Barbara Loden e Wanda: dalla realtà al cinema

Femminismo non è una parola oscena.

Penso  soltanto  che le donne appartengono alla popolazione umana con gli stessi  diritti di  chiunque altro.

Cyndi  Lauper

Partendo da Wanda

Wanda è un film drammatico indipendente  del 1970 ambientato in Pennsylvania.

Il soggetto  del  film si  basa su  di una storia di  cronaca vera  e cioè quello  di una donna che si  lascia coinvolgere in una rapina in banca , vede morire il suo  complice durante la rapina stessa  e, una volta catturata, viene processata e condannata a venti  anni  di carcere.

Questa storia di cronaca nera viene casualmente letta su  di un giornale locale da Barbara Loden la quale ne prende lo spunto per il soggetto del  film Wanda, di  cui  sarà sceneggiatrice, regista e interprete.

Il personaggio  di  Wanda è una donna apparentemente apatica, scialba, che non si prende cura di  se stessa fino all’annichilimento della propria vita.

Il film, ambientato tra la  Pennsylvania orientale e Connecticut , ottenne un finanziamento  dal produttore di  Los Angeles Harry Shuster con un cast molto  ristretto  di  attori e con una buona dose di improvvisazione durante le riprese, tipico di un certo  genere della cinematografia sperimentale.

Wanda venne presentato nel 1970 alla 31°  Festival Internazionale  del Cinema di  Venezia dove vinse il premio  Pasinetti  come miglior film straniero.

Francesco Pasinetti
Francesco Pasinetti (Venezia, 1º giugno 1911 – Roma, 2 aprile 1949) è stato un critico cinematografico, sceneggiatore e regista italiano. È riconosciuto come uno dei più importanti esponenti della cinematografia italiana degli anni trenta e quaranta e come storico del cinema internazionale. Ha condotto una vasta attività di divulgazione sulla tematica dello spettacolo cinematografico in quanto autore di alcune importanti opere, promotore di mostre e convegni, collaboratore di numerose testate ed insegnante al Centro Sperimentale di Cinematografia, di cui fu anche Direttore. Ha realizzato numerosi documentari, dedicati soprattutto alla sua città natale. Si è occupato inoltre di attività teatrale, scrivendo o dirigendo opere in prosa e musicali, nonché di fotografia e pittura. Tuttavia, nonostante l’intensità del suo impegno nel campo del cinema, non è mai riuscito, a parte una sola pellicola giovanile, a coronare i suoi progetti di diventare anche regista di film a soggetto. Tratto da Wikipedia

Nel 2010 la pellicola restaurata venne proiettata fuori  concorso al 67° Festival Internazionale del  Cinema di Venezia, mentre nel 2017 è stata selezionata per la conservazione nel National Film Preservation Board  dalla Library  of Congress degli  Stati Uniti.

Quando il film fu proiettato  per la  prima volta nelle sale statunitensi l’accoglienza da parte delle femministe fu  di  pura critica, in quanto  Wanda per loro rappresentava una donna passiva e sottomessa lontana dalla lotta di  rivendicazione del  femminismo.

Con gli  anni il giudizio diventa diametralmente opposto  vedendo in Wanda l’archetipo  di una donna che, a modo suo, si  ribella alla morale di una società bigotta.

Arrivando  a Barbara Loden (una breve biografia)

Barbara Loden

Questa è  Barbara Loden quando  posava nelle vesti  di pin -up per le copertine di  alcune riviste  facendosi  chiamare Candy  Loden.

Barbara Loden  nasce l’8 luglio 1932 a Asheville in North Carolina dove, dopo la separazione dei  suoi  genitori,  trascorrerà la sua infanzia allevata dai  nonni  materni in un ambiente rurale e molto  conservatore.

All’età di sedici anni  si trasferisce a New York dove inizia la sua carriera di modella e ballerina presso il night club Copacabana.

La svolta della sua vita avviene quando spinta dal desiderio  di  diventare attrice si iscrive ai  corsi  dell’Actors Studio: nel 1957 debuttò in teatro  in Compultion,  in seguito  in The Higest  Tree  con Robert Redford e Night Circus con Ben Gazzara.

Barbara Loden
Barbara Loden nel 1958 nel dramma Today is Ours

Nel 1960 recita affianco a Montgomery Clift nel  film di  Elia Kazan Wild River : nel 1966 sposerà proprio  Elia Kazan  di  23 anni  più anziano da cui  avrà un figlio che si  chiamerà Leo (un altro  figlio, Marco, lo  aveva avuto precedentemente dal  matrimonio  con il produttore cinematografico Larry Joachim).

 Anche il matrimonio  con il famoso regista stava per sfociare in un divorzio quando, sfortunatamente per lei,  nel 1978 le venne diagnosticato un  tumore al  seno che la uccise il 5 settembre 1980.

Nonostante una vita e una carriera densa di traguardi, Barbara Loden ebbe a dire di  se in un’intervista:

Non ero  niente. Non avevo  amici e nessun talento.. Ero un’ombra. A scuola non avevo imparato  nulla e non amavo il cinema, mi faceva paura la gente così perfetta, mi faceva sentire ancora più inadeguata….

Il libro 

Barbara Loden

La scrittrice francese Nathalie Lèger dedica a Barbara Loden il libro  Suite per Barbara Loden dove la narrazione della vita della scrittrice stessa si incrocia con il racconto della storia di una donna (Alma Malone) che ispirò il film Wanda e, quindi, la storia della sua regista.

Di Barbara Loden sappiamo poco: nata sei anni dopo Marylin Monroe nella provincia americana, si trasferisce giovanissima a New York dove lavora come modella, pin-up, ballerina, per poi recitare in due film di Elia Kazan, che sposerà nel 1969.

Nel 1970 scrive, dirige e interpreta Wanda, film che l’anno stesso vince il premio Pasinetti al Festival di Venezia ed è considerato oggi una pellicola di culto.

Come ha evidenziato Marguerite Duras, dietro alla figura della Wanda di celluloide si staglia nettamente quella della stessa Loden: “In Wanda accade un miracolo. Normalmente, c’è una distanza tra rappresentazione e testo, soggetto e azione. Qui quella distanza è completamente annullata.”

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: