Inge e Alice, ovvero due donne dietro al mirino

Inge e Alice

Una ragazza saggia conosce i  suoi  limiti, ma una intelligente sa che non ne ha.

Marilyn Monroe

Inge Morath, signora della Magnum 

Inge e Alice
Inge Morath nel 1956 (autore della fotografia sconosciuto)

Il mirino del  titolo è quello  di una macchina fotografica, dunque Inge Morath  e Alice Schalek erano  appunto  due fotografe le quali avevano in comune, oltre la loro professione, quello  di  essere nate entrambe in Austria.

Inge Morath nasce a Graz (appunto in Austria) il 27 maggio  del 1923.

Dopo  essersi  diplomata in lingue a Berlino  diventa traduttrice, quindi giornalista ricoprendo il ruolo di  redattrice austriaca per Heute con sede a Monaco.

La sua carriera di  fotografa inizia a Londra nel 1951 ed è  grazie alla sua amicizia con Ernst Haas che ebbe modo di  entrare nel  magico mondo della neonata agenzia Magnum ma, inizialmente, solo come editor e ricercatrice: deve aspettare ancora due anni affinché, nel 1953, diventi  a pieno  titolo una fotografa della Magnum Photos.

L'Italia di Magnum in mostra al Palazzo Ducale di Genova

Inge e Alice

Introdotta da un omaggio ad Henri Cartier-Bresson e al suo viaggio in Italia negli anni Trenta, la mostra prende avvio con due serie strepitose, una di Robert Capa, dedicata alla fine della Seconda guerra Mondiale, che mostra un paese in rovina, distrutto da cinque anni di conflitto, e una di David Seymour, che nel 1947 riprende invece i turisti che tornano a visitare la Cappella Sistina: l’eterna bellezza dell’arte italiana che appare come il segno della rinascita di un’intera nazione.

Il percorso espositivo, articolato in decenni, si snoda tra le fotografie di Elliott Erwitt, René Burri e di Herbert List che rappresentano gli anni Cinquanta con le contraddizioni di Roma, gli esordi di Cinecittà e la mostra di Picasso a Milano e prosegue con tre figure forse meno note al grande pubblico ma peculiari della storia di Magnum: Thomas Hoepker che immortala il trionfo di Cassius Clay (poi Mohamed Alì) alle Olimpiadi di Roma del 1960, Bruno Barbey che documenta i funerali di Togliatti e Erich Lessing con un servizio che riporta direttamente ai tempi del boom economico con una carrellata sulla spiaggia di Cesenatico.

In questo grande racconto per immagini non potevano mancare per gli anni Settanta Ferdinando Scianna e le feste religiose in Sicilia, Raymond Depardon con la sua struggente serie sui manicomi, realizzata poco prima della Legge Basaglia, e Leonard Freed con i suoi scatti sul referendum inerente il divorzio. E poi gli anni Ottanta con Martin Parr e Patrick Zachmann, gli anni Novanta e Duemila con le discoteche romagnole di Alex Majoli, il reportage di guerra nell’ ex Jugoslavia di Peter Marlow e il G8 di Genova nelle fotografie di Thomas Dworzak.

L’ultimo tassello dei primi decenni del 2000 è di Paolo Pellegrin con le immagini della folla assiepata in Piazza San Pietro nella veglia per la morte di Papa Giovanni Paolo II e con quelle di un’altra folla, quella dei migranti su un barcone, tragico segnale dell’attualità. Inoltre una straordinaria sequenza di immagini di Mark Power dedicate ai luoghi simbolo della cultura italiana: da Piazza San Marco a Palazzo Ducale di Genova, al cretto di Gibellina, capolavori dell’architettura e dell’ingegno italiano che diventano a loro volta soggetti di autentici capolavori fotografici.

Informazioni sulle date, prezzi e orari

Negli  anni seguenti  Inge Morath viaggia molto in Europa, Nord Africa e Medio Oriente e i  suoi reportage, specie quelli dedicate alle arti, vengono pubblicati sulle maggiori  riviste mondiali.

Visitò per la prima volta l’allora Unione Sovietica nel 1965 mentre nel 1978, dopo  aver studiato  il mandarino, ottenne un visto per la Cina a cui seguirono  altri viaggi in quel  Paese

Dopo il matrimonio  con il drammaturgo Arthur Miller nel 1962   Arthur Miller fu  anche il marito  di  Marilyn Monroe alla quale ho voluto  dedicare volentieri lo spazio  per una sua frase all’inizio  dell’articolo – si  stabilì a New York  e nel  Connecticut.

