Bonvi, se quella notte del 1995…

Morire è sempre una sfortuna, l’unica cosa consolante è che sarà l’ultima.

C.A.

Quella notte del 10 dicembre 1995

Quella notte del 10 dicembre 1995 Franco  Bonvicini, in arte Bonvi,  si  sta recando  negli  studi  televisivi  di  Bologna dove Red Ronnie lo  attende come ospite della trasmissione Roxy Bar: ha con se alcune tavole originali  che vuole vendere per aiutare l’amico  e collega Magnus (creatore di  Alan Ford) malato  di  cancro.

Un auto lo investirà uccidendolo  a 54 anni.

Oggi  Bonvi avrebbe quindi 78 anni e mi domando allora, se fosse ancora tra  noi,  cosa avrebbe pensato di questo   revival nazi – fascista dell’Italia del 2019, dove una scampata dagli orrori  di Auschwitz, la senatrice Liliana Segre, deve girare sotto  scorta perché minacciata?

Penso  che molto probabilmente, avrebbe immortalato  questi piccoli uomini  (e donne) come macchiette comprimarie delle sue Sturmtruppen.

Cinquantun’anni eppure le Sturmtruppen di  Bonvi non invecchiano  

Le Sturmtruppen nascono  nell’autunno  del 1968 (altro periodo  fatidico  della nostra storia):  soldati in fumetto  come pretesto, nelle loro  assurde e comiche situazioni,  per irridere la follia della guerra, il patriottismo fuori  da ogni limite e tutta la grancassa che ruota intorno  alla retorica di una certa ideologia.

Bonvi
Bonvi

E dire che lui  stesso era militare congedato  a 22 anni  con il grado di  sottotenente carrista (esperienza utile per le sue strisce).

Amico  di Francesco  Guccini insieme collaborano  per la sceneggiatura di  alcuni  spot di  allora, tra i  quali il più famoso  è quello  dedicato  al personaggio  di Salomone il pirata pacioccone per pubblicizzare  l’amarena Fabbri.

Sempre con l’amico  cantautore realizza Storie dello  spazio  profondo pubblicato per la prima volta nel 1970 è la storia di un’avventuriero  spaziale accompagnato  nelle sue scorribande siderali  da un robot antropomorfo  che ricorda in parte C – 3 PO di  Star Wars  (a proposito  a dicembre la saga si  conclude).

Appassionato  di  storia bellica lascia momentaneamente le sue Sturmtruppen per andare indietro  nel  tempo, precisamente nel periodo  tra  il 27 maggio e  28 agosto 1905, per disegnare L’uomo di Tsushima  dove viene raccontata la battaglia navale nello  stretto omonimo, al largo  della Corea, tra le flotte imperiali  appartenenti  alla Russia e al Giappone

La guerra venne dichiarata dal  Giappone per contrastare i piani  di  espansione dello  zar sulle coste del Pacifico.

L’obiettivo principale era quello  di  strappare Port Arthur alla Russia per chiuderle l’accesso  alla Corea

Lo  zar Nicola inviò la Flotta del  Baltico per contrastare quella giapponese: essa dovette circumnavigare Europa, Africa, Asia e ciò comportò un ritardo utile per i giapponesi  che conquistarono  Porto  Arthur.

A questo punto, dopo un anno  di  navigazione, l’ammiraglio Rožestvenskij a comando  della Flotta del  Baltico, decise di  attraversare lo stretto di  Tsushima ma venne intercettato  dall’ammiraglio Togo ingaggiando  quindi  una battaglia navale che costò alla Russia una disfatta con la perdita di 21 navi, tra cui 11 corazzate, e migliaia di marinai uccisi (i  giapponesi  persero  solo  tre navi  e 117 furono i marinai  morti)

Terminata questa piccola digressione storica ritorniamo  al nostra caro  Bonvi: fu  anche attore, oltre che fumettista: Come rubammo la bomba atomica è una pellicola in cui recitò insieme a Franco  Franchi  e Ciccio Ingrassia (non certo un film da Oscar ma comunque divertente per chi  era fan dei  due comici  siciliani).

Lasciando il lavoro  di pubblicista, fondò insieme a Guido (Silver) Silvestri  uno  studio con la produzione di innumerevoli episodi  di Cattivik (indimenticabile)  e Capitan Posapiano (mai  sentito, giuro!) pubblicate per Tiramolla e Cucciolo.

Nel 1972, Giancarlo  Governi che allora lavorava per una RAI molto più bella di  questa odierna, lancia Gulp – Fumetti in TV volendo Bonvi che, insieme a  De Maria, crea il personaggio di  Nick Carter (altro indimenticabile).

Intanto, sempre nello  stesso  anno, le Sturmtruppen approdano in teatro: per la prima volta in Italia si  vedono  attori  vestiti  solo  con elmo, stivali  e giberne: inutile dire che i  giornali (anche quelli stranieri) ne parlarono.

Nel 1973 Bonvi  riceve il premio Saint – Michel come miglior autore europeo  di  fumetti.

Per terminare in bellezza ecco  a voi  la sigla di   Super gulp – Fumetti in TV 

Alla prossima! Ciao, ciao…♥♥

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: