndemme

AIUTO: SONO IN CRISI (e le bolle di  sapone non mi aiutano per l’ispirazione)

Nulla di  grave: è solo  che non so  assolutamente cosa scrivere.

Immaginando  che la situazione possa interessare solo  la sottoscritta, mi  sento  come quella particella di  sodio che,   in una réclame  di un’acqua minerale (non dirò il nome della marca ma solo  che è di  quattro  lettere di  cui  due E una L ed una T), chiedeva se nel  suo intorno vi fosse qualcuno  a tenerle compagnia.

Quando è così, la miglior cosa è quella di  affidarmi  a delle storie di  altre donne ben più famose di  me (ci  vuole ben poco, direte voi, ma fra cent’anni quando  avrò pubblicato il mio  primo  romanzo vedrò la mia stella splendere…ai posteri).

Una donna di  carattere nel XVII secolo: Aphra Behn

 

Aphra Behn in un ritratto del pittore Peter Lily (1670 circa)

Aphra Behn  , secondo quando  disse una volta  di lei  Virginia Woolf  , è da considerare la prima donna che riuscì  ad essere economicamente indipendente per mezzo  dei  suoi  scritti.

Può sembrare oggi normale, ma nel diciassettesimo  secolo la vita di una donna non era certamente facile (se per questo, per certi  versi, non lo è ancora tutt’ora).

Di lei  sappiamo  che è nata nel 1640 forse figlia di un aristocratico mentre  altre fonti dicono che le sue origini siano state più modeste in quanto la professione del padre era quella del  barbiere.

Quindi, pur essendo la sua biografia lacunosa, sappiamo  che tra il 1658 ed il 1663, quando lei  era ancora molto giovane, visse nel  Suriname colonia inglese dell’America meridionale che passerà sotto il dominio olandese nel 1667.

Nel 1663 Aphra Behn ritorna a Londra per sposare, dietro l’insistenza (malevola) dei parenti, il commerciante olandese Behn.

Questo  matrimonio  durò solo  tre anni in quanto il marito morì a causa della peste che, nel 1666, infestò la capitale inglese.

Fu così che la vita di  Aphra Behn prese una svolta di  natura avventurosa: divenne spia ad Anversa per il governo inglese.

L’allora servizio segreto inglese non era quello del mitico James Bond (a proposito: per me Daniel Craig è il miglior interprete per vestire i panni  di 007) e per questo lei non ricevendo il denaro pattuito  con il governo, finì in galera per debiti.

Fin qui  la storia della sua vita sembra essere più che altro la trama di un feuilleton, mentre qualcosa di più serio  e veritiero riguarda la sua attività di  romanziera e commediografa: il suo  primo  successo, la commedia The Forced Marriage ispirata, forse, dal suo precedente matrimonio, la spinse a proseguire nella carriera scrivendo  commedie libertine che tanto piacevano al pubblico  dei  teatri  (il cinema non era ancora stato inventato).

Malgrado  questo  successo, venne considerata come una donna menzognera, depravata e sconcia: questo  giudizio non è dei  suoi  contemporanei, ma  quello dello  scrittore Ernest  A. Baker nel 1901.

Fu la sua satira di  natura politica a riportarla in prigione: infatti, attraverso la commedia satirica The Roundheads (Le teste rotonde) criticò aspramente Cromwell e i  suoi  seguaci, appunto  definiti  come teste rotonde.

Oggi  per far questo  i  cosiddetti leoni della  tastiera si  affidano all’anonimato  dei  social media per vomitare insulti a dimostrazione della loro  scarsa intelligenza….si, lo so, sto  divagando ma non sopporto questi esseri al limite dell’umano.

Ritorniamo  ad Aphra Behn che è meglio.

La sua vita proseguì alternando periodi  felici a quelli  decisamente più tristi: le sue commedie, per essere messe in scena, dovevano  passare con il consenso della critica asservita al  regime per cui dovette affrontare le barriere della censura.

La sua ultima commedia, The Lucky Chance, divenne l’ennesimo  trionfo.

Stanca e malata scriverà quello  che è  considerato il suo romanzo  autobiografico: Oroonoko  (anteprima nel  box a fine articolo).

A riguardo  di questa autobiografia molti  critici  moderni  avanzano dei  dubbi  sulla veridicità di Oroonoko considerandone  la descrizione, molto intima, del  rapporto  tra la scrittrice e l’eroe di  colore che guidò una rivolta di  schiavi fantasiosa.

Aphra Behn muore nel 1689, la sua tomba è tra quella dei poeti inglesi sepolti  nell’Abbazia di  Westminster.

Ed io  sono  arrivata alla fine di  questo post.

Alla prossima! Ciao, ciao……………….


Anteprima del libro Oroonoko Lo schiavo  reale 

 

Natalina e le altre

Lei
©caterinAndemme

La bellezza di  Natalina

Lina Cavalieri

Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi di donne, sulla terra, giusto? Certune sono passabili. La maggior parte sono abbastanza belline, ma ogni tanto la natura fa uno scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile. Cioè, guardi e non ci puoi credere. Tutto è un movimento ondulatorio perfetto, come l’argento vivo, come un serpente, vedi una caviglia, un gomito, un seno, un ginocchio, e tutto si fonde in un insieme gigantesco, provocante, con magnifici occhi sorridenti, bocca leggermente piegata in giù, labbra atteggiate in modo che sembrano scoppiare in una risata alla tua sensazione di impotenza. E sanno vestirsi, e i loro lunghi capelli incendiano l’aria. Troppo di tutto, accidenti.

(⇒ Charles Bukowski)

Se Charles Bukowski fosse vissuto all’epoca di  Lina Cavalieri incontrandola ne sarebbe rimasto  così ammaliato da dedicarle quelle sue parole?

In ogni  caso lei, Natalina Cavalieri,  da semplice fioraia di  Trastevere divenne una celebrità del  suo  tempo:  era nata appunto  a Roma, nel quartiere di  Trastevere il 24 dicembre del  1875 (da qui il nome di  Natalina) e mori a Firenze l’8 febbraio  1944.

La ragazza del popolo, come venne definita  poco  elegantemente per le sue origini povere, aveva dalla sua parte grazia ed intelligenza (ovviamente anche la bellezza), una propensione al canto ma, soprattutto, era una self-made woman che seppe gestire molto  bene la sua figura professionale e le sue amicizie.

Da Trastevere l’ormai  ex-fioraia calcò le scene teatrali  di  San Pietroburgo,   Parigi,  Londra ed altre capitali  europee e fece  innamorare di  se Gabriele D’annunzio che all’inizio  la definì come massima espressione di  Venere in Terra poi, quando lei  praticamente gli  dette il ben servito, il poeta, come ogni  uomo ferito  nell’orgoglio, incominciò ad elencarne i  difetti  (più che altro inventati), cosa a cui Lina Cavalieri  rispose con la massima indifferenza.

Nel 1951, quindi sette anni  dopo  la sua morte, il suo fascino ammaliò il pittore e scultore Piero  Fornasetti che, nella serie di piatti di Tema e Variazioni, riprodusse in mille variazioni  (appunto!) il volto  di  Lina Cavalieri.

La bellezza delle altre (nelle pagine del libro Figure del  desiderio

Confesso: io  di  Lina Cavalieri ne sapevo  ben poco, fintanto  che mi è capitato  tra le mani il libro  di ⇒ Stephen Gundle Figure del  desiderio  che io  ho letto  con lo stesso interesse che avrei  avuto  leggendo un trattato sull’accoppiamento tra i lemuri  del Madagascar: in poche parole l’ho trovato  alquanto noioso salvando, quindi,   solo il capitolo dedicato  a Lina Cavalieri (da pagina 96 alla 130) 

Prima dolcemente remissive e l’attimo dopo passionali e impetuose: le bellissime made in Italy sono tutte accomunate da tratti distintivi facilmente riconoscibili, i tratti inimitabili della bellezza italiana di cui Sofia Loren e Gina Lollobrigida sono state le ‘portatrici sane’ per antonomasia. Con i loro lineamenti mediterranei e le curve decise, provocanti ma tradizionali in modo rassicurante, le belle italiane hanno scardinato lo stereotipo della bellezza perfetta, diffondendo anche nei freddi paesi anglosassoni il mito della sensualità latina. L’ideale immortale di armonia e bellezza destinato a dar forma ai valori estetici e sociali dell’eterno femminino è parte integrante del patrimonio storico e culturale del nostro paese. Stephen Gundle scatta in queste pagine una fotografia del fascino italiano tra l’Ottocento e i nostri giorni. Il suo ritratto a tutto tondo attinge alle fonti più disparate, dagli scritti di intellettuali, politici e giornalisti a dipinti, illustrazioni, film, canzoni, pubblicità e calendari, dai testi autobiografici alle interviste di alcune tra le bellissime.

Alla prossima! Ciao, ciao…………..

 


PLAYLIST 

Quarant’anni  dopo l’uscita dell’album Burattino  senza fili, Edoardo  Bennato ci  presenta il suo nuovo  Mastro  Geppetto 

 

La storia di Annie (Londonderry) Cohen Kopchovsky che, in bici, girò il mondo

 

Ovviamente io non sono Annie (Londonderry) Cohen Kopchovsky.                                                                                            Credit: Archivio 24Cinque P&B

Piove, senti  come piove

Madonna come piove, senti  come viene giù.

Piove, senti  come piove

Madonna come piove, senti  come viene giù…

Ieri mattina   il refrain della canzone di  Jovanotti continuava a ripetersi  nella mia testa mentre accettavo, malvolentieri, di mettermi in posa sotto  la pioggia battente.

Ma noi, dive di Instagram e blog annessi, non ci  fermiamo  di  fronte a nulla pur di  vedere una nostra immagine pubblicata sui  media, e solo  fra qualche decina d’anni, rivedendoci in queste foto, potremo  dire: Ma ero proprio  così scema?

Naturalmente, come io NON sono una diva di  Instagram (comunque se volete vedere il mio  profilo…), le vere numero uno dei social media, tutte giovanissime,  sono intelligenti, carine, simpatiche  che sanno parlare al loro  pubblico carino, simpatico, intelligente.

Di  cosa parlano? Ma ovviamente di  cose carine, simpatiche, forse intelligenti.

Non so  se Annie Cohen Kopchovsky  fosse simpaticacerto  carina ed intelligente lo era, ma anche molto  determinata:

La storia 

Nel 1894 un ricco  signore di  Boston – il cui nome non è tramandato  nella storia ed io  sono troppo  pigra per fare una ricerca in rete – mise in palio  una somma di 20.000 dollari per una sfida: 20.000 dollari allora era una somma molto  considerevole, oggi  sarebbe solo leggermente meno  considerevole, ma pur sempre fonte di piaceri  terreni.

La sfida consisteva nel  fare il giro  del mondo in quindici  mesi, un tempo molto più lungo  degli ottanta giorni  che    Jules Verne  fissò nel  suo libro  pubblicato  nel 1873, ma con delle regole precise: il giro  del mondo  doveva essere fatto in bicicletta e senza un soldo in tasca.

A dir la verità, già nel 1885 un uomo ( il cui  nome non è tramandato  nella storia ed io…blablabla) aveva portato  a termine l’impresa, ma la novità era che questa volta fosse una donna a farlo.

Annie (Londonderry) Cohen Kopchovsky

Qui  entra in scena Annie Cohen Kopchovsky la quale, pur avendo iniziato  a pedalare da poco, non ci pensò due volte a lasciare a casa marito  e tre figli (e questo  la dice lunga sulla sua determinazione) per avventurarsi  nell’impresa.

La nostra Annie aveva anche uno spiccato  senso  per gli  affari: prima di  partire contattò la Londonderry Lithia Spring Water Company facendosi  dare 100 dollari  come compenso  per un cartello pubblicitario della società da attaccare alla bicicletta. Accettò, inoltre, di  prendere il nome di Annie Londonderry che, del  resto, suonava meglio  di Annie Kopchovsky.

