Fabbriche di Carregine si mostra (nel 2021)

Fabbriche di Carregine

Per costruire la tale diga è stato  sommerso un villaggio, ma gli uccelli migratori, che ancora se lo  ricordano, all’arrivo  della stagione si  recano lì, e sorvolano il lago  dove un tempo  era il villaggio, in tondo in tondo, infinite volte…

Tratto  da Norwegian Wood (Tokio  Blues) di Haruki Murakami

 A Fabbriche di  Carregine non si  odono rumori  di  catene e gelidi  sospiri….

Fabbriche di Carregine
Fabbriche di Carregine ( per meglio dire ciò che ne rimane)

Si, è vero: i fantasmi  non si  manifestano in questo luogo, sennonché,  gli  scheletri  delle case che puntualmente riemergono  ad ogni  svuotamento  del  bacino  del Lago  di  Vagli, ne farebbero il set ideale per storie spettrali, un po’ come è accaduto per Curon nella serie televisiva  omonima targata Netflix .

Quello che accomuna i  due siti riguarda anche  la storia italiana degli  anni ’50,  quando la necessità di  costruire grandi  dighe per la produzione di  energia idroelettrica ad uso industriale richiese il sacrificio  di interi paesi sommersi  dalle acque del  bacino.

Info – point e galleria fotografica

Nei piani  di  manutenzione dell’ENEL, proprietaria dell’impianto idroelettrico, ogni  dieci  anni  anni il bacino  doveva essere svuotato per manutenzione.

L’ultima operazione di  svuotamento  del  bacino, e cioè quando il paese di Fabbriche di  Carregine è ritornato  visibile, è stato  nel 1994.

Nel 2021, presumibilmente in primavera, si  avrà il rinnovo  di  quello  che in fondo  rimane uno spettacolo per migliaia di  visitatori.

Fabbriche_di_Careggine

 

Cincopa WordPress plugin

Il libro in anteprima

Ho iniziato l’articolo citando una frase presa dal libro  Norwegian Wood di Haruki Murakami, quindi  mi sembra più che giusto pubblicare l’anteprima del  romanzo.

Uno dei piú clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro piú intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine.

Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull’adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli altri per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi.

Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un’istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito.

Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere.

O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

ALTRI SCRITTI
Caterina vi consiglia di leggere tra i suoi  articoli  anche:

Edward Hopper, malinconica solitudine 

Il Corriere e la sua columnist: Maria Antonietta Torriani

Margaret Bourke – White: Maggie l’indistruttibile 

Alla prossima! Ciao, ciao…..♥♥