Attraversando il Deserto con il Nordic Walking

Deserto

Camminiamo  per imparare di più, per sconvolgerci, per esplorare, per visitare le brutture della vita.

Per portare a esse un soccorso.

É quindi un meditare coraggioso, una sfida verso  se stessi

Tratto  dal libro Filosofia del Camminare di Duccio Demetrio ⌋ 

Ma di  quale deserto  parlo?

Niente paura: non vi  sto proponendo di  affrontare il deserto  del Kalahari  per una sessione di  nordic walking ma, semplicemente, il deserto (con la D maiuscola) è quello che andremo a visitare nel percorso che troverete più avanti  e che si  trova nell’entroterra di Varazze compreso nell’area del  Parco  Naturale Regionale del  Beigua: L’Eremo Del Deserto.

Ricordando  che nella tradizione cristiana il deserto è inteso  come una sorta di isolamento  dal  resto  del mondo, utile alla ricerca di  se stessi e del contatto  con il divino, aggiungo  anche che coloro non credenti possono egualmente sperimentare tale ricerca interiore, specie in comunanza con la natura

La breve storia dell’Eremo del Deserto.

Deserto
L’Eremo del deserto visto dal sentiero che conduce verso il monte Sciguello

Nel 1614 padre Angelo di  Gesù Maria appartenente all’Ordine dei  carmelitani  scalzi, decise la fondazione di una casa eremitica affidandone il compito al  convento di  Genova che, a tale proposito, stanziò un primo  contributo  pari  a 500 scudi per l’acquisto  di un terreno.

Le offerte di  vendita di  terreni  andarono  da Capo Noli a Masone e fino  a San Remo, ma la scelta cadde su un’area dell’entroterra di  Varazze.

Il 21 dicembre 1615 venne concesso l’acquisto, ma a due condizioni: la prima era che se la funzione di  eremo fosse venuta meno il terreno  doveva ritornare nelle mani  della comunità di  Varazze.

La seconda condizione era che il Senato della Repubblica di Genova (dalla quale Varazze dipendeva) doveva dare il suo  assenso  per la costruzione dell’eremo.

Il 22 febbraio  1616 avvenne il primo  acquisto  di  terreno al prezzo  di 3.000 scudi, ma il Senato della Repubblica si oppose adducendo  al fatto che il passaggio  di proprietà faceva venire meno  la giurisdizione secolare in favore di  quella ecclesiastica.

L’intervento  di  Giulio  Pallavicini (governatore di  Savona) riuscì ad appianare la disputa con la clausola che parte del  terreno compreso nell’atto  di  acquisto rimanesse sotto  la giurisdizione della Repubblica di  Genova.

Finalmente il 18 marzo 1618 davanti  al generale dei  Carmelitani  Scalzi, Domenico  di  Gesù Maria, iniziarono i lavori che si protrassero per  quindici  anni fino  al  completamento della struttura monacale.

Domenico di  Gesù Maria stabilì, quindi, la clausura con scomunica, senza distinzione tra clero  e popolo, a chi avesse introdotto una donna nel perimetro del  convento. La scomunica, inoltre, veniva comminata a quei  frati  che uscivano  dal confine del  convento  senza averne prima chiesto l’autorizzazine al padre superiore.

Nel 1799 a seguito  della costituzione della Repubblica Ligure (che si  ispirava agli ideali della Rivoluzione francese), il Deserto  di  Varazze venne confiscato.

Arrivando  al  XIX secolo,  si  registrano  numerosi  passaggi  di proprietà del sito: il primo  acquirente fu il genovese Ignazio Pagano  che si  aggiudicò la gara d’asta per 40.000 lire. A questa vendita furono poste alcune limitazioni, tra cui  i più importanti quella di  disboscare i  terreni  coltivabili   e, al contempo, l’obbligo  di  coltivare determinate essenze (quali proprio  non lo so).

Alla morte di  Ignazio Pagano misero in vendita tutte le proprietà del  defunto  tra cui anche l’eremo e ciò permise, nel 1818, ai  Carmelitani  di rientrarne in possesso..

 Ma il travaglio  dei  frati non finì allora, perché il 29 maggio 1855, in base a una nuova legge promulgata dal  governo del  Regno  di  Sardegna stabilì il sequestro del convento  e la sua ennesima messa in vendita.