Partì da Boston nel mese di  giugno del 1894 arrivando  a Chicago  a settembre.

A novembre arrivò a New York per imbarcarsi  alla volta della Francia (no, non pedalò sul ponte della nave durante la traversata), guadagnando  altro  denaro avendo trovato degli  sponsor anche tra le case di moda che le fornivano  gli  abiti e la fabbrica della bicicletta.

Arrivata in Francia, precisamente a Marsiglia, s’imbarcò verso  l’Asia orientale con delle brevi  soste in Egitto,  Sri  Lanka e Singapore.

Quindi  fu  la volta della Cina e del  Giappone.

Il 23 marzo  del 1895 rientra a San Francisco e da lì, pedalando  per altri  sei  mesi arriverà a Chicago il 12 settembre 1895.

In questa maniera dimostrò che tutto  ciò che un uomo  può fare, anche una donna poteva riuscire a fare (forse anche meglio, aggiungo io).

Alla prossima! Ciao, ciao…………….


Playlist 

 

Quell’uomo  era una simpatica canaglia…..

Eravamo sconosciuti nella notte
ci scambiavamo sguardi
chiedendoci come avremmo potuto
scambiarci l’amore
prima che la notte finisse

Qualcosa nei tuoi occhi
era così invitante
qualcosa nel tuo sorriso
era così provocante
qualcosa nel mio cuore
mi diceva che dovevo averti..

Il testo  completo in italiano potete trovarlo in questa pagina 

Fragile, opulenta donna: le parole di Alda Merini per tutte le donne

 

Immagine e grafica: Caterina Andemme
Parole di Alda Merini

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l’emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d’amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d’amore.

A tutte le donne – Alda Merini

Milano – Naviglio Grande
credit: Archivio 24Cinque P&B

Quella sera, passeggiando  per i Navigli  di  Milano, mi era venuta in mente che lì  a pochi  passi, presso la Casa delle Arti vi era uno  spazio dedicato  ad Alda Merini.

Mi è bastato poco  per convincere Sara e Michele (un po’ di più lui) a fare quella deviazione per una visita alla riproduzione della  stanza, con molti  oggetti  appartenuti  alla poetessa, quando  lei  abitava in Ripa Ticinese al  numero  47.

Chi  sia Alda Merini ed il valore delle sue opere non sarò certo io a doverlo  dire, tanto più che in rete (magari  anche qualche libro, perché leggere non fa mai male) si  trova tutto  e di più sulla sua vita (io mi  sono  limitata ad  un solo  link per le note biografiche).

Apro una piccola parentesi su  Milano: ho  già detto  che questa città (metropoli)  ormai ha acquistato  nel  tempo   una notevole valenza turistica tanto da primeggiare con altre località quali, ad esempio, Firenze o Torino (Genova è al palo anche se sta guadagnando  posizioni nelle preferenze dei  turisti). A dimostrarlo è anche l’interesse del  pubblico verso  queste piccole chicche di  cultura  come, appunto, la Casa delle Arti – Spazio Alda Merini (prima mi  sono dimenticata di  mettere per intero il nome del piccolo museo  e ritrovo  di poeti e no).

La stanza di Alda Merini presso  lo  Casa   delle Arti
credit: Archivio 24Cinque P&B

La stanza è piccola,  anche molto più ordinata rispetto  a quella reale dove la confusione era, come dire, di casa:  la si può guardare solo attraverso  un vetro messo  a protezione degli oggetti  e dei  suppellettili, ma la visione è stata sufficiente per avermi  data l’emozione (se pur in spirito) di  aver incontrato una grande e tenace donna.

Concludo aggiungendo  altre sue parole:

C’è un posto nel mondo, dove il cuore batte forte, dove rimani senza fiato  per quanta emozione provi; dove il tempo  si  ferma e non hai più l’età. Quel posto è tra le tue braccia in cui  non invecchia il cuore, mentre la mente non smette mai  di  sognare.

Alla prossima! Ciao, ciao…………..

 

 

Donne e motori, gioia e dolori? Provate a dirlo a Bertha!

A me piace guidare, mi considero abbastanza brava (quell’abbastanza è da interpretare come falsa modestia) ed abile nelle manovre e nei parcheggi: solo  che quel  giorno  eravamo  a Barletta.

Adesso  non voglio cadere nei  luoghi  comuni  che vogliono   il traffico del nostro  sud come una giostra   senza regole  ma, in effetti, devo  dire che quel  giorno vi  era abbastanza anarchia nella guida da parte degli  altri utenti,  da considerarmi estranea ed ignorante, per l’ appuntoalle loro regole e modo di  condurre un’automobile.

Mi è bastato poco, però, adeguarmi  a questo  stile libero di  guida: a parte  i sensi  unici  che diventavano un doppio  senso a proprio  gusto, oppure stop rispettati  per qualche decimo  di  secondo (giusto il tempo  di  dare uno  sguardo  svogliato  a destra e a  sinistra), senza tener conto poi delle auto parcheggiate in doppia e terza fila, la guida diventava sciolta in quel  flusso magmatico di  gomme e rumori.

Anche perché il guidatore meridionale è un tipo pacifico, lento  e ponderato,  anche quando  ha tra le mani  un volante: lui assapora ogni attimo di  vita: è cosa da niente  se  il semaforo  da rosso  diventa verde, poi  giallo e quindi rosso: non si può tralasciare di  salutare una persona amica appena incontrata.

Non è mica quel  milanese che ha sempre fretta e brucia i  semafori  come  se fossero lo start di una gara di  formula uno (perché hai  sempre questa maledetta fretta?).

E poi, volete mettere la gentilezza di un uomo  del sud quando una donna (con accento  non del luogo) chiede un’informazione?

Si prodiga a spiegarti  per filo  e per segno quale sia la strada che devi percorrere: magari  ci scappa anche l’invito per un caffè.

Detto  questo  arrivo, finalmente,  a parlarvi  di  Bertha.

Bertha Ringer   (Pforzheim,  3 maggio 1849 -Ladenburg,  5 maggio 1944) oltre che essere stata una bella donna, da come si  evince dalla foto, fu la prima nella storia, nel 1888,  a guidare un auto per una lunga distanza (all’incirca cento  chilometri).

Sedici  anni prima aveva sposato l’ingegnere Karl  Benz, il cognome è facilmente associabile alla nota casa automobilistica tedesca

Nel 1885, quando  Karl  Benz terminò il suo  progetto della prima carrozza senza cavalli (finanziariamente appoggiato dalla nostra Bertha) nessun investitore si  fece avanti per la costruzione in serie di  quello  strano oggetto che doveva essere visto come una specie di  UFO.

Possiamo  immaginare lo  scoramento di  Karl (Benz), ma è in questi  casi  che, avendo  accanto una compagna determinata come lo poteva essere Bertha,  i problemi  trovano una soluzione.

 

Nell’agosto  del 1888,  senza dire nulla a suo marito e prendendo  con se i due figli Richard ed Eugen, sale su   quel  macinino  che vedete in foto (la trisavola della Classe A che tanto mi  piace) e con il pretesto  di  andare a trovare sua madre compie il tragitto  di  100 chilometri  che separano la città di Mannheim da Pforzheim.

Naturalmente lo  scopo  di Bertha era quello  di pubblicizzare l’invenzione di  suo  marito per poi  trovare chi avrebbe messo i capitali per la produzione.

Essendo  quello un prototipo i problemi  si  fanno  subito lampanti: in alcune salite un po’  troppo  ripide per il mezzo i  suoi  due figli devono mettersi  dietro  ad esso  e spingere (la lungimiranza di una madre che ha voluto  con sè i  suoi  figli). Poi, una volta terminato  il carburante, ha dovuto  cercare chi le vendesse del  solvente chimico da mettere nel  serbatoio  ( i distributori  di  benzina non erano  ancora stati inventati e non c’erano, quindi,  neanche i  bollini premio).