Nel suo  lavoro  di  fotografa, Inge Morath amava ritrarre persone comuni  e  celebrità, nonchè fotografare  paesaggi e luoghi famosi, come la casa di Boris Pasternak e la camera da letto  di  Mao  Zedong.

Inge Morath  muore a New York il 30 gennaio 2002.

Alice Schalek, una fotoreporter d’antan

Inge e Alice
Alice Schalek

Nella voce che Wikipedia dedica alla condizione della donna in Austria vi è un lungo  elenco  di  figure femminili austriache importanti: eppure, in questa lista, non compare il nome di  Alice Schalek.

Questo è un peccato, perché lei, nata a Vienna il 21 agosto 1874, è da considerarsi come la prima donna austriaca (e tra le prime al mondo) a diventare fotoreporter di  carriera e scrittrice di  viaggi, nonchè la prima (e unica) donna membro  dell’Austriaca Kriegpressedienst (spero  di  avere   scritto bene il nome ) cioè l’agenzia di informazione sulla guerra dell’allora impero austro-ungarico.

Ancora prima di  diventare una fotoreporter, Alice Schalek  divenne famosa con un romanzo pubblicato con uno  pseudonimo maschile, quello  di Paul Michaely.

Oltre alla sua bravura di  scrittrice, un indubbio  aiuto per entrare nel mondo  dell’editoria le venne fornito dal  fatto  che la sua famiglia aveva forti  legami in questo  campo essendo  suo  padre, Heinrich Schalek, direttore (e proprietario?) della prima agenzia di  pubblicità sui  giornali  dell’Austria.

Lasciando  ogni pseudonimo, dal 1904 Alice iniziò a scrivere lunghi  reportage sui  suoi  viaggi in Palestina, Egitto, India, Sud-Est Asiatico, Giappone e Australia a cui  seguirono  tre libri sull’argomento e le prime conferenze in pubblico dedicate ai  suoi  viaggi mentre, nel 1912, divenne la prima donna docente presso il Centro di  educazione per adulti e osservatorio  Urania a Vienna (la quale sede è Patrimonio  Mondiale dell’UNESCO).

La sua capacità nel  rapportarsi  con le persone e il parlare fluentemente diverse lingue, la portò a conoscere personaggi  come Albert Einstein, Gandhi, George Bernard Shaw e il  premio Nobel indiano Rabindranath  Tagore.

Nonostante la sua famiglia fosse di origine ebraica  e quindi soggetta al sempre presente antisemitismo, Alice Schalek non prese mai una posizione precisa sulla questione se non con un saggio nel quale  evidenziava come gli   ebrei  fossero continuamente sotto  attacco  nella società, infatti anche lei dovette subire tali  angherie quando nel 1921 venne esclusa dal Club alpino  austriaco  che limitò l’adesione ai  soli  ariani (Alice, comunque, nel 1904 si  convertì al protestantesimo)

Ritornando ai  campi di  battaglia della Grande Guerra, intraprese numerosi  e pericolosi  viaggi in Serbia e Galizia (regione posta tra Ucraina e Polonia) per intervistare i  soldati  al  fronte e riportare, insieme alle loro parole, la tragedia della guerra attraverso  la fotografia.

Una volta ritornata a Vienna, raccontò la sua esperienza al  fronte in conferenze con migliaia di  spettatori. Come riconoscimento di  questi  suoi  eccezionali  resoconti, il governo  austriaco le consegnò l’ambita Croce d’oro con corona sul nastro al  coraggio (vi  risparmio il chilometrico nome in lingua tedesca).

Come nel  detto   ogni  rosa ha le sue spine, la sua vestiva i panni dell’editore di una famosa rivista popolare (Die Fackel) e cioè Karl Kraus: egli  definì senza mezzi  termini l’opera di Alice Schalek come il peggior esempio di  giornalismo  guerrafondaio definendola, inoltre, una iena nel  campo  di  battaglia.

A seguito  di  ciò Schalek intentò nel 1916 una causa per diffamazione nei  confronti di  Karl Kraus (che tra le alte cose l’aveva definita anche come Jourjüdin: giornalista ebrea).

Purtroppo  per lei gli  attacchi misogeni e antisemiti  di  Kraus le procurarono dapprima il licenziamento  nel 1917 dall’Ufficio informazioni  per la guerra e, tre anni  dopo  nel 1919, l’impossibilità di  continuare l’azioe giudiziaria ritirando, quindi, l’accusa di  diffamazione.

