8 marzo? Si, ma con #wetoogether

80318
Caterina Andemme ©

Chissà se nel 2118, quando ormai  il mio  sorriso sarà quello  del  ghigno  di un teschio (è macabro, ma per il momento non ho  ancora il dono(?)  dell’immortalità), si  festeggerà ancora l’8 marzo come lo  conosciamo oggi.

Certo,  andando  a ritroso  di un anno  dall’ 8 marzo  2017 ad oggi, c’è ben poco  da festeggiare per noi  donne: l’articolo  de La Repubblica  ne fa un  elenco  tragico  che si  aggiunge a quello  degli anni passati.

L’8 marzo 2018  mette da parte le mimose per uno sciopero  globale delle donne in settanta  nazioni, Italia compresa: i motivi  sono innanzitutto la lotta contro la violenza sulle donne ed il sessismo, a cui  si  aggiunge quello  della parità salariale (perché una donna deve prendere uno  stipendio  inferiore rispetto  a quello  di un uomo  che ricopre lo stesso ruolo?).

Con l‘hashtag #WeToogether ( evoluzione di #MeToo) l’associazione femminista   Non Una Di  Meno  chiama tutte noi ad una presa di netta posizione per cambiare le regole di questo  sistema.

Buon 8 marzo 

Alla prossima! Ciao, ciao…………… 

 

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.