L’aria fritta del bretarianismo

 

Il tuo respiro è lieve come il battito delle ali di una farfalla
CaterinaAndemme ©

Nutrirsi  d’aria (fritta)

L’australiana signora  Ellene Greve, più conosciuta dai  creduloni con il nome di Jasmuheen, parlando del bretarianismo (in inglese breatharianism) rilasciò ad un giornale di  Bangkok questa definizione:

Il breatharianismo è sorto all’alba dei secoli. La Mente Universale indica che ci fu un tempo in cui tutti gli esseri erano sostenuti da forze praniche. Breatharianismo è la capacità di assorbire tutti gli elementi nutritivi – vitamine e cibi dei quali si ha bisogno per avere un veicolo fisico sano – dalla forza vitale universale o energia chi. Colui che lo pratica non ha bisogno di cibo. Se si vuole divenire breathariani occorre esercitare il dominio sulla propria mente, attuare cioè una consapevole riprogrammazione della memoria cellulare, eliminando ogni convinzione limitativa e meschina

Naturalmente, oltre alla fama che lei  è riuscita a crearsi  fra gli  adepti  di  questa follia, ha scritto  diversi  libri  sull’argomento che, non solo hanno  alimentato la credulità di  alcuni, ma anche il suo portafoglio.

Da parte mia dico  solo  che seguire queste filosofie con il tempo diventa il modo più semplice per osservare le margherite dalla parte delle radici.

Nutrirsi troppo 

Quasi  la metà della popolazione italiana, secondo  i  dati  Istat,  ha qualche chilo di  troppo oltre il peso  forma (più i  maschi  che le donne), ma a preoccupare  sono i  giovani in cui i problemi di peso sono  dovuti  dovuto  sia ad una alimentazione errata che ad uno stato  perenne di  pigrizia.

Come posso  concludere se non regalandovi alcune ricette che, anche se  più pesanti dell’aria, sono senz’altro  salutari.

Alla prossima! Ciao, ciao………………..


DOLCEeSALATO