Infine anche il carburatore diede i  suoi problemi  che lei  risolse utilizzando    una forcina da capelli per ripulirlo  ed una giarrettiera come isolante.

Il viaggio  di  Bertha si  concluse con un’enorme pubblicità per il mezzo  utilizzato,  ma anche con la paura  delle persone nel  vedere una donna e due ragazzi a bordo  di un calesse che si muoveva senza trazione animale.

Nel 1944, quando  ormai  Bertha Benz aveva 95 anni,  le venne dato il titolo  di Honourable Senator presso la Technical University of Karlsruhe 

Due giorni  dopo Bertha Benz morì nella sua villa a Ladenburg.

Se andate in Germania, percorrendo  lo  stesso  tragitto  che Bertha Benz fece nel 1888,  sappiate che quella è la Bertha Benz Memorial Route istituita il 25 febbraio  2008 a suo  ricordo.

 

Alla prossima! Ciao, ciao…………….

 

Alle ragazze geco piace la libertà

 

 

La mia amica, nonché collega di lavoro, Gabriella T. (per distinguerla dalle altre mie amiche Gabriella C. e Gabriella B.) è una fortissima free – climber:  d’altronde con un fisico  come il suo, minuto, ma allo stesso  tempo muscoloso, tanto  da avere al posto  dei  tendini  del  fil  di  ferro, il free – climbing non poteva essere che il suo  sport.

L’ho  vista nelle fotografie ritratta durante uno  dei   suoi  allenamenti: una cosina attaccata a pareti  strapiombanti  come un geco. Ed è qui  che ho  pensato  a due cose: la prima è che mai  e poi  mai mi azzarderò ad arrampicarmi lungo  una parete che non sia quella della camera da letto  per togliere la polvere dal lampadario (comunque uso  la scala). La seconda è che il peso del mio fondoschiena (anche se rientra nelle misure standard), sarebbe un impedimento alla leggerezza necessaria a quel  tipo  di attività sportiva.

D’altronde,  come scrive Enrico  Brizzi nel  suo  libro Il sogno del  drago, mi sento piuttosto orizzontalista che verticalista (presto  scriverò le mie impressioni  su  questo  libro chiarendo  la differenza tra  i due termini, anche se la cosa è facilmente intuibile).

Il desiderio  di parlare delle ragazze – geco (spero  che a Gabriella sia simpatico quest’animaletto) mi è venuta quando, scartabellando nell’archivio cartaceo del mio “lui“, ho trovato un articolo di  D – Donna (supplemento  al  femminile del  quotidiano  La Repubblica) riguardante l’alpinista iraniana Nasim Eshqi.

La similitudine principale  con la mia amica, oltre ovviamente alla passione per le scalate, è dovuta al fatto  di  avere pressoché la stessa età, cioè di  qualche anno (?!) più giovani  della sottoscritta (…………….sigh!).

Nasim Eshqi prima di  diventare scalatrice è stata per dieci  anni  campionessa di Thai Kickboxing (tra i suoi  idoli  di  allora l’immancabile Bruce Lee).

Poi, all’età di  23 anni, la scoperta della montagna: appende i  guantoni  da boxe al  chiodo per indossare le scarpine per l’arrampicata.

Anche in questo  caso  lo  fa da campionessa: apre più di  70 vie su  roccia e scala montagne   come il Damavand la montagna più alta dell’Iran (5.610 mslm),

 

Nasim Eshqi impegnata sulla parete del Pole Khab, nella provincia di Teheran

Ma non è delle sue doti  atletiche di cui  voglio  parlare, per questo  basta fare una ricerca in rete ed avere un quadro  completo dell’atleta, voglio invece parlarne dal punto  di  vista di donna che vive in uno stato dove l’Islam è religione di  stato.

Se la polizia religiosa non può controllare il suo  abbigliamento  durante le ascensioni, perché scalare con il velo e tunica è altamente sconsigliabile, è anche vero che la condizione femminile in Iran non è delle più rosee:  se a Teheran e nelle città più moderne dell’Iran, è  possibile vedere donne che indossano  hijab che lasciano  scoperto  parte della testa, make up e jeans come qualsiasi  giovane occidentale, purtroppo vi  sono  ancora fortissime limitazioni alla libertà femminile.

Le tensioni  che l’Iran si  trova ad affrontare, non ultima l’uscita di  Donald (Duck) Trump che ha annullato  gli  accordi  sul nucleare voluti  da Barak Obama,   si  riflettono sulle aperture che il riformatore (molto  moderato) Hassan Rohuani aveva posto  per aprire il  suo Paese  al mondo. Quindi anche i  diritti  civili ne escono  penalizzati e le donne lo sono  ancora di più. 

Nasim Eshqi è consapevole di  essere un simbolo per  tutte le donne iraniane, soprattutto le più giovani, che chiedono  ciò che per loro  è lecito chiedere: maggiore libertà e  più uguaglianza tra uomo  e donna.

A questo punto ho  notato  che la mia narrazione ha preso un’altra strada rispetto  all’argomento iniziale.

Poco  male, ma se siete arrivate fin qui  vi  prego  di  continuare la lettura per un appello molto  importante:

L’ appello di  Amnesty International riguardante la vita del  ricercatore Ahmadreza Djalali detenuto in Iran da diciotto mesi, sul quale pende una condanna a morte per presunto  spionaggio.

Ahmadreza Djalali ricercatore esperto di Medicina dei disastri e assistenza umanitaria presso l’Università del Piemonte Orientale di Novara. è stato condannato a morte da un tribunale iraniano con l’accusa di “spionaggio”.

Djalali è stato arrestato dai servizi segreti mentre si trovava in Iran per partecipare a una serie di seminari nelle università di Teheran e Shiraz.

Si è visto ricusare per due volte un avvocato di sua scelta.

Lo scorso dicembre, le autorità iraniane hanno fatto forti pressioni su Djalali affinché firmasse una dichiarazione in cui “confessava”di essere una spia per conto di un “governo ostile”. Quando ha rifiutato, è stato minacciato di essere accusato di reati più gravi.

Per protesta, Djalali aveva iniziato uno sciopero della fame il 24 febbraio. Tuttavia, a causa dell’ulteriore peggioramento della sua salute che ne aveva causato il ricovero, Djalali ha deciso di interrompere lo sciopero della fame il 6 aprile.

Grazie.

Alla prossima! Ciao, ciao…………..

 

Quando tre donne mandarono un uomo tra le stelle

 

Confesso  di non aver ancora visto il film Il diritto  di  contare (Hidden Figures in originale) , per cui non ne potrò   dare alcun giudizio, se non il suggerimento  di  andare a leggervi ciò che  Natalia Aspesi ne scrive a proposito in questa pagina.

Non potevo, però, tralasciare di mettere tra le mie Superwoman il nome di Katherine Johnson, Dorothy Vaughan e Mary Jackson  le tre donne che hanno ispirato  la pellicola del regista Theodore Melfi.

Quello  che accomuna queste tre donne (di  cui  solo Katherine Johnson è ancora in vita avendo la venerabile età di 99 anni) è quello  di  essere tre matematiche e di  avere la pelle nera.

Oggi, ai  tempi  di  Donald (Duck) Trump,la presunta supremazia bianca sembra essere ritornata di moda nelle teste di  qualunque decerebrato razzista ma, per fortuna, la società civile riesce ancora ad arginare questa sconcezza sociale (l’avanzata della destra xenofoba in Germania, è però un brutto  segno…..).

Ma,  negli  Anni ’60,   l’apartheid negli  Stati Uniti era una prassi  considerata  normale  – solo  nel 1964 venne eliminata per legge,  mentre l’anno  seguente fu finalmente  concesso il diritto  al  voto ai  neri, tutto grazie all’intervento  del presidente Lyndon B. Johnson riconosciuto  come il presidente dei  diritti civili – per cui tre donne di  colore, se pur con un’intelligenza al  sopra della media, che andavano a lavorare nella Naca (National Aeronautic and Space Act l’antenato  della Nasa) dovevano  subire discriminazione di  ogni  genere: dal  fare la pipì in bagni a loro  riservati  e magari scomodi  da raggiungere,  fino ad ostacoli posti  all’avanzamento  della loro carriera.