Saltando il resto  della storia che riguarda diversi  passaggi di proprietà (storia che potrebbe risultare  alquanto  noiosa), si  arriva al 16 dicembre 1920 quando, attraverso  un atto notarile, i Carmelitani rientrano in possesso  dell’Eremo  del Deserto officiando la messa il 1° gennaio 1921 .

Quella che segue è una piccola galleria fotografica riguardante la chiesa annessa all’eremo.

L’itinerario 

L’itinerario  prende inizio  nei pressi della sede della Croce d’Oro di  Sciarborasca (entroterra di  Cogoleto, subito  dopo la frazione di  Pratozanino) dove si può parcheggiare in un ampio  piazzale  (nei  giorni  feriali  è possibile che lo  spazio  venga occupato  per le  sessione di  scuola guida per le moto, quindi bisogna parcheggiare ai  margini, in alternativa,  sempre vicino alla sede della Pubblica assistenza vi è un parcheggio  molto più piccolo).

Deserto
Lunghezza del percorso: 14 chilometri e 800 m. (andata e ritorno)

All’incrocio  della strada verso il centro  di  Sciarborasca, si  prende la strada in basso  con l’indicazione Eremo  del  deserto.

Deserto

Dopo  qualche centinaio  di metri si  arriva a un’edicola in prossimità del  confine con l’area del Parco  del  Beigua.

Pur essendo a soli 278 metri  sul livello  del mare e a poca distanza dal centro  abitato, l’ambiente che attraverseremo  ha in suoi  certi  aspetti  può essere paragonato a quello montano: d’inverno la tramontana che scende dai monti intorno  fa si che le temperature d’inverno  siano  molto  basse, ovviamente d’estate si può godere di  temperature piacevoli  dovute alle correnti  d’aria.

Arriviamo nei pressi dell’antica portineria di  sant’Anna (un  tempo l’entrata principale del  complesso del  Deserto) passando  accanto  al  vecchio mulino (oggi  abitazione privata) e attraversando il ponte sul torrente Arrestra.

Volendo possiamo fare una deviazione sulla nostra sinistra per visitare il percorso  botanico dell’eremo, ultimamente, però, non molto  curato.

Deserto

Immediatamente dopo  aver passato  la vecchia portineria il percorso diventerà una ripida salita lunga all’incirca novecento metri che si  concluderà davanti all’ingresso  del convento: un po’ di  respiro (volendo  si può bere anche alla fonte lì accanto) per riprendere di nuovo  la strada, sempre in salita ma più lieve (sulla nostra sinistra una Via Crucis che si innalza nel  bosco  permette di  tagliare un tornante).

Deserto

Dopo  appena quattrocento metri arriviamo  a una seconda fonte posta sulla nostra destra (una terza e ultima fonte la si incontrerà adiacente a una grande casa a un quarto  della fine del percorso).

Dopo all’incirca  cinque chilometri dall’inizio passiamo  accanto  all’agriturismo  La Fonda e un’area picnic di proprietà dell’agriturismo  stesso (per l’utilizzo  dell’area è richiesto un piccolo  pagamento)

Deserto

A questo punto  ormai  mancano  meno  di  quattrocento   metri  per arrivare al  Passo del  Muraglione e cioè all’incorcio che a destra conduce verso i paesi di  Faie e Alpicella, sulla sinistra  un sentiero  condurrà in cima alla Madonna della Guardia di Varazze (prossimo  tema di un mio  articolo), mentre proseguendo per la strada arriveremo  a Campomarzio  e quindi  alla provinciale che conduce a Varazze.

Deserto

Adesso non ci  resta che ripercorrere la strada in senso  inverso (ma sempre con il ritmo del  nordic walking)

Variante lunga

Dal bivio raggiunto con il percorso descritto in precedenza si può proseguire seguendo la strada in salita verso la frazione di Faie. In questo caso la lunghezza del percorso in totale (comprensiva di andata e ritorno) sarà di 18 chilometri e 300 metri circa. Ricordo che dalla frazione di Faie si può raggiungere il monte Beigua, in questo caso il percorso diventa di tipo escursionistico

Gli altri articoli di Caterina
Deserto
Se vi è piaciuto questo articolo, vi invito a leggere anche gli altri che ho scritto (e lasciare anche un commento)

Colle del  Melogno, un itinerario  tra faggi  e storia

Foresta della Deiva, l’escursione

Convento  di  san Francesco  di  Cairo

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: