Il corpo umano da (ri)scoprire: il perineo

corpo umano

Mi sono spogliata dall’ansia di  aver un corpo  perfetto,

ma non avrei  mai  pensato  di  esagerare…

C.A.

Quanto  conosciamo il nostro  corpo?

 Domanda oziosa in tempo  di  ozio perché, arrivando  l’estate, la voglia di  scrivere regredisce al pari delle idee da trasformare in parole.

Quindi, venendo  al  sodo: siete sicure di  sapere tutto, ma proprio  tutto, sul vostro  corpo?

E se vi  domandassi  dove si  trova il perineo (chiamato  anche pavimento pelvico) sapreste indicarmi l’esatta posizione?

La risposta – tenendo  conto  che le mie lettrici  sono  donne colte, al pari  di  tutte le altre che non sono  mie lettrici – è  SI 

Altra domanda: a cosa serve il perineo (giuro  che è l’ultima)?

Considerando  che siamo  stati progettati affinché qualunque parte del nostro  corpo ha una sua logica, anche il perineo a qualcosa serve, e cioè:

 Il perineo è quella regione anatomica situata nella parte inferiore del bacino composta da tessuti molli e formazioni muscolo -fasciali che, disposti su tre livelli, formano una sorta di rete che chiude la cavità addominale e pelvica 

 

Gli esercizi  di  Kegel 

corpo umano

Quindi  il perineo è una struttura muscolare molto  importante la cui  tonicità porta a contrastare problemi  quali incontinenza urinaria, addome prominenteprolasso  dell’utero, ma anche  problemi  sessuali  quali anorgasmia (per entrambi  i  sessi), eiaculazione precoce e problemi  di  erezione (questi ultimi, ovviamente, problemi al  maschile).

Come tutti  i muscoli anche il perineo ha bisogno  di  esercizi, in particolare una serie adatta allo scopo  che va sotto il nome di  Esercizi  di  Kegel  dal nome del suo inventore il ginecologo  statunitense Arnold Kegel (1894 – 1972) il quale, a sua volta, ha tradotto in medichese antiche pratiche yoga.

In sintesi  si  tratta di una serie di  contrazioni  del pavimento pelvico che possono essere eseguiti  ovunque e in ogni momento  della giornata (non per nulla vengono  anche definiti  esercizi  intimi) ma sempre con le dovute precauzione per non incorrere in problemi di  contrazione muscolare che, guarda caso, prendono  il nome di  contrazione di  Kegel  

Nel  video  che segue una serie di  esercizi di  Pilates per irrobustire il pavimento pelvico, mentre alla fine dell’articolo l’anteprima del libro La salute sessuale delle donne: come usare i muscoli del pavimento pelvico nelle attività quotidiane scritto  dall’educatrice della salute  Judith Moricz 

Il libro 

 

corpo umano

Judith Moricz è un’educatrice della salute, ben noto esperta nel campo della riabilitazione dei muscoli pelvici.

Judith ha dedicato gran parte della sua vita professionale allo sviluppo di quest’unico IWT® programma con gli esercizi pelvici agli uomini e donne.

Mentre per la maggior parte delle persone è naturale di allenare i loro muscoli addominali, bicipiti e glutei per rimanere in forma, ma non prestano nessuna attenzione all’allenamento dei muscoli del pavimento pelvico.

Il ruolo della vagina non si limitata solo alla sessualità e al parto. Una vagina sana è anche il muro di sostegno degli organi pelvici.

Se i muscoli vaginali  si indeboliscono, allora perde la capacità di funzionare da sostegno e può verificarsi il prolasso vaginale cioè, uno o più degli organi pelvici può scendere giù dalla sua posizione anatomicamente normale e protrude verso la vagina o fuoriesce dalla vagina.

Anche dopo intervento d’isterectomia, la vagina conserva la sua ruolo altrettanto importante di sostegno.

Dietro ogni problema di prolasso vaginale c’è l’evidenza della debolezza dei legamenti di sostegno del l’organo disceso e la debolezza del pavimento pelvico e dei muscoli vaginali.

 

ALTRI SCRITTI

 

Un paio  di articoli che ho  scritto  al  femminile

⇒ Mestruazioni: ne potrò scrivere? 

⇒ Femminismo tra azione e letteratura 

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

Dai funghi alle piante è tutto un mondo da leggere

Funghi

Siamo preoccupati che l’intelligenza artificiale ci  farà sentire inferiori?

Dovremmo invece avere un complesso  di inferiorità ogni  volta che guardiamo un fiore

Alan Curtis Kay

Vegetale non è sinonimo di… 

Lascio a voi completare la frase del  sottotitolo, ma sono  sicura che alla parola vegetale per la maggior parte di noi l’associazione è con un mondo inerte contrapposto  a quello  animale (esseri umani  compresi).

Nulla di  ciò è più sbagliato, ad esempio cosa succede in una pianta quando una singola foglia viene danneggiata?

funghi

Non vi  sembra che dietro  a questa risposta fisiologica vi  sia un comportamento intelligente?

Il problema è che quando  si parla di  comportamento intelligente subito  pensiamo a noi, tutt’al più possiamo estenderlo  anche a qualche specie animale (rimane sempre da chiedersi  se un batterio  o  un virus abbia una qualunque forma di intelligenza) escludendo, quindi, che vi  siano  altre forme di intelligenza come, appunto, quello riferibile alle piante.

Naturalmente le difese passive  o attive delle pante non si limitano a quelle illustrate nell’immagine precedente.

Nel  caso  dell’ortica è un cocktail micidiale di  sostanze urticanti a punire la distrazione di un’ incauta escursionista (la sottoscritta) che pensò bene di planare dopo  una scivolata in un cespuglio di Urtica dioica: serotonina, istamina, acetilcolina, acido  acetico, acido  butirrico, acido  formico  sono gli  elementi  racchiusi  in una struttura chimica non ancora del  tutto  chiara ai  botanici ma, comunque, dall’effetto pruriginoso  devastante.

Di  seguito l’anteprima del primo  dei  due libri  che presento in quest’articolo

Plant revolution di Stefano  Mancuso 

Stefano  Mancuso insegna arboricoltura  all’Università di  Firenze ed è direttore del  LINV  (International Laboratory of Plant Neurobiology).

I suoi  studi e le sue teorie sulla comunicazione nel mondo vegetale ha conquistato parte del mondo  scientifico ma, sopratutto, il pubblico  che lo segue leggendo i suoi  libri

piante

 

Una pianta non è un animale.

Sembra la quintessenza della banalità, ma è un’affermazione che nasconde un dato di fatto di cui sembriamo essere inconsapevoli: le piante sono organismi costruiti su un modello totalmente diverso dal nostro. Vere e proprie reti viventi, capaci di sopravvivere a eventi catastrofici senza perdere di funzionalità, le piante sono organismi molto più resistenti e moderni degli animali. Perfetto connubio tra solidità e flessibilità, le piante hanno straordinarie capacità di adattamento, grazie alle quali possono vivere in ambienti estremi assorbendo l’umidità dell’aria, mimetizzarsi per sfuggire ai predatori e muoversi senza consumare energia. La loro struttura corporea modulare è una fonte di continua ispirazione in architettura.

E ancora: producono molecole chimiche di cui si servono per manipolare il comportamento degli animali (e degli umani) e la loro raffinata rete radicale formata da apici che esplorano l’ambiente può tradursi in concrete applicazioni della robotica.

Sappiamo ormai che allevare vegetali nello spazio è un requisito necessario per continuare a esplorarlo, e spostare parte della nostra capacità produttiva negli oceani grazie a serre galleggianti come Jellyfish Barge può essere una soluzione per soddisfare la nostra crescente richiesta di cibo. Organismi sociali sofisticati ed evoluti che offrono la soluzione a molti problemi tecnologici, le piante fanno parte a pieno titolo della comunità dei viventi.

Se vogliamo migliorare la nostra vita non possiamo fare a meno di ispirarci al mondo vegetale.

I funghi

Sono due le cose che dovete evitare di propormi semmai  (mai) vorreste invitarmi  a cena: lo zafferano  e i  funghi.

Ho  scoperto  da poco  che questa mia avversione per i funghi  ha un nome, e cioè micofobia, nome creato ad hoc dai  coniugi Wasson

I coniugi Wasson tra riti di iniziazione e programmi della CIA
Robert Gordon Wasson e Valentina Pavlovna Guercken, durante le loro ricerche effettuate in Messico sull’uso dei funghi allucinogeni presso le culture native, furono i primi occidentali ad essere ammessi a un rito di iniziazione presso i Mazatechi. Più controverse fu la questione della partecipazione di Robert Wasson al programma di ricerca della CIA denominato MKUltra (dal tedesco Mind Kontrolle Ultra) effettuato tra i primi anni’ 50 e 60 del XX secolo. Lo scopo di tale programma era quello di identificare determinate droghe che, integrate a tecniche di tortura, inducessero la confessione da parte delle persone sottoposte a tale trattamento. Robert Wasson ha sempre dichiarato di aver partecipato a questo programma, ma che in effetti non ne era a conoscenza dello scopo  reale.

Questo non mi impedisce di  parlare dei  funghi che ancora oggi  vengono  considerati come piante ma che, in effetti, hanno una tassonomia non molto  definita.

La micologia va ben oltre la semplificazione tra funghi cattivi e quelli  buoni  da mangiare (mai  fidarsi  di  chi, pretendendo di essere un esperto, propone rimedi  tradizionali con esiti catastrofici), essa studia gli innumerevoli  ruoli  che i  funghi ricoprono  negli  ecosistemi, dalla simbiosi  con le radici delle piante aiutandole ad assorbire acqua e nutrienti, al trasporto  nel  terreno dei  batteri, nonché essere una specie di  collante per il terreno  stesso rendendolo, quindi, più resistente al dilavamento.

Ma la cosa più strabiliante nei  funghi, per meglio  dire quello  che riguarda il loro  micelio, è la comunicazione interna ad esso  che non è solo chimica,  ma che riguarda anche la trasmissione di impulsi nervosi ne più e ne meno come accade nel nostro cervello.

ALTRI  SCRITTI

Parlando  di  avvelenamento da funghi  ho scritto IN PASSATO  questo  breve articolo a riguardo  che troverete in questa pagina 

Merlin Sheldrake è un giovane biologo ed ecologista laureatosi  a Cambridge dove ha continuato  a studiare le reti  di  comunicazione dei  funghi  nella foresta di  Panama.

Nel  suo  libro L’ordine nascosto – la vita segreta dei  funghi descrive ciò che il mondo dei  funghi può insegnarci guardando la vita da un altro punto  di  vista.

funghi

Da sempre la nostra esistenza è legata a quella dei funghi.

Sono elementi essenziali del nostro microbioma, l’insieme dei microrganismi che pullulano nel nostro corpo e che contribuiscono al nostro benessere. Producono sostanze con cui ci curiamo (la penicillina) o con cui modifichiamo la nostra percezione della realtà, come l’alcol e la psilobicina, allucinogeno utilizzato da sempre per mettersi in contatto con mondi ulteriori.

Formano vaste reti sotterranee attraverso cui gli alberi si scambiano informazioni e allo stesso tempo la loro capacità di digerire roccia e legno crea il terreno in cui crescono le piante. Possono sopravvivere nello spazio e prosperare tra i rifiuti radioattivi. Il potere di degradare la plastica e il petrolio greggio viene sfruttato in tecnologie rivoluzionarie che potrebbero aiutarci nella crisi ecologica a cui andiamo incontro.

Nel suo viaggio alla scoperta del regno naturale meno conosciuto il micologo Merlin Sheldrake attinge ad anni di ricerche nelle foreste pluviali di Panama. Combinando storia naturale e nature writing il risultato è un’esplorazione che solleva domande fondamentali sull’origine della vita, di ciò che chiamiamo intelligenza e identità, e offre l’opportunità per osservare il mondo da un altro punto di vista, in cui l’essere umano è solo una delle specie a contribuire alla vita sulla Terra.

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

 

Mestruazioni: ne potrò scrivere?

mestruazioni

 La donna deve rimanere la regina della casa, più si  allontana dalla famiglia più questa si sgretola.

Con tutto il rispetto per la capacità intellettiva della donna, ho l’impressione che essa non sia indicata per la difficile arte del  giudicare.

Questa richiede grande equilibrio e alle volte l’equilibrio difetta per ragioni anche fisiologiche.

Questa è la mia opinione, le donne devono  restare a casa…

Antonio  Romano  deputato  dell’Assemblea Costituente nel 1947

Mestruazioni, tabù e pregiudizi

Quello  che il deputato  Antonio  Romano  intendeva affermare che nella donna vi era  un impedimento  nella difficile arte del  giudicare, cioè un difetto per ragioni anche fisiologiche,  non era altro  che un sottinteso riferimento (che poi non era tanto  sottinteso) al ciclo mestruale con tutti i pregiudizi (maschili) ad esso  collegati.

L‘Assemblea Costituente  – della quale   la componente femminile rappresentava solo il 4 per cento, cioè 21 donne su 552 rappresentanti totali –  dribblò sulla questione, e solo  dopo che un emendamento favorevole all’ingresso  delle donne nella magistratura, con l’articolo 51 della Costituzione che stabilisce

Tutti i cittadini dell’uno  e dell’altro sesso possono accedere agli uffici  pubblici in condizioni di  eguaglianza, secondo  i requisiti  stabiliti  dalla legge*

Con la modifica all’art. 51 del 30 maggio 2003 viene aggiunto il periodo  alla fine

A tale fine la Repubblica promuove con appositi  provvedimenti le pari opportunità tra uomini  e donne

*Secondo i requisiti stabiliti dalla legge: le donne dovranno aspettare ben sedici  anni per vedere una legge che le consenta di  accedere alla carriera di  magistrato con la legge n. 66 del 9 febbraio 1963

⌈  Art. 1 : La donna può accedere a tutte le cariche professionali e impieghi  pubblici, compresa la Magistratura, nei  vari  ruoli, carriere e categorie, senza limitazioni  di  mansioni e di  svolgimento della carriera, salvi i requisiti stabiliti  dalla legge.

L’arruolamento della donna nelle forze armate e nei  corpi  speciali è regolato da leggi  particolari ⌋  

Certo un bel passo avanti rispetto alle parole dell’onorevole Antonio Romano, ma i  tabù sono duri  a morire, specie se anche la scienza ci  mette del  suo  per alimentare i pregiudizi: nei  testi universitari  di  medicina, fino  all’inizio  degli  anni’ 60 del  secolo  scorso, si insegnava che le mestruazioni servivano  a far espellere sostanze tossiche accumulate nel  corpo  femminile ( la menotossina tra esse)

Da qui, arrivare ai pregiudizi  e ai  tabù il passo  è breve per cui, un esempio  fra tutti, se una donna con il mestruo toccava un fiore, questo  subitaneamente appassiva (quindi le varie streghe dei  film horror sono  in perenne periodo  mestruale?).

Se da una parte questi pregiudizi  potrebbero  anche far sorridere, ben diversa è la situazione di  quelle donne costrette da pratiche culturali a subire l’ostracismo  sociale: in Nepal solo  dal 2017 è stata proibita la pratica del chhaupadi che infliggeva alle donne in periodo  mestruale la segregazione in capanne isolate proprio  per il fatto  che il loro  sangue era da considerare impuro e velenoso per qualsiasi  cosa che la donna toccasse.

Da queste pregiudizi l’attrice e regista   Marinella Manicardi ne ha tratto il lavoro  teatrale Corpi impuri

 

Tampon tax

Una direttiva europea consenti  ai  Paesi dell’Unione di  abbassare l’IVA sugli assorbenti  fino  al 5 per cento: l’Italia si  è adeguata, ma solo  per gli  assorbenti definiti  ecologici.

Prima di  questa soluzione (parziale) della tassazione degli assorbenti intimi, essi  venivano  commercializzati  con l’IVA al 20 per cento, prodotti come il tartufo hanno la tassazione pari  al 5 per cento.

La paradossale incongruenza della Tampon tax è stata messa alla berlina da 3Matrioske:

Il libro 

La giornalista e attivista femminista Élise Thiébaut ha affrontato quello  che in fondo riguarda una discriminazione di  genere con il libro Questo è il mio  sangue

mestruazioni

 

Perché ancora oggi le mestruazioni sono un argomento di cui ci si vergogna, che discrimina le donne? Perché per definirle usiamo perifrasi come ho le mie cose, sono indisposta, ho il ciclo?

Perché ci imbarazza così tanto il modo in cui funzionano i nostri corpi? E se fossero gli uomini ad averle?

Per quasi quarant’anni, ossia per circa 2400 giorni, le mestruazioni accompagnano la vita di ogni donna. Eppure rimangono un argomento circondato da silenzio e vergogna.

Perché abbiamo tanta paura di un processo naturale che ci permette di dare la vita? Come mai ci affrettiamo a nascondere nella borsa gli assorbenti quando capita di tirarli fuori per sbaglio? Perché bisbigliamo mestruazioni mentre siamo pronti a gridare insulti di ogni tipo?

Mescolando antropologia, storia, ecologia, medicina ed esperienza personale, Élise Thiébaut affronta un argomento delicato e insospettabilmente accattivante, riuscendo con la sua prosa vivace a dimostrare quanto sia complesso il principale protagonista della vita femminile. E quanto le superstizioni, le leggende, i non detti, abbiano influito per secoli sulla discriminazione delle donne.

Sorprendente, chiaro, scientificamente accurato, Questo è il mio sangue, oltre a essere un appassionante viaggio alla scoperta di un fenomeno naturale come mangiare, bere, dormire, fare l’amore, è anche un manifesto della rivoluzione mestruale in atto.

Perché parlare apertamente di mestruazioni significa, per ogni donna, accedere a una nuova consapevolezza di sé, del proprio corpo e della propria identità.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

In viaggio verso le stelle e mondi alieni

stelle

Mi domando  se le stelle sono illuminate è perché ognuno un giorno  possa trovare la sua

Antoine de Saint Exupéry

In viaggio  verso  le stelle con la fantascienza

La fantascienza   ha aperto la mente alla  possibilità dell’incontro della nostra civiltà con una aliena:  peccato  che, a parte di pochissime eccezioni, l’alieno in questione sia stato  sempre visto come un predatore del  tipo  Alien & C.

Del  resto, vista l’attuale situazione in cui  viviamo  a causa della pandemia, penso  che un ignaro ET in visita sulla Terra verrebbe immediatamente messo in quarantena o magari multato per aver contravvenuto alle regole del distanziamento  sociale.

stelle
Julie Novakova

Julie Nováková, astrobiologa e scrittrice di  successo, la pensa diversamente, tanto  da collaborare con l’European Astrobiology Institute   per la divulgazione e l’educazione per l’appunto dell’astrobiologia.

Il suo impegno si  concentra in una raccolta di  racconti  di  fantascienza scritti  da   autori celebri ( sono assenti autrice come Ursula Le Guin)  e incentrati  sulla scoperta di forme di  vita abitanti  di  altri pianeti.

Strangest of Hall è il titolo dell’opera liberamente scaricabile da questa pagina  (se non volete leggerlo  direttamente da qui):

Strangest-of-All-Anthology-of-Astrobiological-SF

All’Italia  piace viaggiare verso  le stelle

Parlare di  imprese  spaziali significa per noi  italiani  associare il concetto a nomi  quali Samantha Cristoforetti, Luca Parmitano, Franco  Malerba e altri (l’elenco  completo lo potete trovare in questa pagina di  wired.it).

La  voglia di  spazio  italiana non si  ferma ai nomi dei nostri  astronauti : a parte Galileo Galilei, nel  corso  dei  secoli gli  scienziati  italiani  coinvolti nella scoperta dell’Universo hanno  avuto il privilegio di vedere il loro  nome associato a crateri lunari, asteroidi, comete e altri  corpi  celesti.

Eppure non si  vive solo di  stelle ma anche di denaro: la Space – Economy è il motore economico  che già da adesso muove ingenti  capitali e che nel  futuro la farà ancora di più.

La semplice slide che vedete in basso (sempre opera dell’assistente Gatto  Filippo) può rendere l’idea, mentre per un approfondimento  preferisco  rimandarvi alla pagina dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana)…..ma poi  ritornate qui!

I giovani non  hanno  la testa tra le nuvole, ma nello  spazio

Ultimamente i giovani  sono il bersaglio preferito  nei  media in relazione alla movida  (termine ormai desueto) e gli  epiteti che si  possono ascoltare o  sentire su  di  loro  vanno  dal  classico menefreghisti, al più rustico debosciati per terminare con il rude e testosteronico  teste di *****  (lascio a voi riempire gli  asterischi con la parola mancante).

Al  contrario  non si  vuole parlare dei giovani sottopagati, sfruttati e di  come per loro la parola futuro è a tinte fosche.

Poi, i più fortunati,  sono i cosiddetti cervelli  in fuga che al  termine degli  studi  trovano opportunità di  lavoro (e stipendi proporzionati) all’estero.

Qualcuno  di loro, poi, vede nella Space economy ulteriori possibilità di  lavoro: nel  totale delle ventidue nazioni  che fanno parte dell’Esa (European Space Agency) gli italiani  che hanno fatto  domanda all’Agenzia rappresentano più di un terzo  del  totale e, molto importante sotto ogni punto di vista, è che l’Italia è al primo posto per le candidature femminili.

Concludo con le parole di Fëdor Dostoevskij tratte dal  suo  racconto  giovanile (1848) Notti  bianche:

Era una notte meravigliosa, una di  quelle notti che possono  esistere solo  quando  siamo  giovani, caro lettore.

Il cielo era così pieno  di stelle, così luminoso, che guardandolo  veniva da chiedersi: è mai  possibile che vi  sia sotto questo  cielo gente collerica e capricciosa? ⌋   

Il libro

Nell’articolo  ho  citato Ursula Le Guin, quindi pubblico l’anteprima del suo romanzo  I reietti dell’altro pianeta.

stelle

C’era un muro… Come ogni altro muro, anch’esso era ambiguo, bifronte.

Quel che stava al suo interno e quel che stava al suo esterno dipendevano dal lato da cui lo si osservava.

Sui dei fronti del muro, due pianeti gemelli, Urras e Anarres, illuminati da uno stesso sole ma divisi da una barriera ideologica antica di secoli. Urras è fittamente popolato, tecnologicamente avanzato, ricco, florido, retto da un’economia liberista. Da qui sono partiti nella notte dei tempi i seguaci di Odo che hanno colonizzato l’arido Anarres, fondandovi una comunità anarchico-collettivista che non conosce concetti come proprietà, governo, autorità. In questa società apparentemente perfetta nasce Shevek, genio della fisica alle prese con un’innovativa teoria del tempo, un vero cittadino del cosmo che dedicherà la vita ad abbattere il muro che separa da sempre i pianeti gemelli.

Un’ambigua utopia, come recita il sottotitolo originale del romanzo, I reietti dell’altro pianeta è una grandiosa narrazione che, fingendo di parlare del futuro, racconta il mondo di oggi. Un classico della science fiction del Novecento che, caso quasi unico, ha ricevuto i due più importanti riconoscimenti del genere, il Nebula e l’Hugo.

 

 

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Quello che il gatto non può fare (o non vuole fare)

gatto

⌈ Il gatto  rincorre le foglie secche sul marciapiede.

Le contende (vive le crede) alla scopa che le raccoglie.

Quelle che rami  alti scendono rosse e gialle

sono certe farfalle che sfidano i suoi  salti.

La lenta morte dell’anno non è per lui  che un bel gioco,

e per gli uomini che ne fanno al  tramonto un lieto  fuoco

Autunno  di  Gianni Rodari

Da Gatto Filippo i preziosi consigli

Gatto
Gatto Filippo

E’ naturale che per scrivere questo  articolo  i suggerimenti del mio  assistente Gatto  Filippo saranno più che preziosi ma prima voglio  fare una premessa e cioè, pur dando la mia preferenza ad un gatto, ciò non toglie che adoro  anche i  cani, basta che abbiano i seguenti  requisiti: non devono essere più grossi  di  un grizzly, possibilmente non devono essere sbavacchiosi ma, sopratutto, non devono  prendere il mio derrière come puntaspilli per i loro denti.

Per il resto è impagabile  il piacere che un gatto mi concede accoccolandosi sulle mie gambe e, magari, facendo le fusa: pazienza se poi all’improvviso, seguendo ciò che vede e che per noi  è invisibile, fugge via lasciandomi orfana del suo tepore.

Ritornando  a noi, come preliminare in ciò che distingue un gatto  da un cane, il mio assistente (Gatto  Filippo…per contratto  devo citarne il nome)  mi ha suggerito questo  trailer tratto  da Pets 2

Dunque evitiamo  di lanciare una palla per sperare di  vedere che il gatto  la riporti indietro  come fa un cane: come dice la protagonista del  video sarebbe poco  dignitoso  per un felino.

Piuttosto riempiamo di  carezze il gatto (sempre che abbia voglia di  riceverle) e di  croccantini, non tanti  da trasformarlo in un  oversize felino: ciò che si  avrà in compenso  sarà il fatto  di indurre in esso il ricordo  di  mamma gatta, di conseguenza regredirà a un livello infantile (momentaneo) testimoniato  da quel  comportamento che chiamiamo  fare la pasta e che in effetti e ciò che gli  è necessario  per stimolare le mammelle della genitrice per indurre la secrezione del  latte.

Per gli etologi è in questa fase che il gatto (o la gatta, ovviamente) è più predisposta a ricevere una sorta di  vademecum per potere vivere in relazione con il suo  referente umano.

Scordiamoci  di  chiedergli, però, cose assurde come dirgli di darci  la zampa come a un cane (per il canis canis rimane un gesto  di  sottomissione e non di  amicizia come battere il cinque).

Il gatto non riconosce le parole – anche se ultimamente una ricerca giapponese sembra dire che il nostro  felino domestico risponda al proprio nome e se non lo fa è perché non vuole essere scocciato – quanto piuttosto i comandi impartitegli  con le mani (movimenti  sempre delicati, altrimenti  fugge via).

Il linguaggio  corporale del  gatto

Sfatiamo subito  un pregiudizio  sui  gatti: non è vero  che sono indifferenti al loro  coinquilino umano ma, al contrario, un recente ricerca  dell’Universidade Federal de Juiz de Fora in Brasile, pubblicata su  Plos One, ha dimostrato come i   gatti  soffrono  di ansia da  separazione e come questa sindrome sia maggiore in quelle famiglie dove non è presente una donna (uno a zero per noi..).

In questo  caso  nel  gatto  si  manifesteranno comportamenti  distruttivi (addio  alle poltrone o altri  arredi) o stati  mentali  alterati come vocalizzazioni  eccessive, minzione inappropriata, depressione, aggressività: in pratica il nostro micio  è andato  fuori  di  testa.

Ritorniamo, però, al linguaggio  corporale solito  del gatto e cioè:

  • Se il gatto  striscia via a ventre abbassato, con le orecchie all’indietro è segno  che ha paura
  • Al  contrario se il suo  corpo  si inarca e il pelo  si  arruffa è segno  che si trova in una situazione di  eccitazione o  minaccia.

In entrambi i casi è meglio  lasciarlo in pace per non rimediare qualche dolorosa graffiata (non fate giocare i  bambini  con i gatti senza dire loro come comportarsi).

Se poi  si  avvicina a noi sfregandosi  sulle nostre gambe (rilascia ferormoni) aggiungendo il classico purr…purr , possiamo essere certe della sua tranquillità e della fiducia che pone in noi (e della nostra resa incondizionata al  suo  essere).

Un ultima cosa: se abbiamo  già un coinquilino  felino e vogliamo adottarne un altro la prima cosa che farà il micio  di  casa sarà quello  di  dare un avviso  di  sfratto  a quello  che considera solo  come un intruso: gli  accorgimenti  da adottare sono  quelli  di fare abituare gradualmente il padrone di  casa all’ospite inatteso non facendo  favoritismi.

Il libro (in ricordo  di  Luis Sepùlveda

I gabbiani sorvolano la foce dell’Elba, nel mare del Nord. Banco di aringhe a sinistra stride il gabbiano di vedetta e Kengah si tuffa, insieme agli altri. Ma quando riemerge, il resto dello stormo è volato via, e il mare è una distesa di petrolio.

A stento spicca il volo, raggiunge la terra ferma, poi stremata precipita su un balcone di Amburgo.

C’è un gatto, su quel balcone, un gatto nero grande e grosso di nome Zorba, cui la gabbiana morente affida l’uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto da lui tre solenni promesse.

E se per mantenere le prime due sarà sufficiente l’amore del gatto, per la terza ci vorrà una grande idea e l’aiuto di tutti.

In questo racconto, che ha la grazia di una fiaba e la forza di una parabola, il grande scrittore cileno tocca i temi a lui più cari: l’amore per la natura, la solidarietà, la generosità disinteressata.

Ma soprattutto riconosce all’uomo un ruolo fondamentale: non solo distruttore e inquinatore, ma anche salvatore, in un messaggio di speranza di altissimo valore poetico.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Il freddo: dalla cold therapy all’ipotermia

freddo

Oggi  sono entrato  in un bar chiedendo  qualcosa di  caldo: mi hanno  dato un cappotto!

Groucho  Marx

Il freddo  come terapia (?)

Andrea Bianchi, fondatore della prima scuola italiana di barefoot hiking (a proposito leggi il mio  articolo Camminare ascoltando i piedi: è il Barefooting) suggerisce una tecnica per imparare a esporsi  al freddo:

Ogni  mattina esporsi per circa trenta secondi a una doccia fredda, questo  farà in modo  che nel  nostro organismo  si liberino le endorfine dandoci  energia per tutta la giornata

Non voglio mettere in dubbio il valore di un simile suggerimento, ma credo  che se dovessi  fare una doccia fredda (soprattutto in inverno) il mio organismo  non libererebbe endorfine ma si liberebbe di  me una volta per tutte  congelandomi

Come del  resto penso  che sia un ottimo  viatico per osservare le margherite dalla parte delle radici, la nuova moda della cold therapy: bagni nelle acque gelate di un ruscello per almeno un minuto servirebbe ad allenare la mente e il corpo (a cosa poi?).

Naturalmente,  quando  esce  nuova filosofia di vita, immediatamente la si  associa ai nomi di personalità note per darne un maggiore risalto, così sappiamo  che Lady Gaga, Madonna e Zac Efron praticano  yoga in costume da bagno  sulla neve o si immergono in vasche ghiacciate, mentre Chiara Ferragni e Belen Rodriguez si  accontentano di  avvolgersi in una nuvola di  vapore artico in una criosauna.

A questo  si aggiunge il fiuto per le opportunità di  business di  Gwynett Paltrow la quale, oltre a vendere candele a 900 dollari con il profumo  della sua vagina (è solo  un bouquet di  infiorescenze varie ma chi le compra, e sono  tanti, ne sono  attirati come api  sul miele…poveri  scemi), ha fatto  verificare dal suo  team lifestyle brand Goop la teoria che, per l’appunto, la cold therapy

Insegna a gestire lo  stress , ottimizza le performance atletiche, migliora l’efficacia del sistema immunitario e conferisce una maggiore lucidità mentale.⌋ 

Il freddo in montagna: mai  da sottovalutare

 

freddo

 

Dalla foto  che mi ritrae in tenuta antartica di può ben  capire il rapporto  che ho con il freddo (e di  conseguenza i  miei dubbi a riguardo  della cold therapy).

A giustificare il mio  abbigliamento, però, aggiungo  che quel  giorno presso le Cascate del Perino le temperature, già di per se molto  basse, lo sembravano  ancora di più per un forte vento  che generava l’effetto che prende il nome di  wind chill: 

Con il wind chill è il vento  che, rimuovendo  quel piccolo  strato  di  aria calda sulla nostra cute, fa si  che l’aria fredda dell’ambiente raffreddi  ulteriormente la nostra pelle dando la sensazione che le temperature siano ancor più inferiori rispetto alla realtà.

Tanto più il vento  sarà forte, tanto più saremo  sensibili all’effetto  del wind chill .

Questo mi da il modo  di introdurre il prossimo  argomento che riguarda:

L’ipotermia

L’inverno, o comunque le giornate in genere fredde, non devono  spaventarci perché sono  l’occasione per combattere il disordine affettivo stagionale 

E’ altresì  ovvio che ogni  attività praticata all’aperto, specie in montagna, comporta  dei  rischi  se le condizioni  ambientali vengono sottovalutate e con equipaggiamento non adeguato.

Il rischio maggiore a cui  si  va incontro è l’ipotermia

Per definizione l’ipotermia si  raggiunge quando la temperatura corporea è al  di  sotto dei  35 °C.

Affinché si  raggiunga questa nefasta condizione bisogna che vi  siano  due fattori essenziali: il primo riguarda la temperatura ambientale inferiore a quella corporea; il secondo fattore che la  produzione di  calore endogeno  da parte dell’organismo  sia inferiore rispetto  alle perdite.

Si  raggiunge rapidamente  l’ipotermia   cadendo nell’acqua fredda di un fiume durante un guado, più lentamente per una lunga esposizione al freddo dovuto a una lunga marcia oppure a un bivacco all’aperto in periodo invernale.

A questi  si  aggiungono  condizioni  soggettive quali uno stato di  stanchezza profonda oppure, ancora più grave, l’ipotermia è la conseguenza di una lesione traumatica associata a una alterazione della coscienza.

E’ naturale  che per  bambini  e  soggetti  anziani la condizione di ipotermia diventa più grave in relazione all’età.

Il primo  segnale che l’organismo  invia per informarci dell’approssimarsi  di una situazione pericolosa è il brivido con l’aumento del  metabolismo  basale e il consumo di  ossigeno; con il passare del  tempo questa situazione si manifesterà in senso inverso: il metabolismo basale diminuirà come il consumo  di ossigeno (a livello  cerebrale si  avranno  alterazioni dello  stato  di  coscienza, sopore a cui  può sopraggiungere il coma).

Le organizzazioni che si  occupano  di  Medicina per la Montagna  hanno  stilato quattro stadi successivi per classificare i gradi  di  ipotermia e loro  effetti  sull’organismo e gli interventi  necessari per risolvere la situazione di ipotermia.

freddo
Swiss Society of Mountain Medicine

 

Il libro 

Per coloro adepti  della cold therapy (o dell’ibernazione in generale) o anche per chi  è motivato  da semplice curiosità, offro  l’anteprima del libro La cura del  freddo scritta da Matteo Cerri ricercatore presso il Dipartimento di  Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Università di  Bologna 

freddo

⌈ Quando nasce, il neonato si trova proiettato in un incubo: in un ambiente freddo anziché caldo, deve subito attivare il metabolismo e bruciare energia per non soccombere. Per l’uomo quindi la vita è calore.

Questa verità è così forte e significativa che ne associamo anche gli opposti: la morte è fredda. Per gran parte della sua esistenza, l’uomo ha combattuto contro il freddo, forse l’avversario più subdolo che la natura gli abbia opposto e che nei secoli lo ha falcidiato sui campi di battaglia, durante le esplorazioni o nel tentativo di conquistare le montagne.

Eppure alcune persone sono state in grado di sopravvivere in condizioni di freddo estremo, avvicinandosi al confine che separa la vita dalla morte fin quasi a toccarlo, prima di riuscire a tornare indietro.

Cosa c’è alla base di questa impressionante capacità di sopravvivenza? Non lo sappiamo ancora, ma da circa due secoli abbiamo imparato che il freddo, se domato e controllato, può trasformarsi in una cura, non diversamente da un farmaco che salva la vita o uccide in funzione del suo dosaggio.

Oggi però ci stiamo spingendo oltre. Perché le recenti scoperte scientifiche relative all’ibernazione hanno aperto possibilità straordinarie, spalancando le porte all’esplorazione del sistema solare e alla speranza, sempre piú concreta, di mettere uno scudo fra noi e la morte.

Alla prossima! Ciao, ciao… ♥♥

Antartide tra scienza e (pseudo) misteri

Il fascino dell’ignoto  domina tutto

Omero

Antartide, Lovecraft  e valli secche 

“….l’ultima parte del viaggio fu un’esperienza intensa e stimolante per la fantasia. Grandi vette nude e misteriose si  susseguivano  senza posa a ponente mentre il basso  sole nordico di mezzogiorno o l’ancor più basso sole di  mezzanotte, radente l’orizzonte meridionale, rischiarava di luce rossastra le nevi  bianche, i ghiacci bluastri, i canali  che li separavano e, qua e là, nere chiazze scoperte di pendii granitici. Tra le cime desolate si incanalavano rabbiose ed intermittenti raffiche del  terribile vento  antartico, le cui modulazioni facevano  a volte vagamente pensare a   zampogne suonate selvaggiamente…..”

Non trovate che questa descrizione di H.P. Lovecraft tratta dal suo romanzo  Le montagne della follia sia già il presupposto per predisporre la mente alla fascinazione dell’ignoto?  

Di Lovecraft ho già scritto in precedenza a riguardo di un suo  presunto (altamente improbabile) passaggio in Italia e dei misteri del  delta del Po che lo avrebbero ispirato in parte per le sue storie ( articolo ), ma adesso, lasciando a dopo  l’argomento dell’ignoto, voglio  fare una piccola digressione su  quelle zone del’Antartide considerate tra i luoghi più aridi  della Terra  e che si  estendono   su  di una superficie di  5.000 chilometri  quadrati vicino  al Canale di  McMurdo: sono le Valli secche (McMurdo Dry Valleys

Antartide
Mcmurdo Sound

 

L’aridità è la conseguenza dovuta all’azione dei venti  catabatici (o  venti  di  caduta) che, spazzando  via l’aria umida oceanica, ne fa diminuire le precipitazioni  annuali.

 

Antartide

 

Un’altra caratteristica che contraddistingue questo sistema di  valli è quella della presenza di  acqua liquida durante la stagione estiva che, ovviamente, non sarà quella dei  tropici.

Cosa ancora più importante dal punto di  vista scientifico è la scoperta da parte degli  scienziati  della Nasa di  forme di  vita ancestrale: non si  tratta degli esseri primigeni  nati dalla fantasia di  Lovecraftma di  forme batteriche che riescono  a sopravvivere nella relativa umidità presente nelle rocce e di  altri batteri  anaerobici che basano  il loro  metabolismo su elementi  chimici  quali lo  zolfo  e gli ossidi  di  ferro

 Antartide e il mistero del  Lago  Vostok

La seconda parte di  questo articolo  è dedicato a ciò che la fantasia può produrre se la mente si  trova davanti  a un quesito apparentemente insolubile.

E’ ciò che il Lago  Vostok, il più grande dei  settanta laghi  subglaciali finora conosciuti, nasconde  al suo interno.

Si è scritto  di  tutto a riguardo: dai mostri  antidiluviani che vivono  in esso come se fossero in una specie di  habitat simile a quello  inventato  da Julius Verne in Viaggio  al  centro  della Terra, fino ad arrivare alla presenza di un’astronave aliena precipitata in Antartide e che ricorda molto la situazione già vista in La cosa da un altro mondo

Ho  trovato che il film diretto  nel 1951 da Christian NyBy  sia molto più godibile del  suo  remake  La cosa  girato nel 1982  da John Carpenter per la sua deriva all’horror di  tipo  splatter.

Dopo questa divagazione cinematografica ritorniamo  al Lago  Vostok

Antartide
Radarsat: immagine dallo spazio del Lago Vostok

Tra gli  anni 1959 e 1964  durante una serie di  spedizioni  scientifiche russe in Antartide il geografo  russo Andrej Petrovič  Kapica, utilizzando tecnologie di  allora che prevedevano l’analisi  di onde sismiche, scoprì l’esistenza del  Lago  Vostok, cosa confermata nel  corso  degli  anni  con analisi  più approfondite grazie all’apporto  di nuovi  strumenti  di  ricerca.

Tratto da Wikipedia

La  grandezza del lago  fu  determinata solo  nel 1966 grazie alla collaborazione tra scienziati  russi  e inglesi.

Quasi  quattro chilometri  di ghiaccio separano  le acque del  lago  dalla superficie e, grazie a questa specie di incubatrice e al fatto che si  tratta di un lago  di  acqua dolce, si è arrivati  alla conclusione che possa esistere in esso un microambiente vecchio di milioni  di  anni.

Il 7 marzo 2013 i  ricercatori rilevarono la presenza di batteri di origine sconosciuta all’interno del Lago  Vostok: questo  tipo  di  batteri presenta un’alta resistenza alla concentrazione di ossigeno presente nel lago (nessun lago  terrestre ha una simile percentuale di ossigeno) e ciò parrebbe del  tutto  simile all’ipotesi di  forme di  vita che si potrebbero  trovare sotto  i ghiacci di  Europa, uno dei satelliti  di  Giove.

Ma se la presenza di  queste forme batteriche  potrebbe essere l’innesco per la paura di  possibili  contaminazioni di origine sconosciuta (purtroppo la situazione che si  sta creando per il coronavirus cinese è una realtà), è un altro motivo per cui si  accreditano  tesi al limite della fantascienza, infatti le ricerche riscontrarono la presenza di un misterioso oggetto metallico insieme a una notevole variazione del  campo magnetico  naturale.

E’ inutile aggiungere che tutte la zona, nonchè le ricerche in essa,  sono  secretate, si  sa solo che la Nasa attualmente studia il perché dell’anomalia magnetica.

Se avete qualche notizia più recente a riguardo  siete invitati  nel farmelo  sapere

Il libro

Non poteva concludere senza rendere omaggio  a H.P. Lovecraft con l’anteprima del suo  racconto  Le montagne della follia 

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Vulcani, supervulcani e carestie

Vulcani

La storia del mondo: i vulcani  eruttarono, gli oceani  ribollirono, tutto l’universo  era in subbuglio.

Poi venne il cane.

Charles M. Schulz, Peanuts (Parola di  Snoopy)

Vulcani e supervulcani

Se siete preoccupati  per una prossima estinzione del nostro  genere a causa del  coronavirus cinese (il famigerato 2019 – nCov) voglio tirarvi  su  di  morale dicendovi  che esistono altre ragioni  per preoccuparsi e cioè l’impatto  con un’asteroide o  cometa (già successo: chiedetelo  ai  dinosauri) o per l’esplosione di un supervulcano.

I supervulcani, a differenza delle normali  caldere generate dallo  sprofondamento  di una camera magmatica di un vulcano, sono generate da un hot spot situato  sotto  di  esse, molto in profondità  e con attività vulcaniche secondarie come geyser, sorgenti  termali  e altro.

Questi  supervulcani  hanno le dimensioni  misurabili in decine di  chilometri con all’interno un oceano  di  magma che genera una pressione enorme verso la superficie: in pratica una enorme, gigantesca pentola a pressione.

Quindi, se questa pressione del  magma arriva al punto  di  rottura, le conseguenza dell’esplosione sarebbero  catastrofiche e a livello planetario.