Eppure il loro contributo fu  fondamentale per la prima missione di un astronauta americano in orbita intorno  alla Terra (John Glen – 20 febbraio  1962), anzi  la storia dice che il pilota, non fidandosi dei  primi giganteschi  computer IBM, volle che il calcolo  per le traiettorie venisse fatto  dal  trio.

La storia fa presto  a dimenticare i personaggi  relegati in secondo piano, per questo bisogna ringraziare gli  scrittori  e i  registi che, in qualche modo, ne riportano  alla luce le vicenda.

Hidden Figures, per quanto  riguarda il tema dei  pregiudizi,  mi ricorda un altro  film: The Imitation Game   del regista Morten Tyldum , incentrato  sulla figura di Alan Turing.

In questa caso la discriminazione riguardava l’omosessualità e, purtroppo, la storia non è affatto  finita bene.

Il film questa volta l’ho visto  e vi  consiglio assolutamente di  guardarlo.

Alla prossima! Ciao, ciao…………….

 


 

Dal  trailer sembra un bel  film, anche se un po’  edulcorato  rispetto  alla storia vera, lo ha detto  anche Natalia (Aspesi)……

 

 


 

Dall’Irlanda (di ieri) con furore: Constance Markievicz

 

 

Aspettando  che Rakuten TV metta in catalogo Wonder Woman – si  è vero: ci piace il genere DC Comics (oltre che quello  della  Marvel  Comics, ma lui credo sia più interessato all’attrice protagonista, la bella (lo ammetto) Gal Gadot, che al  film stesso – oggi  vi  voglio  parlare di una superwoman che, pur non avendo  nessuno dei  superpoteri dei nostri  eroi fumettosi, era altresì dotata un carattere molto  combattivo (lo  si può desumere dalla foto): Constance Markievicz.

 

Constance Markievicz

 

Lei  era nata il 4 febbraio  1868 a Sligo (nella contea irlandese omonima) da una famiglia molto  benestante: i Gore-Booth.

Il cognome Markievicz le viene dato  dal  marito, un conte polacco ( a dir la verità le cronache affermano  che l’uomo  si  faceva passare per nobile pur non essendolo: vatti  a fidare!).

Il matrimonio, comunque, dura il tempo  di  mettere al mondo una figlia e, mentre lui  parte per la guerra in veste di  fotoreporter, lei  pensa bene di  fondare il (o laNa Fianna Eireann: un organizzazione politica – militare contro il dominio inglese.

Nel 1916, durante la Rivolta di  Pasqua (Easter Rising), viene arrestata, processata e quasi  messa di  fronte al plotone di fucilazione: considerando  che lei è, per l’appunto, una donna, la clemenza  dei  giudici  trasformano  la condanna a morte in ergastolo.

Venne amnistiata l’anno  successivo, ma riuscì a farsi  condannare ancora cinque volte nei  dieci  anni  successivi (in una delle  lettere che scriverà alla sorella Eva  dirà: <<sono  contenta perché vivo gratis alle spalle dell’Inghilterra>>).

La sua vita terminerà  a Londra il 15 luglio  del 1927: lei era diventata la prima donna della storia politica britannica ad essere eletta ministro del  Sinn Féin.

Ho  accennato  alle tante lettere che lei  scriveva dal  carcere: ebbene la Casa Editrice Angelica le ha raccolte e pubblicate in un libro dal titolo  Lettere dal  carcere – l’Irlanda verso  la libertà (euro 15 per 232 pagine di  lettura).

 

 

Io non l’ho ancora letto ma, se qualcuna di  voi  la farà ancora prima di me, potrà esprimere il suo  pensiero  su  di  esso scrivendomi.

Alla prossima! Ciao, ciao……………

 


Pensieri  scritti su 24Cinque Diary