Dopo la Grande Guerra 

Terminata la carneficina della Grande Guerra, Alice riprese a viaggiare in Asia, Africa e nelle Americhe per poi scrivere di  questi  viaggi in alcuni  libri.

Ma la sua scrittura ora denunciava soprattutto  la condizione di  svantaggio  delle donne e di  come esse si  stavano organizzando in associazioni per i diritti in diverse nazioni, dal  Giappone a Israele.

Entrata a far parte del consiglio  di amministrazione dell’Associazione viennese delle donne scrittrici e artiste, diede inizio  alla raccolta fondi e invio  di  cibo nei luoghi più svantaggiati. a questo  suo  ruolo  aggiunse quello  di  membro della filiale austriaca del American Business and Professional Woman’s Club e quello  nel  Soroptimist Club (tuttora presente anche in Italia).

La sua carriera ha una brusca interruzione quando nel 1939 subì un periodo  di  detenzione dopo  essere stata arrestata dalla Gestapo dietro  l’accusa di  nascondere nella sua casa materiale contro il regime nazista.

Riuscì ad andare in esilio  a Londra e da qui si  spostò  a New York,  dove morì il 6 novembre 1956

Letture in anteprima  

Di buona famiglia o figlie di emigranti, amate o solitarie, ammirate o emarginate, le cinque donne protagoniste di questo libro hanno tutte un rivoluzionario desiderio: indagare la realtà con il proprio sguardo femminile, abituato a cogliere aspetti della vita ignoti, intimi o trascurati, coltivando un’audace arte dell’indiscrezione che è l’esatto contrario dell’indifferenza.

Sono cinque grandi fotografe, diverse per carattere e destino, ma ugualmente animate dalla voglia di cambiare l’immagine del mondo scovando bellezza e dolore là dove non erano mai stati visti, che si tratti di amore, politica, sesso, povertà, guerra o del corpo, soprattutto femminile. Tina Modotti, Dorothea Lange, Lee Miller, Diane Arbus e Francesca Woodman hanno poco in comune, per origine e storia personale, ma condividono la stessa voglia di raccontare con l’obiettivo fotografico la realtà a misura della loro esperienza di donne e di ciò che hanno conosciuto, scoperto e amato.

Le loro esistenze sono avventurose, spesso difficili. Tina Modotti, operaia in fabbrica a Udine a soli tredici anni, dopo una breve parentesi hollywoodiana vive accese passioni politiche e sentimentali nel Messico degli anni Venti, spalancando i suoi occhi sulla bellezza dei diseredati; Dorothea Lange, in fuga dalla sua famiglia di emigranti, ritrae nel coraggio degli americani rovinati dalla Grande Depressione la propria lotta contro la vergogna della malformazione con cui convive dall’infanzia; l’inquieta Lee Miller, che qualcuno considera la donna più bella del mondo, è pronta a svestirsi degli abiti da modella per denunciare il volto spettrale della guerra; Diane Arbus abbandona gli agi della mondanità newyorkese per puntare il suo obiettivo su ciò che non corrisponde al canone della normalità e raccontare l’imperfezione umana; Francesca Woodman nella sua breve esistenza esplora la figura del corpo femminile, indagandone in crudi ed emotivi autoritratti il lato più misterioso, insieme fragile e potente.

Con una scrittura intensa e partecipe, Elisabetta Rasy insegue lungo l’arco del Novecento la vita e l’opera di queste cinque donne straordinarie, animate, ognuna secondo il proprio temperamento, da un’inarrestabile aspirazione alla libertà. Perché proprio l’incontro di talento e libertà è la cifra segreta grazie alla quale hanno saputo farsi strada in un mondo ancora fortemente maschile, diventando protagoniste di un nuovo sguardo sul secolo che hanno attraversato.

Gli altri articoli di Caterina

Pot Miru, ovvero il Sentiero  della pace

Dorothea Lange che fotografò la Grande depressione

Martha Gellhorn, una corrispondente per tante guerre

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

 

Pot Miru, ovvero Il Sentiero della pace

Pot Miru

Sull’Isonzo  il soldato impara a sopportare tutto. Il freddo, il caldo, l’umidità, la polvere, il giaciglio di  sasso, la mancanza d’acqua, le mosche.

Egli vince la paura delle mine e delle torpedini, delle bombe che cadono  dal  cielo e delle esplosioni che sconvolgono  il terreno, del pugnale, delle granate a mano, del  fuoco  tambureggiante.

Si  abitua a tutto, quasi  anche alla morte.

Alice Schalek –  fronte dell’Isonzo⌋ 

Pot Miru, il progetto 

Nato dal progetto del governo  sloveno il Sentiero della pace (Pot Miru) riunisce in sé il patrimonio  storico presente sull’allora fronte isontino, dal monte  Rombon (Alpi Giulie, 2.207 metri) per concludersi a Trieste.

Il sentiero nel  territorio  sloveno  conduce attraverso i sei  musei  all’aperto  di Ravelnik, Čelo, Zaprikraj, Kolovrat, Mrzli vhr e Mengor.

Attraversando  questi  luoghi si  vedranno cimiteri  di  guerra e cappelle, le gole del  fiume Isonzo (che per il suo  caratteristico colore verde – azzurro è considerato uno  dei  fiumi più belli d’Europa), le malghe alpine del Parco  nazionale del  Triglav e tanto  altro  ancora.

Il Sentiero  della pace ha una lunghezza di 230 chilometri ed è percorribile  sia a piedi  che, in alcuni  settori, anche in bicicletta.

Quello  che oggi propongo  nell’articolo  sono solo un esempio  dell’intero percorso.

Pot Miru: tre sentieri della memoria 

Zaprikraj

Pot Miru

L’itinerario parte dal paese di Drežnica (575 mslm) a cinque chilometri  da Kobarid e ai piedi  del  versante occidentale del monte Krn (monte Nero).

Si  seguono, quindi, le indicazioni per la malga Zaprikraj e, al  termine della strada asfaltata nei pressi  di una fontana, troveremo l’inizio  per la visita escursionistica al museo all’aperto Zaprikraj  a quota 1.259 mslm.

Non è un percorso  difficile e occorrono sei  ore per completarlo (ovviamente questo è un dato puramente soggettivo).

Il percorso  passa attraverso trincee, caverne, postazioni di  artiglieria, resti della prima linea di  difesa italiana sulla catena del monte Krn.

Čelo

Pot Miru

Si  parte dal paese di Kal-Koritnica a 3 chilometri  da Bovec in direzione della Val Trenta.

Dal paese si  segue il tracciato verso il monte Svinjak  (1653 mslm) con i  relativi  segnavia.

il museo  all’aperto  di  Čelo propone la visita a una fortificazione di  artiglieria costruita dall’esercito  austro – ungarico su un versante molto panoramico del  monte Svinjak.

La postazione venne costruita nel 1915, poco  prima dello  scontro  con le truppe italiane, ed era parte del  sistema di  difesa a blocchi  di  Bovec.

La parte principale della fortificazione si  compone di una trincea lunga all’incirca 200 metri, con pareti murate, che collegano due postazioni  di  artiglieria con cucina, posto  di  osservazione e gli  spazi  per il ricovero  dei  soldati.

Da essa si ha il panorama sulla conca di  Bovec e sul monte Rombon

Pot Miru
Ma guarda, c’è la Caterina

Javorca

La chiesa commemorativa dello Spirito  Santo  a Javorca venne costruita dai  soldati  austro-ungarici in ricordo  dei  commilitoni morti  nella guerra ma, soprattutto, come simbolo  di  riconciliazione e di  pace.

Il percorso  per arrivare alla chiesa è di  tipo  turistico, l’ingresso  è  a pagamento (consultare sul sito  gli orari  d’ingresso)

L’altro  fronte (letture in anteprima)

Paolo  Rumiz è uno  dei miei  autori  preferiti, penso  di  aver letto  (quasi) tutti i suoi  libri apprezzandoli per lo  stile delle narrazioni.

 Nel  libro  Come cavalli  che dormono  in piedi ho  avuto modo  di  scoprire un racconto più intimo  dello  scrittore, una storia dedicata a suo  nonno che combatté, insieme a migliaia di  trentini  e giuliani, per l’esercito austro-ungarico in Galizia  (regione storica posta tra i  confini  di  Ucraina e Polonia), affrontando non solo la tragedia della guerra, ma anche l’angheria degli ufficiali  superiori  che vedevano  in questi uomini  solo  delle truppe allo  sbando, e che invece si  comportarono  degnamente guadagnandosi il rispetto  del nemico. 

Nell’agosto del 1914, più di centomila trentini e giuliani vanno a combattere per l’Impero austroungarico, di cui sono ancora sudditi.

Muovono verso il fronte russo quando ancora ci si illude che prima che le foglie cadano il conflitto sarà finito. Invece non finisce.

E quando come un’epidemia si propaga in tutta Europa, il fronte orientale scivola nell’oblio, schiacciato dall’epopea di Verdun e del Piave.

Ma soprattutto sembra essere cassato, censurato dal presente e dal centenario della guerra mondiale, come se a quel fronte e a quei soldati fosse negato lo spessore monumentale della memoria.

Paolo Rumiz comincia da lì, da quella rimozione e da un nonno in montura austroungarica. E da lì continua in forma di viaggio verso la Galizia, la terra di Bruno Schulz e Joseph Roth, mitica frontiera dell’Impero austroungarico, oggi compresa fra Polonia e Ucraina.

Alla celebrazione Rumiz contrappone l’evocazione di quelle figure ancestrali, in un’omerica discesa nell’Ade, con un rito che consuma libagioni e accende di piccole luci prati e foreste, e attende risposta e respira pietà – la compassione che lega finalmente in una sola voce il silenzio di Redipuglia ai bisbigli dei cimiteri galiziani coperti di mirtilli.

L’Europa è lì, sembra suggerire l’autore, in quella riconciliazione con i morti che sono i veri vivi, gli unici depositari di senso di un’unione che già allora poteva nascere e oggi forse non è ancora cominciata.

Gli altri articoli di Caterina

La (ri)nascita del  Sentiero  Italia

Attraversando il deserto con il Nordic Walking

Colle del Melogno, un itinerario  tra faggi  e storia

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥

La Convenzione di Istanbul ha dieci anni (ma…)

Convenzione di  Istanbul

La convenzione è stata adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa il 7 aprile 2011 ed è stata aperta alla firma l’11 maggio 2011, in occasione della 121ª Sessione del Comitato dei Ministri a Istanbul.

Essa entrerà in vigore dopo 10 ratifiche, 8 delle quali devono essere di Stati membri del Consiglio d’Europa. La convenzione è stata ratificata finora da 34 stati, e solo firmata da 12 paesi compresa Armenia, Ucraina, Gran Bretagna, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Bulgaria etc..

Gli Stati che hanno ratificato la Convenzione sono giuridicamente vincolati dalle sue disposizioni.

In Italia, la Camera dei Deputati ha approvato all’unanimità la ratifica della convenzione in data 28 maggio 2013 e sempre all’unanimità il Senato ha convertito il testo in legge il 19 giugno 2013.

Nel novembre 2019 il Parlamento dell’Unione europea ha adottato una risoluzione, con 500 voti favorevoli, 91 contrari e 50 astensioni, in cui ha invitato il Consiglio europeo a completare la ratifica della Convenzione da parte dell’Unione europea ed esortato i sette Stati membri (Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lituania, Lettonia, Slovacchia, e Regno Unito) sottoscrittori della Convenzione a ratificarla senza indugio

Fonte Wikipedia

La Convenzione disattesa che fa  paura

La Turchia di  Erdogan, prima firmataria del  trattato, ha da poco ritirato l’adesione a esso; la Polonia ha istituito una commissione parlamentare finalizzata al  suo  boicottaggio; organizzazioni  non governative e transnazionali,  quali ad esempio La Ordo  Juris (organizzazione nata sempre in Polonia) chiedono  che la donna sia relegata al  solo  ruolo  di madre e sottomessa all’uomo (non vi  ricorda The Handmaid’s Tale?): a motivare il tutto è forse la paura di  dare alle donne i loro  giusti diritti?

In Italia, a parte le posizioni personali (condivise ampiamente dal partito  di  appartenenza) dell’onorevole Pillon e che vorrebbero  appunto  la donna privata dei  suoi  naturali  diritti, la situazione per noi  donne è ancora lunga da risolversi in positivo: gli  stereotipi, la disattenzione alle pari opportunità e un certo  retaggio  culturale insito in alcune parti  del  nostro  Paese, non giovano certamente  alla soluzione.

Senza dimenticare la violenza sulle donne: dall’inizio di  quest’anno in Italia son state assassinate 38 donne da mariti, amanti ed ex fidanzati.   

Senza dimenticare i dibattiti che avvengono nelle aule di  giustizia dove viene lasciato  ampio  spazio  affinché la donna (vittima) venga rappresentata ancora oggi come colpevole di  aver ingenerato nell’uomo comportamenti istintuali tali  da dover essere, in qualche modo, giustificati.

Quando poi si  arriva a un verdetto  di colpevolezza raramente all’omicida viene comminata la pena massima dell’ergastolo.

La Convenzione e i  suoi  pilastri

Convenzione di  Istanbul

I quattro pilastri  della Convenzioni  si possono  tradure in prevenzione, protezione, perseguimento  dei  colpevoli, politiche di integrazione.

Nel  seguente box il testo integrale (in inglese) della Convenzione, mentre per una più facile lettura di  esso  vi  rimando alla scheda di  sintesi  pubblicata sul sito di Diritto Penale Contemporaneo.

CETS_210.docx

 

A vigilare affinché la Convenzione di  Istanbul non resti  lettera morta è affidata a GREVIO e cioè l’organismo di  esperti indipendenti responsabile del  monitoraggio dell’attuazione della Convenzione del  Consiglio  d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro  le donne e la violenza domestica.

 

Gli altri articoli di Caterina

Gertrud Bell e la nascita di una nazione

Martha Gellhorn, una corrispondente per tante guerre

Virginia Woolf, l’indimenticabile scrittrice

Alla prossima! Ciao, ciao….♥♥

Gertrude Bell e la nascita di una nazione

Gertrude Bell

Nessuna donna negli ultimi tempi ha unito le sue qualità – il suo gusto per l’avventura ardua e pericolosa con il suo interesse e la sua conoscenza scientifica, la sua competenza in archeologia e arte, il suo illustre dono letterario, la sua simpatia per tutti i tipi e le condizioni degli uomini, la sua intuizione politica e apprezzamento dei valori umani, il suo vigore maschile, il duro buon senso e l’efficienza pratica – il tutto temperato dal fascino femminile e da uno spirito molto romantico

David George Hogarth

Gertrude Bell, una biografia in poche parole 

Chi  era dunque questa donna che l’ archeologo e studioso  britannico  D.G.Hogarth descrisse con queste parole d’elogio che, purtroppo per lei, erano  quelle di un necrologio?

Gertrude Bell
Gertrude Bell

Gertrude (Margaret Lowthian) Bell nasce il 14 luglio 1868 nella casa che oggi è conosciuta come Dame Margaret Hall ma che allora si  chiamava Washington New Hall, a Washington (ma attenzione non si tratta della Washington famosa per la casa Bianca nonchè capitale degli  Stati Uniti, bensì della località omonima posta nella contea metropolitana di  Durham  in Inghilterra).

Sua madre, Mary Shield Bell, morì quando  lei  aveva appena tre anni e questo, secondo  alcune biografie, sembra aver prodotto in lei  un trauma infantile che nell’età adulta le procurò periodi  di  depressione.

La vedovanza di  suo  padre, Sir Thomas Hugh  Bell baronetto  e possessore di un’industria nella quale assicurò tutti i diritti  possibili ai  suoi  lavoratori, terminò tre anni  dopo  quando egli  sposò Florence Olliffe, drammaturga e autrice di libri  per bambini, che instillò in Gertrud  quei  concetti  di  dovere nel rapporto  con gli  altri che le saranno utili  nella vita adulta.

Gertrude Bell
Sir Hugh Bell con sua figlia Gertrude all’età di otto anni (ritratto a olio, Edward Poynter -1876)

Il suo  percorso  scolastico  la vide prima alunna al Queen’s College e poi all’Università di  Oxford  nel 1885 dove, essendo il corso  di  laurea in storia una delle materie non precluse al sesso  femminile, si  laureò in storia moderna, con una laurea con lode ottenuta in soli  due anni  dopo ma senza titoli  accademici riservati, ancora una volta ai  soli uomini (occorre aspettare il 1920 affinché anche l’Università di Oxford si  decidesse a dare uguale merito  anche alle donne).

Nel 1892 si  reca per la prima volta in Persia in visita allo  zio Sir FranK Lascelles all’epoca ambasciatore britannico (questo primo  viaggio  venne descritto  nel  suo libro Persian Picture), dopodiché, nel  decennio  successivo, viaggiò per il mondo arrivando  dapprima in Svizzera (diventando una brava alpinista scalando la Meije e il Monte Bianco e nell’Oberland bernese le venne addirittura dedicata una cima: la Gertrudespitze alta 2.632 metri scalata insieme a due guide, i fratelli Ulrich e Henrich Fuhrer), quindi di nuovo in Medio  Oriente nel 1899 visitando la Palestina e Siria e, nell’anno  seguente, durante un viaggio da Gerusalemme a Damasco, ebbe modo  di  conoscere da vicino  la comunità drusa di  Ǧabal al-Durūz.

A  questo  si  aggiunge una sempre più crescente passione per l’archeologia e lo  studio  delle lingue: infatti imparò a parlare fluentemente l’arabo, il persiano, il francese e il tedesco, nonchè l’italiano  e il turco.