I vulcanologi ci  assicurano che un evento  simile si  può avere ogni 100.000 anni, ma c’è chi  tra loro  è più pessimista come  Guilherme Gualda (Vanderbilt University) il quale  è convinto che, ad esempio,  il supervulcano  che si  trova sotto a Yellowstone a  7000 metri  di profondità con un lago di  magma a sua volta profondo 400 metri (che si è formato più di 600. 000 anni  fa), impiegherà solo  qualche centinaio  di  anni per esplodere.

Nel  frattempo  gli  scongiuri sono  più che leciti.

Vulcani

In questa immagine si può vedere la localizzazione dei supervulcani nel mondo: quel puntini  arancione sul profilo  dell’Italia rappresenta il nostro  supervulcano  e cioè i  Campi  Flegrei.

VEI è un indice empirico di  esplosività vulcanica (Volcanic  Explosivity Index) ideato  dagli  scienziati  (vulcanologi?) Chris Newhall e Stephen Self: il suo  scopo  è quello di classificare le eruzioni  vulcaniche   in base all’esplosività

I Campi  Flegrei  è considerata come la terza caldera più pericolosa al mondo  (dopo  Yellowstone e il lago  Toba in Indonesia), per questo motivo  dal 2012 il sito  viene monitorato attraverso il programma Campi Flegrei Deep  Drilling Project.

Nel  2013 uno studio dell’Istituto Nazionale di  Geofisica e Vulcanologia ha descritto  come il rapido  innalzamento del  terreno  nell’anno precedente allo  studio  stesso, era dovuto  ad un accumulo  di  magma situato a 3000 metri  di profondità.

Più recentemente, e cioè nel 2017, un altro  studio, questa volta dell’Osservatorio  Vesuviano e dell’ University College di  Londra stabilì che i  Campi  Flegrei  fossero  più vicini  all’eruzione rispetto  ai tempi previsti.

L’ineluttabilità di ciò che avverrà in queste aree è cosa certa per la scienza, tanto più drammatico sarà lo  scenario pensando come, nel  caso  dei  Campi  Flegrei e l’area vesuviana, alla notevole densità di popolazione residente e di  come le vie di  fuga saranno congestionate.

L’unica speranza è che ciò accada tra molto, molto tempo.

Supereruzioni e carestie 

 

Vulcani
Segara Anak: la caldera che si è formata dopo l’eruzione del vulcano Samalas nel 1257

A parte gli  scenari  da disaster movie quello  che è accaduto in passato può far riflettere su  ciò che potrebbe accadere nel  ripetersi  degli  eventi.

Nel 1257 il vulcano Samalas sull’isola di  Lombok in Indonesia esplose scagliando in cielo miliardi  di  tonnellate di  rocce che, trasformate in polveri, oscurarono il Sole per lungo  tempo (sull’argomento  vi  rimando  all’articolo  pubblicato da PNASpdf – )

Ebbene, nonostante la notevole distanza dall’evento, in Europa le ripercussioni del  cataclisma furono tragiche: nei  tre anni  successivi vi  fu  un abbassamento  delle temperature medie con la rovina delle colture e conseguente carestia che portò alla morte migliaia di individui in tutta Europa specie in quella settentrionale con l’Inghilterra come nazione più colpita.

In Italia i comuni si  organizzarono per far fronte alla carestia facendo l’inventario di  quanto  grano  si  aveva a disposizione tra raccolti  e depositi, si  calmierarono i prezzi  di  vendita per legge e si acquistò grano a spese pubbliche dai  mercati  esteri meno  colpiti.

Ma la lungimiranza dei  governatori  di  allora non si  fermò a solo queste disposizioni: vennero  avviati programmi di  lavori  pubblici  per la costruzione di  argini  dei  fiumi e la manutenzione di ponti  e strade per far fronte ai  danni  che il maltempo  avrebbe portato.

Forse qualcosa dal passato bisogna imparare.

Il libro

Roberto  Scandone e Lisetta Giacomelli, rispettivamente docente presso il Dipartimento  di Matematica e Fisica Roma tre e geologa ricercatrice, sono gli  autori  di Campi Flegrei: Storie di  uomini  e vulcani (anteprima a fine articolo).

Vulcani

Nel territorio campano chiamato Campi Flegrei, l’attività vulcanica determina l’area a più alto rischio in Europa, sia per la violenza delle eruzioni che vi sono avvenute, sia per l’elevato numero di persone che vi risiedono.

La mancanza di eruzioni per circa 3000 anni ha consentito alle sue frastagliate coste di diventare sicuri ancoraggi e ha favorito lo sviluppo delle ricche colonie greche di Cuma e Dicearchia, seguite dalla costruzione del porto di Puteoli, il più importante scalo commerciale e militare dell’Impero Romano.

Tuttavia, la natura vulcanica del territorio ha continuato a manifestarsi con l’abbassamento del suolo che ha portato alla sommersione delle strutture del porto e accelerato il declino economico dell’area. L’unico sostegno costante, anche nei periodi meno fortunati, sono state le sorgenti termominerali, utilizzate senza interruzione fino al Medioevo.

L’inversione del movimento del suolo, iniziata dal 1400 e conclusasi con l’eruzione di Monte Nuovo nel 1538, ha inferto il colpo finale all’economia e interrotto la frequentazione di molti impianti termali. Da allora, il suolo ha ripreso a muoversi verso il basso, creando nuovi problemi alle attività umane, affrontati, fin dalla fine del 1800, con l’industrializzazione.

Dal 1950 è ripreso un lento sollevamento, con due fasi di maggiore intensità, nel 1970-72 e 1982-84, che hanno ricordato alla comunità, insediata intorno al golfo da ben 2500 anni, che stava vivendo in un ambiente fragile e pericoloso.

La convivenza con un territorio ricco di risorse naturali, quanto di pericoli, continua grazie alla resilienza dei cittadini e alla migliorata comprensione dei fenomeni vulcanici.

Alla prossima! Ciao, ciao…♥♥

Sessualità questa sconosciuta (per la scuola in Italia)

Sessualità
Symbolic dance di Jan Ciągliński, tardo XIX secolo

La vera zona erogena? L’immaginazione

Vivienne Westwood 

Sessualità tra  erotismo  e pornografia

la sessualità tra erotismo  e pornografia ha un  confine è molto  labile in quanto per il primo viene descritto un amore appassionato unito  al desiderio sensuale  mentre per la pornografia vale tutto il resto: in poche parole sta a noi decidere dove porre la linea di  confine.

Ad esempio, secondo il mio personale modo  di vedere le cose, c’è differenza tra una scena di  sesso nel  contesto  di un racconto  (film o libro  che sia) dalla visione nuda e cruda dell’atto  sessuale in un video  porno.

Parlando  di pornografia in senso stretto, si può immaginare che l’interesse sia tutto  dalla parte di un certo pubblico al  maschile ma è nel 2009, cioè quando  un gruppo  di  registe femministe svedesi  diede vita a Dirty  Diaries (13 cortometraggi  di pornografia al  femminile tra erotismo  e umorismo), che nasce il porno scritto  e girato da registe donne con una sensibilità erotica al  femminile.

