Pan per focaccia (con ricetta)

La cuoca e il suo aiutante.
Caterina Andemme ©

In the corner

Leggo su  La Repubblica:

La dichiarazione di Ali Khamenei (Guida suprema iraniana):

La donna iraniana in particolare quella musulmana in generale è influente nella società, guida la famiglia e dà all’uomo pace, perché ha fede e castità. Mentre la caratteristica delle donne occidentali è la nudità e la capacità di attrarre fisicamente gli  uomini.

Ma per favore……….

5.000.000 di donne

Ieri  hanno partecipato hanno partecipato  la primo sciopero  femminista per l’eguaglianza in Spagna.

100 donne vestite di  rosso

Ieri  a Genova, presso il cimitero  monumentale  di  Staglieno  (non c’era un altro  luogo?) hanno partecipato  all’happening dell’8 marzo organizzato  dal  Comune di Genova e la Regione Liguria. Insieme hanno  cantato il brano  Yallah (?!) ripetendo in coro respect and love…

Quando  si  dice che i numeri  contano 

Out the corner   


Si ostinano, quelli  che non sono  genovesi, a chiamarla pizza bianca:  ma  è la nostra focaccia.

Quella che ci piace mangiare  accompagnandola  al  cappuccino  nella prima colazione.

Quella con le cipolle (si, ma poi l’alito? Ma chi  se ne….), quella con il rosmarino oppure con  la salvia, se proprio  vogliamo  essere estrosi.

Alta, oppure sottile, ripeto, è  comunque la nostra focaccia (e non pizza bianca).

A Genova tutti i panifici sfornano  la focaccia, ma non tutta la focaccia è di  buona qualità.

Se vi  capita di  passare per Voltri (è sempre Genova) chiedete del  panificio  Marinetta: secondo  me è qui  che fanno la focaccia più buona di  tutta la città, tanto  che Vito Elio Petrucci la celebrò in una  poesia dialettale che non conosco e tanto meno  ho  voglia di  cercarla in rete.

Se abitate in Madagascar e vi è un po’  difficile arrivare a Genova i tempo  per la prima colazione, di  seguito la ricetta per:

Focaccia genovese

Ingredienti 

  • 1 kg di farina 00
  • 550 g di acqua
  • 20 g di lievito di  birra
  • 20 g di sale
  • 2 cucchiai di olio  di oliva extravergine

Ingredienti per pennellare 

  • 6 cucchiai di olio
  • 6 cucchiai di acqua

Preparazione 

In una ciotola fondiamo il lievito  con una parte dell’acqua, quindi uniamo  un poco di  farina, 2 cucchiai  di olio  d’oliva, sale e ancora la rimanente farina e acqua in due riprese alternandole  e sempre battendo l’impasto.

Mettiamo  sul  tavolo e lavoriamo  battendo per 7 – 8 minuti. Poniamo di nuovo nella ciotola unta con l’olio e facciamo raddoppiare l’impasto.

Quindi, rovesciamo  di  nuovo  sul tavolo e dividiamo l’impasto  a metà formando  due filoni che, in seguito, verranno messi  su  due teglie di 30×40 centimetri.

Facciamo riposare per 15 minuti poi, utilizzando un mattarello  corto, spianiamo andando a ricoprire quasi  completamente il fondo delle teglie.

Facciamo lievitare per circa 30 minuti.

Dopodiché affondiamo la punta delle dita nella pasta formando su  tutta la superficie delle impronte profonde che vanno a toccare il fondo della teglia.

Copriamo con 6 cucchiai di olio battuti con 6 cucchiai di acqua ed il  sale.

Facciamo  raddoppiare l’impasto (occorrerà all’incirca un ora e mezza). Inforniamo a 200° per circa mezz’ora.

bon appétit

Alla prossima! Ciao, ciao………………


playlist

Beh…io vorrei  essere Wonder Woman….