Gertrude Bell l’archeologa

Gertrude Bell
Gertrud Bell ritratta nel 1909 presso gli scavi archeologici a Babilonia

L’allora mondo  occidentale deve molto  a Gertrud Bell per la conoscenza del  Medio Oriente: nel  suo  libro Syria: The Desert and the Sown (1907) descrisse sia a parole che attraverso  la fotografia le città e i grandi  deserti  arabi, ma è nel  marzo  del 1907 che iniziò a lavorare con Sir William M. Ramsay nello  scavo di Binbirkilise in Turchia.

Nel 1909 Gertrude Bell  si  trova in Mesopotamia dove mapperà e descriverà le rovine di  Ukhaidir, quindi  si  sposterà a Babilonia e Najaf e, al  suo  ritorno  a Carchemish, avrà l’incontro  con uno  dei personaggi più iconici di quel periodo:  Thomas Edward Lawrence più conosciuto  con il nome di  Lawrence T. d’Arabia magistralmente interpretato  da Peter O’Toole nel  film omonimo, vincitore di  sette premi  Oscar nel 1962, diretto  dal  regista David Lean

 Nel 1913 si  reca a Ha’il sulle orme di Lady  Anne Blunt (mi  sa che farò un post anche su  questa signora..) la prima donna straniera a visitare quel luogo, ma ci  arriva in un periodo  turbolento per cui venne trattenuta in città per undici  giorni.

Nel 1924 l’assiriologo Edward Chiera la invita a condurre gli  scavi  archeologici nell’antica Nuzi, nei pressi  di Kirkuk in Iraq dove furono  scoperte centinaia di  tavolette di  argille note come le Tavolette di  Nuzi.

In missione durante la guerra

Allo scoppio  della Prima guerra mondiale chiese di  essere distaccata in Medio  Oriente, richiesta inizialmente respinta,  quindi opta di  diventare crocerossina in Francia.

L’Intelligence britannica si  accorge di  avere in Gertrude Bell un talento necessario per muovere le sue truppe in Medio Oriente, le  viene affidato il compito, attraverso le sue mappe, dello spostamento  dei reggimenti nel deserto ma, cosa ancora più importante, con la sua influenza sui  rapporti  con i membri  delle tribù in tutto il Medio Oriente, reso più forte grazie al motivo che, essendo  donna e avendo libero  accesso alle camere delle mogli dei  capi tribù, poteva tessere e ottenere  nuovi  privilegi (la forza della sorellanza..).

Nel 1915 venne convocata al  Cairo presso il nascente Ufficio per le  questioni in Arabia, guidato dal  generale Gilbert Clayton (qui incontrò per la seconda volta T.E. Lawrence ed entrambi, per la loro conoscenza dell’arabo  e l’esperienza vissuta in quei  territori,  furono  affidati  ai  servizi  segreti).

Il 3 marzo 1916 il generale Clayton invia urgentemente Bell a Bassora come consigliera dell’ufficiale politico Percy Cox, qui  disegnò le mappe affinché l’esercito  inglese raggiungesse Baghdad in sicurezza: divenne così l’unica donna ufficiale politica nelle forze britanniche e insegnò a St. John  Philby a come muoversi nei  rapporti  dietro  alle quinte con i  capi  tribù.

Il genocidio armeno
Durante il suo periodo in Medio Oriente Gertrude Bell fu testimone diretta della brutalità subita dal popolo armeno, tanto che in un rapporto diretto all’Intelligence inglese scrisse:

circa 12.000 armeni erano concentrati sotto la tutela di un centinaio di curdi … Questi curdi erano chiamati gendarmi, ma in realtà semplici macellai; a gruppi di loro fu pubblicamente ordinato di portare gruppi di armeni, di entrambi i sessi, a varie destinazioni, ma avevano istruzioni segrete per uccidere i maschi, i bambini e le donne anziane … Uno di questi gendarmi ha confessato di aver assassinato lui stesso 100 uomini armeni … anche le cisterne e le caverne vuote del deserto erano piene di cadaveri … Nessun uomo può mai pensare al corpo di una donna se non come una questione di orrore, invece di attrazione, dopo Ras al-Ain.

L’Iraq 

Il 10 marzo 1917 le truppe britanniche entrano in Baghdad e lei  venne convocata immediatamente da Cox che le conferì il titolo di  Segretario orientale.

Nel 1919, quando l’impero  Ottomano fu  smembrato, a Gertrude Bell  venne chiesto  di  fare un’analisi della situazione in Mesopotamia che concluse dieci  mesi  dopo fornendo un rapporto ufficiale molto  dettagliato in cui si  sottolineava la difficoltà di  mantenere uniti popolazioni  a maggioranza sciita nella regione meridionale, sunnita in quella centrale e curdi in quella settentrionale (quest’ultimi reclamavano  la loro indipendenza)

La nascita di uno stato
L’Iraq non solo conteneva preziose risorse nel petrolio, ma avrebbe agito come una zona cuscinetto, con l’aiuto dei curdi nel nord come esercito permanente nella regione per proteggersi dalla Turchia, dalla Persia (Iran) e dalla Siria.

I funzionari britannici a Londra, in particolare Churchill, erano molto preoccupati per il taglio dei costi pesanti nelle colonie, compreso il costo per annullare le lotte intestine tribali. Un altro progetto importante sia per i governanti britannici che per i nuovi iracheni è stato quello di creare una nuova identità per queste persone in modo che si identificassero come un’unica nazione.  I funzionari britannici si resero presto conto che le loro strategie di governo stavano aumentando i costi.

 La Conferenza del Cairo del 1921 si tenne per determinare la struttura politica e geografica di quello che in seguito divenne l’Iraq e il Medio Oriente moderno: un contributo significativo fu dato da Gertrude Bell in queste discussioni, quindi lei ebbe una parte essenziale nella creazione dell’Iraq.

Alla Conferenza del Cairo Bell e Lawrence raccomandarono caldamente Faisal bin Hussein, (il figlio di Hussein, sceriffo della Mecca), ex comandante delle forze arabe che aiutarono gli inglesi durante la guerra ed entrò a Damasco al culmine della rivolta araba.

 Egli era stato  deposto dalla Francia come re di Siria e i funzionari britannici alla Conferenza del Cairo decisero di nominarlo come primo re dell’Iraq, in quanto credevano che a causa del suo lignaggio come hashemita e delle sue capacità diplomatiche sarebbe stato rispettato e avrebbe avuto la capacità di unire i vari gruppi nel paese e che gli sciiti lo avrebbero rispettato per la sua discendenza da Maometto mentre  I sunniti, compresi i curdi, lo avrebbero seguito perché era un sunnita rappresentante di una famiglia rispettata.

Tenere tutti i gruppi sotto controllo in Iraq era essenziale per bilanciare gli interessi politici ed economici dell’Impero britannico.

All’ arrivo  di  Faisal nel 1921, Gertrude Bell lo consigliò sulle questioni locali e cioè quelle riguardanti  la geografia tribale e gli  affari locali.

Inoltre supervisionò la selezione di  coloro  che dovevano ottenere la leadership in posti  chiave del  futuro  governo: per questo gli  arabi  la definirono  con la parola al- Khatun (tradotto letteralmente significa: una signora che tiene occhi e orecchie aperte per il beneficio  dello Stato).

Ovviamente Gertrude Bell  non si  era dimenticata di  essere anche un’archeologa: a lei  si  deve la fondazione del  Museo archeologico iracheno  a Baghdad e la costituzione della British School Archeology con lo scopo  di progettare futuri  scavi archeologi con i proventi  del  suo  testamento.

Verso il tramonto

Scrivere una mole enorme tra libri  e rapporti, ricorrenti  attacchi  di  bronchite provocati da anni di fumatrice incallita, il micidiale caldo  estivo  di  Baghdad , nonché attacchi  di  malaria, contribuirono al  decadimento  del  suo  fisico.

Inoltre, quando  Gertrude ritornò in Inghilterra nel 1925, dovette affrontare problemi  familiari (suo  fratello minore Hugh morì di  tifo) ed economici in quanto la ricchezza della sua famiglia andava dissolvendosi a causa della depressione economica in Europa e i  conseguenti  scioperi  degli operai.

Il 12 luglio  1926  Gertrude Bell venne ritrovata deceduta: la causa della morte  fu attribuita a una dose eccessiva di  sonnifero.

Ancora oggi si  discute se si  trattò di  suicidio  o un errore nel  dosaggio del  farmaco.

Al  cinema

Nel 2015 Werner Herzog dirige The Queen of the Desert film molto  romanzato, ma comunque basato  sulla vita di  Gertrude Bell, con la brava (e bella) Nicole Kidman nel  ruolo principale.

La lettura in anteprima

Nel 1927, un anno  dopo la morte di  Gertrude Bell, la matrigna Florence Bell pubblicò due volumi tratti  dalla corrispondenza che la sua figliastra scrisse durante il suo periodo in medio  Oriente

Gli altri articoli di Caterina

Sheela na gig: quel particolare potere della donna

Al Azif ovvero il libro  delle leggi  che goverano i morti

L’Arca dell’Alleanza tra mito  e mito

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