Educazione sessuale nelle scuole  

Il punto  è che non si  può parlare di  sesso a prescindere da ciò che è essenziale per viverlo in maniera sana  e cioè l’educazione sessuale, materia la quale  continua a essere bandita nella scuola italiana (lasciando  alla rete il compito di  colmare le  lacune sull’argomento con esiti più che discutibili) mentre in Europa è materia obbligatoria in 17 nazioni  su 27 (in Germania dal 1968, in Danimarca, Finlandia e Austria dal 1970, in Francia dal 1998), mente l’Italia divide questa mancanza con la Bulgaria, Cipro, Lituania, Polonia e Romania.

Policies for sexuality education in the European Union è il rapporto che il  Parlamento  europeo ha redatto nel 2013 a riguardo dell’educazione sessuale nelle scuole riferite a ogni singolo  Paese dell’ Unione.

Molto più sintetico e comprensibile è il documento  che Valigia Blu ne ha tratto dal  rapporto (visibile sia dal link precedente che cliccando  sull’immagine).

Sessualità

La  mancanza di  educazione sessuale comporta fenomeni  di intolleranza nei  riguardi  di persone con differente orientamento  sessuale (nello specifico omosessuali, lesbiche, transgender e tutto  quello  che compone l’arcobaleno dei  sentimenti)

Ebbene, dall’ Eurobarometro sulla discriminazione 2019  l’Italia ne esce alquanto penalizzata perché solo il 68 per cento  degli italiani si  dichiara favorevole a riconoscere che le persone LGBT devono  avere gli  stessi  diritti  degli  eterosessuali mentre, per contro, i livelli di omofobia e transfobia nello  sport ci portano ben  al  disotto  della media europea.

Dall’immagine seguente (tratta dal report dell’ Eurobarometro  sulle discriminazioni) si può vedere che le nazioni  più aperte sono Svezia, Olanda e Spagna con più del 90 per cento della popolazione favorevole all’integrazione sociale anziché dare spazio  alle discriminazioni.

Sessualità

Concludo con le parole di Alda Merini Alda Merini 

“Beati  coloro che si  baceranno sempre al di là delle labbra.

varcando il confine del piacere per cibarsi  dei  sogni”

 

Alla prossima! Ciao, ciao…♥♥

Plastica, ovunque mi giro c’è la plastica (allora ricicliamola)

La plastica, una curiosità all’inizio  del  secolo, si è diffusa dappertutto, diventando  essenziale nella nostra vita come l’aria che respiriamo

Jeremy Rifkin  

Un mondo  senza plastica è impossibile (?)

Forse Jeremy  Rifkin esagera paragonando la necessità della plastica all’aria che respiriamo, ma non è lontano  dalla verità: siamo circondati  dalla plastica e, in un certo  qual modo, non ne possiamo  farne a meno.

E’ anche vero  che oggi in commercio  si  trovano alcuni  prodotti i quali, sostituendo la plastica, vengono  considerati  come materiali  green, ma il loro difetto è quello  di  essere ancora troppo  costosi per un loro  utilizzo  generalizzato.

Utilizzando  gli  scarti  vegetali è possibile ricavare delle bioplastiche come, ad esempio, le sperimentazioni  fatte da alcuni  enti  di  ricerca:

bioplastiche

Ma siamo ancora lontani da una produzione in larga scala per soddisfare ogni  esigenza che vede nella plastica l’utilizzo  quotidiano, allora non ci  rimane che il riciclo..

Riciclare al 100 per cento si potrà (forse) in futuro, ma oggi?

Uno  studio  condotto  da PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences) ha stimato  che nel  solo 2018 sono state prodotte nel mondo  310 milioni di  tonnellate di plastica di  cui  solo il 7 per cento  viene riciclata a livello mondiale (…ecco  dov’era finito  Gatto  Filippo)

 

Una delle difficoltà che si  riscontra nel  riciclo della plastica è la sua eterogeneità: ad esempio i  contenitori  dei  nostri  shampoo sono composti da più plastiche assemblate insieme per conferire il colore, la forma e leggerezza, nonché la resistenza alla pressione necessaria per l’impilamento durante il trasporto ai  centri  di  vendita.

Oggigiorno dei 200 tipi  di plastica utilizzati dalle aziende solo il 6 per cento può essere riciclata.

Naturalmente la tecnologia di  domani, specie la nanotecnologia, potrà esserci  d’aiuto nell’impresa di  riciclare tutti o quasi i tipi  di plastica, come?

Ad esempio:

  • Si potrebbe decolorare la plastica utilizzando nanoparticelle magnetiche che, attaccandosi  ai micropigmenti colorati, ne permettono la rimozione centrifugando  la plastica fusa
  • Si può cambiare la nanostruttura del polietilene per fornirgli altre proprietà senza cambiarne la chimica e quindi rendendone possibile il riciclo.
  • In Australia è stato  sviluppato il plasfalto: un chilometro  di  questo particolare tipo di  asfalto utilizza l’equivalente di 168.000 bottiglie di plastica (non è specificato però il costo a chilometro)
  • Sempre in Australia , a Melbourne, è stato  realizzato un impianto  che, sfruttando  la pirolisi, trasforma i  rifiuti  plastici  in diesel (ma oggi il diesel è sotto processo  per l’inquinamento prodotti  dai motori  che utilizzano questo  carburante)

Quello  che noi  consumatori possiamo  fare è utilizzare la plastica il meno possibile: questo lo si può fare anche solo limitando l’acquisto  dell’acqua imbottigliata nella plastica (quella che esce dai nostri  rubinetti  di  casa è più salubre); dove si può acquistare detersivi sfusi e, ovviamente,  riciclare il più possibile (….parlo  di plastica e non di  mariti, fidanzati o  amanti)

Anche se, come ho  scritto  all’inizio, viviamo in un mondo  di plastica (esagerando  alquanto), non è la sola materia di  cui ci  serviamo per vivere al  meglio, il saggio La sostanza delle cose   di Mark Miodownik, docente di  Scienza dei  materiali all’University  College di Londra, è una guida che illustra le sostanze di  cui  è fatto il nostro mondo


Anteprima del libro La sostanza delle cose di  Mark Miodownik

L’acciaio è «indomito», la carta «fidata», il cioccolato naturalmente è «delizioso», la plastica «immaginifica» e la grafite è semplicemente «indistruttibile».

Poi c’è la schiuma («meravigliosa»), il vetro (ovviamente «invisibile»), la porcellana («raffinata»), e certo non può mancare il comune, onnipresente, «fondamentale» cemento.

Sono le sostanze di cui è fatto il nostro mondo. Basta gettare l’occhio intorno a noi e ne vediamo a centinaia, eppure sappiamo così poco di loro.

Invece, quando Mark Miodownik si guarda intorno vede ben più in là delle apparenze superficiali delle cose ed è capace di raccontarci per ognuno di questi materiali una quantità incredibile di storie affascinanti, da restare a bocca aperta per lo stupore.

Ogni sostanza diventa un mondo. In questo libro compaiono cose antichissime come il ferro accanto a sostanze futuristiche come i biomateriali o l’aerogel, tutte presentate nella loro caleidoscopica varietà di forme e di funzioni, colori e proprietà, ognuna con un suo messaggio nascosto e un’avvincente storia da narrare.

I materiali hanno contribuito a rivoluzionare il nostro stile di vita, fanno parte del nostro mondo e senza di loro non saremmo ciò che siamo.

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